giovedì 19 lug
  • Cambia l’ordinanza per l’Olivella, stop alla musica a mezzanotte

    L’assessore all’Igiene e alla Sanità del Comune di Palermo ha sospeso l’obbligo di chiusura all’una degli esercizi pubblici che insistono sulle vie Bara all’Olivella, Orologio, Patania, Spinuzza, Giacalone e su piazza Bara all’Olivella.

    La nuova ordinanza, che estende la validità all’area compresa tra via Cavour, via Roma, via Bandiera e via Maqueda, prevede lo stop alla musica a mezzanotte e il divieto di uso di apparecchiature di amplificazione.

    Palermo
  • 29 commenti a “Cambia l’ordinanza per l’Olivella, stop alla musica a mezzanotte”

    1. La lobby dei commercianti è troppo potente in questa città, ottiene sempre tutto e subito.
      p.s. ma dov’è sta musica dal vivo all’olivella?quanti locali in percentuale hanno musica dal vivo e non? uno ogni 20? uno ogni 30?

    2. E’ una vergogna!
      Finalmente il comune fà una cosa buona e poi si tira indietro.
      Chi abita nella zona dovrà sorbirsi ubriaconi e spacciatori per altro tempo ancora.
      Io mi chiedo che cosa sentono fare a ballare in mezzo la strada con la birra in mano?
      Una parte della gioventù è persa proprio.

    3. E a breve, per la gioia dei più piccoli (di mente) ritornerà il Carosello! E mi raccomando, poi, tutti a nanna!

    4. Il coprifuoco non fa bene alla città! Si è ingenui ( nella migliore delle ipotesi) qualora si pensa che con un’ordinanza come questa si ottengano miglioramenti….al contrario si tornerà indietro di 20 30 anni…meno gente in giro piu’ microcriminalità, piu’ locali abusivi. Per non parlare poi degli effetti a cascata dal turismo all’aspetto sociologico di una città che di notte vive e si diverte.
      Ovvio nessuno approva l’inciviltà e disturbo del sonno altrui…ma regolare ( che costa fatica e richiede competenze) è molto diverso da reprimere!!! Continuaimo a martoriare Palermo.

    5. Quindi quali sono le tue proposte per tutelare, da subito, il sonno di chi vive in prossimità dei locali?

    6. è un ordinanza contro la musica degli impianti stereo delle auto che il weekend impazzano nelle vie del centro, Olivella in particolare.
      eh eh … sono quelli che inquinano acusticamente.

    7. Guarda io posso dirti cio’ che da profano farei se fossi al posto di chi dovrebbe occuparsi del benessere dei cittadini.
      Allora farei le seguenti cose:
      1) Non aspetterei 15 anni senza far nulla e facendo impazzire la gente che vive al centro storico per poi risolvere tutto reprimendo in questo modo…e quindi con cio’ ti dico che chi di competenza doveva porsi sin da subito il problema
      2)Mi informerei dettagliatamente con le altre città d’Italia e non per capire come hanno gestito il problema in situazioni analoghe.
      3)Mi documenterei in maniera ultradettagliata di quali possono essere tutti gli accorgimenti tecnici che i possono utilizzare per limitare al massimo il problema del rumore e quindi insonorizzazione.
      4)Coinvolgerei nell’insonorizzazione non solo il locale ma anche gli abitanti degli appartamenti disturbati con incentivi e comunque con aiuti a carico del comune
      5) Incentiverei con detassazioni o metodi analoghi l’apertura di locali notturni dove i giovani possono divertirsi in luoghi piu’ opportuni..e decentrati ma dove di certo non molestano nessuno
      6) Ascolterei la gente coinvolegerei e cercherei una soluzione che come ho già scritto comporta lavoro e fatica..ma di certo è piu’ onesto e corretto ( a mio modesto parere) di dire si chiude prima e buonanotte al secchio. Perchè RIPETO così chiudono i locali regolari e ci riempiamo di vendibirra per strada e abusivi con le griglie che arrostono sasizza e sporcano le strade…

      Non ho la presunzione di dire che sarei in grado di risolvere il problema ma ho la presunzione di dire che la vita notturna a Palermo ha cominciato a prendere vita a metà delgi anni 90 ( mi riferisco Fuso orario ect. mura delle cattive …il quinto mondo…ricordate? )fino ad oggi non si è fatto nulla ( e il problema del casino c’è sempre stato) si è lasciato che la gente che abitava al centro si esasperasse e adesso ??? Si risolve con chiudiamo prima??? No e’ troppo facile così..i nostri politici devono avere le capacità di non farfugliare stronzate in periodo di elezioni e poi lavarsi le mani in un modo così semplice.

    8. @Pippiniello:
      1) ormai è fatta…è inutile piangere sul latte versato…ed è una
      2) altre città? A Londra, ad esempio, si smette di vendere alcol a mezzanotte…e lì si divertono! Per rimanere in Italia a Napoli hanno fatto così…ed è due
      3) Insonorizzare? Ti posso dire che per evitare di sentire i vicini di casa della mia ragazza (cosa BEN DIFFERENTE dal bordello di un concerto) ho insonorizzato un muro con gommapiombo e cartongesso tecnico con lana di vetro…costo PER UN MURO di 3.5×2.90 650€ (ed io ho preso tutto con il 40+5% di sconto perchè l’ho preso come ditta) di materiale più la manodopera di due giorni di operai…ed era UN MURO per VOCI DI VICINI…dimmi tu chi se l’accollerebbe…se li obbligassero (e costerebbe un delirio) griderebbero all’ingustizia sociale…e sono tre
      4) quindi per io esercitare il mio sacrosanto diritto a dormire devo spendere soldi per insonorizzare casa mia perchè i “cciovani” del fuso orario devono massacrarsi di canne e fare bordello fino alle 4 di notte??? Ma finiamola…e sono quattro!
      5) Qui sono d’accordissimo con te!
      6) l’arrostisasizza lo si fa sloggiare! Sei abusivo? Come chiudo i locali regoalari, ti spedisco a casa a te che sei un abusivo! Ma siamo a Palermo…una città dove l’abusivismo è un fenomeno normale…e sono sei!
      Scusa se ti contraddico eh…

    9. Andate a fare i tamarri in campagna, arrostite un po’ di salsiccia e non rompete le scatole a chi vuole dormire.
      Fosse per me vieterei l’accesso al centro ai tamarri!

    10. però!

      fino a via bandiera significa che i candelai restano esclusi dall’ordinanza. dunque prevedo che a mezzanotte migliaia di giovani si riverseranno tra via venezia e i candelai…. questa è la volta buona che cambio casa… o città?!

    11. Sconvolta da quello che leggo!

    12. L’ordinanza del “fammi ridere”.
      Ieri notte all’1:00 il “bar” sotto casa continuava a mettere musica come sempre…

    13. Seat voglio sperare che tu abbia avuto l’autorizzazione di copincollare l’articolo…

    14. NOn ho seguito nei dettagli la vicenda ma credo che la piazza Olivella sia lo specchio di Palermo. Esemplare.
      Si tratta di una piazza monumentale straordinaria occupata selvaggiamente da orrendi gazebi e sedie di plastica trasformandola in un villaggio gastronomico tipo Fiera del Mediterraneo. Ormai è uno dei luoghi più lerci e squallidi della città e potrebbe essere uno dei più belli ed eleganti.
      Ci sarebbe tanto altro da dire ma siamo a Palermo: questo insieme al resto…

    15. Rosalio: l’articolo è visibile per tutti su uno dei vostri blog all’indirizzo

      http://leggendoerileggendo.blogspot.com/2009/08/movida-e-disturbo-della-quiete-pubblica.html

      è solo una citazione con tanto di fonte. Non capisco quale sia il problema.

    16. Seat il problema è che non si può fare se non si è autorizzati.

    17. A MIO MODESTO PARERE… ritengo che l’articolo in questione sia ridicolo per le seguenti ragioni:

      1) Montecatini è un centro in cui fanno turismo termale gente della terza età ( quando giravo per le strade mi sentivo sul set di COCOON) Firenze è una città d’arte dove è ovvio che chi ci va lo fa esclusivamente per ragioni artistiche e non gliene frega niente della movida.
      Siena è una città di 54.000 abitanti…devo dire altro??

      2) L’articolo si snoda sull’affermazione del venditore ambulante come se questi avesse l’autorità del presindente della federazione albergatori.

      3) Si possono prendere ad esempio città come Rimini (e tutte quelle della riviera adriatica) Roma, Bologna,Milano…vogliamo parlare di Barcelona, Londra, Amsterdam??

      A MIO MODESTO PARERE non mi sembra corretto dire che se a Carrapipi dove ci sono 50.000 abitanti fanno così ..questa è la giusta soluzione…Ribadisco che anche per me la cosa piu’ importante è la quiete ed il sonno dei residenti…ma allora si facciano dei progetti di zone dedicate al divertimento dei ragazzi…che non è assolutamente corretto come fate voi qui nel post..chiamare Bagordi,ubriaconi,drogati e simili….Il medioevo è finito da un pezzo…cerchiamo di essere propositivi piuttosto che repressivi. La repressione peggiora tutto e chi pensa che con ordinanze simili le cose migliorino…si sbaglia!!

    18. Rosalio: Non capisco, ma autorizzati da chi? Cito la fonte di un articolo e l’autore, tutto pubblicato e già diffuso via internet. Peraltro il primo commento è proprio un link su Wikipedia. L’importante è non attribuirsi cose che hanno scritto altri oppure omettere la fonte. Comunque, se è un problema, toglilo.

    19. Disponibile su Internet non significa a disposizione o copincollabile ovunque eh. Rimosso. Saluti.

    20. Allora togli anche il link.

    21. Non so se l’articolo è ridicolo, ma a Montecatini non ci sono solo vecchi, sono previste attività musicali serali all’aperto e sino a una certa ora. Anche a Firenze, piena di giovani e non di vecchi, c’è musica dal vivo pure nelle piazze centrali, ma sino a una certa ora. Sono stato a Londra, in un quartiere pieno di locali e di ragazzi e ragazze e non ho notato tutto questo casino, la stessa cosa a Parigi. A meno che Londra o Parigi non siano pure piene di vecchi…

    22. Seat il link si può…

    23. Seat leggi e comprendi prima di rispondere…io ho scritto che a Montecatini (solo e soltanto Montecatini) è una metà dove la stragrande maggioranza sono persone anziane..e non lo dico per sentito dire ma perchè per ragioni personali ci vado diverse volte all’anno. Si i concerti ci sono…nelle piazzette o in alcuni locali ma sono concerti per archi che suonano Bach o musicisti da piano bar che suonano canzoni classiche della musica italiana e ti ripeto che sono cose viste piu’ volte da me personalmente. Ne puoi dedurre facilmente ( spero per te) che già dal tipo di musica…ci si indirizza ad una fascia di clienti che non sono di certo under 30.
      Io non ho detto che Firenze è una citta piena di vecchi..ma solo che è una città che attrae il mondo intero per la sua arte…
      In quanto a Londra e Parigi…non so dove sei stato tu o forse a questo punto quanti anni tu abbia…ma “ho visto cose io…..” che la gente del fuso orario e dei candelai ..non potrebbero mai immaginare…” Gente che facva risse in piena notte e che si prendeva a bottigliate in testa, moto che scorazzavano e facevano un casino della m…..a, musica con dei bassi che tremavano i vetri…Smettiamola sempre con sta vecchia storia che all’estero e nelle altre città sono migliori , piu’ civili e piu’ organizzati ..
      Ti ripeto quindi che l’articolo riporta degli esempi…IMBARAZZANTI.

    24. Io ho lavorato a Montecatini…e onestamente tutti sti vecchi non li ho visti…anzi diciamo che è stata una delle mie migliori stagioni 🙂 🙂

    25. Io ci ho vissuto quasi due anni e li ho visti!!! E’ stata una delle tue migliori stagioni….???? Uha ha h ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah !!!!!
      Con Rosalio ho scoperto la nuova Ibiza italiana…MONTECATINI rinomato centro di svago civile dove si possono passare le migliori stagioni ( con doppio sorriso che lascia intendere cosa significhi 😉 )

    26. Si discute dell’Olivella come se il problema riguardasse solo questa zona della città, ed ecco un’ordinanza in via sperimentale “ad usum delphini”.

      Ma realisticamente il disagio è diffuso su tutto il territorio cittadino su cui ha competenza amministrativa la stessa Autorità preposta ad emamnare ordinanze in materia.

      Ormai ,chiunque abbia un esrcizio di ristorazione o assimilabile, rivendica la necessità di disporre di spazi esterni da porre a fruizione degli avventori senza minimamente tener conto del disturbo arrecato ai residenti.Spesso bar, pub,etc sono ubicati in contesti condominiali,basta fare un giro nel quadrilatero Libertà
      -Sperlinga per verificare.

      Occorre protestare specificatamente per ogni zona di Palermo?

      Forse vale il principio” TESTA CU NUN PARRA SI CHIAMA CUCUZZA?

    27. Ma per favore i problemi sono a Palermo ve li create, ma andate a Barcellona,Parigi, Madrid, Malta, in Grecia e vedete cosa c’è. SIAMO ARRETRATI METTETEVELO IN TESTA E CON QUESTA MENTALITà LO SAREMO SEMPRE

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.