martedì 21 nov
  • Secondo Martelli Borsellino sapeva che Ciancimino voleva collaborare

    Durante la puntata di ieri sera di AnnoZero, in cui era ospite Massimo Ciancimino, l’ex ministro della giustizia Claudio Martelli ha sostenuto che Paolo Borsellino sarebbe stato informato della volontà di collaborazione di Ciancimino in cambio di protezione politica da Liliana Ferraro, principale collaboratrice di Giovanni Falcone, che avrebbe appreso la notizia dall’allora capitano Giuseppe De Donno.

    AGGIORNAMENTO n.1: il procuratore di Palermo Francesco Messineo e quello di Caltanissetta Sergio Lari si sono incontrati oggi a Palermo. Sono stati sentiti i giornalisti Sandro Ruotolo e Francesco Viviano.

    AGGIORNAMENTO n.2: Claudio Martelli e Liliano Ferraro saranno ascolati a Caltanissetta.

    Palermo
  • 24 commenti a “Secondo Martelli Borsellino sapeva che Ciancimino voleva collaborare”

    1. ancora ho i brividi.

      ieri si parlava di seconda puntata…
      ovvero la continuazione delle ricostruzioni dei rapporti tra stato e mafia,
      siamo arrivati al punto che Ciancimino voleva parlare con Borsellino, Di Pietro e Violante.

      Poi si fa il nome di Dell’Utri come potenziale intermediario per le trattative…

      si farà questa puntata? o ricominceranno le gambizzazioni?

      le minacce di morte in questo contesto ormai sembrano noccioline.

      ripeto: ho ancora i brividi

    2. anche io ho i brividi…
      ma credo che i rapporti fra mafia e stato ci sono sempre stati e continuano ad esserci…
      da chi è capeggiata la regione sicilia???

    3. incredibile ma purtroppo vero.

      è la quadratura del cerchio:
      LE TRATTATIVE TRA STATO E MAFIA (antistato) c’erano purtroppo realmente.

      a confermare piu’ o meno tutti la stessa cosa erano :

      Carabinieri (mori etc)
      Politici: Martelli etc
      Mafiosi: i diversi pentiti
      Ciancimino figlio

      la puntata di annozero di ieri i brividi li ha dati anche a me rivelazioni purtroppo shockanti…

      ORA VOGLIAMO CHE NICOLA MANCINO PARLI !

    4. anch’io sono sconvolta

    5. sì… da brivido…. ma vorrei capire perchè uno dei principali indiziati ad essere il filo conduttore tra mafia e politia ha ancora il suo posto…. questo, oltre ai brividi, mi fa venire il vomito…..
      da chi è capeggiata la sicilia? dai compari di chi capeggia l’italia intera….bleah!

    6. Le solite menzogne della sinistra. Martelli è un comunista, come Ciancimino. Cribbio

    7. credo che l’argomento sia fin troppo grave per parlare di destra o sinistra, fascisti o comunisti…!

    8. non voglio difendere nessuno perchè come dona penso che non sia una questione di destra e di sinistra…MA…ma…
      ma l’unico nome di sinistra che
      è uscito è quello di Violante e di certo non gli si sono attribuiti comportamenti “strani”!

      😉

    9. E’ stata sconvolgente la puntata di ieri. sono ansiosa di vedere la prossima… Mi sono ricordata di un particolare che avevo dimenticato: la misteriosa origine della fortuna di Berlusconi. Come ha fatto ad accumulate tanto denaro? Da solo e onestamente?

    10. Mr. Tamburino l’hai schiacciata. Andare 17 anni dopo dai magistrati per una cosa che si ricorda improvvisamente non è strano?

    11. …e te pareva che il teorema di Santoro non andava a parare anche stavolta contro Berlusconi.
      Chi lo sa, potrebbe essere coinvolto anche nell’omicidio di J.F. Kennedy e in quello di John Lennon. Potrebbe essere lui il mandante occulto dell’uragano Katrina che ha semi-distrutto New Orleans e potrebbe esserci lui dietro i segreti contenuti all’interno delle piramidi egizie. Tutto questo nella prossima puntata di annozero!

    12. @tony Siino: non è poi così strano…e poi…scusate ma non vi è mai venuto il dubbio di una trattatva simile?io ai tempi ero piccoletta ma non mi ci son voluti molti anni per capire il tutto…

    13. scusa tony,
      fammi capire a chi di chi parli!

      ti riferisci a Massimo Ciancimino? a Claudio Martelli
      o a Di Pietro?

      lungi da me difendermi uno dei tre!

      😉

      Rispondi però!

    14. Come mai ne parlano soltanto oggi?

    15. Quoto Tony !
      ….Andare 17 anni dopo dai magistrati per una cosa che si ricorda improvvisamente non è strano?
      Molto stranooooo.
      Che i magistrati gli domandino perchè ai tempi non denuncio’ alla magistratura cio’ di cui venne a conoscenza.
      Penso che ai tempi uno (politico) non si sognava nemmeno di denunciare qualcosa di mafioso alla magistratura (a meno che non era uno con le palle come Borsellino e Falcone) perchè era il tempo delle stragi e quindi la mafia aveva un potere forte e lo dmostrava mese per mese.
      E tutti, tranne Falcone e Borsellino, si cagavano sotto. Questa è secondo me la realtà.

    16. Tutto ciò che è emerso ad Anno Zero era oggetto di un generale sospetto sin dai tempi delle stragi.
      E’ stato ugualmente agghiacciante sentire testimonianze dirette che hanno confermato tutti quei sospetti.

      Ciò che non si può tollerare è vedere che siamo governati sin da allora dai protagonisti di quei crimini di stato.
      Eppure alla gente non è bastato nè il sospetto, nè le inchieste giornalistiche (TRAVAGLIO in primis) sul legame MAFIA-BERLUSCONI per far si che questi CRIMINALI ci governassero ancora e ripetutamente da 15 anni.

      ODIO LORO E TUTTI COLORO CHE LI HANNO VOTATI E CONTINUANO A VOTARLI E DIFENDERLI ANCHE ADESSO CHE IL SOSPETTO è DIVENTATO REALTA’.
      VOI AVETE DISTRUTTO LE VITE DI UOMINI IMMENSI COME FALCONE E BORSELLINO, AVETE DISTRUTTO LE NOSTRE VITE, , AVETE DISTRUTTO UN’INTERA NAZIONE.

    17. E’ questo che mi spaventa in questa Nazione.

      Le Istituzioni, in questo caso la Magistratura, poverina non sa mai nulla quando si alza il livello oppure s’inventa di tutto di più (l’ho sperimentato sulla mia pelle)

      E’ oltre un decennio che ci propinano una certa verità, mediante giudizi e poi … arriva una trasmissione come AnnoZero e si scopre che fino adesso, qualcuno o qualcosa, ha fuorviato tutto.

      Intanto onore ad AnnoZero.

      Ma disonore alle blasonate Istituzioni Italiane. Pure sui loro GRANDI UOMINI CHE HANNO DATO LA VITA PER COMBATTERE QUESTO SCHIFO DI MAFIA, deviano le indagini.

      Ma che gente abbiamo nelle nostre Istituzioni ?

      Mi spiace anche per i vari Scarpinato, Ingroia, Gratteri, Caselli, per citare i più conosciuti, ma tutto il loro noto impegno e lavoro, fino a quando l’ANM ed il CSM non saranno capaci di guardare oggettivamente ed “onestamente” dentro la Magistratura, non si potrà sconfiggere questo cancro che è la mafia.

    18. Il problema principale, direi, è se Massimo Ciancimino ha detto la verità, su quello che successe allora e su quello che riguarda il presente (ad es Dell’Utri).

      Il fatto che l’abbia detto ora e non prima, per quanto mi riguarda, è del tutto irrilevante. Ovviamente, invece, chi ama esercitarsi nel cercare seconde, terze, e quarte intenzioni rispetto ad una azione, avrà di che trastullarsi.

    19. avevo capito “forse” diversamente!
      può essere che ho perso un passaggio!

      A Violante sarebbe stato chiesto un incontro da parte di Ciacimino padre; l’oggetto (se si fosse fatto l’incontro) sarebbe stata la copertura politica per portare avanti la trattativa.

      Siccome Violante si è addirittura rifiutato di incontrare l’ex sindaco di Palermo, è stato provato che era a conoscenza degli argomenti da trattare nell’incontro?

      @tony: quando dici che Violante si sveglia dopo 17 anni e va dai magistrati… vuol dire che è andato in tribunale a dire che era stato contattato per fare la trattativa stato mafia o semplicemente era stato contattato per un incontro da Ciancimino.
      E poi… Violante, quando è andato dai giudici a parlare?
      Sono per caso tutte supposizioni le tue?

      Non mi vorrei sbagliare… ripeto… ma io ho capito diversamente!

    20. Ecco le informazioni sullo smemorato anche se non mi interessa fare discorsi destra vs. sinistra in questa fetida storia.

    21. A me Violante non mi ha mai fatto simpatia. Né lui, né Arlacchi né Caselli.
      Secondo me Borsellino aveva scoperto qualcosa di marcio che aveva portato all’eliminazione di Giovanni Falcone. Il patto tra stato e mafia non c’entra nulla per me.
      O meglio non è la sola causa.
      Come sempre la mafia, in queste vicende, ci trase e ci nesce in maniera assolutamente furbesca e subdola.
      La mafia non è la sola responsabile anche se ha approfittato della situazione e ci ha sguazzato bellamente.
      Si tratta di capire, per me, se i pezzi marci che ha scoperto Borsellino erano legati alla politica o alla magistratura o magari ad entrambi.
      Mi manca qualcosa per capire.

    22. le stragi avvengono in piena tangentopoli.Quando i partiti controllavano la spesa pubblica.In TV si e’ vista un’agenda di Borsellino,con l’annotazione delle spese di trasferta (albergo, ristorante etc.)da recuperare a pie’ di lista.Chissa’ cosa gli passava per la testa mentre annotava questi numeri.Forse la sua mente andava agli appalti succosi e miliardari che gli passavano sotto gli occhi.Appalti pilotati,se e’ vero che dilagava tangentopoli.Un affare non si realizza
      solo perche’ c’e’ l’impresa messa in piedi dai mafiosi,
      dall’altra parte c’e’ chi aggiudica l’appalto e paga le fatture.O queste sono solo favole?Ed oggi?

    23. @tony: grazie!
      mi mancava questo pezzo!
      aggiungiamo un indifendibile alla lista degli ignobili.

      non mi sconvolge pestarmi sotto i piedi una persona di “sinistra”!

      le schifezze sono schifezze a prescindere dal colore!

      a presto

    Lascia un commento (policy dei commenti)