mercoledì 24 gen
  • Ruggiti metropolitani

    D’improvviso da qualche dì
    nel capoluogo di regione
    viene visto, ebbene sì,
    un grandissimo gattone.
    La signora con il bambino,
    il pompiere ed il forestale
    visto han di buon mattino
    una pantera passeggiare.
    Che la Sicilia sia rigogliosa,
    ricca di grande fauna e flora
    non è affatto nuova cosa
    né tantomeno cosa d’ora
    Che in terra Sicula però,
    potesse esserci una pantera,
    con questo non vi stupirò,
    non la pensavo cosa vera.
    Da sempre sono stati visti
    in Sicilia altri animali
    lupi, volpi, becchi e crasti
    non mancarono sui giornali.
    Anche si è spesso parlato,
    cosa molto nota a tutti,
    di un mollusco mai pescato
    dai tentacoli assai brutti.
    Un mostro sottomarino,
    come piovra conosciuto,
    ha da sempre lo zampino
    in tutto ciò che qui è cresciuto.
    Per lei la caccia sempre fitta
    ha dato qualche risultato,
    se pur ancora non sconfitta
    qualche tentacolo è tagliato.
    Adesso si è però aggiunta,
    tornando al fatto principale,
    questa pantera fin noi giunta
    da qualche Paese tropicale.
    Che abbia anche un padrone
    questo felino assai scuro
    è un’ipotesi tra le più buone,
    questo è poco ma sicuro!
    Può però stare disteso
    colui che alleva bestiame;
    la pantera non ha offeso
    per lenire la sua fame.
    In questa terra cupa e mesta
    senza dubbio si delizia
    con ciò che di buono resta
    nei quintali di immondizia.

    Ospiti
  • 7 commenti a “Ruggiti metropolitani”

    1. Prosa gradevole, satira sottile e attenta… bravo Vicè!!! 😀

    2. Davvero bella. Un paragone quantomai azzeccato!

    3. Complimenti! Finale fantastico!

    4. Sembrerebbe parlare dei “ruggiti” della pantera…e invece…mille spunti su cui riflettere…Veramente bella!

    5. Una voce tra le poche si erge in terra di Tranacria,
      assai graziosa e pungente in quella terra di Vin Santo e panelle calde.
      Che dal basso possa alzirsi ed arrivar in alto
      tra gabbiami in libertà.
      G.

    6. Bella! W la pantera palermitana

    Lascia un commento (policy dei commenti)