martedì 21 nov
  • Pino Pooh

    Albergato nella mia fantasia…c’era un paesino, piccolo piccolo, da educare per far crescere bene…”Brancucciolo…paesino che per ideologia si trovava in un’unica strada dritta dritta…per evitare inclinazioni politiche, ossia né svolta a destra né a sinistra…unico piccolo difetto di Brancucciolo era una tremenda puzza di calzini sporchi nell’aria……..dovuta certamente alla situazione logistica, perché situato ai piedi della montagna…

    Gli abitanti erano il cardine ed il futuro di Brancucciolo, abitanti con un nome, un cognome, ma soprattutto un soprannome, apparentemente dettato dal periodo musicale ma che realmente nascondeva un significato preciso e profondo……

    Ad esempio c’era Antonio detto “buongusto”, chiamato così perché era un gran bel ragazzo, futuro da attore…che si andò a sposare con Rosetta, la più brutta del paese, non solo brutta ma ignorante e completamente squattrinata…ed ecco che tutti quando lo vedevano gridavano “buongusto” hai avuto……
    Poi c’era Raimondo detto la “tigre di Cremona”, chiamato così perché tornato dalla guerra senza la gamba destra…praticamente aveva poggiato il piede in una mina…..ed ecco mina “la tigre di Cremona”…poi c’era Cicco detto “leali” per via che era volato da un dirupo ed era rimasto paralizzato…ed ecco se avesse avuto “le ali”…
    Uno dei più chiacchierati era un certo Pino, che per il coraggio che aveva…sputava in faccia chiunque facesse del male a qualcun altro…sputava in faccia mafiosi, verità…infatti veniva chiamato…Pino “Pooh”.
    chiunque chiedeva favori a Pino Pooh…lui cercava e trovava il modo di aiutare il prossimo una volta uno chiese a Pino Pooh , mi presteresti 10000 euro…lui li trovò e la cosa meravigliosa era che, ancora l’euro doveva entrare in vigore…una volta il sindaco di un paese gli chiese…Pino Pooh…ci sono due famiglie che litigano…potresti palargli tu che sei un bravo parlatore, più bravo di Filippo? E lui lo fece…
    Una volta uno gli chiese un altro gli chiese…che con tutte queste chiese Pino Pooh fece il prete.

    Una delle cose che adorava di più era celebrare la messa…ovunque si trovasse lui doveva in qualche modo celebrarla…
    Una volta si trovava a Polizzi quella generosa ovviamente, raduno di motociclisti…fermò tutti ed inizio lui… Messa in moto.
    Fu trovato un’altra volta sdraiato a terra con altre 20 persone……in un convegno organizzato dall’enel… Messa a terra.
    Visto in parruccheria… Messa in piega. …In tribunale…fermava giudici e avvocati… Messa in atto…
    In teatro saliva sul palco…faceva la Messa in scena…..
    Entrava nei negozi, parlava e predicava con le ragazze…Com Messa…..

    Professore di matematica…adorava fare i conti con la povera gente e con i malavitosi,..

    Il giorno del suo compleanno…per regalo in cambio della solita Playstation del solito motorino, preferì farsi regalare un biglietto per il paradiso…da lì i conti si fanno meglio..

    Coincidenza di un racconto….i Pooh nel 1990 hanno scritto una canzone…3 anni prima del fattaccio…si intitola Uomini soli.

    Sembra quasi che parlasse di lui…

    «A volte un uomo è da solo perché ha in testa strani tarli
    perché ha paura del sesso o per la smania di successo
    per scrivere il romanzo che ha di dentro
    perché la vita l’ha già messo al muro
    o perché in un mondo falso è un uomo vero.

    Ci sono uomini soli per la sete d’avventura
    perché han studiato da prete o per vent’anni di galera
    per madri che non li hanno mai svezzati
    per donne che li han rivoltati e persi
    o solo perché sono dei diversi».

    I ragazzi di Brancaccio lo chiamavano 3P….Padre Pino Puglisi….

    Ma quanti ragazzi lo seguivano, quanti ragazzi lo chiamavano 3P, 3P un ragazzo, 3P un bambino, 3P una bambina…quante P per Pino Puglisi…adesso vi racconterò di lui, utilizzando solamente la lettera P…

    Pino, piccolo Pino pensava…perché, persone piangono….perché…persone patiscono…perché potenza preannuncia prepotenza…
    Perché povertà…prostitute, protettori, pregiudizi, pregiudicati, panico, parole pesanti,pistole, paura…perché…

    Posso portare pace?….posso.

    Prete…Pino Puglisi prete…prete per passione, per parlare, per predicare, per proteggere…

    Padre per picciotti, picciriddi…
    Per potenti, prepotenti……parrino.

    Per povere persone povere parlava piano, pacato, pacifico, paterno…
    Per potenti e prepotenti parlava…papale papale, parole pesanti, precise, penetranti, profonde, piccanti..perché potevano plasmare..

    Poi pensò…posso portare più pace, posso proteggere più persone.?
    Posso… Paradiso, prendimi

    Poi prese posizione…per proteggere persone…per poter procurare pace…prete….

    Parlava piano……puntuale…

    Palermo
  • 7 commenti a “Pino Pooh”

    1. …poi pistola. Pam! Perì. Però permise pensieri, post, pezzi, pagine, palingensei, pentimenti.
      Padre Pooh Pino Puglisi possa portare pace a Palermo.
      Complimenti, ti avevo sottovalutato.

    2. Complimenti è commovente,subito fotocopia x leggerlo ai miei figli. grazie

    3. Bravo. Bel post.

    4. Padre Pino Puglisi…prega per povera Palermo…pane porta precari…Paradiso per prepotenti…perdono per peccati…”piccioli” per poveracci…profumo per Palermo pattumiera puzzolente…Grazie Ivan Fiore per la bella storia….

    5. comunque grazie

    6. grazie a chi ha creduto in me…. anche quando ho rubato un portafoglio, lo polizia mi ha controllato ed ha trovato sto portafoglio pieno di soldi ed il documento di un’altra persona..ed io ho detto che era mia e mi serviva per uno spettacolo….scherzi a parte grazie di cuore e di fegato perchè per leggere le mie xcose ci vuiole un npò di superficiale incoscienza ….grazie a chi mi a sottovalutato…che potrebbe anche significare “valutato sotto” …comunque il gioco di parole rimane sempre un modo surreale per dire alcune cose…grazie a Rosalio per la fiducia che per me è un’emozione..la famosissima E…mozione di fiducia..scusate…ma saprò fare di peggio…..di certo palermo è un bene …e comunque per me da sempre è stata purtroppo la città dei rifiuti….. ho chiesto a molte belle ragazze di uscire ma niente sempre no, no , no..sempre rifiuti…

    7. Io lo conoscevo. Ti ho visto in TV.
      Mi hai commosso. Sei bravo, non certo superficiale.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Pino Pooh, 5.0 out of 5 based on 1 rating