martedì 17 ott
  • Alberto Acierno agli arresti domiciliari

    Alberto Acierno

    È stato arrestato stamattina Alberto Acierno. Acierno, che è stato direttore generale della Fondazione Federico II da luglio 2006 al novembre 2007, risponde dell’accusa di peculato: avrebbe utilizzato le carte di credito della fondazione per scopi personali e sottratto alle casse circa centomila euro.

    Palermo, Sicilia
  • 96 commenti a “Alberto Acierno agli arresti domiciliari”

    1. Per soli 110.000 Euro poverino!!!! e tutti gli altri che si stanno mangiando comune, regione e nazione niente???

    2. FUORI 1!
      speriamo adesso in una bella condanna
      soprattutto pecuniaria (visto che in galera ormai rimane soltanto l’abate Faria)

    3. “Grazie a tutti quelli che mi hanno sostenuto in questa avventura di libertà!” si legge nella sua home.
      Che è già evaso???

    4. E kistu e u primu… adesso gentilmente occupatevi degli Amministratori Comunali ca si fannu i c… propri Grazie

    5. caxxo, è già evaso?? (O_O)

    6. ….e pensare che poco prima delle regionali 2008 un paio di membri del mio direttivo (del Circolo del Buon Governo di Palermo) preferirono gettare alle ortiche un’amcizia con me ed un ragionamento politico che poi risultò vincennte (come noto votai per Alberto Campagna), per votare per lui (che poi prese ben 2000 voti……roba da rabbrividire….). Gli auguro di chiarire al più presto la sua posizione,ma a vedere il suo curriculum politico ondivago e confuso non posso non immaginare che qualche leggerezza l’abbia commessa. Alla magistratura l’ultima parola.

    7. in questi giorni la Citta’ di Palermo sta esplodendo
      di indignazione e di rabbia per tutta una serie di motivi che sono ormai emersi chiaramente nella coscienza di tanti Cittadini.
      Ma questo Circolo del Buon Governo di Palermo
      niente ha potuto fare per evitare che si arrivasse a tanto?

    8. ahh ora fottersi 100 mila a passa euro si chiama “legerezza”. eh si , si vede propio che siete del Popolo delle Libertà (la libertà di farsi i caxxi propri) . E PENSARE CHE SE IO MI METTO UN PACCHETTO DI MANDORLE IN TASCA MI SBATTONO DIRETTAMNETE DENTRO. FATE RIDERE

    9. campagna un’altro bello spicchio!

    10. perchè non si fa un bel listone di tutto il marcio che stanno combinando i vari uomini del PdL in tutti i comuni d’Italia, lasciando ovunque bilanci disastrati e calpestando ovunque le piu elementari le regole del decoro e del vivere civile

    11. escono come i’ babbalucci…….

    12. c’e’ qualcosa che non torna in questa storia.
      Se io faccio un danno di 100.000 euro per una errata
      interpretazione del mio ruolo,posso porre riparo restituendoli,questi 100.000 euro,a costo di fare un mutuo.

    13. Saputello
      perche’ non riscrivi il tuo commento che ha una parola in piu’:PDL ?
      Ti ricordo che in Italia la maggioranza dei piccoli
      comuni e’ amministrata dalle SX.
      A sentire la Corte dei Conti,la piaga della mala amministrazione e’ di portata nazionale e non sfugge
      alcun partito a questa prassi.

    14. Fosse possibile io farei diversamente… quale arresto. Ti prendo tutto, proprio tutto, casa, vestiti, auto, gioielli, qualunque cosa e me la vendo dando i soldi ai precari … magari anche ai dipendenti della Federico 2 che si erano incatenati davanti a palazzo d’orleans tempo fa. Poi, se IO ho sbagliato perche’ LUI era innocente, mi fa causa e con il tempo… riavra’ tutto… se IO non ho sbagliato… allora LUI ha gia’ pagato e siamo tutti contenti senza attendere 20 anni di processi inutili.
      IO = tutti i cittadini onesti e contribuenti…
      LUI = uno a caso di questi lazzaroni prepotenti di cui ne abbiamo le palle strapiene…

    15. Michele, non ti vantare molto della scelta che hai fatto…
      Non è che Campagna (detto pasqualino settebellezze) sia proprio uno stinco di santo…
      Ricordo ancora i 110 autisti senza patente, la moglie all’AMG, amici e parenti all’AMIA, alla SISPI…
      Insomma, un galantuomo.
      Per chi avesse la memoria corta, questo è il link a un articolo del Corriere di ben 2 anni fa…
      Altro che barca di Cammarata, ci vorrebbe un barcone come quello dei profughi per stipare tutti questi MANCIAFRANCHI e abbandonarli in mare aperto.

      http://archiviostorico.corriere.it/2007/maggio/04/Palermo_assunti_centodieci_autisti_bus_co_9_070504003.shtml

    16. Chi schifiu!!
      ma uno con le mani pulite c’è?!!

    17. @lisa simpson, assolutamente no.

    18. in TV si e’ parlato di arresti domiciliari.
      speriamo di avere piu’ dettagli sui capi di imputazione, nei prossimi giorni.

    19. Mi hanno raccontato che anni fa Acierno, da deputato nazionale, fu protestato dal Banco di Napoli di Montecitorio: un primato assoluto …

    20. @ Michele P.
      Alberto Campagna?
      ha ha ha hah
      Sarebbe bello ( visto che lo conosci) ci raccontassi la storiella dell “scaffa” di via Maqueda.
      Come ha fatto a transitare quand’era impiegato comunale, dal comune alla provincia.
      Come fece sopratutto a “truppicchiare” nel “tragitto”?
      Partì 5° livello e divenne 6°.
      AHHH stì scaffi.

    21. e dire che costui era quello indignato quando s’e’ supposto che dietro la Federico II ci fosse del marcio.

      tanto tra 15 giorni e’ fuori…

    22. @lisa. .. ti piace sognare?

    23. Campagna?
      Secondo me, se fanno un’altra soffiata come per Alioto, trovano anche di peggio … secondo me….

    24. @ lisa
      secondo te perchè si fa politica?
      Se si avessero davvero le credenziali di amministratori esemplari e competenti,non credi che nel privato si vuscherebbero un sacco di piccioli?

    25. Una fondazione che non è in grado di accogliere visitatori stranieri in visita a Palazzo dei Normanni, con hostess, che oltre alla divisa stile Alitalia e tanta prosopopea, sappiano esibire un passabile inglese o francese…

    26. Chi ha mal amministrato ne risponda. Non vedo nessuna remora o giustificazione in questo. Chi é stato demandato a fare da prestanome ad un diffuso clientelismo, assumendo persone non necessarie, che pagano i cittadini, ne risponda.
      Se vuole dire chi era il suo padrone lo faccia. con e prove del caso.

    27. @iocivedochiaro:nel nostro piccolo abbiamo sempre evitato commistioni con gente del tipo di Acierno proprio perchè non ci piace chi in politica passa dall’UDR alla Fiamma Tricolore a Nuova Sicilia etc…cosi come si cambia una camicia.
      Per il resto se ho definito “leggerezza” quella di Acierno è perchè la magistratura nei suoi tre gradi non mi consente ancora di chiamarla porcheria.E’ una mia forma mentiis garantista della qualee mi scuso con tutti.Non ce la faccio a condannare se non ne sono certo.Fino ad ora ho solo letto giornali.Appena i magistrati, speriamo presto, diranno che Acierno ha rubato io sarò li in prima fila ad indignarmi.

    28. @ michele P.
      ————

      AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH!

    29. Michele P. e delle porcherie che fa Cammarata non ti indigni ?

    30. michele P, solo il fatto che siete tutti “miracolati” dalla politica, figli e figliocci di dell’utri e berlusconi e (…..), dovrebbe far pensare…
      oggi su repubblica un articolo dell’ottimo attilio bolzoni la siegava bella chiara.
      ah già, son quelli di repubblica…..vero, sarà stato solo gossip, che sbadata!!

    31. *spiegava

    32. michele p non ha detto una cosa sbagliata.
      non si può dire ladro (pensarlo si) prima dei 3 gradi.
      nemmeno su un blog.
      magari dopo il primo grado mezza cosa puoi dirla.
      ma lui credo più da avvocato che da popolano della libertà usa il termine che ritiene più giusto.
      va ammesso che persino michele P spesso difensore dell’indifendibile da qualche giorno ha ritrovato la sana indignazione.
      benvenuto michele P!

    33. forse poteva evitare il nome di alberto campagna…..

    34. petyx : “michele p non ha detto una cosa sbagliata.
      non si può dire ladro (pensarlo si) prima dei 3 gradi.
      nemmeno su un blog.
      magari dopo il primo grado mezza cosa puoi dirla..”

      e basta con sto “Politically Correct garantismo” e menate del genere solo quando vengono beccati i potenti !!

      ps: leggete “il fatto quotidiano”

    35. Cosa c’è sullo sfondo della foto ? Il cielo sopra Palermo, appena qualche nuvola bianca….

      Ma non vedete nel cielo
      quelle macchie di azzurro e di blu
      È la pioggia che va, e ritorna il sereno
      È la pioggia che va, e ritorna il sereno

      Nella colonna sonora del film “Cosmonauta” c’è un arraggiamento di questa vecchia canzone dei Rokes ( ma anche “Cuore” “Cuore matto ” ed altre….). Una versione che a me è piaciuta tanto. Come il film, di una regista che mostra una rara sensibilità. Parla di comunisti, socialisti, fratelli traditori, cosmonauti russi ( gli astronauti erano americani…); degli anni cinquanta e sessanta. Ma secondo me parla soprattutto di donne. Dati i tempi, una vera provocazione.

    36. mi dispiace, io non credo piu’ nella giustizia e non riesco neanche piu’ a compiacermi di questi arresti.
      io penso che tra 15 giorni, come ho gia’ scritto, uscira’ da casa e tra 10 anni lo assolveranno per non aver commesso il fatto e magari gli rimborsano pure un po’ di soldi. Nel mentre si fara’ gli affari suoi tra forniture di pannelli solari e barchette ormeggiate nel suo porticciolo dell’arenella.
      Lo schifo che ci circonda e’ sotto gli occhi di tutti… tranne di chi dovrebbe andare duramente giu’ con la mannaia.
      lo mandassero all’ucciardone e lo tenessero la’ fino a quando non gli viene voglia di ammettere qualcosa, forse… e forse… mi sentirei piu’ soddisfatto.
      buona domenica
      mp

    37. da un “politico” che oggi e’ in un partito, domani in un altro e dopodomani in un altro ancora… cosa ci si puo’ aspettare?
      a me sa tanto di “dove trovo un posto mi ci infilo”.
      L’importante e’ dire sempre che è “per il bene dei cittadini”.

    38. Signori vi ricordo la presunzione di non colpevolezza costituzionalmente sancita.

    39. Io ho tatuato sul braccio la scritta “Stupor Mundi” come veniva chiamato il grande imperatore FedericoII.
      Credo che per il solo fatto che usino il suo nome per commettere por.cate,si rivolti nella tomba.
      Macari Diu turnassi unu come FedericoII.
      Tanto peggio di cosi,non si può fare.

    40. Per voi saperlo…visto che ho le carte…le carte di credito sono state utilizzate per dei giochi di carte on line…Poker in primis…Il ragazzo aveva poi il vizio di mandare sms minacciosi a chi vedeva del marcio in quel che combinava…Ma di questo leggerete…

    41. @bernoulli: capisco che è il massimo che puoi permetterti, ma almeno scrivi in minuscolo i tuoi articolati pensieri:Il maiuscolo sui blog serve per gridare;
      @stalker:e perchè sarei un miracolato della politica? Guarda io dalla politica non ho avuto niente di niente e sfido chiunque a dimostrare il contrario.Ho solo dato e tantissimo.In più faccio parte di quelle bestie rare che HANNO RIFIUTATO l’elemosina della politica. Proprio per questo posso camminare a testa alta per le strade della mia Città.Non devo ringraziare niente e nessuno, per ora sono io a ricevere dei Grazie!E mi sta bene cosi.
      @Stefania: bentrovata Stefania 😉

      p.s.
      pronto ad essere smentito per mia ignoranza: non mi risulta che Alberto Campagna sia sotto inchiesta, nè tantomeno che patisca delle condanne a suo carico.Ergo, ad oggi è un politico pulito.

      Buona domenica a tutti

    42. tempo a tempo cà maturanu ì zuorbi.
      ( hi ih ihih ihii)

    43. Michele P.
      Acierno non e’ il primo,ne’ sara’ l’ultimo,a cambiare schieramento.Personalmente la cosa non mi disturba piu’ di tanto,perche’ la politica,come tutte le cose,e’ in continua evoluzione,ed alla ricerca del meglio non c’e’ mai fine.
      E’ stato apprezzabile averlo visto prendere posizione
      in occasione di qualche battaglia politica a difesa di gente che ha subito gravi e palesi ingiustizie,a Palermo,e questo gli torna a merito,mentre probabilmente
      ha pesato contro la sua carriera politica.
      Il fatto che ad un minimo segnale si scateni questa forma di caccia alle streghe e’ il sintomo dell’insofferenza diffusa,del malcontento della gente,e di questo ne e’ responsabile l’attuale classe dirigente
      palermitana.
      Tornando ad Alberto Acierno,non mi pare che qui siano emersi in modo chiaro i capi di imputazione,mentre
      e’ affiorata inequivocabilmente la voglia di colpire
      di tirare al bersaglio.
      Possiamo sparare sentenze senza sapere di che stiamo parlando?
      Il clima diventa pericoloso,perche’ ogni eventuale reato andrebbe soppesato,ed invece l’area che si respira e’ di affrettato giustizialismo.

    44. @Goku:
      Necessita pure la paglia, la volonta di farle maturare.
      Cu tiempu e ca pagghia maturanu…..

    45. @ Michele P
      vogliamo sviluppare un ragionamento?
      Ok.E’ leggerezza giocare a Poker con la carta di credito della Fondazione.
      Ma nel caso di vincita,l’accredito sarebbe andato sul conto della fondazione,e ne sarebbe rimasta traccia.

    46. @Michele P. Lei parla di tre gradi di giudizio ma intanto il suo giudizio l’ha già dato e con molta fretta: “nel nostro piccolo abbiamo sempre evitato commistioni con gente del tipo di Acierno….” Non solo il suo, anche quello della sua parte. Il suo nick è in rosso. Non so il motivo, ma di sicuro ha maggiore evidenza degli altri.

    47. Il nick diventa rosso quando segni il sito Internet…si chiama link…Manuelo…BENVENUTO SU INTERNET 🙂

    48. Redazione: mi piacerebbe veder citata nel post, accanto al nome del personaggio, anche l’area politica d’appartenenza. Così per completezza d’informazione.

    49. Bentrovato ! E’ vero, è per me ancora un mondo sconosciuto ( e pieno di insidie ). Segnarlo, dici, come ? Tra i “preferiti” ? Se è facile, mi piacerebbe “segnare” questo sito. Manuelo in rosso farebbe un altro effetto. Pensavo che fosse un segno distintivo ( proprietà intellettuale, cose così…).Ps Questo è chattare, vero ? 🙂

    50. @vassily. Ah ! Ho capito ! ” Club della libertà “. Mi ricordo, c’era un post nel giorno della inaugurazione. Lasciai anche un commento. Adesso ho visto anche un video, dove si parla di ” Svizzera del PDL “. Non so bene perchè ma ho pensato subito agli orologi a cucù…Qualcuno una volta disse qualcosa del genere a proposito della Svizzera. Uno importante, forse O.Welles.

    51. Manu…Clun de che? Comunque…per farlo diventare rosso…Qui dove metti i commenti…Sopra leggi la barra “Sito web”…inserisci l’indirizzo eeeee…magia 🙂

      Insidie? Nuovo? Sei un “vecchio” allora!

    52. @Manuelo:il mio è stato ed è un giudizio di carattere politico ovviamente.Quando uno cambia molte volte partito, passando dall’UDEUR (centrosinistra) alla Fiamma Tricolore (destra)è segno – amio avviso e dunque potrei sbagliare – che non si hanno le idee molto chiare, oppure…si hanno sin TROPPO chiare. Giudiziariamente il sig. Acierno se la vedrà con la magistratura e le posso assicurare che la cosa non mi affascina per nulla. Sono fatti suoi dei quali come si dice in latino “nun me ne pò fregà de meno”.
      Trovo – in ultimo – poco gradevole l’accostamento di un’associazione agli orologi a cucù, sebbene, ne sono certo, anche lei almeno una volta nella vita ne avrà apprezzato la fattura ed il meccanismo.
      @iocivedochiaro: quella della eventuale vincita accreditata sulla carta di credito è semplicemente meravigliosa 😀 😀 , direi di obbligare tutti i direttori generali del mondo a frequentare almeno una volta la settimana Venezia, St. Vincent, Campione e Montecarlo.Non si sa mai…..metti che al posto di aumentare la TARSU ci scappa un pieno e due cavalli….risolviamo un sacco di problemi…..

    53. iocivedochiaro…mica tanto chiaro…parlare solo con cognizione di causa, please.
      Per esperienza diretta, verificabile su qualsiasi sito di poker on line; il giocatore ha ampia facoltà di scegliere la modalità di riscossione della vincita: tramite bonifico bancario o vaglia, o assegno…
      Mai (MAI, M – A – I!) quella di veder accreditata la somma della sua vincita sulla carta di credito.
      Per cui, le perdite a danno della fondazione, le vincite in tasca sua… Bello questo modo di giocare…fra l’altro ancora più sleale perché un giocatore che sa di non perdere soldi suoi può alzare il livello di rischiosità delle sue giocate, inseguendo quelle più azzardate con possibilità di vincere somme ingenti. Tanto, non paga lui…

    54. @Michele P.” Un pieno e due cavalli”. Adesso si ! Cavalli e carrè, il 32, vero ? Finale 3 e orfanelli, che disastro una sera a Venezia ! ‘tacci loro….Da allora mai più, ma il burraco è noioso.

    55. @michele p
      non mi sembra che con miccichè e dell’utri siete stati tanto garantisti nei confronti di cuffaro?!?
      Oppure il garantismo ha colore politico?
      leggevo altrove una considerazione che condivido: Miccichè li sa scegliere gli uomini su cui investire…acierno alla federico II,galioto all’amia,ippolito russo assessore,stapino greco alla fiera del mediterraneo,vi ricordate le gesta dei nostri eroi?
      @ quanti si illudono di recuperare le vincite:se giocate a poker online il tuo conto si carica con carta di credito ma se vuoi prelevare le eventuali vincite ti fanno un bonifico sul tuo conto,ovviamente personale,quindi i soldi vanno ma senza ritorno!

    56. @giusicilia: su Cuffaro siamo stati e siamo garantisti. Basta ascoltare i contenuti del coonvegno cui ti riferisci che sono su youtube.E’ stato lui che ha sentito il bisogno di rimettere il mandato ricevuto dagli elettori.E’ stato un gesto istituzionalmente corretto che ho apprezzato.Certo col senno di poi a questo Lombardo preferisco il peggior Cuffaro….

    57. ma dai!
      ricordiamo tutti con stupore la morale fatta da dell’utri e il caos mediatico,lo sciacallaggio che è scaturito da quelle esternazioni in cui si chiedevano le dimissioni,per nulla garantiste e poi da che pulpito,ma dai!

    58. sara’ come dite,ma chi di voi puo’ escludere che in caso di vincita il beneficiario sarebbe stata la Fondazione Federico II,per volonta’ del giocatore?
      Ma,
      credo che sarebbe piu’ interessante se qualcuno
      fosse disponibile a riassumere la carriera politica di
      Alberto Acierno e spiegare come mai ha avuto poi una battuta d’arresto.
      Questo ci potrebbe aiutare a capire i retroscena della
      politica palermitana.

    59. @iocivedochiaro:io non mi stupisco della battuta d’arresto, mi stupisco dell’inizio veramente…..

      p.s.
      siamo assolutamente sicuri che Acierno avrebbe devoluto l’eventuale vincita alla Fondazione!! 😀 😀 😀 😀 😀

      @giusicilia: puoi dire quello che vuoi i filmati stanno li basta cercarli.
      Dell’utri esordì dicendo addirittura che non era per nulla scandalizzato “tanto una sentenza di condanna non si nega a nessuno” disse, tra l’ilarità generale….

    60. http://www.youtube.com/watch?v=e_9JwWJel0M&feature=related

      ecco qui il video di Dell’Utri al mio convegno. Eravamo io Dell’Utri Miccichè e Cascio.

      Vediamo dove non siamo stati garantisti nei confronti di Totò Cuffaro….

    61. Michele P
      dici e non dici.
      Eppure mi pare che sei nella migliore posizione per
      rispondere al tema da me lanciato.
      Chi e’ veramente Alberto Acierno e perche’ si e’ interrotta la sua carriera politica?
      A chi allude nell’intervista del 2008 rilasciata
      a Salvatore Parlagreco di Sicilia Informazioni,di cui ho dato il Link,quando dichiara:
      “mi vogliono distruggere”?

    62. Gaetano Figlia
      un nick ha i limiti di un nick.
      In alcuni commenti non ho esitato a scrivere:
      “non ci vedo chiaro”
      In altri a riconoscere la mia “non conoscenza”
      vedi per esempio le partite a Poker On Line.
      Quando il quadro si fa opaco,oscuro,incomprensibile
      non esito a dichiarare che non ci vedo per niente.
      Ma…anche questa e’ chiarezza.O no?

    63. Michele P, io su you tube ho ascoltato altre cose.
      la magistratura deve fare il suo corso, ci mancherebbe, ma servono tre gradi di giudizio per farsi un’idea su chi si vota e su chi è il loro padrone?

      http://www.youtube.com/watch?v=G-kpAJ35On0
      gossip dei soliti comunisti, cribbio!!!!

    64. @iocivedo….: guarda, io chi è Alberto Acierno lo leggo sui siti internet, personalmente non l’ho mai conosciuto nè incontrato. Chi lo vuole distruggere?? Scusa io ti domando: ma chi dovrebbe avere interesse a distruggere Alberto Acierno?? Non è che stiamo parlando di un megaimprenditore, o di un superpolitico potentissimo, ma a chi vuoi che dia fastidio Acierno??Io ci vedo un pò di megalomania nel “mi vogliono distruggere”. Questo signore è solo un cittadino che dovrà rispondere ai magiistrati di talune condotte, che, se saranno penalmente rilevanti avranno la conseguenza che la legge prescrive. Se poi vuole fare insinuazioni, queste le trovo di pessimo gusto e controproducenti. Se sa qualcosa che può provare con fatti, testimonianze e documenti parli, altrimenti soggiaccia in silenzio alle determinazioni della magistratura. D’altro canto ha scelto uno dei migliori penalisti su piazza che è un mio amico e che è davvero bravo.Sotto questo profilo è in una botte di ferro. Trovo poco avvincente la teoria del complotto.

    65. la teoria del complotto emerge dalla intervista di
      Sicilia Informazioni.Ovvio che non e’ un politico potente,altrimenti sarebbe in sella.
      In quanto alle imputazioni,che credo si possano riassumere in “uso improprio di denaro pubblico”,
      (ma,a proposito,la Fondazione Federico II e’ un Ente
      Pubblico?)
      chi e’ senza peccato scagli la prima pietra.

    66. se parliamo di uomini che cambiano colore pur di esserci sempre, ieri alla manifestazione di Piazza Pretoria ho intravisto Mssimo D’Antoni!!!!!

    67. ma ti rendi conto di quello che scrivi?? che significa chi non è senza peccato scagli la prima pietra??
      Ma stiamo scherzando? Mi stai facendo diventare forcaiolo…..
      Comunque, sorvolando sulla tua ultima affermazione che spero sia frutto solo dell’affetto parentale che hai nei confronti del sig. Acierno (perchè non si spiegherebbe altrimenti quello che scrivi), posso risponderti che a) di politici potenti che sono stati buttati giù dalla torre d’avorio ne è piena la Repubblica da Mussolini a scendere, passando per il pentapartito per finire ad Andreotti etc…. b)non conosco lo statuto e l’atto costitutivo della Fondazione, ma a lume di naso posso dirti che è finanziata con denaro pubblico e che il Presidente dell’ARS ne è Presidente in quanto istituzione pubblica.la presidenza è dunque legata alla carica di Presidente ARS. La Fondazione inoltre gestisce un bene pubblico e di pubblica utilità, ergo devo ritenere – rammentando che trattasi di considerazioni non suffragate da documenti quali appunto lo statuto e l’atto di fondazione – che sia ente di diritto pubblico, quindi si può configurare il reato di peculato e/o peculato d’uso. Se invece l’Avvocato di Acierno riuscisse a dimostrare che la Fondazione non è ente pubblico lo spettro dei reati ipotizzabili sarebbe più leggero perchè si andrebbe dal furto alla appropriazione indebita, secondo le condotte via via emerse (sempre che sia tutto vero e dimostrato).Credo che la tua domanda volesse questa risposta. p.s. non preoccuparti la consulenza è gratuita 🙂

    68. La Fondazione Federico II di Palermo è stata creata con la legge della Regione Siciliana n. 44 del 1996, “al fine della più ampia conoscenza e della diffusione dell’attività degli organi istituzionali della Regione Siciliana e dell’Assemblea regionale siciliana in particolare, e dei valori e del patrimonio culturale della Sicilia”. È un ente di diritto privato la cui personalità giuridica è stata riconosciuta nell’agosto 1997 con un decreto del Presidente della Regione Siciliana.

    69. in quanto all’uso improprio di denaro (o di risorse)
      pubbliche,proprio le cronache di questi giorni mi pare che ne siano piene…

    70. e che significa……può essere un ente pubblico di diritto privato…. .

    71. Una fondazione,la federico II, a prevalenza patrimonio pubblico,ma non solo,ed in quanto fondazione non deve soggiacere ad alcune norme di diritto pubblico,quali gare di appalto,concorsi per le assunzioni,ed infatti…e lasciamo stare!
      però sottostava ad alcuni controlli su bilanci e gestione,purtroppo non sempre oculati,a quanto pare.
      la diatriba è aperta anche per la giurisprudenza amministrativa su quale disciplina applicare,comunque o peculato o appropriazione indebita sempre ladro sarebbe,se condannato ovviamente.
      @michele p,per l’ultima volta perchè ritorna tutto lo sdegno provato allora,il convegno cui ci si riferisce è quello in cui un alterato miccichè facendo la morale sui cannoli,davanti ad un protettivo ed accondiscendente dell’utri,chiese a cuffaro,per la sicilia e i siciliani,di dimettersi,e lo diedero tutti gli organi di stampa,bugiardi?

    72. Giusicilia
      insomma,questa fondazione avrebbe un carattere ibrido.

    73. praticamente si

    74. Nicola ti invito a rimanere in tema. Eventuali suggerimenti su temi da trattare possono essere inoltrati per e-mail. Grazie.

    75. A me che abbia fatto Acierno non interessa più di tanto. Ora che è stato inquisito, se ne occuperà la magistratura. Quello che non accetto, è che la maggioranza al comune e alla regione giudichi i suoi stessi componenti stando a distanza di sicurezza come se parlasse di estranei. Non è così, la responsabilità politica è anche vostra, è di chi ha fato le varie nomine. E’ ora di fare posto, è ora di passare un pò di tempo nella salutare opposizione, di scremare un pò le vostre fila, in modo tale da far rimanere solo i migliori.

    76. Michele P il nuovo che avanza…….
      c’è i muariri.

    77. domani mattina andate in edicola e comprate “Il fatto quotidiano”

    78. Novocaine e Nat vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    79. Giusicilia
      che tradotto vorrebbe dire che la Fondazione Federico II
      vive di rimesse pubbliche,ma puo’ spendere come un
      qualsiasi privato,svincolato da certi obblighi?

    80. Si faccia chiarezza. Qalunque ipotetica società di tipo pivatistico nella forma, ma che abbia come principale socio, enti pubblici, e quindi,che sopravvive, in termini molto chiari, grazie alle esazioni dei cittadini é principalmente per quanto mi riguarda una società se non pubblica nella forma, pubblica nellla sostanza (chiamasi soldi).Qualunqe società che non é stata capace di trovcare risorse proprie, attraverso forme imprenditoriali, ma che abbia tratto la propria fonte da sovvenzione pubbliche a mio parere é palesemnte una società che deve rispondere delle risorse pubbliche che ha mal impiegato, mal utilizzato ed impiegato in maniera personale.
      Non vedo nessuna contraddizione, né ambiguità.

    81. Uma
      lungi da me di tirare giudizi affrettati su situazioni
      di cui non ho ne’ posso avere diretta conoscenza,
      forse non ti sei accorta che negli ultimi commenti la mia attenzione si e’ spostata su questa
      DIVINA CREATURA che cosi’ mi pare sia stata concepita
      la Fondazione Federico II.
      Dunque la fantasia creativa che contraddistingue
      noi Siciliani ha ideato questa particolare forma statutaria,che abbiamo visto essere ibrida.
      Ed io mi chiedo:perche’?
      Si e’ dovuta fare una apposita Legge Regionale
      per vitalizzare la divina creatura.

    82. Vorrei pubblicamente spezzare una lancia (o un’arancia, come usa dire nei cenacoli letterari frequentati da intellettuali del calibro di Goldrake, Jeeg Robot e Totò Cuffaro*) a favore di Michele P.
      Quello che ha scritto sul garantismo è sacrosanto e lo sottoscrivo.
      Ogni cittadino italiano è innocente fino a sentenza passata in giudicato.
      Però vorrei segnalare all’attenzione di tutti che se un cittadino italiano, che incidentalmente ricopre cariche pubbliche, viene indagato per reati che hanno a che fare con la gestione della cosa pubblica beh, forse il cittadino medio (cioè quello che si fa un mazzo così da mane a sera, non ha fondi neri all’estero da far rientrare, normalmente le sere le passa con amici e/o moglie/fidanzata e non con escort d’alto bordo e se gioca nei casinò, sia on-line che off-line, perde di tasca propria) ha il diritto di pensare tutto il male possibile del soggetto di cui sopra, in attesa che la giustizia faccia il suo corso, e magari di stare alla larga mille miglia da soggetti simili e partiti consimili (mettiamoci pure dentro tutti quelli che questo nomade della politica ha girato).
      Si chiama “indignazione”, è il motore delle democrazie.
      Quando finisce la prima, di solito finisce anche la seconda.
      _________________________
      P.S. * Totò Cuffaro, con grande sprezzo del pericolo, si dimise nel gennaio 2008 perchè il Presidente Prodi aveva già bell’e pronto per la firma il decreto con cui lo avrebbe di lì a 1 o 2 giorni rimosso dalla carica di Presidente della Regione Siciliana, in applicazione di apposita norma di legge sulle cariche negli enti locali. Quindi confermo che Totò Cuffaro fu un vero coraggioso: un po’ come Hitler, che si suicidò per non finire nelle mani dei russi.

    83. Il garantismo imperante ci sta facendo dimenticare che per valutare il comportamento di una persona, lasciando al buon Dio il giudizio complessivo sulla persona, non è necessario aspettare i tre gradi del processo penale, così come i politici pretenderebbero per assumere responsabili conseguenze dei propri atti.
      LA VALUTAZIONE MORALE DI UN COMPORTAMENTO PRECEDE QUELLA PENALE!!!!!!!!!

    84. çil leone
      finisco sempre per polemizzare con te,e dire che condivido molte delle cose che dici.
      Il decreto di prodi di cui parli e che effettivamente lui minacciò di firmare,sarebbe stato illegittimo ed impugnabile non solo perchè non poteva applicarsi in sicilia ma,soprattutto,il reato contestato a cuffaro non rientrava tra quelli per cui è prevista la sospensione dalla carica in attesa di giudizio definitivo di condanna,e Totò Cuffaro lo sapeva,tutti i giuristi di fama lo sapevano,anche Prodi ritengo lo sapeasse,però sapeva anche che il caos mediatico sarebbe bastato a raggiungere lo scopo.
      Tanto dovevo e solo per chiarezza

    85. @ orchiclasta:
      le cose che hai scritto sono esattamente quelle che (sott)intendevo io. Peraltro non scopriamo, né io e né te, assolutamente nulla di nuovo: ben prima e molto più autorevolmente di noi, questi concetti li espresse Borsellino, a proposito degli anticorpi che dovrebbe avere la politica per isolare al suo interno quelli che hanno comportamenti moralmente censurabili benché non penalmente rilevanti. Probabilmente se fosse vivo ancora oggi, un qualunque Gasparri di passaggio lo accuserebbe di “giustizialismo forcaiolo”.
      @ giusicilia:
      Prendo atto delle tue valutazioni però ti chiedo: ancorché le cose che dici sull’asserita invalidità del decreto di Prodi fossero tutte esatte, tutte vere e tutte blindate dalle opinioni di giuristi di chiara fama (a proposito, quali?), pensi che Cuffaro non si sarebbe tuffato a pesce nel ruolo di martire del governo nazionale che lo voleva abusivamente rimuovere dalla carica alla quale era stato democraticamente eletto? Lo avrebbe fatto, stanne certa, e ci avrebbe sguazzato come un pesce siluro nel Po.
      Se decise di dimettersi un minuto prima di essere cacciato, forse, ripeto forse, è perchè aveva la chiara sensazione di trovarsi senza via d’uscita.

    86. orchiclasta
      non sono assolutamente d’accordo con quello che scrivi.
      La lotta politica alle volte si fa anche a colpi bassi
      e quindi chi non ha conoscenza dei fatti farebbe bene
      a stare alla finestra.In ogni caso ognuno e’ libero ad azzardare quello che crede,alla fine scommettendo con se stesso.In quanto ai reati,ci sono quelli veniali e quelli capitali,ed ognuno di questi ha un peso diverso.
      Questo paese non ha bisogno ,per fortuna oggi,di posizioni giustizialiste,dietro alle quali c’e’ sempre una cultura inadeguata e per le quali c’e’ sempre
      disponibile la psichiatria.

    87. @iocivedochiaro – il comportamento di un pubblico amministratore può anzi deve essere giudicato dai cittadini. Se c’è un rilievo da fare e se qualcuno lo fa, non si può chiedere “a chi giova” perchè altrimenti non si esce dalla polemica politica per garantire sostanzialmente un’impunità sociale prima ancora che eventualmente penale. La valutazione sotto il profilo etico di un comportamento precede quella politica e quella penalee questo non è giustizialismo, ma semplice applicazione del concetto di giustizia.

    88. non siamo noi che amministriamo giustizia.Ci sono gli addetti ai lavori,per questo,i magistrati.Persone che possono essere influenzate dalla opinione pubblica,data la situazione dei nostri codici,che spesso lasciano ampia interpretazione.
      Pensa che 2 cause su una identica situazione,affidate a giudici diversi,hanno portato a sentenze opposte!
      Per questo bisogna essere prudenti.
      Questo e’ il mio pensiero.

    89. I cittadini non amministrano la giustizia che è affidata a tecnici, ma esercitano un sacrosanto diritto di farsi un’opinione e quindi di esercitare un salutare controllo sociale sui propri amministratori con sanzioni solamente civili (es. elettorali) e morali: come potrebbe essere diversamente?

    90. In Italia siamo al paradosso, citavo le società partecipate perché sono un modo per chi c’é dentro di non rispondere dei soldi pubblici che gestiscono.
      I privati rispondono di tutto, sempre. Credo che chi gestisce soldi pubblici, ovvia abbia la responsabilità di rispondere ad una comunità intera e non solo a dei soggetti privati, debba essere molto più responsabile, e molto pià dei privati, che rispondono a pochi, mentre chi gestisce denaro pubblico risponde alle esigenze di una comunità, che paga dei contributi per avere dei servizi collettivi, non per vederli messi in tasca al primo cretino ed arrogante di turno.
      La responsabilità dei fondi acquisiti con le tasse sui cittadini é altissima, per chi la amministra. E la frode, deve essere punita in modo gravissimo. Non dico la galera a vita, ma sicuramente l’interdizione da ogni pubblico ufficio.
      Le personbe che non sono in grado di onorare un mandato così alto, e che ne hanno approfittato in forma privata, devono essere bandite da ogni cosa pubblica.
      Non hanno più nessun diritto di occupersi di responsabilità di carattere pubblico a cui n, ma che le abbiano trasformate in rendite private.
      Non c’é davvero nient’altro da dire.

    91. Uma
      bella predica,la tua.
      Ma la realta’ e’ ben diversa,se e’ vero come e’ vero che le nostre cronache sono piene di
      notizie di disamministrazione,cattiva amministrazione,peculati,concussioni,frodi,che toccano un po’ tutte le regioni d’Italia,in riguardo a servizi,
      appalti e forniture di ogni genere.
      Poi c’e’ pure la beffa.Ieri ho visto in TV una eurodeputata siciliana affermare che i Fondi Europei la Sicilia non li ha saputi spendere.
      Quindi in un settennio,i siciliani,pur assetati di
      un aiutino per tirarsi fuori da questa disastrosa
      economia,non sono stati capaci di percorrere i canali giusti per fruire di questa linfa.
      Di chi e’ la responsabilita’,in questo caso?

    92. Grandissimi Leone e Uma, sono perfettamente d’accordo con voi. Siamo o non siamo noi che li votiamo e che quindi dobbiamo in qualche modo farci un’idea??
      Non si puo sempre nascondersi dietro il “ma io non sapevo che fosse corrotto, che fosse mafioso, che fosse un ladro”, se no diventiamo come Berlusconi che dice di non sapere che Mangano (il suo “stalliere”) fosse mafioso…ma per favore finiamola.
      Poi c’è anche chi, pur sapendo che quel tale politico è ladro, corrotto, mafioso e chi piu ne ha piu ne metta, lo vota lo stesso!!!!!

    93. rientrando al tema del post,
      Alberto Acierno e’ un ex parlamentare,non rieletto,
      e messo alla Direzione della Fondazione Federico II.
      La Fondazione ha di recente restaurato e riportato allo splendore la Cappella Palatina
      parte con elargizioni private e parte con
      Fondi Europei.

    94. stamattina la TV ha dato notizia dell’uso improprio
      di una carta di credito da parte di una parlamentare,
      a Roma.Ora io mi chiedo,visto che chi ha molti soldi
      solitamente ha piu’ di una carta di credito,
      non e’ che capiti di fare confusione nell’uso delle stesse?

    Lascia un commento (policy dei commenti)