venerdì 20 ott
  • Il Palermo ha “convertito” un paio di tifosi…

    In Serie A rimangono le ultime sette partite da giocare. Per chi non lo sapesse, il Palermo è da qualche settimana al quarto posto. Ciò significa che se il campionato finisse oggi i rosanero sarebbero qualificati ai preliminari di Champions League, quella competizione internazionale dove, per intenderci, giocano club come Real Madrid, Barcellona e Chelsea

    Queste sono le prime dieci squadre del massimo campionato italiano:
    Inter 63
    Roma 62
    Milan 60
    Palermo 51
    Juventus 48
    Napoli 48
    Sampdoria 48
    Fiorentina 44
    Genoa 44
    Bari 43

    In queste settimane, addirittura, mi è capitato di sentire storie di alcuni juventini palermitani che hanno cambiato “fede”; per la serie “non è mai troppo tardi per rimediare ai propri errori”. I tifosi rosanero purosangue li chiamano “faccioli” (cioè coloro che cambiano posizione ed idee di fronte al proprio interlocutore in circostanze diverse e contesti differenti) e non li apprezzano. In questo momento, però, uno spettatore-supporters-voce in più allo stadio può sempre essere utile…e poi si sa…c’è sempre tempo per tornare bianconeri…

    Palermo
  • 47 commenti a “Il Palermo ha “convertito” un paio di tifosi…”

    1. quel c’è sempre tempo per tornare bianconeri porta attasso… cambia il finale!

    2. William, sicuramente è vero quello che scrivi, pero’ l’informazione non è completa.
      Mi spiego: da quando il Palermo è di moda, cioé da quando stava per tornare in serie A non sono solo tifosi ex strisciati ad essersi convertiti al rosanero. Tu sai benissimo che tra i tanti siti internet e trasmissioni radio e tv molti neo-giornalisti o giornalisti di lungo corso erano tifosi strisciati, molti dei quali per opportunismo si sono avvicinati al Palermo, perché anche loro devono campare, e perché l’indotto economico che genera il Palermo non si limita al fatturato del Palermo calcio; insomma il Palermo fa campare anche tanta altra gente che non è tesserata direttamente dal Palermo, cioé commercianti, tv, radio, giornali, bagarini, venditori di ogni sorta. Ma il problema maggiore è che molti giornalisti essendo rosanero per interesse o di facciata, e strisciati dentro, non muovono un dito per operare in senso positivo nell’interesse collettivo, anzi spesso remano contro. Quando si tratta di pubblicizzare, quando si tratta di difendere da elementi oscuri.
      Ce n’è uno che ogni volta che il Palermo vince intervista gli allenatori avversari esprimendo un’empatia fuori dal comune, sembra ancora piu’ dispiaciuto dell’inervistato.
      Ho letto nel sito di un giornale nazionale, in un blog, lo scambio di commenti tra un mio amico e un giornalista palermitano di quelli che si vedono pure in tv; giornalista ex milanista, il quale giustificava la sua simpatia per il milan col fatto che il Palermo era in serie B o serie C: ma che vuol dire? E’ tifo per i vincitori? La città ha problemi e si diventa milanesi? E’ come dire la mia fidanzata l’amavo ma era povera allora me ne andavo a pomiciare con altre donne, ora che la mia fidanzata è ricca bella vestita dai migliori stilisti e possiede una bellisssima villa con immenso parco io l’amo di nuovo alla follia.
      Gente senza personalità che non rappresenta un tubo a Palermo, gente senza identità, buoni solo per rappresentare i loro infimi interessi.
      Preciso che non generalizzo, sto parlando solo di addetti ai media strisciati ed ex strisciati convertiti per interesse.

    3. … dell’intervistato …

    4. Che la gente di Palermo tifi per le strisciate (o per qualunque altra compagine geograficamente e culturalmente lontana da noi) è una cosa che non condivido, ma chiaramente accetto: ognuno è libero di fare ciò che gli pare, finchè mantiene il rispetto per gli altri. Ma che certe persone cambino parrocchia solo ora che il Palermo va bene mi sembra insopportabile, paradossalmente preferirei non avere quelle voci in più allo stadio (ma neanche al bar)… non è fanatismo (nè sportivo, nè di altra natura), ma chi sale sul carro del vincitore non può godere della mia simpatia. E comunque credo che non possa neanche gioire tanto dentro di sè come chi ha seguito le vicissitudini della squadra da molto più tempo (magari cominciando ad andare allo stadio tenuto per mano dal papà quando una partita con il Perugia era scontro al vertice per la promozione in serie B) e comprende il sentimento di attesa e di rivalsa che oggi si può provare.

    5. Rettifico la tua classifica:

      Inter 63
      Roma 62
      Milan 60
      Palermo 51
      Napoli 48
      Juventus 48
      Sampdoria 48
      …..

      In virtù degli scontri diretti la Giuve è dietro il Napoli!

    6. I tifosi rosanero purosangue li chiamano “faccioli”
      ——————————————–
      Si ma questi tifosi rosanero purosangue sono a loro volta ex milanisti-interisti-juventini, che si sono a loro volta convertiti al Palermo con l’arrivo di Franco Sensi prima ancora che di Zamparini. Ma siccome loro si sono converiti 10 anni fa adesso dicono che i neoconvertiti sono faccioli, solo perchè hanno deciso di convertirsi adesso. I veri tifosi purosangue sono quelli che negli anni 80 andavano allo stadio e alle partite a Trapani. Ricordo gradinata chiusa al pubblico, non valeva la pena aprire aò pubblico un pezzo dello stadio per così pochi biglietti…e ricordo circa 500 persone in curva nord tutte le domeniche. chissà come mai ora a chiunque senti dire che andava allo stadio negli anni 80 e che si faceva pure le trasferte a Trapani, un esercito di persone lo giura, eppure allo stadio c’erano solo e sempre 500 persone. Siamo sicuri di avere individuato veramente chi siano i faccioli?

    7. Io sono Palermitano, tifavo Juve, tifo Juve, e tiferò Juve.
      Il Palermo sarà sempre la mia seconda squadra.
      Non tiferò mai “contro” la squadra della mia città.
      Chi tifo quando c’è Juve-Palermo? Juve. Ma se vince il Palermo come in questo campionato… a fine partita sorrido, e in fondo son contento.
      Oggi, il Palermo merita di stare lì al 4° posto, la dirigenza Juventina (compresi gli Elkann) meritano di pagare per gli errori commessi.
      Mentre merita Zamparini, che nonostante sia un avaro accecato dai soldi, non è ipocrita, e non si può nascondere che sia uno che “valorizza” i giocatori, o come si dice in gergo “ha occhio” per i talenti. (Vedi Pastore).
      Sono Palermitano, ma sono e sarò per sempre Juventino. Viva i “veri” tifosi!

    8. @saxgiambelluca: lo sai come definiscono i Palermitani e i siciliani in genere a Torino ? Lo sai che negli anni 50/60 vi erano i cartelli “non si affitta ai meridionali” ? Lo sai che i Piemontesi ci hanno spogliato di tutto col falso mito dell’Unità ?
      Dirai, cosa c’entra col calcio. C’entra, c’entra, il calcio è un fenomeno anche sociale e che un Palermitano palpiti per una squadra che rappresenta una città del “Profondo Nord” che ci disprezza è una cosa che sinceramente non comprendo.
      E lasciamo stare calciopoli e tutto quello che è emerso.
      Ma poi mi chiedo come un Palermitano da picccolo inizi a tifare Juve, Milan e Inter: immagino che consulti l’albo d’oro degi titoli vinti e decida in conseguenza.
      Cambierò il mio giudizio e stringerò la mano al Palermitano il giorno in cui mi dirà che la sua squadra del cuore è la Sambenedettese o il Castrovillari.

    9. Ognuno è libero di tifare ki vuole, ma certo non credo che ci sia un milanese o un bolognese che tifi Palermo (tranne che sia un nostro conterraneo emigrato). Ora, essere stati tifosi Interista o Juventino perkè ci siamo cresciuti con il Palermo in serie Cadetta o C, non ne farei un dramma.Abbiamo sempre sognato di essere bravi goleador come Boninsegna o Del Piero, ma ora…NO.
      Il Palermo è in serie A e prima deve venire la squadra della nostra Città e poi le altre.Altrimenti c’è da credere che come recita un vecchio proverbio siciliano “Semu amanti di stranii(stranieri).Forza Palermo.

    10. Preg.mo saxgiambelluca, a me fanno solo ridere chi crede che dichiarando che il Palermo, la squadra della propria città sia al secondo posto nel proprio cuore quasi si voglia giustificare della mancanza d’affetto che ha per la proria città.
      Vede la squadra della nostra Città si chiama Palermo e se lei va in Sudamerica o in Australia la porterà sempre con se perkè è il nome che conta e qui si chiama Palermo.
      Poi vede e mi dica la verità, lei crede di poter criticare Zamparini chiamandolo pure avaro mentre i proprietari della sua Juventus sono quelli che con il calcio si sono arricchiti alla grande sfruttando la proprietà della FIAT? Ognuno può rimanere nella propria posizione, tifi pure Juventus e il Palermo lo lasci totalmente a ki ama la propria città, però la prego lasci stare Zamparini e guardi a casa sua(Torino). Grazie.

    11. io tifo Palermo, SOLO Palermo, sono abbonata in curva da tempi non sospetti… però, a prescindere che si tratti di tifosi “veraci” o dell’ultima ora, mi fa piacere quando vado allo stadio e c’è tanta gente: l’atmosfera ne guadagna!

    12. chissa’ se quando il palermo andrà in coppa campioni, allo stadio qualcuno andra’ a vedere almeno una partita tifando a squarciagola.
      un paio d’anni fa, in occasione degli ultimi incontri alla favorita tra il palermo ed altre squadre in competizione per la coppa uefa, allo stadio c’erano quattro gatti neanche fossimo stati sazi di competizioni internazionali.
      forza palermo

    13. perche’ DEVE essere un obbligo tifare per la squadra della propria città?
      quando ero piccolo ero convinto che nel palermo giocassero solo palermitani, ed il presidente fosse del palermo. poi ho capito che ogni squadra ha giocatori di tutte le razze e che i presidenti potrebbero esserlo anche loro.
      morale… perche’ tifare per il palermo, per la juve .. o per il milan .. dovrebbe fare sentire qualcuno un traditore della patria?
      personalmente un presidente come il ns. che si ha portato palermo in serie A .. ma che e’ sempre “schifiato” quando un giornalista di palermo lo intervista… non mi fa tanta gioia .. anzi… pero’, non possiamo che ringraziarlo visto che i palermitani, gambino, ferrara .. e tanti altri, hanno soltanto saputo fottere il Palermo ed i Palermitani.
      w lo sport e gli sportivi.

    14. @ Ghito e @ Domenico; A me non interessa nulla di Torino o della Fiat, e del razzismo che circonda l’Italia.
      Vedete.. è proprio questo il problema, io non tifo Juve per gli “Agnelli” e figuriamoci per i “Torinesi”.
      Io sono Palermitano, e conosco benissimo come ci si sente essere dei Palermitani al Nord considerando che ho vissuto a Milano.
      Non faccio di certo il ragionamento.. “ma il milanese tiferebbe Palermo?” Chissene…
      Io ragiono con la mia testa, e l’ipocrisia la lascio ai migliaia di Palermitani (interiti/juventini/milanisti) che durante la settimana si “scannano” nei bar o negli uffici difendendo la loro “squadra del nord” e facendo a gara chi ha più soldi in tasca.. tra i vari “Moratti, Berlusca ecc…” e la domenica se ne vanno allo stadio dicendo “no no, io solo Palermo, fanculo sti polentoni!”
      Io sono un tifoso di calcio che va al di la delle ideologie politiche e razziali.
      E come dice William nel post, io non mi sento un “facciolo”, ho tifato 23 anni per la Juve.. anche in B, e mo perchè il Palermo è più in alto della Juve.. devo tifare Palermo?
      Mettiamola cosi… “il Palermo non mi merita” 🙂
      Come esiste il Romano che tifa Juve, esiste il Palermitano che tifa Juventus.

      Peace and Love! 😉

    15. Per saxgiambelluca:W.il calcio e i tifosi che sanno discutere da persone serie. Il Palermo merita tutti, anche te.Ciao

    16. Perché si deve tifare solo Palermo? Semplice. Oggi non è solo un evento sportivo, è anche evento socio-economico rilevante, dà grande visibilità, ha una valenza sociale di grande importanza; dell’indotto se n’è parlato ( peccato, secondo i miei gusti, che ci campano pure certi personaggi un po’ ambigui ). Ora, le squadre strisciate di milano e torino hanno un fatturato che è il triplo di quello del Palermo perché anche tantissimi siciliani tifano per le strisciate, comprano i loro gadgets, determinano l’audience nei media e, come si sa, sono gli abbonamenti ai media e la suddetta audience che si prendono in considerazione per la ripartizione degli incassi dai media che sono la pate piu’ consistente del budget delle squadre di calcio.
      I tifosi palermitani delle strisciate contribuiscono al loro arricchimento e al benessere, in questo contesto, delle città di milano e torino, a discapito di Palermo. Probabilmente sono buoni cittadini per altre cose, ma in questo caso sono cattivi cittadini.
      Il post di saxgiambelluca è SOLO TRISTE, oltre a scrivere inesattezze da persona che conosce poco il calcio.
      Il tifo è senso di appartenenza, altrimenti senza questa identificazione sarebbe una cretinata.
      Gli strisciati palermitani sono soltanto dei tifosi della vittoria, anche se ottenuta rubando, come hanno fatto spesso le squadre strisciate; anche la ripartizione degli introiti dai media è similmafiosa.

    17. Palermo è zeppa di abbonati alla tribuna (oggi) che negli anni ’80 avevano il poster di Platini in stanza ….
      Io ne conosco un paio …. 😉

    18. “uno spettatore-supporters-voce in più allo stadio può sempre essere utile” però si riconosce. Non so adesso, però una volta ( ai miei tempi diciamo ) il primo ad accorgersene era il “ghiacciolaro”. Alternava il suo consueto urlo “Ghiacciuoliii” con un altro leggermente storpiato “Ghiacciuuooliii, Facciuuoolii” . Intendeva ovviamente far riferimento a tutte quelle facce di bronzo che tornavano ad ingolfargli il passo dopo mesi magari di colpevole assenza. ” Facciolo ” è un termine fantastico, molto più brillante del nordico “voltagabbana”. Da non confondersi però con un altra definizione locale forse ormai passata in disuso : “Crastuna”. “U Palermo vinciu e niscieru i crastuna !!” Così recitava un larghissimo striscione in Curva Nord, all’inizio di un Palermo Verona nel 2003, serie B. Un chiaro e forte rimprovero a quei tifosi occasionali riavvicinatisi alla squadra solo perchè la squadra era tornata prepotentemente in lotta per la promozione.

    19. Non c’è nessunissimo legame tra la città e la squadra di calcio. Chi ama veramente la città non è quello che tifa Palermo e poi scatafotte frigoriferi e lavatrici sui marciapiedi, parcheggia in seconda e terza fila complicando la vita agli altri, posteggia sui marciapiedi ostruendo il passaggio ai pedoni o peggio ancora posteggia nei posti riservati ai disabili.
      Chi ama veramente Palermo è quello che rispetta e ama la città, non la squadra di calcio.
      Io sono milanista da sempre e sono 1000 volte più Palermitano di quei cani di mannara che nel 90% dei casi frequenta lo stadio e si arrogano il titolo di “amanti della città”.

    20. Ci sono uomini che da bambini sono stati folgorati dalle giocate di Rivera, dalle prodezze di Platinì, dalle imprese del Milan degli olandesi, dalla Juve di Zidane e Del Piero o dal talento dell’unico immenso Ronaldo interista. Non capisco perché, e non parlatemi di Fiat e unità d’Italia perché sarebbe ridicolo, debba essere una colpa, è giusto che ognuno faccia quello che il cuore comanda. E lo dice uno che invece è un rosanero abbonato da un decennio.

      Vi racconto come è andata… da piccolo seguivo tanto la Juventus, anche se sapevo che in un ipotetico (e credetemi che all’epoca era MOLTO ipotetico) confronto tra le due squadre il mio cuore avrebbe battuto per i rosanero. Quando le due squadre giocavano a livelli e categorie differenti era facile tifare tifare per entrambe, praticamente allo stesso modo, c’era intensità quando ero in curva per Battipagliese e Savoia, c’era intensità nelle gioie e nelle tristi finali di Champions bianconere. Da quando entrambe le squadre sono in Serie A però nel mio cuore è successo in automatico che quella per la Juventus è diventata solo un affetto, l’amore per il Palermo è rimasto, anzi, è stato esaltato sempre di più dalla splendida era Zamparini.

    21. @Daniele: ma che paragoni fai ? L’incivile è incivile qualunque sia la sua fede calcistica. La civiltà è (dovrebbe essere ) un requisito di base. E allora partiamo da un assunto di due persone, palermitane, che rispettano entrambe le regole del vivere civile e che siano tifosi di calcio, uno del Milan (come te) e uno del Palermo (come me, e da sempre). Ora, io amo la mia città e semmai mi dolgo (come te penso) dello stato in cui la disamministrazione e la pseudo politica nonchè l’inciviltà di tanti cittadini l’hanno ridotta.
      In questo ambito l’amore per il rosanero viene da sè, è qualcosa di ancestrale, comprendi ? Io da piccolo non mi sono messo l’almanacco del calcio in mano per decidere per quale squadra tifare.
      Tu tieniti il tuo Milan e, coerentemente con la giusta disapprovazione degli atteggiamenti incivili, sicuramente condannerai i Palermitani assiepati nel settore ospiti che in Palermo-Milan (ma succede lo stesso con le altre strisciate) gridano “Palermo vaffanculo”, ignorando che lo dicono a se stessi.

      @Jacob: anch’io da piccolo ho ammirato Charles, Sivori, Liedholm e altri grandi campioni, come oggi mi piace vedere giocare Messi o Cristiano Ronaldo. Ma quello non è tifo nè coinvolgimento emotivo ma solo visione di spettacolo calcistico. Se vinca o meno la suadra di questi grandi campioni non me ne frega una emerita mazza.

    22. Ha 1000 volte ragione daniele, quelli che vanno allo stadio convinti di essere Palermitani doc (se parli con loro amano la città) in realtà loro questa città la odiano, la schifano, ci sputano sopra ogni giorno. Loro amano la squadra di calcio di Palermo, non la città.

    23. Io ho visto la città disastrata dappertutto, la sudiciume c’è nei pressi delle ville di mondello, in via della libertà, in viale strasburgo, episodi di inciviltà ne ho visti ovunque a Palermo e non vanno tutti allo stadio, come ne ho visto dappertutto palermitani che predicano ( magari predicano pure su Rosalio ) bene ma poi sporcano e si comportano da incivili, e non vi dico quelli che viaggiano in gruppo tra famiglie …
      Riconoscere le doti di un campione di altre squadre siano esse italiane o straniere non c’entra un tubo col tifo che è solo senso di appartenenza. E’ strano come non si capisce un concetto semplice: i tifosi strisciati palermitani finanziano moratti ( come se non gli bastassero tutti i regali di Stato camuffati per cipe 1, 2 e 3 ) e gli altri traffichini del nord togliendo risorse alla propria città. PUNTO.

    24. @ bir hakeim
      ma cosa dici?ma che ne sai?ma ci sei mai andato allo stadio?io amo prima di tutto la mia città e di conseguenza la sua squadra di calcio…rispetto il posto dove vivo e aimhè anche le persone come te che danno giudizi senza sapere nulla delle persone che magari gli stanno accanto

    25. Ha ragione Bir Hakeim. I peggiori li trovi in curva. A torso nudo, a mangiare del cibo innominabile. E dopo ruttano.

    26. manuelo ( montesano ) ma è una battuta o dici sul serio? Ti riferisci alla curva di Palermo o a quella dell’olimpico di Roma?

    27. Gigi, che dici ? Lo Stadio di Palermo è uno dei miei (pochi) luoghi dell’anima. Sbucare a viale del Fante da bambino fu un’esperienza così intensa da segnarmi profondamente e per tutta la vita. Ero così affascinato da quel luogo che immaginai per tanto tempo che molti di quei personaggi che “facevano la Favorita”, abitassero dentro lo stadio. In qualche nicchia, magari ricavata all’interno di un curva. In quegli spicchi che preferivo, i più coloriti, i più colorati di rosa, i più calorosi, i più palermitani. Tempo fa incontrai Benedetti, qui a Roma. Il capitano del Palermo proprio in quegli anni. Quandò mi raccontò che lui e altri giocatori del Palermo abitavano dentro lo Stadio in appartamentini a loro riservati, pensai che mi stesse prendendo i giro. Come uno che ti vuol seriamente dimostare l’esistenza di Babbo Natale.

    28. Si si tutti amanti della città sono…vanno allo stadio a urlare a squarciagola “forza Palermo!!!” però per andare allo stadio lasciano la macchina sopra un marciapiedi o passo carrabile rendendo la vita impossibile ai disabili o segregando in casa i residenti, poi escono dallo stadio e pagano il posteggiatore abusivo (soldi dati alla mafia), prima di andarsene però si mangiano u bellu panino chi panelli e buttano però la carta per terra, poi tutti a festeggiare nei vari Ganci della città a mangiare i pezzi, con le macchine accomegghiè in tripla fila e il traffico che diventa impossibile…e nel frattempo tutto intorno al Ganci diventa un tappeto di fazzolettini bianchi per terra perchè finito di mangiare la carta si appallottola e si butta per strada, e sempre per strada si buttano le lattine di coca cuela e di baffo moretti, eccoli chi sono quelli che amano veramente la città, fozza palemmo!!!

    29. Manuelo il mio era un assist, chi non ti conosce poteva ritenerlo serio …

    30. Vero è. Stavo per rispondere di mala maniera. Poi mi sono ricordato chi è Manuelo e ho capito l’ironia.

    31. Ma chi è William Anselmo? Ah quello che sfrutta il “movimento” Palermo per fare soldi con le campagne banner del tipo “sei il visitatore numero 1.000.0000”. E’ lui o quello di cui parlo io è un altro?

    32. A me non reca fastidio che questa tipologia di ‘neo-rosanero’ salga sul carro dei vincenti… quando si fa festa, più si è meglio è!
      Il vero problema è che questi sono i tifosi della squadra che vince e sono anche i primi a fischiare e contestare allo stadio quando magari il Palermo è in difficoltà e ha bisogno di una spinta!

    33. Non capisco saxgiaambelluca in questo suo tifare per la giuventus ma come ben dice Ghito, non sai come i torinesi ci facevano vivere negli anni in cui noi abbiamo fatto le fortune del piemonte, la ricchezza della fiat e di tutto il nord in genere. Mi ricordo che io da giovane benestante all’età di 18 anni in seguito ad un accecamento totale di gioventù dopo un’estate di passione, dopo aver conosciuto una ragazza di torino andai a lavorare al nord sai dove? in un altoforno con la tuta di amianto per ripararmi dal calore alla macchina della colata continua, In questo paesino che si chama Condove ho abitato in un posto che qui a palermo non avevo mai visto cioè in una stanza di pochissimi mq e con il gabinetto in comune nel ballatoio, dove per andare in bagno senza essere disturbato dovevi alzarti alle tre del mattino. Ora non capisco perchè maltrattiamo gli extracomunitari quando 40 anni fa eravamo maltrattati alla stessa stregua di come ora noi trattiamo i nordafricani che fanno lavori umili che noi non vogliamo fare come d’altronde in piemonte nessuno voleva lavorare in un altoforno con la tuta d’amianto addosso. Premesso ciò caro saxgiambelluca non capisco come puoi tifare per una squadra che non è la squadra della tua città. Non capisco pure alla stessa maniera una mia collega che non tifa Palermo ma perlomeno ha il buon gusto di tifare per un’altra strisciata che non è una delle tre ma è l’atalanta, quantomeno è meno facciola di altri che tifano Inter. Milan o Juve. ciao a tutti Filippo

    34. La prima volta che sono andato allo stadio, fu sicuramente negli anni ’80, mi ricordo maglie col tronco rosa e le spalle nere.. le sedie erano di legno, col senno di poi ho capito che erano quelle della tribuna stampa. Ero troppo piccolo per ricordare quale partita fosse.. Ma grazie a Dio e al mio Papà, io c’ero. Ai tempi della prima elementare, mio Padre era felicissimo, perchè il Palermo era tornato in serie B. Abbonato. Lo stadio “La Favorita” mi ha visto crescere, da voce bianca a baritono… intonavo sempre gli stessi cori. Eppure, poco prima di quella volta, quando conobbi il calcio, i primi nomi che la TV mi aveva trasmesso erano juvemilaninter….Napoli. Per fortuna che c’era mio Padre, che alla fine mi ha salvato. Comunque, una cosa non l’ho mai dimenticata… torno troppo felice dallo stadio, avevo la mia sciarpetta rosanero, (la stessa che per scaramanzia mi porto tutt’oggi), il palermo aveva vinto.. non chiedetemi contro chi, magari il nome è impronunciabile, e dei ragazzi, i miei amichetti del condominio, mi dicevano: -ma tifi Palermo??? ma che fai?? non vince mai, è in serie B o C… devi tifare per la juve.. poi un altro ragazzino… noooo per l’inter…. un altro… ma che dici… per il milan di gullit..
      Vai nelle edicole e trovi ogni tipo di cianfrusaglia da tifoso maniaco, della juvemilaninter… accendi la tv e il discorso è uguale… come devono crescere i ragazzi???? se non così??? anche se ti compri il “topolino”, trovi buffon che mangia i cereali.
      Io capisco i “faccioli”. Come possiamo prendercela??? dobbiamo invece registrare che effettivamente, è difficile non avere il cervello lobotomizzato dalla pubblicità.
      Io stesso, bambino piccolo, nella mia solitudine rosanero… per entrare nel “gruppo”, mi scelsi una squadra di serie A. Amavo Baggio… scelsi la Juve.. quando lui se ne andò, mi dissero che non potevo essere un canciabannera… ma io amavo lui.. della Juve non mi fregava se non perchè dentro quella maglia c’era il mio eroe. A quel punto però rimasi aderente alla causa Juventina.. nel frattempo d’altra parte, ogni domenica guardavo il Palermo.. mettere pag. 210 del televideo era un automatismo che ho fatto fatica a eliminare.
      Insomma vivevo due vite… quella del parco giochi in cui ero Gigi, tifoso juve, quella di casa mia, in cui ero Gigi.. cresciuto a ghiaccioli all’arancio u sapuri ri gol.
      Nel 98 circa… cominciava la pubertà… mi disinteressai di tutto… ormai avevo una certa personalità.. la juve poteva farsi benedire finalmente, avevo fatto outing… se il Palermo non esiste, per me non esiste il calcio… e in quei tempi bui, il palermo sembrava quasi essere scomparso nella sfiducia..
      Poi arrivò la SAS… sensi e co., la cosa mi restituì speranza…
      Oggi vivo esattamente tutto quello che da bambino riuscivo a malapena a sognare… quasi mi limitavo perchè avevo paura che se esageravo a sognare poi ci rimanevo male… oggi i miei sogni sportivi non hanno limiti.
      Forza Palermo per l’eternità… e viva il Barbera, lo stadio dove per la prima volta ho visto anche la nazionale.. e il divin codino… Italia Malta.. 6 a 1

    35. Allora sarei curioso di sapere dove si inquadra una persona che prima non tifava nemmeno per le “grandi” e da qualche anno, da quando Guidolin fece il miracolo, tifa per il Palermo e adesso tifa ancora di più per la possibile Champions. Cosé ? fate una “classifica” di chi é più tifoso ?
      Chi é il più “duro” e “puro” ? Andiamo…

      Nella penultima partita del Palermo (contro il Genoa) quando quelli del Genoa hanno fatto il gol del pareggio ho sentito le urla di festa di parecchia gente (juventini se no chi?) , vicini di casa intendo… devo dire che mi ha fatto un po’ impressione.
      Chi dice che é contro gli juventini che si convertono al Palermo non mi trova d’accordo.
      Per me anzi, é una cosa buona. Quello che non é buono, a mio modesto parere, é sentire dei palermitani che, invece di essere contenti quando segna la squadra della propria città, fanno festa se segna la squadra avversaria: questo é brutto, sembra quasi un tradimento…

    36. Vivo a Milano.
      Qui ognuno tifa per chi vuole, Inter. Milan, Juve, Real, Barcellona, Brasile, Argentina, ma anche Palermo, Fiorentina, Napoli, Bari, Avellino, Siena …
      Qual’è il problema? Questo succede nelle grandi città.
      Ma qui, chi tifa Juve è di Torino, chi tifa Palermo è di Palermo chi tifa Genoa o Sampdoria è Genovese, chi tifa Real Madrid è Spagnolo di Madrid, ecc.. ecc…
      Anche Palermo è una grande città ed evidentemente chi a Palermo non tifa Palermo, semplicemente …non è Palermitano!
      Qual’è il problema?

      Sempre e soltanto, Forza Palermo!

    37. Tifare Palermo significa tifare per la squadra di calcio di Palermo, non per la città. Non c’è nessun legame tra la città e la squadra di calcio/pallavolo/pallanuoto. I veri Palermitani sono ben altri, altro che stadio.

    38. questo è quello che pensi tu. e rispetto la tua idea. Ma credo di poterti offrire un esempio di persona che vede nello sport una parte importante del patrimonio morale e sociale di una comunità, prima ancora che città, che è quella di palermo.
      La forza che ha sulla gente è sotto gli occhi di tutti, è un semplice dato di fatto di cui prendere atto.
      Molta gente, fra cui il sottoscritto, tifa PalermoCalcio, ma allo stesso tempo vede qualcosa in più di un Club… mentre tifo per quella maglia, tifo per tutto ciò che rappresenta la Parola Palermo.
      Quindi non generalizzare… e poi invito i Palermitani a pensare da vincenti. A pensare più positivo. Invito i Palermitani a fregarsene di chi tifa per chi… sono capperi suoi… che tifi per la sua squadra televisiva. Io ce l’ho sotto casa e porta il nostro nome. E lo Stadio, anche se ci fosse la finale di coppa del nonno nanni, lo sapete tutti.. si riempe fino in bocca. Quindi i tifosi ci sono e stiamo tranquilli. Ci sarà più soddisfazione.
      Molti fra noi hanno una mentalità, quasi inconsciente, nel tifare… che si potrebbe associare a quella del barcellona o dell’atletico bilbao. Non dimentichiamo che a Palermo ci sarebbe un certo.. Palazzo Reale.. non siamo più di un capoluogo, siamo una capitale… e molto spesso questo concetto sembra risvegliarsi nella coscienza collettiva. Palermo è molto di più del calcio… se andiamo in Europa, ci saranno tanti emigrati che saranno orgogliosi.. noi fra le tante cose non dobbiamo mai dimenticare questo.

    39. parlo della mia esperienza, ke penso possa avvicinarsi alle esperienze di molti.
      A meno ke nn hai un padre ultras o abbonato, cm artax, impari il calcio dall’album delle figurine panini…! un bimbo e ripeto un BIMBO ke ne può sapere d come i torinesi trattavano i palermitani??? scelsi la juve…! cosa normalissima! cm fa un bimbo ad affezionarsi ad una squadra a cui l’album panini dedicava una scipitissima foto d gruppo lontana 20 metri dai giocatori??? è molto difficile ke un bambino nato nell’86 15-20 anni fa potesse tifare palermo…anke se naturalmente un pò d prio quando trovavo quella figurina l’ho sentivo(tentavo d capire dv fosse messo biffi coi suoi capelloni)!
      sognavo un palermo juventus…ovviamente pensando d tifare x la squadra della mia città….e così è stato! tifo palermo col cuore dalla stagione 2000/01 in cui salimmo in serie c(goal d maggiolini…allo stadio tutti dicevano: e domani curn*** cu un vuata a d’antoni pi ll’eleziuani)!
      non sn d’accordo cn quelli ke kiamano faccioli gli ex tifosi delle strisciate&co…palermitano (cittadino) s nasce, palermitano (tifoso) si ci può anke diventare!!! d’altronde ki nn cambia idea sulle cose è il primo degli stupidi…!

    40. Se posso dire la mia… abito a Milano da quando ho nove anni (ora ne ho 30)… ma sono palermitano… sono cresciuto milanista perché mio padre tifa (anche oggi) milan e perché diciamolo… il milan degli olandesi era fenomenale. Qualche anno più tardi (ai tempi di stream) ho iniziato con un mio amico (agrigentino) che tifava per la roma, a vedere le partite del palermo in C e in B… eravamo felicissimi quando il Palermo vinceva… ma ovviamente continuavamo a seguire anche Milan e Roma.

      Fin quando sentii dentro che nel momento in cui il Palermo fosse andato in A avrei dovuto scegliere… e subito il cuore mi disse Palermo.
      Il 28 maggio 2004 ero sul treno Milano-Palermo ed il giorno dopo William ed altri ci vennero a prendere alla stazione per riunirci tutti ed andare insieme allo stadio.

      Se non è amore questo…

      Dopo quella volta feci molte trasferte (da Milano) e ad oggi sono esclusivamente tifoso Palermitano…

      …io non credo di essere facciolo… e non credo di essere neanche l’unico “convertito”.

    41. non si tratta di essere faccioli…il problema è che x un bambino vissuto nei primi anni 90,era quasi impossibile non tifare una delle 3 grandi,da un lato come gia detto venivi martellato da chiunque: amici tv gadget ecc….dall altro il calcio essendo una passione,ha bisogno di essere fomentato,il palermo in serie c,(senza ipocrisia fino ad una certa età) è ovvio che poco interessa a dei bambiniin un contesto in cui ogni tuo coetaneo tifa per una delle strisciate…io sono felice quando sento gente che si converte al “palermitanesimo”,e faccio giorno x giorno opere di convincimento….sono una specie di evangelista del palermo xd….E CHI SE NE FREGA SE PRIMA TIFAVANO UNA GRANDE…la coerenza è la virtu degli imbecilli,se si ci accorge di sbagliare è giusto cambiare!

    42. Faccioli o no più tifosi ci sono e meglio è. Sarei più contento di vedere un palermitano felice perché ha cambiato squadra al momento giusto che un palermitano scontento perché in realtà è juventino (per la serie “cornuto e bastonato”). Comunque, tornando al calcio giocato, il nostro avversario più temibile è il Napoli, che nelle prossime sette partite affronterà 6 avversari abbordabili. In compenso sui partenopei abbiamo un “mezzo” punto di vantaggio, dati gli scontri diretti favorevoli. Vincere a Catania potrebbe segnare la svolta…(Cari cugini Catanesi, accantoniamo gli antichi dissapori e regalateci sti 3 punti, che ci servono più che a voi ;-)…)

    43. leggere i vs commenti mi ha riportato indietro nel tempo, l’odore dell’erba della favorita, la bicicletta di vituzzo, i gol di gianni de rosa, ma come si fa a tifare giuvetus…mio padre, quando il Palermo batte in semifinale la lazio, in una calda sera di fine primavera, la gioia era talmente tanta che senza chiedermi nulla prese 10.000 lire e me li diede per il pulman per la finale con la giuve. Io non credo che se entrate in un bar a firenze o a napoli parlano di inter giuve o bilan, si voi mi direte che qualcosa loro hanno vinto, ma non è questo il punto, una squadra non si ama a secondo dei periodi, si ama e basta, l’unica squadra per cui ho simpatizzato ripeto simpatizzato! è il liverpool perchè da ragazzino un mio compagno mi fece ascoltare you’ll never walk alone, inserita nel finale di una canzone dei Pink Floid…era il 1975 ed avevo solamente 13 anni.

    44. Zamparini tirchio? ahahahahahah

      Un tempo la differenza la faceva il potere economico del proprietario, oggi la differenza la fa la quota dei diritti tv, esempio: la juve incassa 92 milioni, l’Atalanta 11 milioni…

      …e poi parlano di vittorie dovute alla tradizione…

    45. Ora e sempre forza Inter.

    46. Sergio ti invito a rimanere in tema. Grazie.

    47. Io sono Palermitano e tifo Toro. Perché Toro? Perché il Torino rappresenta l’anti juve, l’anti potere, l’anti ingiustizia. Chi più del Toro è costretto a subire le angherie della mafia bianconera? Se proprio si deve tifare per una squadra del nord, che almeno non sia una strisciata! E comunque non tiferò mai contro il Palermo… Non ho alcun rispetto per i palermitani che lo fanno.

    Lascia un commento (policy dei commenti)