sabato 19 ago
  • Aggredito il consigliere comunale Fragalà, è in coma

    Enzo Fragalà

    L’avvocato Enzo Fragalà, consigliere comunale de Il Popolo della Libertà, è stato aggredito stasera davanti al suo studio in piazza V. E. Orlando. Fragalà è stato colpito alla testa, forse con una mazza, ed è in coma.

    Palermo
  • 32 commenti a “Aggredito il consigliere comunale Fragalà, è in coma”

    1. A prescindere da cosa abbia spinto questi animali a compiere un gesto del genere, spero che non rimangano impuniti…

      Magari si tratta di questioni legate alla professione di Fragalà (e comunque l’attacco alle spalle con una mazza è quanto di più meschino e codardo esista dalla notte dei tempi), ma ipotizziamo che si tratti di una ripicca mafiosa per qualche difesa riuscita male, o per qualche atto politico sgradito al padrino di turno: come possono prenderla quei giovani che desiderano bandire la violenza da questa terra martoriata, ma che forse non sono pronti a sacrificare la loro sicurezza per l’ideale della legalità?

      E’ per non arretrare dinanzi a questo attacco della forza bruta che occorre una risposta severa da parte delle forze dell’ordine e della società civile.

    2. viva la democrazia, palermo e santa rosalia!

    3. Giosafat ma che commento del cazzo è?
      La violenza è sempre meschina, speriamo vada tutto bene

    4. quoto dario…

    5. Vorrei esprimere tutta la mia solidarietà alla famiglia Fragalà , vittima di questa barbaria che segna in maniera inesorabile ancora una volta la nostra già martoriata città .
      Mi auguro che gli inquirenti possano far luce al più presto su chi possa aver commesso un tale gesto .
      Nessuna giustificazione , nessun motivo , nulla di nulla potrà mai giustificare in alcun modo questo schifo .

    6. Palermo mostra sempre il suo lato brutale che
      la fa conoscere al mondo sotto una luce sinistra,
      tutto ciò mi ricorda la storia degli accoltellatori
      le aggressioni mafiose, il modo vile di intendere
      la fortuna altrui come un’attentato alla propria
      incapacità e specularmente esistono menti nobili e
      acutissime,uomini di profonda cultura, umanità alla
      ricerca di se stessa, che accentuano ancor di più
      le contraddizioni di questa terra.

    7. Questa è gente da prendere e fare marcire in galera per tutta la vita…

    8. Aggredire alle spalle ed infierire su un corpo già a terra è tipico di una mentalità vile che purtroppo da noi è abbastanza diffusa e meriterebbe una generosa distribuzione di napalm. (tanto per restare in argomento).

    9. vorrei commentare… ma non posso…
      mi spiace per il colpo di mazza, ma soprattutto perchè è in coma.
      basta non scrivo altro.

    10. Spero si riprenda!

    11. Notizia bruciante che mi fa male, terribilmente. Prego solo che quest’uomo si riprenda presto. Ieri non sono riuscita a dormire, certe notizie mi rendono insonne. Mi si stringe lo stomaco e non penso più nulla.

    12. @Dario, Cristiana Rizzo: era un commento prettamente ironico. Un cittadino che ama la democrazia, Palermo e santa Rosalia, non si macchierebbe di certo di infamia compiendo un atto vile e meschino come questo! Ma purtroppo intorno a noi ci sono molte persone di questo “calibro” libere di girare e far danno… CHE SCHIFO!

    13. peccato che lo studio non fosse a Piazza Mandalà

    14. Che schifo. Spero che gli inquirenti prendano queste bestie.

    15. la violenza e lo schifo dilaga sempre piu, come è possibile che una zona come quella del tribunale, non abbia una costante sorveglianza da parte delle forse dell’ordine, e come è possibile che nessuno abbia visto e potuto far nulla, lasciando ammazzare di botte un uomo?

    16. rimango basita… spero si riprenda presto…

    17. però il dubbio rimane, perché l’ha fatto?

    18. Solidarietà alla famiglia dell’Avv. Fragalà. E’ uno dei tanti vigliacchi di una comunità cittadina, quella palermitana spesso infame

    19. Non bisogna necessariamente legate il deplorevole gesto alla città, vi assicuro che ciò può accadere in qualsiasi parte del mondo. Lo scorso anno, più o meno nello stesso periodo, a Ladispoli (paesino sul mare in provincia di Roma) un “pazzo” si è presentato armato nello studio di un avvocato uccidendo il legale e ferendo gravemente il figlio. Motivo del gesto una causa persa che il “pazzo” imputava all’avvocato. La differenza rispetto a Palermo è che lì il pazzo l’hanno preso dopo un paio di ore, grazie alle testimonianze della gente, a Palermo probabilmente non lo prenderanno mai perchè l’omertà è il vero male di questa città.

    20. @cetty
      24 febbraio 2010 alle 10:21

      vorrei commentare… ma non posso…
      mi spiace per il colpo di mazza, ma soprattutto perchè è in coma.
      basta non scrivo altro.
      @
      Cetty io vorrei invece che tu chiarissi , sai cos’è dal tuo post sembrerebbe quasi che a te dispiaccia che le conseguenze non siano piu’ gravi .
      Spero di sbagliarmi .

    21. Esprimo solidarietà a fragalà e alla sua famiglia che in queste ore sarà precipitata in un abisso di dolore e sconforto. A me pare l’ennesimo segnale – come qualcuno ha intuito – di una diffusa rabbia sociale non ancora compresa a pieno dalla classe dirigente e gravida di conseguenze imprevedibili ma serissime. Sono più propenso a credere che il gesto criminale sia da ricondurre a qualcuno che abbia ideato una “giustizia” fai da te, magari si è ritenuto leso da una difesa di fragalà che come ogni avvocato, sfruttando una legislazione babelica, avrà forse consentito a qualcuno di non pagare per un reato commesso. La questione di fondo è il vuoto morale del nostro tempo che ha dimenticato il bene comune in favore di un iper garantismo dei singoli. Difficile recuperare giunti al punto in cui versa il Paese ma non si può e non si deve derogare all’impegno e alla speranza.

    22. memento: aggressione bucaro in via don orione nel 2008. ricordate quel massacro filmato in diretta dalle telecamere di sorveglianza?
      che fine hanno fatto gli aggressori arrestati??
      domanda retorica…

    23. Sono shoccata. Sono in Toscana per lavoro. Ma queste forme di brutalità assurda mi colpiscono allo stomaco. Puoi essere distrutto a bastonate, la sera che esci dal tuo lavoro? Ripetutamente percosso violentemente, senza che quasi nessuno se ne accorga?
      A che punto siamo? Dove stiamo arrivando?
      Sono seriamente sgomenta.

    24. anche io Uma, e capisco come ti senti.
      Vorrei sapere se ci sono aggiornamenti. Non ho seguito il tg locale.
      Grazie

    25. @luca: se non fosse in coma potrebbe raccontare quello che è successo, potrebbe dire che ha visto il suo aggressore.

    26. @cetty , grazie per il chiarimento mi ero legegrmente preoccupato per un intervento ( il tuo ) che sembrva poco chiaro .
      Accetta le mie scuse .

    27. Sono senza parole.
      Spero con tutto il cuore che l’Avv. Fragalà esca dal coma e si riprenda del tutto. Massima solidarietà a lui ed alla sua famiglia.

    28. Spero che una volta presi i colpevoli…non vengano liberati subito per buona condotta o per qualche cazz…varia…ma che scottino come minimo 40 anni di carcere,sia chi ha bastonato,sia il complice..non c’è differenza tra i due…!!!
      Il brutto di questi episodi è che oltre al danno fisico…certi gesti restano la maggior parte delle volte impuniti…(cosa che succede solo in ITALIA!!!) e cio’ secondo me…fa più male del dolore fisico…
      Spero tanto prima di tutto che Fragalà si svegli dal coma…e che questi animali vengano presi il più presto possibile…

    29. Sono stato male (moralmente) per quello che è successo. Ho conosciuto l’Avv. Fragalà nelle Sue vesti professionali e lo ricordo, anzi è, una persona cordiale e con un profondo rispetto dei ruoli.
      Invito chiunque ritenga di poter dare un’informazione utile alle indagini a farlo senza paura, senza se e senza ma, per Fragalà e per tutti noi perchè ci si possa sentire meglio, tutti.
      Un abbraccio alla famiglia perchè continui ad essere forte. Il momento è difficile e prego per Lui e per Voi.

    30. Ninni (con l’iniziale maiuscola)
      Solidarietà a chiunque abbia avuto la sfortuna di relazionarsi con colui il quale ha compiuto il vile gesto, ci mancherebbe, a prescindere dalla vittima dell’attentato che non conosco.
      Quello che in effetti non capisco sono i post di coloro i quali devono a tutti i costi criminalizzare una città adducendo aspetti della questione che troverebbero riscontro in qualsiasi altra città al mondo.
      Questo è il gesto di uno scellerato, un pazzo, a prescindere dalle motivazioni che lo hanno spinto a farlo. Cosa c’entra il palermitano nelle sue vesti di cittadino di una città affranta da mille altri problemi.
      L’omertà? come si fa ad essere così certi che di tale fenomeno si tratti se non invadendo l’aspetto pregiudiziale della questione?
      Palermo è una città omertosa e Ladispoli no, ne prendo atto.

    31. Che tristezza… pace all’anima sua
      Morire per mano di un vigliacco, spero lo arrestino

    32. Mi chiedo il perché di tanta ferocia.

    Lascia un commento (policy dei commenti)