giovedì 19 ott
  • Stato di massima attenzione per il maltempo

    L’Unità di crisi coordinata dal prefetto di Palermo Giancarlo Trevisone ha disposto l’attivazione preventiva delle strutture di presidio del territorio per l’ondata di maltempo che nelle prossime ore subirà un ulteriore marcato peggioramento in tutta la Sicilia.

    Potrebbero esserci forti raffiche di vento dai quadranti orientali, attività elettrica e possibili mareggiate lungo le coste esposte. Sono previste precipitazioni anche abbondanti.

    Alcune precauzioni:

    • evitare di usare l’automobile se non in casi di grave urgenza e, comunque, usare la massima prudenza nella guida riducendo la velocità e aumentando le distanze di sicurezza;
    • se si è in viaggio e ci si rende conto che la precipitazione è molto violenta è consigliabile fermarsi e trovare riparo nello stabile più vicino e sicuro.
    Palermo
  • 16 commenti a “Stato di massima attenzione per il maltempo”

    1. ho letto ieri che la protezione civile smette di lavorare alle 17. E’ se succede qualcosa alle 17:01?? Che strana terra la nostra…

    2. Ti sei assicurato dell’attendibilità della fonte che ha riportato la “fregnaccia” ?
      Tu credi che la PROTEZIONE CIVILE (per missione istituzionale organo operativo h24, 12mesi/anno) chiuda ad un orario prestabilito ?
      Reperibilità immediata h24 degli operatori della Protezione Civile in caso di vari gradi di calamità ? Mai sentito parlare di cio’?
      mahhhh…. [ 🙁 ] immaginavo lo insegnassero pure a scuola…

    3. Abbiamo amministratori di due lire, prefetto compreso. Dopo il bordello che è successo nei giorni scorsi loro annunciano la catastrofe, così (pensano) di mettersi il ferro dietro la porta. Ma ci prendono per veri e propri imbecilli. Ma l’avete sentito l’assessore con il doppio mento?,quel tal Clemente, anche lui ad annunicare chissà quale catastrofe e invece è stata una pioggerellina!! Mah…

    4. Giornale di Sicilia mercoledi’ 23 settebre pag 21 in merito agli smottamenti a Belmonte Chiavelli:

      sommario
      La discarica dove depositare i detriti chiude di pomeriggio. E alle 17 la protezione civile finisce di lavorare.

    5. riflettendo credo che abbiamo smesso per la chiusura della discarica. Cio’ non toglie che non avrebbero dovuto abbandonare quei poveri cristi in mezzo al fango.

    6. secondo me l’allerta meteo è (come al solito) esagerato! Ah aspetta…siamo a Palermo…qui se piove 20 minuti succede l’inferno…aspè…forse non è così ingiustificato!

    7. già il fatto che sia una notizia letta sul giornale di sicilia…. comunque ha ragione marcodisalvo.

    8. quotone per cives…la mattinata è passata e c’è un caldo da morire…di pomeriggio sicuramente farà 4 gocce…ma per sì e per no preannucniamo l’apocalisse

    9. a proposito di protezione civile ricordavo un post di qualche tempo fa, eccolo :

      http://www.rosalio.it/2009/04/22/coi-ioni/

    10. Detta così, fa un po’ paura, mi sa di catastrofe!

    11. Il grosso era previsto ieri sera ma non ricordo di aver letto ieri pomeriggio alcun annuncio della protezione civile come non ne ricordo per giorno 16.
      Mi chiedo, da un pò di tempo a questa parte, in base a cosa si lancia un allarme di questo tipo..ancora non l’ho capito. Qualcuno della protezione civile puà rispondere? Grazie.

    12. …allarme,allarme,allarme,…
      …sos …allagamenti…terremoti…tutto il marcio sta venendo fuori…tenetevi stretti …si salvi chi può…prendiamo le pale e cominciamo a spalare la m…a!!!

    13. quando danno l’allarme…non piove….ah…l’efficienza

    14. ohhh bambini, la sicilia non è solo palermo!
      per andare a prendermi il mio bello che atterrava a catania ci ho messo più che andare a novaiorche e tornare.
      quasi quasi stavo andandoci in barca o a dorso d’asino che facevo prima!
      una frana a taormina ha bloccato autosrada, treni, e sulla statale file chilometriche.
      dove vivo io, nel messinese, è dallo scorso inverno che sta franando tutto per la piggia, e non siamo neanche così cool da fare wakeboarding, perchè sulle strade inondate ci potremmo trovare dei massi che ci farebbero scocciare l’osso del collo.
      la sicilia sta franando, materialmente e metaforicamente!

    15. Ho impiegato 3 ore per arrivare sul mio posto di lavoro, a Termini Imerese (48 km da casa mia).
      Via Oreto, 1 mt d’acqua, viale delle Scienze inaccessibile, autostrada, trasformata in un torrente.
      Ovviamente nessuno, vigili, polizia, etc..era per strada a bloccare il transito nelle zone inaccessibili e nessun avviso di difficoltà di circolazione in autostrada.
      Mi sembra ottimo…e siamo solo a settembre.

    Lascia un commento (policy dei commenti)