lunedì 23 ott
  • “Il Carnevalino dei ragazzi” in via Oreto nuova

    “Il Carnevalino dei ragazzi”

    Maschere, costumi, striscioni e un carro raffigurante un paladino che cavalca un drago, al suono di percussioni africane e brasiliane. Una mattina decisamente particolare per gli abitanti del quartiere di via Oreto nuova, che hanno visto sfilare più di 500 bambini in occasione della manifestazione Il Carnevalino dei ragazzi.
    Organizzata dalla scuola media Quasimodo, con la partecipazione di alcune scuole elementari del territorio e dell’associazione “Nuove espressioni” di Bonagia, la sfilata è partita dalle poste di via Oreto percorrendo la carreggiata laterale e le vie limitrofe fino ad arrivare al PalaOreto, dove gli studenti hanno concluso la kermesse con danze, giochi, musiche e premiazioni.
    Ad aprire il corteo la Quasimodo Tribal band, gruppo musicale formato dagli alunni della scuola Quasimodo che hanno suonato percussioni africane e brasiliane, e un carro allegorico in cartapesta raffigurante un drago realizzato dagli studenti, per lo più disabili, della scuola Quasimodo.

    «Questa manifestazione – ha dichiarato la preside della Quasimodo, Giuseppa Bruno – vuole essere l’occasione per questi ragazzi di riappropriarsi del proprio territorio, divenendone protagonisti. La scuola, dunque, agenzia educativa a 360 gradi, che investe oltre la didattica e s’impegna nella promozione umana e sociale delle nuove generazioni. Vogliamo ringraziare tutte quelle persone ed istituzioni che a vario titolo hanno contribuito alla realizzazione di questo evento, dal personale docente (prof. Luppina, Di Salvo, Scrima, Galante, Nicosia) agli alunni che hanno sacrificato gran parte delle vacanze natalizie per la realizzazione del carro, passando per le scuole del territorio che hanno accolto favorevolmente l’invito, in particolare la Salgari e la Orestano, e il consigliere della Provincia Regionale di Palermo, Carlo Di Pisa, per il gentile interessamento e le coppe ed i trofei sportivi concessi alla nostra scuola».

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)