sabato 19 ago
  • Amministrazione straordinaria per l’Amia

    Il Tribunale fallimentare di Palermo ha dichiarato lo stato di insolvenza e ha messo in amministrazione straordinaria l’Amia.

    Tre commissari entro 30 giorni redigeranno una relazione e potranno indicare di proseguire amministrazione straordinaria con un piano per il risanamento dei conti dell’azienda oppure chiedere il fallimento.

    Palermo
  • 6 commenti a “Amministrazione straordinaria per l’Amia”

    1. slow agony
      first or then
      take to death!

    2. Questo è accanimento terapeutico e non porterà a nulla.

    3. e come lo sai? sai cose che non sappiamo? o è frutto di una tua analisi giuridica? oppure ancora conosci a menadito tutte le carte di Amia, o te lo ha detto Cracolici, o forse Ferrandelli? o butti solo un pò di picchio??

    4. Udite udite!!
      “Lo Cicero resta in sella all’AMIA. Gestirà l’emergenza Bellolampo”!
      Dal Giornale di Sicilia di ieri.
      Da non credere!
      Il primo indagato per Disastro Ambientale Colposo, che per 5 mesi non è stato in grado di evitare che un lago di percolato dal diametro di 100 metri persistesse sul terreno non impermeabilizzato col grave rischio di inquinamento delle falde acquifere… proprio lui gestirà l’emergenza Bellolampo!

    5. Mi spiego meglio: l’Ing. Lo Cicero affiancherà i 3 commissari di Governo. “Lo prevede espressamente la sentenza con la quale il Tribunale Fallimentare ha dichiarato lo stato di insolvenza dell’AMIA”. Quindi Lo Cicero continuerà ad esercitare la gestione dell’AMIA, ma sotto la vigilanza dei commissari. Insieme avranno 30 giorni di tempo dopo i quali si andrà o a una gestione straordinaria di 14 mesi o al fallimento immediato.

      Certo vanno riconosciuti i suoi meriti per aver migliorato i conti dell’AMIA, e aver tagliato spese inutili, ma il servizio alla città non è certo migliorato.

    Lascia un commento (policy dei commenti)