mercoledì 7 dic
  • Le vomitevoli parole di Genchi sui magnifici ragazzi davanti alla Questura

    Genchi dice in un delirante video: «hanno organizzato una messinscena davanti alla Questura, portando le persone loro, coi pullmann, per organizzare quell’apparente solidarietà alla Polizia».

    Si riferisce ai magnifici ragazzi di Addiopizzo e non solo che esultavano all’arrivo di Nicchi in manette. Genchi dice assurdità: quei ragazzi li conosco, non c’era alcun pullman ed erano arrivati con i loro mezzi, anche durante la strada e persino in via Juvara la gente esultava per l’arresto, la solidarietà è vera.

    Ha ragione però quando parla di bassezza e di mistificazione. Quelle delle sue parole vomitevoli.

    AGGIORNAMENTO n.1: Gery Palazzotto ci mette del suo.

    AGGIORNAMENTO n.2: Daniele Marannano, portavoce di Addiopizzo, ha replicato a Genchi: «Al di là della presunta coincidenza temporale sugli arresti di sabato posso garantire a tutti quanti che le persone presenti alla Squadra Mobile di Palermo hanno rinunciato a qualcosa pur di essere lì e si sono pagate tutte la benzina di tasca propria senza aver avuto alcun pullman per manifestare la loro sincera e vera solidarietà che avevano già avuto modo di esprimere in occasione di altri arresti, fin dai tempi della cattura di Bernardo Provenzano e di Salvatore Lo Piccolo».

    Palermo
  • 139 commenti a “Le vomitevoli parole di Genchi sui magnifici ragazzi davanti alla Questura”

    1. ….da lui non me lo aspettavo…ennesima delusione….

    2. davvero non capisco il motivo di simili affermazioni sui ragazzi che erano sotto la questura, che non hanno nessuna connotazione politica…esultare per l’arresto di un mafioso non è un fatto politico, ma un fatto morale ed etico, soprattutto per una città ed una terra stufa marcia di dover avere a che fare con certe logiche tutti i santi giorni. nonostante io non sia esattamente berlusconiana, (anzi io a volte, a berlusconi, gli darei timpulate a due a due finchè non diventano dispari, e sono stata buona)e sono di tutt’altra parte politica decisamente diametralmente opposta, ma a questo punto non me lo sogno neanche di arrivarci…posso capire le affermazioni di arresti ad orologeria, cosa che onestamente penso anche io, ma il resto è una vera stupidaggine…quella è la palermo bella e pulita, quindi mi sembra veramente un’affermazione viscida

    3. …un passaggio del video di Genchi è fondamentale, quello in cui dice che i veri poliziotti gli hanno telefonato e hanno detto che “stanno combinando uno schifo”.
      Bisognerebbe accertare questo prima di giudicarlo. Tendo a credere a Genchi ma senza nulla togliere all’onestà e alla rettezza morale dei ragazzi di Addio pizzo i quali potrebbero esser stati manipolati inconsapevolmente…tutto ciò non ci è dato di saperlo a meno che Genchi stesso non facesse i nomi delle persone di cui sopra…questa è la mia modestissima opinione.

    4. Ricordo a chi possa pensare che Noi si sia stati anche inconsapevolmente manipolati che è dal primo arresto del 2006 di Provenzano a seguire quello dei Lo Piccolo fino a Raccuglia e lo stesso Nicchi che il Comitato è sempre presente(ci sono vari filmati a provarlo..) per manifestare gioia e ammirazione per il lavoro della sez.Catturandi.
      e non ho nessuna voglia di aggiungere altro perchè è davvero incredibile che siano state fatte tali dichiarazioni…mi farebbe davvero piacere sapere da Genchi chi sarebbero questi “veri”poliziotti che gli avrebbero telefonato….ma non m’illudo di certo.
      pequod

    5. Invece per quanto riguarda la faccenda dei pullman organizzati ci è dato benissimo saperlo.
      Io sono una delle persone che è andata là quel pomeriggio, per i fatti miei, decisione presa su due piedi quando ho ricevuto la notizia a casa dei miei suoceri. E quando sono arrivata sotto la questura ho ritrovato alcuni amici arrivati prima di me (chi in macchina, chi in bici, chi a piedi), molti sono arrivati dopo e ovviamente c’erano anche persone che non conoscevo.
      Prima di fare dichiarazioni a sproposito bisognerebbe verificare la veridicità delle proprie fonti, altrimenti non è il caso di giudicare la correttezza altrui.
      Nessuno è così ingenuo da non avere dei dubbi sulla tempistica di questi arresti, ma da qui ad inventarsi i fatti ce ne corre.

    6. Nello.. se lo chiami traditore ci devi spiegare che cosa ha tradito.
      Fose sei un poliziotto?
      Secondo te Genchi si mette a dire cose cosi gravi perche’ si è svegliato storto?
      Vediamo se ci sara’ qualche eroe del Governo che avra’ il coraggio di Quereralo..

    7. Potrebbe aver voluto esagerare, sul punto dei festeggiamenti. Sui ragazzi di Addio Pizzo non ho nessun dubbio.
      Sul fatto che il merito sia della sola polizia concordo invece. Quei ragazzi ci hanno messo la loro vita e i loro soldi in queste operazioni.
      La politica non si accampi meriti che ha – secondo il mio misero parere – solo indirettamente.
      Fosse per loro oltre ammuttare i cellulari senza benzina, gli farebbero ammuttare pure le volanti.
      Cmq l’aria è veramente strana. Troppa puzza, e non è solo la munnizza di Cammarata.

    8. non stupiamoci più, questa assurda situazione è il risultato dello sdoppiamento che il Paese ha attuato tra la realtà concreta e quella virtuale fatta di carte, dichiarazioni, smentite, sospetti, etc. un non luogo dove ciascuno può dire tutto e il contrario di tutto con buona pace di aristotele. una nuova dimensione culturale sovrapposta al fine di tutelare una classe dirigente fatta di partiti politici, sindacati e gruppi finanziari che sono pronti a tutto per conservare i propri privilegi e tengono in mano l’Italia e tutti noi. il nostro è un Paese confuso e disordinato, scardinato dalla programmatica intenzione di annullare ogni forma di controllo. ogni proposta che preveda una qualche forma di controllo viene bollata come fascista da un nazista che si dichiara comunista (o viceversa, cambiando l’ordine dei fattori…). credo ad un patto sotterraneo che unisce tutti i soggetti e stritola i non allineati col silenzio, l’indifferenza, il buio. tuttavia questo ci deve spronare a stare in prima linea, a sollecitare lo spirito critico soprattutto dei più giovani dai quali può venire un cambiamento se però non ci limitiamo a lascargli questa eredità, se invece comprendiamo che noi più grandi, per primi e insieme a loro, dobbiamo fare scelte mirate, saper dare l’esempio, sopportare il sacrificio personale, resuscitare il coraggio che ci manca da troppo tempo.

    9. Una volta l’ho incrociai a Fiumicino, era la settimana in cui appariva in tutti i telegiornali. La sensazione di viscidezza era evidente, e questa volta ha perso l’occasione di stare zitto.

      Credo sia lodevole l’iniziativa di Rosalio di iscriversi alla pagina di FB dedicata alla Catturandi ed elogiare chi ha avuto il coraggio di mettere la faccia davanti alla telecamere per esultare per l’arresto di un pezzo grosso della malavita.

      Ricordiamoci cosa ha detto una della famiglia Nicchi “C’aviti i figghi puru voi!!” una minaccia bella e buona.

      Lode alla Catturandi, lode ai ragazzi di AddioPizzo che erano lì avanti ad esultare, pollice verso contro Genchi

    10. Trovo strano che Rosalio abbia taciuto sulla manifestazione del No B Day nonostante ragazzi di palermo fossero tra quelli che sorreggevano lo striscione che inaugurava il corteo per le vie di Roma. Trovo manipolatorio attribuire a Genchi affermazioni mai fatte sui ragazi di AddioPizzo.
      Per il resto, l’Italia si divide tra chi si beve la strategia mediatica di Berlusconi e chi la riconosce e la sputa …

    11. ma perche’ parlare di chi e’ andato ad applaudire?
      Nel video le affermazioni pesanti riguardano le catture dei 2 personaggi in quanto viene sminuita l’azione delle forze dell’ordine!

    12. Donato ti sbagli, c’è un post che si chiama Viola che parla anche di No-B Day. Genchi parla di quelli davanti alla Questura e quelli davanti alla Questura erano in buona parte di Addiopizzo. Io li ho anche sentiti e sono (giustamente) incazzati per queste parole assurde e false. Di manipolatorio nei confronti della verità qua ci sono soltanto le parole di questo signore.

    13. Scusa Pequod, potresti dirci come il comitato è venuto a conoscenza della cattura di Nicchi e come i vari componenti abbiano appreso la notizia ed i particolari dell’ora in cui il Nicchi sarebbe stato portato in questura. Non è per sfiducia ma per capirci qualcosa, perchè io di Genchi mi fido.

    14. Non mi spiacerebbe sentire da Genchi a chi si riferiva…
      Oppure se ha solo riportato un sentito dire.

    15. Zelig tra la notizia sulle agenzie di stampa e Nicchi in Questura è passata più di un’ora. Chiunque poteva saperlo e arrivarci in tempo.

    16. Insomma questo Genchi dice che Fidanzati e’ un rudere malandato che nemmeno lo vogliono in galera e che Nicchi forse si stava andando a costituire perche’ braccato.Quindi insinua gli arresti ad orologeria.
      Nei giorni di Spatuzza e del NO B Day.

    17. Parlare del “No B Day”, cioè della più grande manifestazione mai sprigionata dalla rete, significa far parlare chi ci è andato, cosa che per un blog come Rosalio doveva essere più naturale di quanto non lo sia stato per la carta stampata. Detto questo, Genchi ha solamente detto ciò che molti abbiamo pensato: era necessario bilanciare mediaticamente le dichiarazioni di Spatuzza e la manifestazione di Roma. Genchi conferma, per conoscenza diretta -come afferma- che gli arresti hanno seguito una regia estranea al lavoro della catturandi di cui ha peraltro ribadito meriti e sacrifici. Non vedo nulla di vomitevole e non vedo polemiche con chi ha gioito in buona fede di una buona notizia. Ma bisogna saper vedere oltre e farsi domande sui tempi che a teatro contano molto.

    18. Donato qualora chi ci fosse andato avesse scritto a Rosalio sarebbe stato pubblicato.
      Io ho reputato vomitevole la parte su chi era davanti alla Questura. Se stai con Genchi per te non era la Palermo contro la mafia ma una messinscena.

    19. “…e mentirà. E alla menzogna mescolerà la verità…per confonderti…”
      Padre Merrin

    20. zelig
      provo a risponderti.
      Il comitato già dal 2006 era presente all’arresto di Provenzano e si era fatto sentire con la sua gioia ed il suo entusiasmo.
      Da quel momento e successivamente ,per la sua attività sul fronte antiracket ,l’associazione ha avuto modo accompagnado i commercianti nel loro percorso di denuncia d’instaurare ,da tempo, rapporti personali forti con esponenti della squadra mobile.
      Ora così come è avvenuto ed avviene anche per molti giornalisti, siamo stati informati una volta avvenuti gli arresti(per condividere la gioia del momento..) e in poco tempo(tra l’arresto e l’arrivo saranno passate circa 2 ore forse meno..) con sms ,telefonate etc siamo riusciti ad essere davanti alla squadra mobile in tanti per festeggiare chi davvero lo meritava,LA CATTURANDI.

      Voglio ancora ricordare che non era la prima volta,siamo stati presenti sia all’arresto dei LoPiccolo che di Raccuglia.

      Quindi concludendo, essendo in grandissima maggioranza NOI davanti la squadra mobile so con certezza che parlare di pulmann organizzato e altro è davvero una FALSITA’.

      Ultima cosa ,anche io di Genchi mi fidavo pensa che ero uno dei pochi ad essere davanti alla questura per manifestargli solidarietà quando tempo fa molti gli davano addosso…ma adesso..molto meno.

    21. Tony, sono iscritto ad AddioPizzo dalla prima ora mentre non conosco personalmente Genchi, ma mi basta ricordare la messinscena del “più grande scandalo della Repubblica” http://www.repubblica.it/2009/01/sezioni/politica/giustizia-8/giustizia-8/giustizia-8.html, poi regolarmente sgonfiato, per dargli un’apertura di credito.

    22. vedi donato
      il problema è sempre quello.
      se Genchi vuole fare delle dichiarazioni e vuole essere creduto deve stare MOLTO attento .
      perchè basta poco per risultare MENO credibile , LUI questo errore l’ha fatto!
      avrebbe dovuto risparmiarsi qualcosa ma non è riuscito a frenarsi ,preso dalla foga di far vedere “la luce”.. ma così facendo ha donato “il buio” a quei tanti “pazzi”che credono e provano a far vedere un altro volto della Sicilia ed oggi si trovano a dover perder tempo davanti ad una tastiera per “giustificare”qualcosa che hanno fatto con genuinità,coraggio e ancora una volta soli o quasi.
      poi se pensi che siamo degli ingenui ,sai che non è vero e che se ci toccano non stiamo zitti, siamo in grado di valutare forse anche prima di Genchi “le dinamiche”…scusa il pizzico di presunzione ma oggi avrei voluto dedicarmi ad altro…
      pequod

    23. Incredibile…Berlusconi è sempre colpevole!!! Modernizzano il sistema giudiziario che fa ridere tutto il mondo e non va bene perchè è uno stratagemma per non far arrestare Berlusconi e per favorire gli amici mafiosi dello stesso.
      Arrestano i mafiosi e non va bene perchè è tutto organizzato per contrastare una notizia poco gradita al presidente del consiglio.
      Se riusciste per un attimo a guardarvi dall’esterno vedreste quanto siete ridicoli e quanto forzate risultano le vostre affermazioni. Berlusconi è un mafioso, pedofilo, massonico, in buona sostanza il diavolo in persona, questo è il vostro quadro. Ah dimenticavo i milioni di italiani che lo votano, sono o mafiosi, o collusi con la mafia, o idioti.
      Meno male che ci siete voi a bilanciare questa massa ignobile. Auspico fortemente un governo di centro sinistra, cosi diventeremo tutti ricchi, la crisi scomparirà, la disoccupazione sarà un ricordo lontano, i delinquenti diventeranno uomini santi. L’unica nota negativa sarà vedere gente come Travaglio, Genchi, ecc, vagare per le città, spauriti, sperduti, senza più nulla di cui parlare.

    24. … ma come .. prima lo elogiate.. e poi lo criticate!?
      questo Genchi e’ un personaggio. lasciatevelo dire da chi lo conosce da 25 anni.
      e’ un furbacchione che da poliziotto ha preferito uscire dalla porta ed entrare dalla finestra perche’ gli conveniva notevolmente di piu’ .. economicamente.
      e’ uno attaccato allo spionaggio come le api al miele.
      e non credo solo per dovere.. ma proprio per morbosa passione.
      chi lo conosce bene, sa di cosa parlo.
      a me questo personaggio non e’ mai piaciuto, dopo queste parole ancora meno
      W ADDIOPIZZO
      W LA POLIZIA … onesta

    25. Grazie a Tony per aver postato questo video, involontariamente sta mettendo a conoscenza quale astuta mossa è stata la cattura di questi 2 boss della mafia. “Il numero 2 e il 3 della lista dei ricercati” tuonava il governo. Mentre si faceva clamore intorno a Spatuzza; clamore creato ad arte perché si sa già che le dichiarazioni non potranno mai essere comprovate (“Minchiate” titolava Libero) e 600.000 o forse più persone, senza apparato politico finanziatore si riunivano in piazza per raggiunto limite di sopportabilità.
      Ma noi ci crediamo, prima o poi: http://www.youtube.com/watch?v=yHwHH4S-Lz8

    26. Pequod, sono d’accordo con te, meno con Tony che, talvolta, tende a sproposito a stracciarsi le vesti (basta parlare di Travaglio, Grillo, Genchi, ecc.) dimenticando il comune denominatore del loro e del suo impegno, come del tuo o del mio.

    27. il discorso di genchi, se vero, è a dir poco allarmante.
      rosalio, il titolo del post in realtà punta il dito (nell’occhio) solo su una frase, frase alla quale nemmeno io credo, conoscendo i ragazzi di addiopizzo.
      ma è il resto che mi preoccupa!

      concordo in pieno con Genchi almeno su 3 punti:
      .
      1 -che la polizia sia stata privata di mezzi e risorse
      è verissimo e mi da rabbia sentire la fanfara televisiva dagli stessi che hanno dimezzato gli stanziamenti.

      2- che la tempistica di queste catture sia quantomeno curiosa.
      cosa che a turno, credo, abbiamo pensato tutti.
      ma com’è normale, per noi gente normale, abbiamo
      gioito ugualmente e sorete alla bizzarra casualità..

      3- che la notizia della cattura dei 2 boss abbia non
      dico cancellato, ma di certo distratto il pubblico da scomode notizie come le dichiarazioni di spatuzza e il no B day.

      fin qui sono fatti, non certo opinioni sovversive.
      ____________________________________

      Ciò che invece. delle dichiarazioni di genchi, mi fa drizzare le carni è ciò che onestamente ignoro.
      Ad esempio:
      – è vero che su nicchi pesava una condanna di lo piccolo e che quindi era più un “morto che cammina”
      che l’astro nascente di cosa nostra.
      – é vero che fidanzati non è in condizioni di stare in carcere e che quindi tra qualche tempo ne dovrà uscire?
      – è vero che la cosa era nota a chi lo ha catturato?
      – è vero che alcuni poliziotti sono arrivati a provare vergogna per una pantomima, una sceneggiata o come vogliamo chiamarla? (escludo come già detto addiopizzo)
      – la storia dei pullman è inventata o in parte vera?
      .
      ora, io sono certa che da alcuni anni la città abbia davvero cambiato atteggiamento davanti alla cattura dei boss.
      le immagini dei ragazzi che saltano e festeggiano davanti la questura sono quanto di più bello e sano e normale questa terra sia riuscita a produrre.
      ma questi fatti a mio avviso meritano interesse e io non me la sento di catalogarli come ca…ate senza prima essermi tolta qualche dubbio.
      trovo davvero isensato ridurre il tutto al solito “con o contro” il Genchi di turno, invece di scoprire cosa è vero e cosa no!

    28. stefania come sempre hai fatto una sintesi perfetta

    29. Senza nulla togliere alle sincere manifestazioni di solidarietà dei ragazzi di Addiopizzo (non è di loro che si parla nel video) qui il problema sta tutto nella credibilità di Genchi. Dice di aver ricevuto telefonate da poliziotti a cui sarebbe stato chiesto di “far la messinscena”. Sarà vero? Secondo me sì, perchè io di Genchi mi fido e lo stimo profondamente.

    30. ma perchè parlate di addio pizzo? io c’ero in quella conferenza e gioacchino non ha mai parlato di addio pizzo ne si sarebbe mai sognato di parlarne male. Ha fatto l’esempio di una spettacolarizzazione degli arresti che ad orologeria (nel giorno del nob day) avevano l’obiettivo di distogliere i media e le persone. Chi ha strumentalizzato addiopizzo è sicuramente la televisione non certo gioacchino, persona stupenda e paladino della verità.
      NON CADETE NEL TRANELLO DI QUALCUNO CHE VUOLE METTERCI UNO CONTRO L’ALTRO.

    31. Quello che Genchi dice sui due arrestati è facilmente verificabile tramite gli articoli wikipedia che parlano di loro con relative fonti. Capisco che la gente andata lì spontaneamente per esultare possa sentirsi offesa da queste affermazioni ma attenzione a non spostare il problema, nulla toglie che insieme a loro ci possa essere stata gente “organizzata”..

    32. Sono seriamente destabilizzata.

    33. Ripeto…
      più che puzza c’è feto, e non è la munnizza che sta tornando a seppellirci.
      Direi che sono tempi molto bui.

    34. Scusate,ma a me non sembra che nel video Genchi abbia fatto riferimento ai ragazzi di Addiopizzo quando ha parlato di messinscena e di gente organizzata davanti la questura.
      Le manifestazioni dei ragazzi di Addiopizzo e di tutti coloro che “spontaneamente” si sono ritrovati lì a gioire per la cattura di due boss,per quanto ruderi fossero,sono,come scrive Stefania Petix,sono “quanto di più bello e normale abbia prodotto questa terra”.
      A me sembra molto più fazioso e vomitevole la forzatura del significato delle affermazioni fatte da Genchi da parte di chi ha postato il video.
      Così si viene a creare un falso problema e si corre il rischio di metterci gli uni contro gli altri e questo non possiamo proprio permttercelo.Lascio a Genchi il beneficio del dubbio,ma le sue parole non mi sembrano vomitevoli nè le sue affermazioni così inverosimili

    35. Probabilmente Genchi è stato imbeccato male dall’amico poliziotto che avrà fornito una notizia non fondata. Lui si è fidato ed ha preso una cantonata. E’ sicuramente un errore da sottolineare ma da non stigmatizzare in maniera esagerata come fà il Siino. La cosa che più deve allarmare è quanto invece consegue dal resto dell’intervento e puntualizzato in maniera impeccabile dalla Petix.
      Nonostante l’errore ed i suoi atteggiamenti che a primo acchitto non ispirano fiducia, Genchi rimane un servitore dello Stato che merita la solidarietà dei cittadini onesti.

    36. Cerco di rispondere, spero in modo esaustivo, alle domande poste dalla petix:

      – è vero che su Gianni Nicchi pesava una condanna di lo piccolo e che quindi era più un “morto che cammina”
      che l’astro nascente di cosa nostra?
      Falso. Infatti, se è vero che dopo l’arresto di Rotolo e di tutto il suo clan (giugno 2006), Nicchi -uno dei pochi scappati alla retata- e figlioccio dello stesso Rotolo, era stato interessato da un progetto omicida da parte del clan rivale dei Lo Piccolo, è altrettanto vero che dopo l’arresto dei Lo Piccolo e di tutti i loro affiliati (oltre 80 arrestati con le operazioni addiopizzo 1,2,3 e 4 – novembre 2007/giugno 2008), il regno dei Lo Piccolo è sostanzialmente finito. Da quel momento Lo Piccolo e c. sono definitivamente fuori gioco, caput… così il Nicchi che da sempre ha esercitato la sua influenza nella parte orientale della città (mentre quella occidentale era sotto il controllo dei Lo Piccolo), ha esteso il suo controllo su tutto il mandamento di Pagliarelli, Porta Nuova e Noce, nei quali era certamente al vertice assoluto, con influenza anche nelle zone di brancaccio e bagheria. Ciò risulta in modo chiaro ed inconfutabile da diverse operazioni di polizia, fra cui l’operazione c.d. Perseo e Old Bridge. In altre parole, al momento dell’arresto il Nicchi non solo era operativo ma svolgeva funzioni direttive all’interno di Cosa Nostra con particolare riferimento alla gestione del pizzo e degli appalti… altro che morto che cammina. Figuratevi che il giorno prima di esser arrestato, girava liberamente in città: prima un aperitivo da Felix, poi una cena alla Mensa del Popolo, per poi tornare da Felix…

      – é vero che fidanzati non è in condizioni di stare in carcere e che quindi tra qualche tempo ne dovrà uscire?

      E’ successo in passato. Ma sulle “facili” uscite dal carcere ci andrei cauto. Un fatto certo e inconfutabile è che il Fidanzati Gaetano (insieme al fratello Stefano arrestato nella primavera del 2009 per mafia) fino all’operazione Perseo (dicembre 2008) era l’incontrastato capo della famiglia mafiosa dell’Arenella, dove controllava sostanzialmente tutti gli appalti e le imprese operanti sul territorio.

      – è vero che la cosa era nota a chi lo ha catturato?
      a questa domanda ho già risposto attraverso le precedenti. quindi non è vero.

      – è vero che alcuni poliziotti sono arrivati a provare vergogna per una pantomima, una sceneggiata o come vogliamo chiamarla?
      In merito posso solo dirvi che tutti gli uomini della catturandi che hanno arrestato il Nicchi hanno gioito per la loro brillante operazione, insieme al Comitato Addiopizzo in un clima di spontanea gioia che di pantomima o sceneggiata nulla aveva.

      – la storia dei pullman è inventata o in parte vera?
      Falsa. Oltre al comitato addiopizzo e company (e ovv. ai parenti del Nicchi e ai giornalisti) davanti la Squadra Mobile, c’erano pochi altri curiosi. Nessun altro, nè gruppo organizzato, nè pulllman. Questa notizia è assolutamente inventata e chi c’era lo potrebbe tranquillamente testimoniare…

    37. Ma scusate chi sono questi che sono arrivati in pullman? io li c’ero e non ho visto nessuno che non avevo mai visto prima.
      Concordo su quanto detto da FOREUT.
      Tra l’altro mi pare che fidanzati fosse uscito nel 2006 per fine pena non per malattia

    38. Quel pomeriggio io ero davanti la squadra mobile e pulman o affini neanche l’ombra, non capisco come si possa minimamente pensare a qualcosa di poco chiaro riguardo a dei ragazzi che finalmente hanno il coraggio di spendersi in prima persona, di mettere il proprio cuore, la propria passione, e scusata se è poco, la propria faccia per festeggiare la cattura di un mafioso.
      Ragazzi, ricordamio tutti, che hanno voglia di cambiare, che combattono per tutti noi senza risparmiarsi.
      Questa città ha una grande occasione di riscatto, di risollevare la testa, anche grazie a loro.
      Dobbiamo prendere al volo questa occasione, ricordare che ognuno di noi può fare qualcosa, se lo vuole!!
      Siamo artefici del nostro destino, per la miseria!!!

    39. @ Fore Ut
      grazie mille per le informazioni, la tua risposta mi conforta.

      avrei voluto esserci anche io davanti la questura, e non come striscia ma come siciliana con le palle rotte da questa feccia che ci ha marchiati a vita.
      in realtà, dovremmo esserci tutti ….e prima o poi voglio credere che ci saremo.
      dai non molliamo!

    40. Stefania Petix se solo non lavorassi per striscia la notizia saresti proprio perfetta…6 grande.

    41. Genchi non parla di Addiopizzo? Dice «hanno organizzato una messinscena davanti alla Questura, portando le persone loro, coi pullmann, per organizzare quell’apparente solidarietà alla Polizia». Chi erano le persone? Quale apparente solidarietà? Ah forse parlava dei parenti di Nicchi! Ma per favore. Parole vomitevoli che ci vogliono impedire persino di alzare la testa e di dire che «La Sicilia quella vera siamo noi!».

    42. Secondo me si contraddice, prima afferma che gli arresti sono il frutto del lavoro investigativo della polizia, che non ha ricevuto alcun aiuto dal governo.
      Poi dice che l’arresto è stato organizzato dal governo.
      Mah, mi lasciano perplesso anche le parole su nicchi, sminuire un arresto di tale importanza mi sembra grave.
      Fino a prova contraria era il mafioso più pericoloso di Palermo, non uno qualunque.

    43. Io davanti alla questura ci sono andato da solo, dato che intorno alle 15 era in rete la notizia dell’arresto di Nicchi. Io ho pensato invece che di purtoppo di gente davanti alla questura non ce n’era molta, mi sarei aspettato molta più folla. Per il resto quoto il primo post di Stefania Petyx e mi aggiungo ai perplessi rispetto alla frase di Genchi sul: “qui sta succedendo uno schifo”.

    44. Mi ha colpito molto la frase di maroni quando, subito dopo l’arresto, nell’esultare per le catture ha detto che qualcuno magari avrebbe parlato di arresti ad orologeria……….come si dice in latino “excusatio non petita accusatio manifesta”.Cmq esulto anch’io per le catture dei mafiosi ma voglio capire meglio.E poi non capisco come nn indignarsi per le parole di un rappresentante dello stato che lancia delle pesantissime accuse ai magistrati dicendo che forse hanno pagato il pentito spatuzza.Se ledichiarazioni di Genchi sono vomitevoli queste come sono?

    45. Tony: ma cosa ti fa pensare che parli di Addiopizzo? Evidentemente si riferisce ad altre persone presenti alla manifestazione.

    46. Il caro sig. Genchi dice che l’arresto è da attribuirsi esclusivamente alle forze dell’ordine e che il governo non abbia alcun merito. Punto di vista discutibile, ma facciamo finta di accettarlo.
      Subito dopo dice che gli arresti sono stati organizzati dal governo per favorire l’immagine del presidente del consiglio…°_°
      Ma come, non aveva detto che il merito degli arresti eccellenti era tutto delle forze dell’ordine e dei magistrati?
      Mi meraviglia il sig. Di Donna che lo segue a testa bassa…
      °_° Rabbrividiamo…

    47. E’ ovvio che maroni ha dichiarato che “qualcuno magari avrebbe parlato di arresti ad orologeria”… perchè De Magistris a quanto pare lo stava dichiarando al no b day

    48. Io quel pomeriggio ero presente davanti alla Questura di Palermo e posso testimoniare che a gioire per la cattura eravamo davvero in pochi,(peccato!!!), a parte i Ragazzi di AddioPizzo,poca gente comune e molti giornalisti. Sono comunque felice di avere vissuto quel momento,sin dall’arresto in Via Juvara,e testimoniare di cio’ anche ai miei figli,anche loro presenti, e che sono ancora in eta scolare, facendo vivere loro il sacrificio che compiono giornalmente tutti quanti indossano una divisa per la difesa della legalita.Questo e’ quello che dovremmo fare noi genitori,iniziare gia dalla tenera eta’,ad inculcare ai nostri figli la lotta verso chi ci opprime togliendoci ogni diritto alla liberta e alla legalita.Non dimentichiamo mai chi e’ stato battuto dalla mafia,ricordiamoci sempre che “LE LORO IDEE CAMMINERANNO SEMPRE CON LE NOSTRE GAMBE”

    49. Le parole vomitevoli sono quelle di chi crea queste polemiche guardando il dito invece che la luna.

      Gioacchino e AddioPizzo stanno entrambi dalla stessa parte!
      Che siano arrivati in pullman o in bicicletta non cambia una virgola: la gente in buona fede è stata mobilitata da qualcuno che sta in alto, che sapeva della cattura, per creare la sceneggiata!

    50. Siino i tuoi post sono davvero vomitevoli…perchè non parli dell’informazione monopolizzata, manipolatrice e fasulla che abbiamo in questo paese? il tuo unico obiettivo è quello di creare scalpore con i tuoi vomitevoli post sparando m..kiate a ripetizione.

    51. Walter da chi? Fai il nome che sono curioso.

    52. Genchi avrebbe dovuto aggiungere nella sua informata ricostruzione che Fidanzati è stato catturato da Alessandro Giuliano, figlio di Boris, capo della squadra mobile di Milano. Abbia il coraggio di dire che il dott. giuliano ha catturato Fidanzati avendo ricevuto una telefonata dall’alto! Oppure taccia.

    53. e’ evidente che questi arresti come dice Genchi sono ad orologeria, bisognava oscurare il no b-day e la bomba atomica di spatuzza….. come con il caso Marrazzo bisognava oscurare le primarie del PD, le manifestazioni davanti la questura sono chiaramente preordinate, non so se addiopizzo e’ complice o meno, ma quella bandiera italiana…l’inno di mameli…..boooo?….

    54. Sono d’accordo con Stefania Petyx. La sua sintesi e il suo ragionamento, mi sembrano, tra quelli che ho letto, i più centrati. Aggiungo però una cosa, che forse non è chiara a tutti: Genchi ha detto queste cose mentre presentava in Friuli il suo ultimo libro. Sarà un caso? Dietrologia per dietrologia, cercava forse un po’ di pubblicità? Se così fosse, sarebbe ancora più stomachevole. Mi piacerebbe poter dire, come fa qualcuno, “Genchi e Addio Pizzo sono dalla stessa parte”. L’opinione che ho, purtroppo, è ben diversa e più grave: credo che Genchi stia solo dalla sua parte. Dice alcune cose sensate (i meriti sono delle forze dell’ordine e dello Stato, che è cosa ben diversa dal governo, soprattutto questo che taglia colpevolmente mezzi e strumenti), aggiunge un pizzico di dietrologia (la concomitanza arresti e No-B-day, forse anche voluta, ma Amen)e spara anche una serie di str… corbellerie (la storia dei pulman). Tutto questo serve certamente a Lui, per creare un’aura di sospetti e interesse, che lo rende un personaggio a cui qualcuno pubblica un libro e che alcuni (forse anche molti) compreranno e leggeranno. Che si prenda per oro colato tutto quello che esce dalla bocca di un personaggio qualunque, oggi Genchi domani un’altro, anche se in buona fede, credo sia quanto di peggio si possa fare alla stessa lotta alla Mafia. Che alle volte, ha bisogno anche di un po’ di silenzio, senzo di responsabilità, se serve a non dare argomenti (dunque forza) a chi nelle connivenze Mafia-Politica (che pure esisteranno) ci sguazza. Su Addio Pizzo e tutti gli altri che vanno a festeggiare, posso solo dire: fate bene. Capisco anche che ad alcuni possa sembrare un’ingenuità, che vi rende inconsapevolmente comparse negli spot di questo governo. Ma non è un argomento e un ragionamento che mi interessa. Anche se mi interrogo su quanto sarebbe giusto e utile, dimostrare solidarietà alle forza dell’ordine e alla magistratura, riuscendo ad avere la stessa visibilità, anche quando si lamentano perché non hanno la benzina. Da cittadina, credo che in questo senso, dovremmo fare tutti di più.

    55. @antonellacortese

      molto molto ingenua….

    56. ma come si fa ad essere tutti davanti la questura?spesso dal momento della cattura all’arrivo in questura passano 30/40 minuti, molti neanche sanno che il boss è stato catturato perchè giustamente non si va a consultare il sito dell’ansa ogni 3 minuti, soprattutto quando non si è a casa.
      Pro lo bianco, anche il suo cervello sembra essere ad orologeria, va a intermittenza…fa tic toc.

    57. @bir hakeim

      spero che il mio cervello rimanga tale, e anche se ad
      intermittenza capisca la verita’……

    58. Quando ho sentito la notizia sono andato da buon cittadino ad esultare per una nuova vittoria..
      Forse il signor Genchi non sa cosa significhi festeggiare per la legalità..
      Sa solo festeggiare per la vittoria di una squadra di calcio??
      la gente sta impazzendo..
      Signor Genchi sarà mica che tutti quei poliziotti con le “maschere in testa” erano degli attori ingaggiati da qualcuno più in alto?? lo chieda hai veri poliziotti che conosce lei.. Mha…

    59. @ prof. lo bianco: ingenua cosa o chi? vorrei capire meglio.

    60. @nat
      molto molto ingenuo….

    61. @ prof lo bianco: ma come si fa a chiedere “la bandiera italiana”? “l’inno di mameli”? non sarò una nazionalista, ma paupetate suina, capisce la differenza tra “Governo” e “Stato”? Come ci dovevano andare? Con le bandiere di Forza Italia o con quelle di Rifondazione? O con quelle di Addio Pizzo per non fare torto a nessuno? Magari con la Trinacria? Oppure che dice, togliamo i ritratti dei presidenti della Repubblica dagli uffici, perché comunque li elegge qualcuno? Ma che paese è? Ci sono andati col tricolore, la stessa bandiera che avvolge le bare dei “servitori dello Stato” quando li ammazzano, perché da servitori dello Stato e non di questo o di quel governo, muoiono. Perché la cattura di un boss, che al di là di tutto è uno che almeno un paio di omicidi li ha fatti o li ha ordinati, è una vittoria dello Stato sull’antistato.

    62. @antonellacortese
      le sue ingenue osservazioni avvalorano ancora di piu’ le affermazioni di Genchi

    63. ” Vomitevoli ” è la parola giusta, dice tutto…

    64. @ lo bianco: forse abbiamo semplicemente pareri diversi. Per quanto mi riguarda, preferisco essere un’ingenua, che non riesce a non vedere del male o quanto meno degli errori anche in Genchi, che un’ingenua convinta che sia così facile fare una bella linea di demarcazione e dividere nettamente i buoni dai cattivi e preferisco essere un’ingenua che non ha bisogno di ripetizioni di educazione civica o diritto pubblico e costituzionale.

    65. Non capisco come i ragazzi di addiopizzo notoriamente di sinistra possano essere andati sotto la questura per festeggiare l’arresto di Nicchi con l’intento di aiutare il governo di Berlusconi…

    66. siino non sai nulla di quello che può accadere all’interno dei corpi di polizia. Certamente Genchi ne sa più di te e non spara “siinate” con leggerezza solo per farsi pubblicità. L’unico che qui vuol farsi pubblicità a tutti i costi sei tu siino da mediocre esperto di marketing quale sei.

    67. Mappo ti invito a essere rispettoso nei tuoi commenti e a rimanere in tema. Grazie.

    68. Sono un ex appartenente alle forze dell’ordine. Ho lavorato anche alla sezione catturandi di Palermo per circa sette anni. Conosco bene i giochi di potere che ruotano attorno a questo particolare aspetto dell’attività investigativa delle forze di polizia, ma sia per pudore che per serietà ometterò di elencare una serie di elementi acquisiti con l’esperienza personale. la cultura del sospetto e la dietrologia spicciola non mi appartengono e pertanto do poco peso alle parole di qualcuno che si esprime con accenti e pareri sicuramente degni di essere definiti “vomitevoli”. Su questo aspetto non mi vorrei soffermare più del necessario: ognuno di noi può sbizzarrire la propria fervida immaginazione, lasciandosi andare nell’esprimersi con teroremi e disegni degni del più articolato Le Carrè, ma non riesco assolutamente a condividere lo sdegno di chi, come Siino, si inalbera quando qualcuno sottolinea la presenza di appartenenti alle forze di Polizia sotto le finestre della questura (sono elementi SEMPRE presenti in tali circostanze), omettendo di sottolineare che l’esiguo numero di presenze sia in dolorosa sproporzione al numero di abitanti di una metropoli come Palermo, che non può andare orgogliosa del fatto che, ad esultare, ci fossero alcune decine di persone tra le quali anche agenti in borghese. A chi obietta sul breve lasso di tempo intercorso tra la cattura e i festeggiamenti vorrei far presente che non esiste un movimento di massa con numeri “impressionanti” tale da poter organizzare una manifestazione che possa mostrare gratitudine alle forze dell’ordine, e che tale iniziativa non è stata mai presa se non all’indomani del periodo “stragista”. Alla prof.ssa Lo Bianco che catechizza con l’aggettivo “ingenuo” coloro che esprimono perplessità diverse dalle sue, vorrei far presente che ad essere ingenua è la sua semplicistica grossolana ed arrogante idea di come vengano orchestrate le vicende italiane. Infine, solo per il bagaglio d’esperienza che mi porto appresso vorrei ricrodare come sia tranquillamente possibile (perchè è successo in infinite simili circostanze)seguire le tracce di un latitante per + di una settimana ed intervenire solo al momento “opportuno”, lasciando decidere agli altri (superiori gerarchici, oppure magistrati, oppure ministri degli interni) quale esso sia. E’ capitato anche che a seguire le tracce del latitante non fossero necessariamente e propriamente persone appartenenti alle forze di polizia. E con questo non voglio insinuare nulla nè alimentare alcun sospetto. La mia è solo pura e semplice esperienza professionale.

    69. Non conosco Genchi….ma resto allucinato dalle sue affermazioni su complotti “pubblicitari” atti a distogliere lo sguardo da una notizia per indirizzarlo su di un’altra….
      Quando si esegue un arresto di tale peso ci si prepare per mesi,anni e farlo accadere nel momento più opportuno,politicamente, è praticamente impossibile!!!!
      Ma più di tutto mi colpisce, nel filmato di Genchi, l’assurda coincidenza tra le sue affermazioni e l’appuntamento che (lui o chi ha inserito il filmato ) ci dà, per recarci in libreria ad acquistare il suo libro……
      Questa si che mi suona come una bella campagna pubblicitaria!!!!!

    70. Inviterei questo Genchi a contare quanti siano i fan della catturandi su facebook, al momento siamo in 6.331. Sono daccordo con chi dice che spesso quando si sa’ che hanno catturato un latitante e’ gia’ troppo tardi per raggiungere gli altri ragazzi che si trovano davanti la questura, ed e’ anche normale che ci siano tanti poliziotti in borghese con i ragazzi di addiopizzo proprio perche’ sono i primi a saperlo magari perche’ la voce circola subito tramite sms tra di loro. Per il resto la lotta alla mafia non ha un colore politico e tutti questi discorsi inutili riguardante il fatto che i giovani di Addiopizzo possano servire da spot per questo governo sono solo sciocchezze. I ragazzi di Addiopizzo sono la speranza per questa terra ed uno spot per quei giovani anche della provincia (vedi Calatafimi, e’ stata una sorpresa sentirli fischiare contro un mafioso, ed erano solo giovani…del luogo, senza pullman organizzati) che si stanno rendendo conto di quanto la mafia ci abbia tolto il futuro e la speranza di vivere in una terra civile dove sia possibile aprire un’attivita’ in santa pace senza subire le pressioni di delinquenti come Nicchi la cui prostata mi sembra apposto per l’eta’ che ha. Mi rivolgo ai ragazzi di Addiopizzo, se fosse possibile attivare un canale per ricevere immediatamente la notizia di un arresto io verrei a saltare con voi sia adesso che c’e’ Berlusconi sia in futuro se dovesse esserci un governo di sinistra, perche’ alla mafia non credo interessi poi tanto chi ci sta’ al governo tanto i suoi affari sporchi con la droga, con le estorsioni, con lo sfruttamento della prostituzione e dei parcheggiatori abusivi e chi piu’ ne ha piu’ ne metta continua a farli adesso, li ha fatti quando c’era Prodi, li ha fatti quando c’era la DC ed il PSI. Genchi…come Travaglio spara a zero per vendere libri…Saluti a tutti e viva i ragazzi di Addiopizzo!

    71. Non so se Antonio è veramente un ex appartenente della catturandi, ma la sua analisi mi sembra la più realistica.
      Anche in questo caso scagliarsi a priori contro le parole di genchi mi sembra grossolano, riduttivo e soprattutto bisognerebbe sapere cosa ha detto per intero.

    72. Ho rispetto per l’esperienza professionale di antonio che ci racconta che la giustizia ad orologeria esiste. Ma vorrei rispetto anche per chi ha catturato Fidanzati. Alessandro Giuliano, capo della squadra mobile di milano, non avrebbe mai deciso di intervenire per motivi di “opportunità politica”. Purtoppo ha il vizio di papà Boris, il quale non esitava, come raccontano i suoi colleghi, a “chiudere il telefono in faccia” al Questore di turno che facesse richieste di questo tipo.

    73. @antonio

      io non “catechizzo” ma conosco la storia di questo paese, delle stragi di stato, dei servizi deviati,dei poteri massonici,degli intrecci polico/mafiosi… la storia insegna, e non vorrei aspettare trenta anni per conoscere la verita’, o che la gabanelli di turno tra qualche decennio mi spieghi la sua versione.

      Distinti saluti

      prof.teresa lo bianco

    74. @prof. teresa lo bianco.
      Riguardo all’ingenuo non credo che lei si possa permettere di dirmi una cosa del genere.
      Poi il fatto che denomini con l’abbreviazione pof. Mi sa di classista.
      Se vuole ci possiamo vedere a palermo per scambiare due chiacchere davanti a un caffè. Cosi mi darà o ci darà se qualcuno si vuole unire una delucidazione sull’ingenuo.

    75. A mia pi fissa un mi ci pigghiano!
      Il picciottello s’era allargato troppo ed era già stato posato. Il vecchio di un’altra era è, appunto, di un’altra era.
      Hanno raschiato il fondo del barile per permettere a quello di raccontarci la favoletta del governo che sgomina la mafia.
      Sulla presenza dei ragazzi di Addiopizzo non so nulla e quindi non mi pronuncio.

    76. non so che video molte persone hanno visto, ma nel video nulla proprio nulla contro addio pizzo..ho cercato di vederlo attentamente ma niente non sento e vedo niente di nuovo..mi sembrano sempre le stesse cose e non ne usciamo..fazioso, falso, traditore..mi sembrano affermazioni da bar che tutti noi abbiamo fatto negli scorsi giorni..

      arresti ad orologeria: sicuramente!!
      armi di distrazione di massa: ma c’è in Italia qualcuno che crede che non ci sia un grande manovratore che il più grande editore del regno!!??
      polizia senza soldi:forse dimentichiamo troppo in fretta, settimana scorsa inputato non può andare all’udienza perchè a trapani nel centro di detenzione il furgone non aveva gasolio!!
      la mafia è finita:non credo proprio, solo che come tutte le cose si è evoluta, da fatto culturale a organizzazione stragista, potere oscuro, oggi è qualcosa di diverso, ma non penso che qualche boss analfabeta arrestato sia la fine della mafia!!

      invece ieri ho fatto un giro in moto nelle campagne sopra palermo e ho visto delle cose strane..tra Ficuzza e corleone stanno costruendo ponti e svincoli stradali degni di una Highway americana in mezzo al nulla e inutili sotto qualsiasi punto di vista..
      questo mi ha fatto riflettere…e parecchio!!

    77. … dov’è il risveglio delle coscienze di questi giovani? Dove sono, perchè non si aggregano, perchè non si indignano giornalmente quando la vera mentalità mafiosa delle grande maggioranza dei palermitani si esprime e si realizza abbandonando la città al degrado e alll’abbrutimento? Perchè non manifestano contro un sistema politico-mafioso che considera la cosa pubblica come un osso da spolpare? perchè in questa città amministratori incompetenti ottengono consensi plebiscitari?…. questa città ha bisogno anche di altro prima che la sua redenzione diventi impossibile!

    78. I commenti alle dichiarazioni di Genchi da parte di molti ospiti di questo Blog hanno veramente dell’incomprensibile. Sono parole di chi vuole la botte piena e la moglie ubriaca. In molti concordano con Genchi sull’anomala tempistica dell’arresto e addirittura c’è chi sposa la tesi che la cattura sia servita a distrarre l’opinione pubblica da altri fatti, quindi asserisce implicitamente che gli uomini della Questura siano diciamo così: pilotati, ma poi osannano i ragazzi di Addiopizzo che saltano davanti alla Squadra Mobile. Quello che trovo assurdo è questo: se quello che dice Genchi è vero e se i sospetti che tanti hanno sposato risulteranno anch’essi veri, saltare davanti alla Questura di Palermo, oltre a rappresentare la voglia di rivalsa contro la mafia di persone normali ecc. ecc., non sarebbe anche brindare metaforicamente all’operato di una manica di lestofanti?
      Non è possibile che sia stata carpita la buona fede dei ragazzi dell’associazione anti-racket e siano stati usati, a loro insaputa, per una pantomima orchestrata oltre stretto; oppure vogliamo accusare Genchi soltanto di lesa maestà?
      Ai ragazzi di Addiopizzo vorrei suggerire di parlare con G.G, non di litigarci, magari organizzando un dibattito pubblico al quale sarebbe importantissimo che partecipassimo tutti, perché Genchi può essere stato irriverente nei confronti dei ragazzi di Addiopizzo ma non lo è stato nei confronti di chi ha veramente effettuato l’arresto, e quello che ha detto è, a mio parere, molto più interessante di una eventuale richiesta di scuse.
      Pertanto suggerisco ancora di avanzare una richiesta d’incontro prima che l’odiato Genchi sia “convinto” a ritrattare le dichiarazioni fatte, e di non saltare subito a conclusioni affrettate del tipo “vomitevoli parole” poiché non credo che nessuno abbia messo in discussione, neppure Genchi, la buona fede dei ragazzi di Addiopizzo.

      Cordiali saluti, nicolò dal castello

    79. @ prf.sa lo bianco: crede che qui tutti ingorino certi argomenti, le ricostruzioni a cui fa riferimento, ecc..? No. Non è la sola a conoscerli. Ma da qui a dire che Genchi ha ragione al 1000 per 1000, spiace, ma ne corre abbastanza. Soprattutto quando dice che i cittadini sotto la questura erano organizzati e portati lì con i pulman. Anche perché alla luce di quegli stessi argomenti e ricostruzioni a lei tanto cari e che anche noi – o per lo meno io – conosciamo, dovrebbe sapere che i cosiddetti “tragediatori” possono annidiarsi ovunque. Spesso anzi, sono i più insospettabili. Io che non sono ingenua, affatto, il dubbio me lo tengo.
      @ Daniele: meglio che esistano però, anche se pochi. Io ricordo ancora quando la gente diceva che la mafia non esiste. Ho sentito una donna di circa 60 anni dire poco tempo fa “Giuliano – il bandito, non Boris – era un eroe perché stava col popolo, la mafia di una volta non era quella di oggi”. Ho chiesto alla signora, urlando, se era un eroe anche quando ci sparava.. sul popolo, come a Portella delle Ginestre (anche se so, lo dico per la prof.sa lo bianco, che non era il solo, con le connivenze di chi e perché l’ha fatto).

    80. Tutto giusto, ma citando Montanelli…”Addiopizzo non è la Madonna…”

    81. so di uscire fuori dal coro..ma Genchi in una parte ha ragione..quando dice che i cori alla polizia erano finti….quei ragazzi (a onor del vero e per fortuna non tutti) sono gli stessi che inneggiano contro la polizia e le forze dell’ordine tutte!!…ad ogni manifestazione…
      ragazzi..facciamo i seri…e leviamoci le fette dai prosciutto davanti gli occhi…e poi come mi spiegate tutti questi gruppi di facebook nati dall’oggi al domani pro-polizia?
      sarà stupido…ma la penso così

    82. scusate…mi pare di capire che ad un certo punto, berlusconi dopo spatuzza ed il no b-day ha preso il cellulare ed ha detto al capo della catturandi “ehi.. vada in via juvara .. che c’e’ mio figlioccio nicchi” ..e al figlio di Giuliano … “vada a milano .. che Fidanzati dal bergamasco e’ li’ che passeggia” … come a dire che sia la catturandi che la polizia sapevano dove stavano questa persone, le monitoravano costantemente… covi segreti inclusi .. ed a comando .TTAC .. ecco gli arresti ..
      boh .. io non riesco ad immaginare tanto tempismo in cosi’ poco tempo .. e soprattutto a rischio di fare scappare nicchi e fidanzati.
      secondo punto …il no b-day .. manifestazione di cui la questura dice avere coinvolto 90mila persone.. e gli organizzatori.. com’e’ ovvio .. UN MILIONE …(certo un delta di 910mila persone.. non facile da immaginare … in altri giornali ho letto che erano 350mila ) che bisogno aveva di essere coperta dagli arresti? .. lo stesso bersani ne ha quasi preso le distanze … (forse anche bersani e’ dalla parte della mafia!?!?!?!?) … se il governo avesse arrestato dopo 24 ore mafiosi di questo calibro ad ogni manifestazione contro la destra.. a quest’ora avremmo depennato la mafia.
      inoltre …
      spatuzza. … spatuzza. … ma se spatuzza avesse detto cose serie .. determinanti, inconfutabili, prove certe e circostanziate.. e non chiacchiere e tanti “non so” “non ricordo” .. non ci sarebbe stato alcun arresto che avrebbe potuto “coprire” le sue dichiarazioni …
      la verita’ e’ che la manifestazione no b-day .. esalta gli antiberlusconiani facebookkiani … ma lascia del tutto indifferenti gli altri.
      spatuzza.. purtroppo .. temo sia uno dei tanti chiacchieroni che si ripuliranno la vita (ed non la coscienza) pentendosi (ma se non s’e’ redento dopo aver sciolto nell’acido un bimbo di 10 anni .. .cosa dovrebbe farlo pentire a questo pezzo di merda!?!?!?!) … parlando di cio’ che tutti sanno .. e di cio’ che tutti dubitano.
      la verita’ e’ che resteremo un esercito di persone poco convinte che berlusconi sia il protettore dei mafiosi .. .ed un altro esercito di persone poco convinte del contrario.
      io mi preoccupo di piu’ della ns. mafia dai colletti bianchi.
      si .. .quella che sta all’ARS.
      Buon Natale a Tutti.

    83. ultima cosa… avrei stima di Genchi se quest’ultimo non avesse visto nelle intercettazioni una fonte di reddito inestimabile e se avesse continuato a fare questo mestiere.. come 25 anni fa… con una divisa addosso .. o seppur senza divisa .. in qualita’ di poliziotto.
      quando lo conobbi io, nella sede che c’era nella traversa di via ammiraglio rizzo, era dotato di apparecchi che intercettavano telefonate.. e le ascoltava mentre parlava con la gente…
      Poi, siccome ha capito che c’era da guadagnare TANTO da esterno… e’ uscito dalla porta .. e rientrato dalla finestra e guarda caso e’ stato riempito di incarichi…
      … ..
      “… chi e’ senza peccato .. scagli la prima pietra…”

    84. @alberto … come fai a dire cio’? .. li conosci uno per uno? hai un album di foto segnaletiche?
      frequenti anche tu i cortei pro catturandi e quelli contro la polizia?
      sei un giornalista? un fotografo? cosa?
      secondo me hai preso un bel secchiello di granchi.

    85. Rimane il fatto che hanno arrestato un ragazzino con il monclair ed un vecchio decrepito. Ed hanno detto di avere preso il numero 2 e il numero 3 di cosa nostra. Io, da palermitano, ho sentito puzza di bufala senza bisogno di sentire l’intervento di genchi. E forse altri avranno pensato la stessa cosa. Ai ragazzi di addio pizzo tutta la mia stima, ma l’onestà non è immune dalla strumentalizzazione.

    86. marcop
      concordo in tutto quello che hai scritto……
      ascle
      non dimenticare che il noto Provenzano era un vecchio che viveva in un casale squallido e sporco dal quale impartiva ordini tramite i famosi pizzini…..

    87. ascle … ti invito a cercare il documentario proposto su rai3 anni fa, in merito alla cattura di provenzano.
      tra le scene, c’era rotolo, nella casa di lamiera, che spiegava al ragazzino con il giubbotto bbello, a sparare in testa alla gente.
      non so con chi esci tu … io di certo non con questa gente che a quanto pare per te.. e’ normale.
      anche riina non ha aspettato di avere 50 anni per commettere omicidi … ma forse tu la storia la studi su topolino.. e quella della mafia su novella 2000.

    88. sarebbe interessante che il sig. Genchi dicesse la sua in questo blog … o devo pensare che Genchi è uno dei pochi che non conosce Rosalio?

    89. Chissa’ perche’ quando hanno preso Provenzano il giorno dopo l’elezione di Prodi invece tutti questi discorsi non si facevano…mi pare che anche la prostata di Provenzano non era in buone condizioni a quei tempi. A me tutta questa storia mi sa’ di strumentalizzazione politica. Dobbiamo solo gioire che ci siano dei lestofanti in galera e portati al pubblico ludibrio. Auguriamoci che domani vengano arrestati altri 100, e dopodomani altri 100, ed ancora 100. La mafia e’ diffusa nell’aria che respiriamo e da qualche parte bisogna iniziare per far pulizia. Invece di sminuire il lavoro fatto dalla catturandi io lascerei la politica di lato e mi schiarerei dalla parte dell’antimafia. Per tutti coloro che fanno i saccenti, iniziate a dare anche il vostro contributo denuncandole estorsioni, le raccomandazioni e proponendo qualche cosa di costruttivo. Saluti a tutti….

    90. @ tony siino
      leggiti questo link..
      Magari cambi opinione sui sospetti di Genchi.

      http://lottantanove.wordpress.com/2009/12/10/notizie-a-orologeria-importanti-aggiornamenti-alle-11e18/

      E’ riportato semplicemnte un fatto che puoi verificare tranquillamente tu da solo..
      Poi.. ci dici?

    91. Che cosa c’entra con la manifestazione a Palermo?

    92. C’entra, c’entra….

    93. MMhà, rimango basito ma non meravigliato, aspetto e mi auguro che Genchi voglia articolare queste sue dichiarazioni.
      Ne riparliamo.

    94. Idea! Organizziamo un No B Day al giorno, diciamo per un mesetto, così facciamo piazza pulita?
      A chi dice che Nicchi è un ragazzino e Fidanzati un vecchio vorrei ricordare che anche Hitler, Stalin e Pol Pot si sono “formati” da giovani e da anziani hanno continuato a “operare alacremente”.

    95. Mi pare evidente che Genchi si riferisca alla prassi, in voga ormai da anni, che prevede che il momento dell’arresto di un latitante venga seguito da copertura mediatica.
      Così abbiamo miracolosamente in diretta le immagini della cattura, e la cosa diventa notizia in tempo reale.
      Inoltre è pacifico che siano i vertici politici a stabilire se e quando far eseguire l’arresto di latitanti identificati e sotto controllo.
      Quando il momento è politicamente propizio, arriva il benestare per far partire l’operazione.
      Su questo non credo vi siano dubbi.
      E magari assieme alla diretta del trasferimento del latitante arrestato c’è qualcuno che dice “a proposito, vediamo di fare un po’ di scruscio. Avvisate i ragazzi di Addiopizzo”
      Non c’è nessuna connivenza nè alcun reato. E’ soltanto un modo schifoso (come dice Genchi) di trattare la cosa.
      Si potrebbe persino arrivare ad ipotizzare che vi sia qualcuno che chieda “chi abbiamo sottomano che possiamo arrestare? Mi servono i fuochi d’artificio. E mi servono oggi” ma sarebbe pensar male…

    96. Bravo marcop, dato che tu la storia la studi sui libri ed io su topolino, erudiscimi sul fatto che abbiamo preso il numero 2 ed il numero 3 di cosa nostra. Ciò vuol dire che manca solo messina denaro ed abbiamo sconfitto la mafia. Auguri.
      Anzi dato che siamo in tema di novella 2000, ricordo ancora le fiaccolate di addiopizzo per i Maiorana. Che poi si scoprirono a Barcellona tra vino e pupe. Mi spiace, ma ribadisco il mio concetto: l’onesta non rende immuni dalla strumentalizzazione. Se domani il capo della catturandi telefona ai ragazzi per dire che hanno arrestato il numero 4-5-6 di cosa nostra, loro ( giustamente) festeggerenno sotto la questura. Poi magari si scopre che in realtà hanno arrestato tanino un panellaro. non son certo loro i responsabili della strumentalizzazione, ma non venitemi a idre che se c’è addiopizzo è tutto garantito. Non possono mettere il marchio come le ciquita!

    97. ….ricordo ancora le fiaccolate di addiopizzo per i Maiorana.

      MA CHE DICI???????????????????????
      MAI fatto nulla del genere!

      ma cosa ti esce dalla testa-tastiera??

      MAH!
      per il resto mi rendo conto che è inutile…ma ci provo lo stesso (qualche post fà,….)

      – è vero che su Gianni Nicchi pesava una condanna di lo piccolo e che quindi era più un “morto che cammina”
      che l’astro nascente di cosa nostra?
      Falso. Infatti, se è vero che dopo l’arresto di Rotolo e di tutto il suo clan (giugno 2006), Nicchi -uno dei pochi scappati alla retata- e figlioccio dello stesso Rotolo, era stato interessato da un progetto omicida da parte del clan rivale dei Lo Piccolo, è altrettanto vero che dopo l’arresto dei Lo Piccolo e di tutti i loro affiliati (oltre 80 arrestati con le operazioni addiopizzo 1,2,3 e 4 – novembre 2007/giugno 2008), il regno dei Lo Piccolo è sostanzialmente finito. Da quel momento Lo Piccolo e c. sono definitivamente fuori gioco, caput… così il Nicchi che da sempre ha esercitato la sua influenza nella parte orientale della città (mentre quella occidentale era sotto il controllo dei Lo Piccolo), ha esteso il suo controllo su tutto il mandamento di Pagliarelli, Porta Nuova e Noce, nei quali era certamente al vertice assoluto, con influenza anche nelle zone di brancaccio e bagheria. Ciò risulta in modo chiaro ed inconfutabile da diverse operazioni di polizia, fra cui l’operazione c.d. Perseo e Old Bridge. In altre parole, al momento dell’arresto il Nicchi non solo era operativo ma svolgeva funzioni direttive all’interno di Cosa Nostra con particolare riferimento alla gestione del pizzo e degli appalti… altro che morto che cammina. Figuratevi che il giorno prima di esser arrestato, girava liberamente in città: prima un aperitivo da Felix, poi una cena alla Mensa del Popolo, per poi tornare da Felix…

      hai letto?

    98. mi sembrano sterili polemiche.
      Come i facili trionfalismi non rendono la situazione.
      Morto un papa se ne fa un altro.Non so se mi sono spiegato.Quelli ricopriranno le posizioni,se non l’hanno gia’ fatto.La Sicilia ha una copertura mafiosa capillare,almeno cosi’ si dice.
      Non si muove foglia che qualcuno non voglia.
      Quindi tutti i giorni dovremmo assistere ad arresti per mafia.Nemmeno le carceri sarebbero sufficienti.
      E poi ci sarebbe da fare prevenzione.
      Cosa si fa nella prevenzione?
      Praticamente nulla.
      Con Sud e isole abbandonati al loro destino,senza lavoro e prospettive.
      Chi di voi ha seguito Exit su La 7 il 9 dicembre?
      Disarmante testimonianza di un imprenditore pur messo sotto scorta.Ancora piu’ disarmante la dichiarazione del procuratore Piero Grasso:l’80% (ottantapercento)
      dei fondi europei finisce in truffe a danno della Comunita’.Chi di voi riesce ad intercettare un finanziamento benche’ minimo?Pero’ altri ne sono maestri

    99. Il link che ti ho inviato c’entra eccome con la manifestazione a Palermo.
      Perche’ se è vero che il “Giornale” ha pubblicato ,nella sua pagina internet,la notizia dei due arresti prima che venissero fatti è possibile anche che la manifestazione, se non organizzata,sa stata manipolata per dare piu’ risalto all’importanza della cattura dei due latitanti.

    100. Posto che alla fiaccolata organizzata per i maiorana c’erano anche esponenti di addio pizzo, apprendo dalla arcigna ricostruzuone di pequod che il nicchi ( che sei un carabiniere?) era illustre esponente delle cosche di mezza palermo, e che come tale la Mafia non esiste più. Provenzano si nascondeva in un casale in montagna, il Nicchi a passeggio pr la città. Immagino quindi quanto sia stato difficile scovarlo tra la champagneria e il felix.
      Nessuna coincidenza col fatto che dopo le parole di spatuzza hanno preso il Nicchi.
      Hanno messo il bollino ciquita sull’arresto di nicchi, quindi trattasi di padrino duro e puro.
      Quando vi diranno che Paperoga era il braccio destro di messina denaro, verrò con voi a festeggiare sotto la questura. Chissà che non ci tirino anche dei dolciumi.
      Auguri.

    101. Alcune osservazioni:
      @ luca ti confermo: sono stato un Maresciallo dei Carabinieri per oltre un ventennio, non avrei alcun motivo per millantare una professione così delicata.
      @ Prof.ssa Lo Bianco pesisto nell’idea che la sua sia un’arroganza ed una spocchia a dir poco pittoresca! Adesso afferma di conoscere la storia: orbene, nel caso fosse a conoscenza delle verità oscure su delitto Mattei, Stragi varie, Ustica 1980 ecc ecc. non lesini di erudirci tutti in merito, sarebbe la dimostrazione palese che, dove non sono riusciti ad arrivare fior di magistrati onesti e preparati e numerosi investigatori Lei è giunta! Se quell’apposizione così poco elegantemente riportata nel nick corrisponde alla professione didattica,è l’ennesima dimostrazione di come all’interno della nostra scuola esistano docenti privi di equilibrio dialettico che, anzichè far propria l’umiltà socratica del “so di non sapere”, sposano la dottina “sgarbica” del ” so tutto e posso parlare di tutto”… riservi i suoi giudizi per gli alunni: in questo contesto siamo tutti Suoi colleghi di blog…

    102. @ascle il tuo sarcasmo serve a poco: Nicchi era un esponente di spicco e “rampante” in seno all’organigramma mafioso palermitano. Che il suo arresto venga strumentalizzato poco ha che vedere con il peso specifico della sua figura. Se proprio ci tieni a saperlo, allo stato sono pochissime le persone in libertà che possono vantare un’eguale peso. L’analisi più indicata in questo contesto storico è propio quella che parte dal’aspetto anagrafico del Nicchi: se a poco più di trent’anni ci si ritrova a reggere un mandamento così vasto, è indice di un’estrema dificoltà in cui versa attualmente la dirigenza della “cupola”. Diverso è lo stato attuale della “mentalità” mafiosa: quella è ancora ben radicata nel territorio e non si sconfigge con la repressione e con il contrasto delle Forze di Polizia….

    103. ma questa mafia e’ o non e’ un’organizzazione segreta?
      Quando girano i nomi mi pare che il segreto e’ andato
      a farsi benedire.Obiettivamente emergono alcune contraddizioni.

    104. Beh, Giorgio, la mafia di segreto oramai ha ben poco… e, nel caso in questione, sarebbe opportuno che tu rammentassi le parole di Rotolo su Nicchi, carpite nell’oramai celeberrima intercettazione ambientale all’interno del capannone…

    105. e inoltre…sempre Giorgio, se a noi del popolino deve rimanere segreto il nome del “boss”, mi spieghi come faremmo a farne il nostro referente mafioso e come potremmo portargli “rispetto?”

    106. non vedo cosa c’entriamo noi.La gran parte di noi,pur vivendo in una citta’ come Palermo,conviviamo con un fenomeno di cui abbiamo scarsissima percezione,
      al massimo il contatto col posteggiatore abusivo.
      Ne’ e’ nostro compito dare la caccia ai mafiosi.
      Se i nomi sono noti,zona x zona,in tutta la Sicilia,
      le catture dovrebbero essere a rotazione continua.
      Perche’ non succede?
      Vogliamo fare un esercizio?
      Prendiamo Palermo.Rione x rione.Chi sono i boss del rione?Chi sa fare un elenco?

    107. @Giorgio le tue parole sono l’emblema di ciò che ancora è ben radicato nel territorio palermitano: tu ne sei uno spiacevole esempio:”Cosa nostra non è “cosa mia”…io mi faccio gli affari miei… non aggiungo altro… la tua scarsa percezione del fenomeno è una colpa, non un merito… “acqua mi vagna e ventu m’asciuca…” si dice a Palermo.

    108. mi apettavo questo tipo di replica.
      Qui c’e’ gente convinta di combattere cosa nostra con qualche manifestazione di piazza.
      Se io mi facessi gli affari miei,non avrei scritto,anche su questo post,quello che ho scritto.
      E non mi pare mi stia facendo gli affari miei.
      In questo momento c’e’ sicuramente molta gente che si sta facendo gli affari propri,gente che sta in affari,e che piu’ o meno consapevolmente sta al gioco di altra gente di malaffare.
      Ho dato visibilita’ a quanto affermato dal Procuratore Grasso quando ha parlato dei Fondi Europei,e l’ho fatto io e non tu.Ha detto che l’80% e’ oggetto di truffe.
      Lui lo ha detto ed io l’ho ripetuto.
      E’ un argomento che avete lasciato cadere.
      Come lasciate cadere anche un minimo tentativo di capire meglio ,e descrivere,il fenomeno mafioso e contribuire veramente a contrastarlo.
      Contrastarlo sapendo distinguere il bene dal male,il giusto dall’ingiusto e non sparare continuamente a zero su fatti e situazioni nemmeno conosciuti.
      I poliziotti non credo abbiano bisogno di fan’s.
      I chirurghi che salvano vite tutti i giorni e rischiano l’infarto per trovarsi continuamente in situazioni limite,non hanno fan’s.E cosi’ tanta altra gente
      che fa lavori difficili.
      Qui si sono sono superati i 100 commenti,ma ancora non ho capito se qualcuno ha chiaro cosa c’e’ da fare per
      debellare questo fenomeno.Fenomeno che e’ stato pure esportato,e che,all’occorrenza,potrebbe tornare
      rapidamente.Ed intanto la confusione regna sovrana con
      accuse fino ai massimi livelli.Ed il teatrino continua.

    109. Antonio
      ti do il Link di un post che giunge l’11 dicembre
      dopo un mio commento del 10 dic in cui l’argomento e’ stato solo sfiorato.Questa e’ sinergia.

    110. Altroché se è chiaro cosa si dovrebbe fare. 30 anni di TV commerciale hanno macinato i valori degli italiani, hanno creato una società spazzatura, 30 anni di TV di qualità potrebbero riformare in senso etico la società. Forse. Una spiga nasce da un chicco di frumento intero, non dalla farina ottenuta macinando il chicco.

    111. L’ho gia’ scritto da qualche parte
      .
      Il 50% dei lettori nei blog
      non capisce quello che legge.
      .
      aggiungo
      c’e’ una buona percentuale di commentatori di blog
      che non sa quello che scrive.

    112. pepe’
      dalla concomitanza oraria mi pare chiaro che tu sei fuori discussione.
      .
      Certo,la TV potrebbe svolgere ruoli educativi

    113. Non mi è chiara la concomitanza oraria, sorvolo. 100 persone discutono inutilmente a mio avviso riguardo ad argomenti di cui ignorano tutto tranne ciò che appare, tranne uno dei commentatori che sembra capace di inquadrare abbastanza bene le apparenze in una cornice si supposizioni sensate e ragionevoli. Come in ogni buon signor iceberg che si rispetti, il lato nascosto è il più pericoloso ed quello che non ha rilevanza penale. Bene o male ai delinquenti patentati ci pensano le forze dell’ordine e i giudici. La società civile invece è andata allo sbando, non si spiega altrimenti la crescita di potere della Lega Nord, che è una reazione all’instabilità. Non è che le altre società europee siano migliori della nostra, ma se c’era una possibilità di fare dell’Italia un posto migliore di tanti altri essa è andata persa 30 anni fà, quando è iniziata la campagna di massa per creare bisogni indotti e desideri insaziabili. Interrogarsi su chi governava 30 anni fà non è un esercizio inutile, a mio avviso.

    114. @ giorgio caldamente mi auguro che l’ultimo tuo commento non fosse indirizzato al sottoscritto: saprei adottare argomenti altamente concreti per replicare… per quanto concerne, invece, le tue osservazioni in merito a ciò che hai prodotto precedentemente intendo sottolineare come serva a poco che tu ti adoperi per pubblicare link o fornisca informazioni utili sulla cronaca del fenomeno quando poi con leggerezza ti lasci andare ad affermazioni del tipo ” non vedo cosa c’entriamo noi che conviviamo con un fenomeno del quale abbiamo scarsissima percezione…”: elencare gli atti di buon senso e di collaborazione dei quali ti sei reso protagonista non costituisce un alibi sufficiente ad attribuirti un’aura di probità e fattività nelle attività di contrasto, anche solo dialettiche, del fenomeno mafioso; quando fai delle affermazioni pesanti come quelle da me virgolettate produci più danni che benefici perchè è sufficiente che qualcuno condivida o sposi il tuo pensiero per rovinare tutti i tuoi nobili sforzi… ben vengano i “fans” delle Forze di polizia se per “fans” si intendono coloro che manifestamente e con azioni pubbliche lodano l’impegno e lo sforzo dello Stato nelle attività di contrasto al fenomeno mafioso: sino ad oggi mi pare che in Sicilia si contino molti più “fans” della mafia che non degli “sbirri”… infine solo per un attimo assurgo a ruolo di “moderatore” nel blog per sottolineare come, qualora si affrontassero in questo post gli argomenti per i quali tu ci accusi di aver “lasciato cadere”, si andrebbe inevitabilmente fuori tema, essendo questo un post dedicato alle affermazioni di Genchi e alle manifestazioni “pilotate” o meno….

    115. pepe’
      ti chiarisco la concomitanza oraria.Il mio commento delle 9,22 faceva seguito al mio commento delle 9,00
      e quando l’ho riletto dopo l’invio ho visto nel bel mezzo il tuo commento delle 9,22.
      Ora,uno che leggesse di fretta,potrebbe pensare che il mio commento delle 9,22,che e’ alquanto sgradevole
      (ma anche in questo caso la stima del 50% ha una fonte giornalistica),sia riferito a te.
      Ho voluto chiarire.

    116. Antonio,scrivendo tu la frase
      …se a noi del popolino deve rimanere segreto il nome del “boss”, mi spieghi come faremmo a farne il nostro referente mafioso e come potremmo portargli “rispetto?”…
      mi dici cosa vuoi dire?
      Io non conosco ne’ so chi sono e se ci sono questi boss
      di quartiere.
      Che faccio,mi metto addosso un cartello con la scritta
      “cercasi boss da entrare in contatto?”
      .
      Comunque continua il vezzo tipico di alcuni commentatori di trasferire sul piano personale gli argomenti della discussione,e fare il processo ad intenzioni.
      .
      Le manifestazioni davanti la questura ,l’avrai capito,non mi interessano.Cio’ non vuol dire che
      io tolga merito a chi da’ la caccia ai mafiosi.
      .
      Mi preoccupa che episodi di fanatismo si diano una etichetta politica.La lotta al malaffare non e’ ne’ di dx ne’ di sx.E’ della gente veramente perbene,
      che sta sia a dx che a sx.

    117. @ giorgio che tu non conosca o non voglia conoscere il nome del referente mafioso del tuo quartiere sono affari tuoi: il problema è ke tu, comunicandolo, hai usato la prima persona plurale, non già limitandoti a quella ke è una tua ignoranza, ma estendendola a quella della “maggior parte di noi”… il mio non è un vezzo: tu, nel post del 10.12.2009 ore 18,42 hai posto un interrogativo che, per sua stessa natura, prevede una risposta…. non mi interessa assolutamente imbastire una polemica personale, soprattutto con coloro che so per certo nulla hanno da fornirmi per arricchire il mio bagaglio personale con pareri ed impressioni opposte.

    118. continuo a cascare dalle nuvole
      io alle 18,42 ho scritto:
      ma questa mafia e’ o non e’ un’organizzazione segreta?
      Quando girano i nomi mi pare che il segreto e’ andato
      a farsi benedire.Obiettivamente emergono alcune contraddizioni.
      E quindi?

    119. e quindi? hai fatto o no una domanda? Prevede che coloro che leggono rispondano o no? Oppure la tua punteggiatura la adoperi come le scaglie di grana su rucola e crudo, ovvero a casaccio? Accura… probabilmente nei tuoi continui moti dall’alto verso il basso, ovvero cascando dalle nuvole, probabilmente sarai giunto più volte al suolo battendo il capo…

    120. vedo che continui a spostare l’argomento sull’interlocutore,e cosi’ aggiri il tema.
      Chi e’ che ha bisogno del boss di zona?
      dove hai trovato elementi nei miei commenti per scrivere
      …il problema è ke tu, comunicandolo, hai usato la prima persona plurale, non già limitandoti a quella ke è una tua ignoranza, ma estendendola a quella della “maggior parte di noi…
      Ma di che stiamo parlando?
      Per me la conversazione e’ chiusa.

    121. @ Rosalio Ma il tema non era Genchi e le manifestazioni pilotate? O lo decide Giorgio qual’è il tema? Per me la conversazione non si è mai aperta…semmai ho replicato ad assurde, fuori luogo, ignobili e pericolose affermazioni di un collega di blog.

    122. @ giorgio copio-incollo la tua affermazione per fugare ogni dubbio sul fatto che tu ti erga a conoscitore del fenomeno mafioso a nome della “gran parte di noi” :”non vedo cosa c’entriamo noi.La gran parte di noi,pur vivendo in una citta’ come Palermo,conviviamo con un fenomeno di cui abbiamo scarsissima percezione,
      al massimo il contatto col posteggiatore abusivo.
      Ne’ e’ nostro compito dare la caccia ai mafiosi.” Evviva coloro che rimangono coerenti anche quando affermano tali castronerie!

    123. faccio un’eccezione
      e questa?da quale logica discende?
      .
      … inoltre…sempre Giorgio, se a noi del popolino deve rimanere segreto il nome del “boss”, mi spieghi come faremmo a farne il nostro referente mafioso e come potremmo portargli “rispetto?”….
      .
      e’ a questa incomprensibile affermazione
      la mia risposta che hai su riportato.
      .
      Chi e’ che ha bisogno di referenti mafiosi?
      .
      Il cittadino perbene che studia,lavora e bene o male tiene in piedi questa citta’,quando mai cerca il contatto mafioso?
      .
      ma fammi il piacere…

    124. Il referente, appare logico, non implica che tu ti debba rivolgere a lui, ma che tu debba sapere o meno chi sia… ma il tuo arrampicarti sugli spcchi continua a non farti onore…. offende anche l’intelligenza di chi si sta stancando di leggere il nostro botta e risposta… presumo che tutti abbiano capito la portata delle tue sconvenienti e pericolose frasi…

    125. …per inciso…onde fugare il dubbio di qwualcuno: la mia frase sulla necessità di conoscere il referente mafioso era un’ovvia risposta alla tua sciocca domanda sulla natura “segreta” derll’organizzazione mafiosa…

    126. Questa polemica forse è fuori luogo.Tutti sappiamo che a Palermo c’è uno zoccolo duro di giovani che si sente partecipe di una dura lotta contro un Cancro qual’e’ la mafia e che a ogni colpo inferto contro questa organizzazione vogliono esultare perchè sentono un pò più libera questa nostra martoriata eppure amata città.
      Anzi, ragazzi di addiopizzo, vi prego di inserire anche il mio nome fra quelli da avvisare perchè sono disposto a fare anche molto più che una levataccia per dare il mio contributo alla causa.( tra l’altro già da 4anni io e la mia famiglia abbiamo aderito alla vostra iniziativa)

    127. Vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    128. http://facecool.fascioemartello.it/2009/12/lalba-di-una-nuova-resistenza-gioacchino-genchi/

      Questo link postato su LiveSicilia contiene il video dell’intervento di Gioacchino Genchi sabato scorso a S.Erasmo. Il video potrebbe essere tutto interessante, nello specifico di questo post, Genchi da una risposta dal minuto 15.
      Buona visione

    129. aldilà della polemica ….

      TUTTO SI PUò PENSARE MA numeri telefonici, i contatti telefonici non sono opinioni, sono dati oggettivi.” Gioacchino Genchi

      buona lettura:
      La fine della Prima Repubblica

      “Mi chiamo Gioacchino Genchi, ho 49 anni, sono il più grande scandalo della storia della Repubblica, fino a un anno fa ero un comune cittadino, un funzionario di Polizia che aveva lavorato per oltre 20 anni nelle più importanti indagini italiane: da Palermo a Milano, da Catanzaro a Catania, da Locri a Siderno, a Reggio Calabria; nei processi di mafia, di omicidi, di criminalità organizzata, nei processi ai colletti bianchi; il sequestro di Silvia Melis e tante, tante altre indagini, prima che scoppiasse il cosiddetto “Caso Genchi”. Si tratta di una delle più grandi pantomime di questo sistema, con la quale si è cercato di bloccare un’indagine, quella del Pubblico Ministero di Catanzaro Luigi De Magistris, ma non solo, si è impedito a dei magistrati di fare le indagini sul conto di altri magistrati e poi, alla fine, si è cercato di far fuori me. Si è cercato di impedire che io potessi continuare a dare il contributo che stavo dando a tanti magistrati da Palermo a Caltanissetta, a Catania, a Catanzaro, a Roma e a Milano, in indagini importanti. Tutto ciò per impedire che questo lavoro, iniziato con Giovanni Falcone e proseguito, purtroppo, ahimè con le indagini sulla strage di Capaci, in cui Falcone era stato ucciso e poi con la strage di Via d’Amelio, potesse portare una volta per tutte a individuare i mandanti reali di quelle stragi e, probabilmente, gli esecutori che, assai probabilmente, sono molto diversi da quelli che sono stati individuati finora.
      Sono sulla riva del fiume e sto vedendo sostanzialmente passare il cadavere del mio nemico. Perché le cose che avevo detto e scritto diciassette anni fa si stanno avverando. 17 anni fa non condivisi le scelte investigative che portarono alla chiusura posticcia delle indagini sulla strage di Via d’Amelio con il pentito Scarantino. Ho assunto delle posizioni durissime, ho messo nero su bianco quale era il mio punto di vista sui mandanti morali di quelle stragi e anche sugli esecutori. Adesso i fatti mi stanno dando ragione.
      Le indagini che furono fatte nel ’94, ’95, ’96 e 97 a Palermo nelle indagini di mafia su Dell’Utri, su Berlusconi, sulla nascita della Fininvest ci hanno portato a acquisire elementi incontrovertibili su quello che è accaduto in Italia nei primi anni ’90, sulla fine della Prima Repubblica e su come la classe politica ha creato quei nuovi equilibri, quei nuovi leaders, quei nuovi partiti, o meglio quel nuovo partito che doveva consentire di fare sì che, secondo un detto autorevolissimo di Tommasi di Lampedusa ne “Il Gattopardo”, se vogliamo che tutto resti come è ogni cosa deve cambiare. C’era la necessità di cambiare tutto, perché i partiti tradizionali della Prima Repubblica si erano resi impresentabili, erano sotto l’occhio del ciclone non solo di mani pulite per le inchieste giudiziarie, per gli arresti che ogni giorno vedevano decapitare e rinchiudere in carcere leader politici appartenenti al mondo imprenditoriale che quella politica aveva foraggiato. No, perché la gente, il popolo iniziava a ribellarsi a quella classe politica e quindi c’era una progressiva erosione della fiducia, una delegittimazione di quella classe politica e a questa delegittimazione, che nasceva da Mani Pulite, si è aggiunta un’ulteriore forte delegittimazione da parte della mafia, di quella mafia che aveva appoggiato un partito come Democrazia Cristiana, che fin dal 1987 inizia a portare il conto alla Democrazia Cristiana.

      L’ala stragista di Cosa Nostra e Forza Italia

      La Seconda Repubblica nasce nel momento in cui, nelle ceneri della Prima Repubblica, questi referenti di Cosa Nostra iniziano a cercare nuovi uomini, iniziano a cercare tra i rottami, tra le macerie di quella Prima Repubblica che si era consumata, quei soggetti che, anche per pregresse conoscenze nel campo imprenditoriale, come probabile investimento di risorse economiche e finanziarie della mafia, avevano dato un certo affidamento. Lì il mio lavoro fornisce e ha fornito ai processi e ne fornirà dei risultati che ritengo i più importanti in assoluto sotto il profilo dell’oggettività, della dimostrazione della genesi della nascita mafiosa del partito di Forza Italia, di come dei soggetti appartenenti a Cosa Nostra, appartenenti all’ala stragista di Cosa Nostra, che certamente ha consumato le stragi del 1993, agiscano in perfetta sintonia con le fasi prodromiche e organizzative del partito di Forza Italia a Palermo e in tutta Italia. Viene varato un primo tentativo di creazione di una lega siciliana, Sicilia Libera e, proprio dalla ricostruzione dei dati di traffico telefonici, si è potuto accertare con certezza processuale che uomini di Costa Nostra direttamente collegati a Leoluca Bagarella, il più sanguinario tra i criminali di mafia che siano mai esisti nella storia della mafia da quando esiste la mafia in Sicilia, proprio il gregario di Leoluca Bagarella era in contatto con esponenti romani appartenenti alla massoneria, collegati alla P2, con i quali si sono fatte delle riunioni a Palermo e in Sicilia in date ben precise, tra Palermo e Catania e ci sono dei contatti telefonici con questi soggetti e, immediatamente dopo, a stretto giro questi soggetti hanno chiamato direttamente a casa di Silvio Berlusconi. Ma non finisce qua, perché quando il progetto separatista o il progetto del partito Sicilia Libera, che nasceva un po’ come clonazione di quelli che erano stati il successo e l’esplosione della Lega, che prende lo spazio della frantumazione, dell’annientamento dei partiti tradizionali al nord, quando questo progetto viene abortito, viene abortito nel nome della costituzione di un partito unico che, da associazione nazionale Forza Italia, diventa partito Forza Italia con la creazione dei club di Forza Italia. E lì ci sono delle date che sono indimenticabili, che sono certe: la data con cui nasce il partito di Forza Italia e la data in cui si organizzano i primi clubs a Palermo e si tengono le prime riunioni, una delle quali viene tenuta, non a caso, all’Hotel San Paolo di Palermo: l’Hotel San Paolo, costruito dai costruttori Ienna per conto della mafia, per conto dei Graviano, un Hotel San Paolo nel quale i Graviano pensavano di allocare, all’ultimo piano, nell’attico di un grattacielo per le altezze dei palazzi di Palermo l’appartamento giardino della loro madre, dei loro genitori. In quell’albergo si tiene la prima riunione a cui partecipano gli esponenti mafiosi di Brancaccio e gli esponenti mafiosi di Misilmeri: uno di questi, che è stato sentito nel 1994, si chiama Lalia. Lalia conferma che il club Forza Italia di Braccaccio e quello di Misilmeri sono stati creati a febbraio. Noi vedremo poi dal traffico telefonico che la sezione di Forza Italia, il club Forza Italia di Palermo viene attivato in Via Sciuti appena a marzo, quindi nasce prima quello di febbraio e poi quello di marzo. Ho effettuato la ricostruzione del traffico telefonico di Lalia in un’indagine di mafia, un indagine di omicidio a Misilmeri, l’indagine dove viene trovato il bunker con i lanciamissili con i quali doveva essere fatto l’ulteriore attentato a Caselli, da quegli uomini che poi vengono fatti uccidere tutti da Bernardo Provenzano. Nel telefono di La Lia ci sono i contatti telefonici con Pietro Benigno, condannato all’ergastolo per le stragi di Firenze, ci sono i contatti telefonici con Spatuzza, con lo stesso cellulare con cui Spatuzza, come ho accertato nel 1992, si sentiva e utilizzava il giorno 23 maggio della strage di Capaci e il 19 luglio 1992, la strage di Via d’Amelio.
      Partendo da quei contatti telefonici, si ricostruisce la catena dei rapporti del cellulare di Lalia, che è uno dei tanti soggetti che si sentono con parlamentari di Forza Italia, persone che diventeranno senatori, persone che diventeranno deputati regionali, persone che diventeranno esponenti locali del partito di Forza Italia e le chiamate sono perfettamente sequenziali: prima Lalia chiama queste persone, queste persone immediatamente dopo chiamano a casa di Silvio Berlusconi.
      Tutto si può pensare, ma i numeri telefonici, i contatti telefonici non sono opinioni, sono dati oggettivi.” Gioacchino Genchi

    130. E vabbè, questa forse GG se la poteva risparmiare (se non le puoi dimostrare, certe cose, anche se sono vere, non le dici….) però un cosa mi pare effettivamente strana: da via Juvara alla questura, a sirene spiegate ci sono, “si e no” 3 minuti. Come faceva ad esserci cosi tanta gente nel giro di così poco tempo?
      Nessun dubbio sulla correttezza dei ragazzi di AP, me se questa volta fossero stati abilmente manipolati?

    131. Bello mio leggiti ciò che e’ stato risposto a queste tue idee dietrologiche. La storia e’ un’altra

    132. Il problema è a monte. La mafia è soltanto l’altra faccia della dominazione italiana della Sicilia. In Sicilia abbiamo veri mafiosi, conniventi a questa dominazione, cani da guardia degli interessi forti della Penisola nella nostra bella e sfortunata terra, e “professionisti antimafiosi” che devono la loro fortuna professionale e politica sulla criminalizzazione in blocco di tutta la società siciliana.
      Per questi ultimi che ci sia una parte della società siciliana che ripudi realmente la mafia ed applauda i ragazzi della catturandi (concrete persone) e non solo e non tanto lo stato (entità astratta) è solo un fatto negativo, da confutare, da confondere.
      Ma la Sicilia si sta liberando della mafia “nonostante” lo Stato italiano, e non “grazie” allo Stato italiano.
      Poi, nel depistaggio di Genchi, ci potrebbe essere anche un fondo di verità, soprattutto sul fatto, neanche focalizzato bene, che oggi lo stato sta scaricando l’ala bassa (militare, del pizzo e della droga) della mafia, per tenersi stretta quella alta, degli appalti e dei professionisti.
      Per questo la bandiera più giusta con cui festeggiare queste catture e gridare “La Sicilia quella vera siamo noi”, è quella siciliana, non quella italiana: perché è innanzitutto una vittoria del popolo siciliano, e solo secondariamente dello stato italiano. Se fosse vera la seconda sarebbe solo una “repressione”, invece è in corso una vera, sottile, ma irresistibile “rivoluzione”, che è cosa molto diversa.
      Ma il Popolo siciliano è in gran parte disorientato e confuso; crede, in gran parte della sua parte più sana, alle sirene giustizialiste che in realtà preparano soltanto un’altra dominazione.
      Che vuol dire “mi fido di Genchi” qualunque cosa dica? Vi hanno fatto il lavaggio di cervello? Io non mi fido di nessuno in linea di principio, ma interpreto i fatti come riesco a capirli.
      W la Sicilia e W la polizia di stato della Sicilia e i magistrati siciliani che combattono la mafia, e W addio pizzo. Il resto è inutile dietrologia (compresi i trionfalismi fuori luogo del governo, beninteso).
      P.S. La mafia è nata nel 1860, non dimentichiamolo, MAI.

    133. Discorso lineare e da sottoscrivere. A proposito del 1860, sarebbe bene che molti altri prendessero coscienza del fatto che quell’atto di colonialismo “sabojardo” travestito da risorgimento ha significato la fine della nostra civiltà sociale ed economica.

    134. Massimo non te la prendere a male ma viva l’Italia!

    135. E chi se la prende a male Tony? Io ho espresso un parere ma rispetto il tuo. Lasciami dire intanto W la Sicilia (questo dovrebbe unirci), sull’Italia lasciami dissociare pur nel rispetto di chi ci crede ancora.

    Lascia un commento (policy dei commenti)