giovedì 19 ott
  • Priorità

    Stamattina, al bar, mi sono finalmente reso conto delle priorità del palermitano. Altro che emergenza rifiuti, percolato, sindaco assente, Case Guzzetta, polveri sottili, Istruzione pubblica allo sbando, roseti, pedemontana, supercirconvallazione, disoccupazione, panelle, crocché, marchio DOP alla rascatura…

    – Cumpa’, ‘u sintisti?!?! Ruminica ‘un si po’ caminari, mancu c’u muturi.
    – Minchia…!!! E ‘o stadio comu ci iamu?!?!
    – ‘Un ti proccupari…’u Paliemmu ioca sabato, a Rroma.

    Per cui Scoma, che al momento si esercita da sindaco, faccia bene i conti. Prossimo blocco totale del traffico solo con il Palermo che gioca fuori casa.

    Pena la sollevazione cittadina. Del resto, a conti fatti con le partite in casa, dovremmo comunque farcela a non rientrare nelle 35 giornate di sforamento limiti di inquinamento ambientale.

    Ospiti
  • 50 commenti a “Priorità”

    1. ormai non mi stupisco più di nulla!
      Nel mio caso le opzioni sono 2…anzi 3
      1- vado a lavoro alle 8.30, non torno a casa a pranzo (manco di domenica…eccheppale) e mi arricampo alle 20
      2- NON vado a lavoro e mi faccio licenziare
      3- se dio (leggi il titolare) vuole ho la giornata libera rinuncio alla gita fuori porta con la mia famiglia, perchè mi rifiuto di alzarmi alle 8 pure a ‘ruminica, e me ne sto incrastagnato a casa…GRAZIE SCOMA che pensi alla mia salute

    2. Ironia tirata per i capelli, nella quale si intravede un certo snobismo fuori luogo. Come se tutti i problemi del mondo dovessero escludere qualsiasi forma di svago, anzi, per risolvere ogni problema rinunciamo ad ogni svago. E poi, forse il palermitano del bar che l’autore critica è piu’ lucido dell’autore stesso? Perché questo palermitano ha capito che contestare a Palermo è tempo perso inutilmente ( si sentono da decenni sempre gli stessi lamenti inutili, e altri lamenti inutili da secoli ), allora meglio andarsene allo stadio “a vedere il Palermo”, a partecipare ( almeno qui si partecipa, cosa impossibile per il tutto resto in questa città ), ed entusiasmarsi per qualche ora, con l’unica attività cittadina che funziona a livello di serie A in una realtà da serie C ed in certi casi da terzo mondo. Sembra che l’autore mischi troppe cose per comporre un minestrone disarmonico: pasta al forno, partita sulla spiaggia, arbitri, fiat, Termini Imerese, gravi problemi cittadini, diritto allo svago. Non ho mai sentito minacciare sommosse popolari per l’impossibilità di recarsi allo stadio in automobile; esistono autobus e biciclette, ed in certi casi i piedi e le gambe. Se l’intento era ironico – tirato per i capelli – io non lo vedo; non fà sorridere.

    3. A casa mia abbiamo solo una Euro3 e una moto. Piango a pensare alle targhe alterne fino al 30 giugno.
      Certo, potrei farmi prestare una macchina bifuel dal comune, che le usa solo a benzina. Oppure una macchina elettrica del Car sharing, ma le hanno rottamate. Oppure pretendere servizi di pubblica mobilità decenti e scuolabus per il bimbo, ma quella sarebbe fantascienza.
      Il provvedimento è necessario, senza dubbio. Ma lo è anche dare la possibilità ai cittadini di rispettarlo. E in questa Palermo è obiettivamente molto difficile, il trasporto pubblico è inesistente.Spero trovino delle soluzioni decenti…

    4. Noi siamo dei pirla che ci siamo comprati la macchina a metano non solo per inquinare meno…ma anche per evitare i blocchi del traffico…e ora che sento??Anche le macchine a metano escluse!!!
      Mi sento in una barzelletta!!!Siamo comandati da gente inetta!!!!E purtrop obbediamo come pecore a tutto cio’ che ci dicono…

    5. Ma perchè non provate a prendere un autobus invece di lamentarvi ogni volta che vi toccano la macchina??? Domenica le strade saranno vuote, i bus saranno velocissimi in quanto non ci saranno auto in doppia fila a rallentarne la corsa. Per di più proprio Domenica il biglietto amat sarà valido (allo stesso prezzo) per tutta la durata del provvedimento, cioè dalla mattina fino alle 19.

    6. Daniele,
      hai perfettamente ragione.
      Il problema non è domenica, ma come sarà erogato il servizio pubblico fino al 30 giugno, per le targhe alterne. Tutti dobbiamo andare a lavoro e tutti dobbiamo accompagnare i bambini a scuola.
      Ti assicuro che mi farebbero un piacere a togliermi la necessità di usare macchina e/o moto.
      Purtroppo, per molti, è materialmente impossibile. Nel mio caso due autobus per accompagnare il bambino a scuola (niente scuolabus). Un’altro per andare a lavoro. Ma in ogni caso se mi risolvessero il primo problema sarei felice di andare al lavoro in autobus.
      Spero la situazione cambi, prima che mio figlio prenda la patente però, cioè entro 12 anni.

    7. Lo capisco però uno ci deve pensare prima…se abito a mondello non vado ad iscrivere i bambini in una scuola di corso dei mille…e se abito a baida non li vado ad iscrivere in una scuola di via ammiraglio rizzo!

    8. E’ una cosa incredibile, vogliamo imitare le grandi metropoli quando non abbiamo i loro servizi.

      io lavoro domenica, abito nel dentro il perimetro, e dove presto servizio i mezzi pubblici nn ci arrivano, che faccio? chiamo scoma (tanto le auto blu camminano sempre) e mi accompagna a lavoro?

      SONO RIDICOLI BLOCCARE LA CITTA’ ANZI LE PERSONE PER LE LORO CAVOLATE

      P.S.
      ECCEZIONI
      GLI AUTOBUS NON INQUINANO…
      LE AUTO BIFUEL DEL COMUNE VANNO SOLO A BENZINA….
      LE AUTO BLU SONO SEMPRE IN GIRO…
      LORO NN SI SPACCANO IN 10 PER ARRIVARE A FINE MESE..
      ECC….

    9. Si invece, se chi quando sei a lavoro ti può andare a prendere i bambini (i nonni), abitano in altra zona.

      Comunque non era questo il senso del post, e neanche l’argomento di discussione. Io sono d’accordo sull’incentivazione all’uso dei mezzi pubblici. Invidio città come New York, dove la gente può permettersi di non comprare la macchina e affittarla solo all’occorrenza.

      La riflessione era sulle priorità del palermitano.
      Toccategli tutto ma non la partita.

    10. Dicci in quale zona presti servizio, magari ti possiamo aiutare.

    11. Ottima iniziativa, quella di Scoma. Ovvero come inimicarsi la città con un unico, semplice provvedimento. Che però, sebbene dovuto, mette in luce alcune importanti novità.
      La prima è che, evidentemente, le vetture Euro 4, così come le metano, inquinano al pari delle altre.
      Le implicazioni sono notevoli. Se uno prima poteva essere invogliato a cambiare la macchina per una che fosse stata esente dal blocco traffico, adesso questa voglia gli passerà. Con buona pace degli incentivi, che si dimostrano per quello che sono, ovvero aiuti di Stato camuffati (invece che incentivi ecologici).
      Altra cosa degna di nota è il divieto esteso alle moto.
      Che non generano traffico, rimangono sulle strade per periodi di tempo notevolmente inferiori alle automobili e sono l’unico mezzo veramente versatile ed utilizzabile in una città a clima temperato come la nostra.
      Questo nuovo stato delle cose, forse volutamente spinto fino a questi livelli, è solo un assaggio di quello che si prepara con la nuova sindacatura del PDL.

    12. che le auto a gas, le euro 4, le moto (!!!) non possano camminare la dice lunga su quanto gliene stia fot**ndo dell’inquinamento. Scusate l’ira ma un compleanno+sanvalentino di m**** a me e alla mia ragazza non ce lo toglierà nessuno.

      PS. sembra che pioverà quindi Bici e attesa del Bus sotto la fermata sarà un bel piacere

    13. Le moto appestano l’aria più delle auto: non sono la soluzione! Bisogna imparare ad andare a piedi, in bicicletta e sui mezzi pubblici che senza auto e moto circoleranno come non mai!

    14. sisi li voglio vedere questi bellissimi mezzi pubblici, saranno così veloci che manco si vedranno, guarda…ma se la domenica le linee dell’amat sono dimezzate dove saranno tutti questi superveloci autobus??? e poi a cosa mi è servito spendere 10mila euro di macchina nuova gpl se poi manco me la fanno usare? ke bella presa ingiro..

    15. @Nicola: sulla pensilina di fronte casa mia c’è scritto a chiare lettere che la frequenza stimata del bus è di 17 minuti. Ovvero, se arrivi quando è appena passato, devi attendere 20 minuti circa prima che ripassi e poi il tempo del percorso (ammesso che basti un solo autobus per arrivare a destinazione).
      Peccato che in 17 minuti si arrivi da pallavicino a Viale delle Scienze, con uno scooter. Cronometrato qualche giorno fa, come curiosità.
      Lascio a te il calcolo del tempo necessario per lo stesso percorso usando i mezzi pubblici…

    16. Isaia, qui si tratta di riconvertire le cattive abitudini di un’intera popolazione per un obiettivo di salute pubblica: i tuoi problemucci sono secondari.

    17. Giusto, una volta tanto che dei politici prendono una decisione coraggiosa ed impopolare ci manca solo il piagnisteo dei trogloditi auto/moto dipendenti! Chi proprio è dipendente dai gas di scarico, esca dal perimetro prima delle 10:00 e non vi rimetta piede prima delle 19:00!!! 🙂

    18. Giusto (e ovvio) priorità alla salute pubblica!!!!
      Però, personalmente, mi piacerebbe vedere dare l’esempio ai nostri amministratori e non continuare a vederli scorazzare con pass e auto blu… Si trattasse di poche cariche istituzionali, ma non tutta la pletora di politicanti e affini che ci ritroviamo. Loro sanno bene che per muoversi rapidamente a Palermo ci vuole un mezzo privato. Loro devono posteggiare fin dentro Piazza Bellini ad esempio, perché hanno molto da fare loro – non come il resto dei comuni mortali – e nel loro caso i mezzi pubblici non vanno più bene.
      La mentalità di non volere toccata l’auto è in primis di chi ci amministra!

      (All’estero pure la Regina Elisabetta si fa vedere in Metro:

      http://www.repubblica.it/2006/08/gallerie/gente/elizabeth-metro/1.html )

      L’uso dell’auto si sarebbe dovuta da tempo disincentivare (mi conviene/mi costa meno/mi occorre meno tempo se la lascio a casa e prendo il mezzo pubblico) piuttosto che proibita…non si è fatto nulla per anni perchè i mezzi pubblici fossero in grado di essere una buona alternativa all’auto e adesso il conto in termini di mobilità – come sempre – lo si fa pagare solo alla cittadinanza…

    19. Scusate, i vigili vigileranno sulle infrazioni dei veicoli privati (sarà come sparare alla Croce Rossa!) perchè le benemerite associazioni di cittadini (MobilitaPalermo, Muovi Palermo, Palermo ciclabile, ecc.) non si organizzano domenica per multare simbolicamente l’abuso delle auto blu?Basterebbe fotografare queste auto e pubblicarle in rete!

    20. @Nicola: hai ragione. I problemi di chi abita ad un capo della città e deve muoversi quotidianamente all’altro capo sono effettivamente personali.
      E si risolveranno quando questi poveri pendolari dovranno scegliere chi votare.
      Secondo te chi voteranno? Chi gli dice “sono problemi vostri” o piuttosto chi permetterà loro di andare al lavoro nel minor tempo possibile?
      Ah, che dura decisione, da prendere…

    21. @Isaia, per le targhe alterne sarà l’occasione di combattere il tradizionale individualismo con l’organizzazione tra i dipendenti o le mamme che accompagnano i bambini a scuola: chi ha la targa abilitata prenderà gli altri (il mobility manager aziendale organizza esattamente questo nelle altre città).

    22. @nicola: certamente! Bisogna andare a piedi! Ops…abito a 17 km dal mio posto di lavoro…se non altro quest’estate avrò due belle chiappette sode sode…no…sono lagnuso…prenderò l’autobus (che inquina quanto un piroscafo del primo 900)…così per essere in ufficio alle 8.30 non dovrò uscire di casa alle 8.10 (7.50 se piove e devo usare la macchina)…comprerò una tenda e dormirò direttamente davanti al posto di lavoro…è un po’ scomodo ma fazzo prima e farò un’ottima impressione sulla dirigenza!!
      Creino una rete di trasporti VERA, EFFICIENTE ED ECOLOGICA e POI blocchino la strada a quei poveri deficienti che devono andarsi a vuscare il pane

    23. ah sì certamente…in ufficio da me (ed è un gruppo bello grosso) manco abbiamo i badge che testimonierebbero il fatto che al posto di lavorare 8 ore al giorno ne lavoriamo 11 e dovremmo avere il mobility manager…forse in svezia…dalle nostre parti, se non sai al corrente, le cose sono un pelino differenti!!

    24. L’inquinamento uccide, organizzarsi per superare le scomodità rende invece più intelligenti e civili (e una città senza traffico caotico fa bene al turismo).

    25. @GIGI:
      hai perfettamente ragione. Il post non fa sorridere.
      E sono estremamente lucido quando lo affermo.
      Devo dire invece che, leggendo il tuo commento, ho sorriso veramente di cuore.
      Meno male che almeno siamo in serie A, e guai se ci togliessero questo diritto inalienabile.
      Grazie ancora per averlo puntualizzato e per la critica costruttiva, ne farò tesoro.

    26. …ho già commentato limitandomi ad una considerazione – diciamo così – “epidermica” sul provvedimento che andremo a subire: stiamo qui a sorbirci commenti del tipo sforzatevi, non lamentatevi, brutti inquinatori che non sanno rinunciare all’auto, quando i primi a dare dimostrazione – nei fatti – che i mezzi pubblici non sono efficacemente utilizzabili, sono coloro che ci impongono questi provvedimenti e che non si sognerebbero di rinunciare alle loro di auto.
      Tuttavia parliamo adesso anche di sostanza: chi ha detto che il provvedimento possa realmente essere risolutivo?
      Ricordo che ai tempi delle polemiche ZTL, mentre i tecnici comunali disquisivano sui venti di libeccio responsabili dell’innalzamento dei livelli degli inquinanti, l’Ordine degli Ingegneri, sostenesse invece come il traffico veicolare fosse relativamente responsabile dell’inquinamento, mentre riscaldamento domestico, mezzi pubblici, le navi in porto erano il grosso del problema.
      Avendo avuto modo di vedere più volte come non sia detto che esista correlazione tra un problema e le azioni di facciata messe in atto per la loro pseudo-risoluzione, che invece perseguono altri fini, quanto questo provvedimento potrebbe essere il frutto di dover mettere in atto “un qualcosa” pur di non subire gli strali della Magistratura? E quindi – non potendo certo limitare riscaldamento, mezzi pubblici e spostare le navi dal porto – si finisca col fare la cosa più comoda da perseguire, giusto come fumo negli occhi?
      Su quali basi si può affermare che le targhe alterne limiteranno l’inquinamento? E – soprattutto – in che percentuale!!!??? Sarà una percentuale significativa al punto da valere gli sforzi richiesti alla cittadinanza?

    27. Tanus, non mi aspetto nessuna accettazione serena delle critiche dalle nostre parti, in questo somigliamo ad altre etnie passate dalla Sicilia … ma mi fermo qui perché non vorrei che notare caratteristiche simili sia considerato razzismo.
      A dire il vero due amici che parlano tra di loro del Palermo calcio non rappresentano le priorità di tutta la città, ancor meno un’eventuale “sollevazione cittadina”.
      Per conto mio sono piu’ lucidi di tutti quelli che trascorrono il loro tempo a lamentarsi senza cambiare di “una virgola” gli eventi. Io i soliti lamenti li sento sempre uguali da quando viaggiavo in autobus all’età della prima media; finora non hanno cambiato … un tubo … a parte fare scrivere post, articoli, libri, canzoni, fare realizzare video, film, etc. insomma la sola utilità del lamento perpetuo è il lavoro che, forse inconsapevolmente, genera.
      Good luck.

    28. Sono una massa d’ignoranti è assurdo che le euro 4-5 gas ibride nn possano circolare…e gli autobus con 12 anni d’età se nn superiori circolano con motori che inquinano peggio di 10 macchine euro 0

    29. Ora vi faccio ridere:

      cammino con la mia bella macchinina nuova giro a destra per piazza vittorio veneto e i vigili mi fermano…..io tranquillo penso auto euro 5, patente ok, assicurazione ok, bollo ok insomma tutto ok….morale il vigile urbano mi accusa di usare in fendinebbia in città di mattina e appena mi ha l’ho visto li ho spenti….(io stupito)….anzi mi dice ne funziona uno solo ..(secondo lui sono in pure in multa in quanto 1 è fulminato secondo lui)…credetemi nn sapevo se ridere o cambiare paese….spiego con molto calma che quello che ha visto lui non erano fendinebbia ma luci di svolta che si accendono a basse velocità in base a dove si svolta…Lui arrogante mi accusa di fandonie e non voleva manco la dimostrazione…..anzi mi disse che sono fortunato e mi lascio’ andare….

      che ne pensate?

    30. Provvedimento del tutto inutile…come un fumatore che non fuma la propria sigaretta in mezza giornata…a che serve?
      se poi i rimanenti 365 giorni ne fuma un pakketto al giorno??
      Poi, ci saranno cosi tanti vigili da riuscire a controllare tutte le strade??ne dubito molto…

    31. Sabato: andrò nella casa di campagna a prendere la bicicletta e la porterò a casa (facendomi due piani con la bici sotto braccio);
      Domenica: andrò al cinema in bicicletta bagnandomi e tornerò a casa congelato, forse con il raffreddore; salirò la bici a casa (costa 550 euro, col cavolo che la lascio per strada);
      Lunedì: porterò la bici nella casa di campagna, a casa non ho dove metterla…
      Volete che vi descrivo la domenica dei nostri politici?
      Provvedimenti seri per la mobilità subito!

    32. Scusate ma possiamo discutere di bici, di autobus ma tutto questo per chi ha un’età, diciamo entro i ..boh , diciamo entro i 65 ??!! Ma nessuno pensa a tutti i NONNI e agli altri ANZIANI che domenica 14 non potranno andare a pranzo da nessun figlio, da nessun nipote ma dovranno rimanere obbligatoriamente in casa , o, se se lo può permettere, pagarsi un taxi che , come prevede l’ordinanza, potrà circolare …!!!

    33. E’ senza dubbio un provvedimento che agevolerà chi vorrà utilizzare (o sarà costretto ad utilizzare) il bus durante la fascia oraria di restrizione. Se da un lato affascina l’idea di godersi la città senz’auto e magari con una bella pedalata/passeggiata, da un altro lato è anche vero che al momento non siamo nelle condizioni di poterci permettere questi provvedimenti così drastici.

      Se nel frattempo opere come passante ferroviario e tram sono in costruzione, non bisogna perdere altro tempo per investire su Amat, la quale è l’unica al momento sulla quale poter fare affidamento in tema trasporto pubblico locale.

      Nuovi bus, ristrutturazione rete Amat, bike sharing e soprattutto interventi strutturali correlati con il nuovo PUT. E su questo non c’è più altro tempo da perdere

    34. in verita’
      tenuto conto che fa freddo
      e tira vento
      ed il 14 e’ S.Valentino
      e si va dalla zita
      per questa domenica
      si potrebbe
      SOSPENDERE IL PROVVEDIMENTO

    35. è incredibile ho chiamato i vigili e mi hanno esclamato un bell’aggettivo per il NOSTRO sindaco (in poche parole erano dalla mia parte).

      Scusate ma con tutta questa pioggia e vento lo smog nn va via?

    36. Scusate, ma qualcuno sa dirmi se sugli autobus dell’AMAT sono installati i seggiolini per la sicurezza dei bambini? O dovrò viaggiare con mio figlio in braccio?

    37. nessun seggiolino….

    38. Inclusi anche Sferracavallo e Mondello…dove l’inquinamento atmosferico soprattutto d’inverno manco si sa cosa sia…questo la dice lunga sull’intelligenza di chi ha disposto questo inutile provvedimento…
      E non dico inutile perkè sono a favore delle macchine…ma dico inutile perkè non è in questo modo che si risolve l’inquinamento atmosferico…

    39. Allora se non ci sono i seggiolini di sicurezza per i bambini sugli autobus, io come farò a portare in giro il mio bambino? Da precisare che noi siamo una delle dieci famiglie di palermitani che usano regolarmente i seggiolini in macchina e abbiamo preteso che anche i nonni lo installassero sulle proprie per portare in giro il pupo.
      Sindaco e vicesindaco, datermi una soluzione!!!

    40. Pure i seggiolini per bambini sui bus?!?
      Magari vogliamo pure i poggiatesta? 😀
      Con tutto il rispetto ma sui bus, per legge, sono previsti solo appositi spazi per i disabili, le carrozine e pedane per facilitarne l’accesso.E così in tutte le città europee.Ma dove vivete??
      Metti la carrozzina nell’apposito spazio (dove è presente pure la cintura di sicurezza) e il gioco è fatto.
      E scusami nuovamente, ma quando leggo certe cose…

    41. @ antony: non in tutti gli autobus è presente il posto carrozzina, e poi se lo trovo occupato da un altro?
      Evidentemente non hai capito che la mia era una provocazione bella e buona.
      E, ugualmente evidentemente, tu non hai le esigenze di una famiglia, con bambini piccoli da portare in giro e, magari, genitori anziani da andare a visitare soprattutto la domenica.
      Anch’io quand’ero single ed egoista la pensavo come te; poi la vita cambia… prova per un attimo a metterti SERIAMENTE nei panni degli altri e forse sarai anche meno acido.

    42. Se non avessi capito che si trattava di una provocazione, non avrei messo nemmeno la “faccina”.
      E poi, che tipo di provocazione era? 😀
      Di certo, non vado a sbattermi ripetutamente la testa.Mi arrangerò, come ho già fatto per le giornate in cui il centro era chiuso, anzichè lamentarmi a mai finire.
      E poi, non vedere la suocera per una domenica, sicuramente farà felici un pò tutti 😀

    43. Chiunque abbia pensato a questo provvedimento di chiusura al traffico veicolare per il giorno di San Valentino di certo non tromba da parecchio , hai voglia se questo scienziato sia mai stato dalle parti di Capo Gallo o a Mondello… ma come m…. ci arrivo con l’autobus di domenica se abito dall’altra parte della città. Scusate se è poco

    44. @avatar : si può trombare anche in casa
      o se proprio vuoi farlo fuori puoi scegliere una qualunque delle strade intorno al perimetro…

    45. @avatar
      Il provvedimento finisce alle 19…le dobbiamo pensare proprio tutte per lamentarci eh?

    46. le previsioni dicono che anche stanotte piove.
      Si sa che quando ci sono pertubazioni di passaggio l’aria non ristagna e l’inquinamento si attenua.
      C’e’ ancora tempo per fare un regalo a chi vuole incontrarsi nel giorno di S.Valentino e
      SOSPENDERE IL PROVVEDIMENTO

    47. Leggetevi l’ordinanza sul sito del comune di Palermo che giustifica il blocco del traffico veicolare e poi guardate
      il sito dell’AMIA dove sono pubblicate le tabelle della qualità dell’aria rilevate dalle centraline?????(tutte collocate in zone dove presenti capolinea AMAT)

      http://151.1.183.204/archimedia/amia/fe_nuovo.php3?art=39&tabella=h_bacheca&livello3=36&sezione=259&livello4=39

      Bhe toglietevi la curiosità!!!!

      12 e 13 sicuramente nessun sforamento per le note condizioni del tempo atmosferico
      Bollet 11/02/10 nessun sforamento/qualita buona-accett.
      Bollet 10/02/10 nessun sforamento/qualita buona-accett.
      Bollet 09/02/10 nessun sforamento/qualita buona-accett.
      Bollet 08/02/10 nessun sforamento/qualita buona-accett.
      Bollet 07/02/10 nessun sforamento/qualita buona-accett.
      Bollet 06/02/10 nessun sforamento/qualita buona-accett.
      Bollet 05/02/10 supera sola centralina piazza indipendenza(guarda caso capolinea AMAT)

    48. bravissimo.
      nelle tabelle ci sono pure i colori,e nell’ultima settimana e’ “tutto verde”
      come si puo’ immaginare con i fortissimi venti che
      ci sono stati su Palermo.

    49. @stefano, non mi sembra una cosa logica giudicare le centraline solo perchè nelle estreme vicinanze di capolinea Amat: a Piazza Castelnuovo, Unità d’Italia e Torrelunga non c’è alcun capolinea Amat.Nè il via Belgio 😀
      E poi mica inquinano solo i bus…

    50. le centraline vanno poste in zone di traffico a
      maggiore concentrazione
      ed in maggiore difficolta’ allo scorrimento.
      Se mettiamo pure in dubbio la scelta di dove sono state ubicate le centraline,
      viene da porsi il quesito:
      ma chi e’ che fa queste scelte?

    Lascia un commento (policy dei commenti)