sabato 21 lug
  • Marcello Dell’Utri condannato a sette anni in appello

    Marcello Dell'Utri

    Il senatore de Il Popolo della Libertà Marcello Dell’Utri è stato condannato a sette anni in appello per concorso esterno in associazione mafiosa. La sentenza assolve Dell’Utri per le condotte successive al 1992 (tra cui la nascita di Forza Italia e cioè che coinvolgerebbe il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi) perché il fatto non sussiste.

    Secondo i giudici Dell’Utri intrattenne rapporti con Cosa nostra e in particolare con Stefano Bontate e con gli uomini di Totò Riina e di Bernardo Provenzano.

    Dell’Utri ha definito la sentenza «pilatesca» e ha nuovamente detto che Vittorio Mangano, stalliere ad Arcore presentato da lui a Berlusconi, è stato un «eroe» suscitando la reazione della Giovane Italia (ex Azione Giovani) che ha chiesto di non ricandidare i condannati per mafia e di Azione Universitaria che ha ribattuto che gli eroi siciliani sono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

    Palermo
  • 21 commenti a “Marcello Dell’Utri condannato a sette anni in appello”

    1. Pensate, il TG1 oggi non parlava di condanna di Dell’Utri a 7 anni, ma di riduzione della pena a 7 anni….sapete com’è…in questo modo fa un altro effetto…

    2. @ Giorgio. In effetti mi chiedevo come Minzolini avrebbe dato la notizia.

    3. Lasciando stare Minzolini che è diventato una vergogna di giornalista…Come al solito pagano i Mills, i Dell’Utri e le “teste di legno”….basta dire “non sussiste” per esentare il padrone dell’Italia dall’essere un criminale…è assurdo che uomini cardine dell’impero di Berlusconi siano stati condannati per mafia, truffa, frode e quant altro, e il grande capo ne sia esente! Siamo dinanzi non solo alla brutta copia di Andreotti, ma ad una situazione molto peggiore!
      Adesso che dal 1992 hanno sdoganato i fatti, voglio vedere come si comporteranno i suoi colleghi di partito che difendevano Dell’Utri a spada tratta. Riceveranno direttive di lasciarlo al suo destino oppure cosa si inventeranno?

      Repubblica delle banane!

    4. mi coreggo, guardare per credere…

      http://www.youtube.com/watch?v=ufZTK0QvT_o

      secondo il tg1, Dell’Utri è essenzialmente innocente. che di anni ne abbia presi comunque sette è un dettaglio

      pazzesco

    5. era prevedibile.l’operazione è la stessa del processo andreotti,ribaltare il significato della sentenza.
      all’interno del pdl le uniche voci fuori dal coro sono quelle di Granata e di parte dei giovani del pdl siciliano.
      dall’opposizione..si sa.
      CONDANNATO a 7 anni NON DIMENTICHIAMOLO!
      quanto alla prova che la trattativa sia sepolta………attendiamo IL PROCESSO MORI.

    6. che vergogna…pare che ne esca pulito!!!

      Gli hanno dato 7 anni! Questa condanna ha accertato e condannato i rapporti di Dell’Utri con Bontade, Provenzano e Riina per traffico di droga e riciclaggio di soldi nell’imprenditoria milanese. Proprio così…imprenditoria milanese. E Dell’Utri collabora con Berlusconi dagli anni ’70, Pubblitalia 80 compresa…una persona minimamente pensante trae le OVVIE conclusioni.

    7. ah questo dell’utri…”è un furfante,ma è il mio eroe”

    8. E’ chiaro, i patti erano chiari:
      “Amici belli, stiamo insieme finchè non portiamo a termine il lavoro”.
      Poi … che volete, il lavoro .. FU PORTATO A TERMINE …………… e allora … dal 92 …
      .
      Un’ultima cosa, ho uno scoop, la mamma di minzolini è una santa donna.
      La fonte è il TG1 (hooOoopss).

    9. …………………

    10. Dell’Utri: “cercherò il procuratore Gatto e gli farò le condoglianze”. Lo ha minacciato pubblicamente o è una mia impressione?

    11. @spleen: è una presa in giro perchè si tratta di teatro dell’assurdo. Lui è felice perchè spera che i giudici della cassazione (non saranno gli stessi di Palermo) gli tolgano la condanna e in ogni caso, sa che può farla franca con la prescrizione. Gatto invece è sconvolto per il verdetto. Prima del ’92 si e dopo no? Guardacaso quando entra più in gioco il cavaliere? ahi ahi ahi massima solidarietà ai magistrati che fanno il loro lavoro e poi in tv (che è in mano a…) passa il messaggio che Dell’Utri è innocente e i pm pigliano cantonate.

    12. come al solito,eccoci qui a fare il can can.
      .
      Io non ho ovviamente alcun elemento per dire che
      la condanna sia dovuta o meno,
      ma una cosa e’ certa,
      se uno e’ in collusione con la Mafia,ed alla data X
      la sua compagine o i suoi amici scendono in campo
      politico,puo’ essere logico,secondo voi,che proprio in data X cessano i rapporti di collusione con la Mafia?
      Mi spiegate secondo quale ragionamento puo’ accadere una cosa simile?
      .
      In quanto alla prescrizione,un autorevole magistrato ha parlato di 22 anni a partire dal 1992.E si va al 2014.
      La Cassazione ha tempo fino al 2014,dunque.
      .
      Per avere la prescrizione i contatti sarebbero dovuti cessare nel 1988.

    13. Purtroppo l’inizio dei rapporti criminosi è datato 1974. Se entro due anni non arriva la sentenza della cassazione, se la fa liscia come l’olio. Come Andreotti (c’è chi crede che sia stato assolto).

    14. non so chi sei ed in base a cosa scrivi questi numeri.
      Quello che ho segnalato io l’ho annotato dalle
      dichiarazioni di Ingroia a Corradino Mineo sul Tg3 di stamattina.

    15. ed ancora,
      devi semmai scrivere
      “l’accusa di inizio dei contatti criminosi…”
      e non dare x scontato,come stai facendo,
      “l’inizio dei contatti criminosi”.
      .
      In questo paese,ci sono 3 gradi di giudizio,e devi spiegare in base a che cosa a te risulta tutto chiaro si’ da potere sostituirti alla
      magistratura.

    16. So perfettamente quali e quanti sono i gradi di giudizio e così come tu non mi conosci, io non ti conosco. E sempre così come hai appreso i dati dal tg3, anche io li ho sentiti al telegiornale. Non credo di essermi sostituito alla magistratura, se poi dico “l’inizio dei contatti criminosi” è solo perchè c’è una condanna confermata in appello. Sebbene ci sia la cassazione da sentire, ti ricordo che si adisce solo per questioni di legittimità.

    17. semmai vorrei approfondire:
      perche una prescrizione viene calcolata in 22 anni.
      C’e’ un algoritmo?
      C’e’ qualcuno che ne sa qualcosa?
      .
      Mi pare strano che uno che si mette a legiferare
      tiri fuori il numero 22.
      .
      Di solito si parla di 1 anno
      2 anno
      5 anni
      10 anni
      oppure
      prescrizione mai.
      .
      E poi bisogna rivedere la cosa con l’Unione Europea
      In Europa i numeri sono differenti.
      So di cause civili che in Italia vanno in prescrizione ed in Europa non si prescrivono mai.
      E nel penale?

    18. La condanna per concorso esterno, almeno a partire dalla sentenza della Cassazione del 2005 (caso Mannino), non è certamente tra quelle che i giudici possono dispensare con leggerezza.
      Ecco perché questa decisione è di rilevante importanza: nel 2005 la Cassazione a Sezioni Unite ha stabilito che per essere responsabili di concorso esterno non è sufficiente, come in passato si era ritenuto, “la mera disponibilità o vicinanza” ad ambienti mafiosi. Dalla condotta devono essere derivati concreti vantaggi o utilità per Cosa Nostra”.

      Se allora Marcello Dell’Utri è stato ritenuto colpevole è perché la Corte ha ritenuto, oltre ogni ragionevole dubbio, che l’imputato non si è limitato alla disponibilità o alla vicinanza ad ambienti mafiosi, ma ha tenuto una condotta che procurato vantaggi ed utilità concreti per la stessa.

      Evidentemente si è ritenuto che la prova oltre ogni ragionevole dubbio ci sia sino al 1992.

      Peccato che il presidente del circolo della libertà, l’epigono di ciò che fu fondato da Dell’Utri, si limiti a commentare con ………. questo post. Da un giovane ci aspetteremmo più autocritica più voglia di cambiare le cose.

    19. Già “…………” mi sembra un modo molto politichese e poco pratico di affrontare un tema concreto come la condanna di un esponente di primo piano del primo partito di governo. A tal proposito vorrei porre l’accento sul fatto che Dell’Utri ha commesso i fatti contestatigli. Se in Cassazione verrà assolto ciò sarà dovuto solo ad un problema di leggittimità, cioé se i giudici di Palermo hanno seguito la procedura per come prescrive la legge. Quindi anche se dovesse essere assolto o prescritto ( secondo il Tg1 è uguale) non sarà mai innocente, in ogni caso Dell’Utri ha favorito la mafia.

    20. Complimenti a Michele P., poteva essere la persona ad esporre il punto di vista più importante e invece…se è a posto con la coscienza politica, buon per lui. Davvero un bel partito…senza contare che l’onorevole Zaccai ha combinato il “marrazzo bis” proprio nelle scorse ore…

    21. ma poi questo michele p. Perchè ha diritto a che si possa cliccare sul suo nome per accedere al suo sito?! Evidentemente il presidente pivetti è in grave imbarazzo per la condanna. Oppure non lo è, il che sarebbe molto triste.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.