mercoledì 18 ott
  • La Petyx ha intervistato Pippo Enea sui beni confiscati

    Ieri Stefania Petyx è tornata a parlare a Striscia la notizia su Canale 5 dei beni confiscati alla mafia e delle incredibili destinazioni di terreni, immobili e imprese intervistando l’ex assessore Pippo Enea.

    AGGIORNAMENTO: Stefania Petyx è stata ascoltata stamattina in Procura dal pm Gaetano Paci.

    Palermo
  • 47 commenti a “La Petyx ha intervistato Pippo Enea sui beni confiscati”

    1. Massima considerazione e rispetto per Stefania Petyx, ma stavolta mi sembra che Enea (che non conosco personalmente)non abbia fatto nessun tipo di figuraccia….insomma mi è sembrata una caccia alle streghe un pò dipietresca…

    2. veramente sembrava in difficoltà per certe domande….

    3. … per imboccar la strada che dalle panche di una cattedrale ( in questo caso “chiesa di periferia” ) porta alla sacrestia quindi alla carica di assessore … non vedo altri requisiti che giustificano la sua presenza politica, oltre, ben inteso, ai galoppini; e so di cosa parlo, poiché lo conosco; eccome!

    4. Anche a me sembra che il Sig. Enea non abbia fatto nessuna figuraccia, e anch’io non lo conosco. A questo punto il compito è della Prefettura accertare che i destinatari siano “puliti”.
      Alla Sig.ra Petix volevo dire: “Ci stranizza non poco” non è corretto, “ci ha stranito non poco” si.

    5. Scusate, ma non vi sembra strano che pur in presenza di emergenze sanitarie (V. famiglie nei container) e abitative, si dia la precedenza nell’assegnazione di beni confiscati alla mafia ad associazioni che fanno capo a consiglieri comunali peraltro imparentati con condannati per mafia? Non faccamo rivoltare nelle tombe chi, combattendo la mafia, è morto!

    6. Ieri la Petyx non era in forma…
      Enea mi sembra abbia esposto chiaramente la sua posizione e responsabilità eventuale.
      Il problema delle assegnazioni esiste, ma forse Enea è quello che c’entra meno di tutti.

    7. Davvero è assurdo non stranizzarsi di cone che nel resto del mondo sarebbero uno SCANDALO!!I beni assegnati sono pochisismi rispetto alla disponibilità e quei pochi che vengono assegnati a chi vengono assegnati??? Ad amici di partito parenti e simpatizzanti…e questo non vi sembre strano??? Tutto normalissimo??? Inoltre c’è l’aggravante dell’ombra mafiosa…certo lui non sapeva nulla però, eh!
      Mi sembra ci stiamo abituando a delle anomalie assurde…
      Ma scusate, allora, fatemi capire…Enea poteva assegnare il bene tranquillamente a BERNARDO PROVENZANO, tanto poi ci pensa la prefettura?? Ma stiamo scherzando?? E la responsabilità politica si va a fare benedire!!!!
      Signor michele, capisco che l’avete a morte con di pietro…ma cominciate a vederlo dovuque…è grave!!!
      Grandissima Stefania continua così!!

    8. Leggendo certi commenti si capisce perchè un certo malcostume è così difficile da sradicare: la mentalità comune è troppo compiacente!

    9. ma in che pianeta vivete…non era in difficoltà?????
      cioè un collega di partito ex consigliere a cui si assegnano 2 o più beni confiscati alla mafia e uno del comune, senza gare pubbliche solo per virtù della discrezionalità della prefettura che non si accorge che questo ha 2 cognati indagati o condannati per mafia…
      Michele P. fammi il favore di scendere sul pianeta terra e ammettere che qualcosa non va nella gestione che la tua parte politica ha fatto in questa città- provincia- regione e adesso possiamo tranquillamente dire anche Stato, visto i fatti recenti..
      la verità è che siete incapaci di governare..
      il PDL e l’UDC insieme all’MPA sono responsabili dello sfascio della sicilia..
      ci sono nomi e cognomi..

      Stefania come sempre complimenti, il tuo servizio è impeccabile!!!

    10. Scusate siamo d’accordo che non c’è niente di male ad assegnare un bene ad un compagno di partito se questo ha un progetto valido, ma mi pare veramente assurdo assegnarne 2 a lui e uno a sua madre quando c’è gente che vive nei container, e mi pare molto plausibile che essendo ex consigliere e suo collega di partito possa aver avuto una via preferenziale anche rispetto ad altri che abbiano avuto progetti altrettanto validi

    11. Grande merito a Stefania Petix!
      Come dicevano a striscia è un “caso” che 3 immobili confiscati alla mafia siano assegnati ad un ex consigliere comunale collega di partito dell’assessore Enea. E che “caso”!!!
      Solo chi ha gli occhi foderati di appartenenza al PDL-UDC non vede lo scandalo: beni confiscati alla mafia – assegnazione ad onlus di politico UDC – utilizzo del bene per scopi privati!!

    12. … gli immobili, si, e si potrebbe anche andare a cercare su certi posti di lavoro, persino precari … a buon intenditor … risponderebbe che non ne sa niente, normale … Per imboccar la strade che dalle panche di una chiesa di periferia … etc.

    13. … la strada

    14. che la mancanza di trasparenza sia totale e che l’assegnazione sia discrezionale dell’ufficio del sindaco ormai è chiaro, l’ho già scritto e lo ripeto, l’assegnazione va tolta all’amministrazione comunale e affidata ad un ufficio terzo che non può essere il tribunale, perchè significherebbe bloccare tutto, ma va affidato in toto alla prefettura che controllerebbe assegnazione, validità dei progetti e controllo dei beni..si deve creare un ufficio apposito staccato dall’assegnazione a fini elettorali, perchè in questo modo si toglie alla mafia per concederli all’illegalità, la mancanza di regole chiare e leggi non è una giustificazione per le amministrazioni incompetenti..

    15. Quoto Tonjo

    16. dovrebbero andare tutti a casa.

    17. A me sembra invece che il servizio di Stefania sia un tentativo di riprendersi dopo la mala figura dei servizi precedenti. Alla fine si è capito che i servizi precedenti (quelli del non utilizzo dei beni confiscati) era stato solo una disinformazione visto che quasi tutti i beni a cui faceva riferimento il servizio riguardava beni confiscati assegnati provvisoriamente (in attesa del nulla osta della Prefettura). Anzi contro l’unico assegnato definitivamente era il centro per anziani e in qual servizio la Stefania mette in cattiva luce quell’Associazione lasciando intendere chi sa quali profitti… A chi diceva che Enea ha dato il bene confiscato ai mafiosi ricordo che il compito di vigilare da questo punto di vista è esclusivamente della Prefettura in quanto lei ha la possibilità di indagini.
      A chi parlava dei senza tetto in quei beni, invito di chiedere a Stefy il video che mostra le condizioni in cui sin trovano tali beni tranne se non pensiamo di farli dormire sui alberi del terreno di Cruillas.
      A chi parlava di assegnazioni clientelare, concordo con lui anche se ricordo che tutti gli insegnati dei corsi di formazione degli enti professionali sono parenti di politici di sinistra e sindacalisti anche se ciò dispiace sempre per i comuni mortali che parenti politici o sindacalisti non hanno.
      Alla fine penso che il fatto che Stefania non abbia un tesserino giornalistico sia un vantaggio per lei se non chi sa quali deferimenti avrebbe avuto all’ordine con tutti questi servizi imprecisi. 😉

    18. cose poco chiare…è sicuro…mi stupisce che vi sia qualcuno che difende: che siano aspiranti politici? …in ogni caso complimenti…a stefania.

    19. @imp.com. – anche alle famiglie dei container i beni in questione verrebbero affidati provvisoriamente, come ha sempre precisato la Petix nei servizi: obiezione respunta! La questione è perchè dare questi beni alle associazioni dei colleghi di partito prima di chi ne abbia davvero bisogno. Questa è una città dove si sa tutto: il problema è dire le cose. Se c’è un problema in questa città, non è certamente della Petyx come certuni (giornalisti “patentati” invidiosi della stampa locale, clientes dei politici, leccaculi vari, ecc.) vorrebbero far credere.

    20. @imp.com.
      SI informi prima di dire CASTRONERIE…perchè dire che tutti i corsi di formazione di enti professionali sono ad appannaggio di parenti amici e simpatizzanti di sinistra è una castroneria…posso fare decine di nomi di enti che hanno a capo uomini di centro e destra con insegnanti che sono parenti e amici e che, tra parentesi, raramente ricevono quanto gli spetta a scadenze ben precise!…
      si informi meglio.
      Ma poi davvero pensa che abbia fatto una brutta figura con i servizi precedenti?? Le assicuro che una delle pochissime persone che la pensa così!
      Ma davvero si scade nel ridicolo quando dice che l’unico che deve vigilare sull’assegnatario del bene è il prefetto…stiamo scherzando?? Allora un politico può fare quelo che vuole, assecondare i magheggi dei mafiosi con la speranza che magari qualche progetto scampi alla mannaia del prefetto??
      No no no…guardi mi rifiuto di seguire la sua logica retrograda perchè tale è, e per questo tipo di mentalità la sicilia è 2000 passi indietro rispetto al resto del mondo…cultura della legalità e trasparenza le dicono nulla come concetti? Secondo me no.

    21. quella dell’assegnazione di beni pubblici o erogazione di fondi comunali, nel passato, ad onlus ed associazioni varie è una questione che credo ancora deve esplodere! Come tante altre situazioni concernenti la cosa pubblica devono esplodere, questione di tempo.
      E magari chissa, si scoprirà che diversi politici, in qualità di consiglieri o assessori, hanno legami piu’ o meno diretti con le associazioni destinatarie delle assegnazioni.
      Se solo si potesse andare a fondo con i mezzi piu’ idonei della magistratura, chissà cosa si potrebbe scoprire. Magari nulla (ma ne varrebbe la pena indagare) e magari tanto (giustificando l’impiego di risorse per l’indagine).
      La Petyx chiaramente non è pagata per fare indagini da magistratura nè ha i mezzi per poterlo fare (immaggino le intercettazioni telefoniche commentate e musicate da lei stessa…. :-), ma credo di capire da quello che vedo, che ce la mette tutta per scoperchiare un mondo a molti sconosciuto e fatto di attività spesso non molto trasparenti. QUindi anche se oggi non riesce a dimostrare con prove confutabili cio’ che i servizi in tv realizzati intendono comunicare, credo che siano buoni inizi affinchè politici, magistratura e amministrazione comunale comincino a capire che molte cose nascoste potrebbero essere presto rese pubbliche e questo in qualche situazione specifica non potrebbe di certo giovare all’immagine pubblica di diverse figure politiche o istituzionali.
      Oppure è meglio che la Petyx quei servizi non li avesse mai fatto, e quindi non si sarebbero create le condizioni affichè fosse fatta luce sull’affidamento dei beni confiscati alla mafia ad associazioni e onlus varie ???
      Di certo quando la Petyx si è presentata dall’ex assessore, non l’ha fatto in veste da pubblico ufficiale che indaga, ha fatto delle domande che possono aiutare a comprendere i meccanismi di un sistema esistente di cui alcuni particolari possono far pensare non bene. E’ credo con una certa sicurezza che, dal tono dell’ultimo servizio della Petyx, ne seguiranno altri sull’argomento in quanto stiamo parlando di una persona che ha solo contribuito , fino ad oggi, a fare luce su molte questioni della terra in cui viviamo, quindi ha tutto l’interesse affinchè certe vicende non restino in un limbo opaco e dai contorni sfumati; diversamente credo abbia un interesse a rendere certezza dei fatti con il solo ausilio dei mezzi di cui dispone: telecamere nascoste, non nascoste, dichiarazioni di individui informati dei fatti che vogliono mantenere l’anonimato per tutelare la propria posizione, lettura di atti pubblici e relativa comprensione, ecc.
      Operare in una maniera tale da rendere pubblica l’evidenza di fatti e farlo con un linguaggio semplice, diretto, coinciso e chiaro non puo’ che aumentare il livello di professionalità e attendibilità dell’inviata di Striscia in terra sicula. Osservando da tempo il suo personaggio non mi limito a emettere sentenze per un solo servizio visto in tv, … ogni volta, quando le vicende sono complicate e richiedono tempi lunghi, ha in serbo sempre nuove informazioni che in un successivo servizio riescono a sorprendere con una certa costanza il telespettatore per il senso di continuità e assiduità che riesce ad avere nel suo lavoro.
      Quindi aspetto con ansia il prossimo servizio sull’argomento per potere completare il mio giudizio sulla vicenda e per confermare (a me stessa) di che pasta è fatta la Petyx 😉

    22. @ Nicola
      l’assegnazione provvisoria nel caso delle associazioni dice pressoché la seguente: l’immobile può essere utilizzato nello stato in cui si trova altrimenti. eventuale migliorie non vengono riconosciute dal Comune di Palermo. Ciò significa. Un’associazione prende un bene confiscato lasciato dai parenti del mafioso da tanti anni e ovviamente (purtroppo) non in buone condizioni. Nessuna associazione si rischia di affrontare neanche le spese di manutenzione ordinaria senza l’assegnazione definitiva (assegnazione definitiva significa per 4 anni) sapendo di rischiare di perdere tutto.
      @ Fabrizio
      Concordo anche la dx e centro ha corsi di formazione ma devi riconoscere che i “maestri” sono quelli di sx. e posso farti centinaia di nomi 😉
      Penso che abbia fatta una brutta figura in quanto non si sia informata sino in fondo sul problema.
      Comunque per legge l’ente preposto a vigilare sui beni confiscati affinché la mafia non rientri nel loro possesso è la Prefettura in quanto la prefettura ha degli strumenti d’indagine che il comune non ha. Come fa un semplice funzionario o assessore sapere che tizio o caio è imparentato con sempronio che è stato condannato per mafia? La Prefettura questo lo può sapere. Ora è più chiaro?

      Poi se possibile invece di offendere a prescindere parliamo sui contenuti.

    23. @ sandra
      Concordo con te riguardo in generale la Petix. Purtroppo nel caso dei beni confiscati (avendo io stessa un discreta conoscenza tecnica della materia) ha posto un grave problema (clientelismo e utilizzo distorto dei beni confiscati) con degli esempi che purtroppo il Comune ha la possibilità di smontare facilmente. Mi piacerebbe che quei beni fossero distrutti e fatti al loro posto parchi gioco per i bambini.
      Sul discorso dei contributi alle varie Onlus (anche qui avendo un discreta conoscenza tecnica della materie) aspetto con entusiasmo la (le) puntate.

    24. Sono veramente sconcertato, come si fa a dire che Enea nella vicenda dei beni confiscati sia uno stinco di santo non lo capisco proprio, questo signore arrivato al settora risorse immobiliari ha praticamente smantellato un bando pubblico (perche’ esisteva), per l’assegnazione dei beni confiscati, la scelta di dare il bene ad’una associazione piuttosto che un’altra e’ stata totalmente discrezionale, e poi, mi spiegate perche’ negli ultimi tre anni ai senza tetto va’ un solo alloggio mentre alle associazioni vengono assegnati circa cento alloggi ?
      E’ giusto sapere che dal ministero delle finanze viene emesso un decreto di destinazione in favore del comune indicandone anche l’utilizzo, la dicitura dice : ” alloggio da assegnare provvisoriamente a famiglie svantagiate “, e’ altrettanto giusto sapere che da qualche anno esiste un regolamento comunale che stabilisce che i beni confiscati devono essere usati prioritariamente per le famiglie riconosciute dal comune in emergenza abitativa, perfetto, il Sig. Enea ha sempre disatteso tali riferimenti, tante’ che alcuni membri del comitato di lotta per la casa 12 luglio circa 2 anni fa hanno presentato un esposto alla procura della repubblica per chiedere di intervenire sulla mancata trasparenza nella gestione dei beni da parte del comune e tutt’ora un indagine e’ in corso, quindi e’ falso quando questo signore afferma che nulla gli e’ mai stato contestato.
      Vorrei capire come si fa a giudicare normale avere dato piu’ beni ad’una associazione che fa capo ad un ex consigliere comunale, forse perche’ e’ dell’udc? Mi spiegate qual’e’ la finalita’ sociale di un bene che viene assegnato ed utilizzato dalla lega navale? Oppure, l’ex assessore Enea quale progetto valido ha trovato quando ha deciso arbitrariamente di assegnare un terreno confiscato alla telimar ( club privato ) che ne fece posteggio per i propri soci ?
      Brava Stefania, continua cosi’, lor Signori sono in grossa difficolta’, hanno capito che si sta scoperchiando una pentola che fara’ uscire un bel po’ di marciume.

    25. “Come fa un semplice funzionario o assessore sapere che tizio o caio è imparentato con sempronio che è stato condannato per mafia?”
      Ma dai caro “imp. com.”, la situazione è marcia anche agli occhi di un bambino.

    26. Imp.com. = improbabile commentatore 🙂

    27. a me il servizio andato in onda mi ha riportato ad un titolo ormai mitico della defunta rivista cuore

      HANNO LA FACCIA COME IL CULO

      sigh
      comunque sento dai commenti una brutta aria come se aspettassero stefania al varco…

    28. certi commentatori, oltre a causarmi una certa vergogna al pensiero di condividere la cittadinanza con loro, mi suscitano comunque un grande stupore, nel vedere con quale faccia tosta affermano certe vergognose opinioni. è questo che mi preoccupa!

    29. sig. Petyx dica al suo collega V.Staffelli di recapitare al Cav. Silvio Berlusconi un tapiro d’oro…… http://temporeale.libero.it/libero/fdg/3431000.html

    30. di queesto la petyx non parlera’ mai……

      http://www.youtube.com/watch?v=Lt9RXBo27Dw

    31. Ludovico Ferdigotti Gialdini e prof. Teresa Lo Bianco vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    32. La Prefettura ha smentito Enea con buona pace dei Ferdigotti Gialdini, delle prof. Lo Boianco e di tutti i difensori dell’indifendibile: http://www.siciliaonline.it/index.php?option=com_content&task=view&id=125047&Itemid=2

    33. ne vogliamo parlare ora quindi ?
      🙂
      e ora aspettiamo il prossimo servizio di Striscia!

    34. @giuliano
      per me la prefettura conferma che il nulla osta lo da lei. quindi la responsabilità eventuale è loro. sul caso specifico, l’assessore dice che lo ha dato mentre la prefettura dice di no. In mancanza del nulla osta c’è la revoca. quindi cosa c’è da difendere?

    35. p.g. la Prefettura ha detto che non ha ricevuto le carte …

    36. non mi avete dato la possibilita’ di replicare a giuliano, non e’ democratico.

      riflettete

    37. Ludovico Ferdigotti G. sei stato invitato a rimanere in tema più volte. Rifletti sul tuo comportamento piuttosto. Saluti.

    38. infatti in queste situazioni il l’assegnazione viene revocata. poi comunque enea non può avere colpa visto che l’assegnazione provvisioria l’ha fatta 6 giorni prima di lasciare l’incarico (come risulta dal servizio). Quindi è ovvio che enea non c’entra nulla con un’eventuale assegnazione definitiva (che è quella che conta). (almeno in questa caso). Come diceva qualcuno in precedenza, quando un servizio giornalistico si fa da non giornalisti è possibile non avere tutti gli elementi per erssere obbiettivi. saluti

    39. Ribadisco, mi vergogno di essere concittadino di persone capaci di difendere l’indifendibile. Il marciume è tale che si dovrebbe star zitti… invece quanto ardore nel sostenere l’insostenibile.
      Spero che i palermitani che si scandalizzano e che apprezzano i tentativi di persone come Stefania di scoperchiare le ingiustizie e le illegalità possano essere più numerosi di quelli che invece di fronte a tutto ciò mostrano il proprio carbone fradicio.
      A proposito, stasera guardate la Gabanelli. Lei può fare servizi più lunghi di 3 minuti, ha un tesserino, ma molta meno audience di Stefania… che ha il merito di rendere potabile e fruibile ai più questa indecenza, condensandola in pillole.
      Vediamo cosa avranno da dire certuni pure sulla gabanelli.

    40. @M.Merighi “Vediamo cosa avranno da dire certuni pure sulla gabanelli”

      paragonare una giornalista come la gabanelli alla sig.petyx…. mi sembra un po troppo…..

    41. enea non c’entra niente, enea non sa niente, ma dove vivete? Stefania ne potrebbe trovare decine, e non ci vorrebbe molto per cercarli, di posti di lavoro, quasi sempre inutili … precari e non precari assegnati chissà come … certo anche in questo caso enea e i suoi amici direbbero che enea non c’entra niente … non c’entra niente?

    42. ovviamente ora che enea non è più assessore il Comune è diventato cosa seria. diceva Totò: ma fammi il piacere….

    43. L’inchiesta di Stefania Petix e le nostre proposte hanno prodotto un primo risultato,
      sul sito del comune hanno pubblicato un nuovo avviso per la concessione gratuita dei beni confiscati alla mafia: http://www.comune.palermo.it/comune/settori/risorse_immobiliari/concessione_beni_confiscati.pdf
      e hanno pubblicato gli elenchi dei beni assegnati e da assegnare: http://www.comune.palermo.it/comune/settori/risorse_immobiliari/beni_confiscati.htm
      Invito nuovamente tutti a controllare e segnalare se ci sono anomalie.
      L’antidoto alla corruzione ed alla cattiva gestione della cosa pubblica sono la trasparenza degli atti ed il controllo attivo dei cittadini.

    44. Ma guarda che non è niente di nuovo. Le regole di assegnazione sono le stesse (tra l’altro previste dalla legge) e l’elenco è lo stesso con la sola dicitura in più degli immobili assegnati in via provvisoria e non definitiva. Infatti Artemisia è assegnazione provvisoria quindi abbiamo solo perso tempo nel parlare….

    45. ma chi ha detto che esista l’assegnazione provvisoria?
      diciamo così, al politico piace far subito il favore, agli uffici non piace firmare prima del parere della prefettura , perchè chi rischia il po-po è il dirigente.
      nacque così la diabolica via di mezzo…
      e la chiamarono….. assegnazione provvisoria.
      c’è da rdere.

    46. ..solita tecnica,polverone e sparare sula croce rossa..quanto siete bravi!!

    Lascia un commento (policy dei commenti)