domenica 19 nov
  • Un altro sindaco

    «Il sindaco di Palermo Diego Cammarata ha dato mandato all’avvocatura comunale di procedere, qualora esistano i presupposti, alla costituzione di parte civile del Comune nel procedimento contro gli amministratori dell’Amia che vede coinvolti l’ex presidente Enzo Galioto e l’ex direttore generale Orazio Colimberti».

    Leggete sopra (da Rosalio).
    Il contenuto della seconda riga merita, a scelta:

    • un’assemblea pubblica a piazza Politeama;
    • un dibattito privato a casa Cammarata (non di giovedì che c’è Don Matteo 7);
    • una riflessione alcolica al Tribeca;
    • un forum felpato al Giornale di Sicilia;
    • oppure una semplice considerazione che parta dal dissesto dell’Amia e arrivi fino alle vergognose missioni milionarie dei suoi dirigenti, che tenga conto in ugual maniera della qualità del servizio di raccolta dei rifiuti a Palermo e della Tarsu triplicata nel giro di tre anni (da Cammarata e da nessun altro).

    Un altro sindaco, con una maggiore scorta di dignità politica, avrebbe fatto ammenda per la propria inadeguatezza: in un partito che promette meno tasse per tutti, essere costretti a turare falle grazie ai maggiori esborsi dei cittadini è un po’ come spacciare scolapasta per pentole.
    Un altro sindaco, con un senso di responsabilità meno labile, avrebbe ammesso: “Cari concittadini, siamo in difficoltà. Per colpa di alcuni sconsiderati amministratori (miei amici e compagni di coalizione, vabbè) siamo con le pezze al culo. Mi hanno fregato, vi hanno truffati. Tranquilli però, questi soldi ce li riprenderemo con tutti i mezzi leciti a nostra disposizione”.
    E invece?
    Invece Cammarata Diego, infausto sindaco di una infausta Palermo dell’anno 2009, dà mandato di procedere, qualora esistano i presupposti, contro i furbastri che hanno mangiato aragoste a scrocco, alloggiato in alberghi a cinque stelle nonostante il conto fosse pagato con le tasse di un ignaro pensionato, succhiato dalle casse pubbliche con “onorevole” passione. Il primo cittadino di Palermo non ha il coraggio di voltare le spalle a personaggi che pur percependo stipendi a sette zeri non hanno esitato a farsi rimborsare da me e da voi tutti – di destra, di sinistra, di sopra e di sotto – persino le sigarette o le bibite al bar: tagliate di faccia si chiamano queste, alle nostre latitudini.
    Un altro sindaco avrebbe cercato e trovato il pretesto per mostrarsi vivo e possibilmente animato da buona fede.
    Cammarata Diego ha perso anche questa occasione: e non perchè non sia vivo.

    (in collaborazione con www.gerypalazzotto.it)

    Ospiti
  • 6 commenti a “Un altro sindaco”

    1. Mi viene in mente la famosa frase manzoniana:
      ‘Il coraggio, uno, se non ce l’ha, mica se lo può dare’.

    2. Propendo per la riflessione alcolica al Tribeca: quasi certamente lo troviamo lì e magari gli chiediamo cosa ne pensa.

    3. che tristezza caro geri..viene veramente da piangere..

    4. mi chiedo solo come mai non siamo in grado di defenestrare in stile “praga” questi lapardei.
      che popolo privo di amor proprio!

    5. tristezza… e gery, come sempre, eccellente.

    6. Semplicemente pazzesco… ma come si fa? Perchè non se ne va? aiuto.. portatecelo via!

    Lascia un commento (policy dei commenti)