giovedì 23 nov
  • Stefania Petyx (Striscia la notizia): “Incidente aereo a Palermo”

    Ieri sera è andato in onda a Striscia la notizia (Canale 5) un servizio di Stefania Petyx sull’Airbus A319-132 della Wind Jet finito fuori pista venerdì sera all’aeroporto di Palermo.

    Petyx ha intervistato alcuni passeggeri tra cui Ambra Di Miceli, con cui aveva preso contatto attraverso Rosalio dal post in cui raccontava la sua esperienza, e il responsabile della sicurezza di Wind Jet Dario Catalisano.

    Palermo
  • 24 commenti a “Stefania Petyx (Striscia la notizia): “Incidente aereo a Palermo””

    1. da notare come hanno coperto il logo Windjet sulla coda per non farsi cattiva pubblicità

    2. Andrea mi hai fatto notare una cosa a cui non avevo fatto caso !
      Mi chiedo come hanno fatto a coprire il logo in tempi così brevi considerando che l’aereo è stato posto sotto sequestro dalla magistratura ??
      Verrebbe da dire che quando ci sono in ballo degli interessi ( economici ) si riesce ad essere veloci , cosa che a quanto pare non accade quando gli interessi riguardano il rispetto della vita umana.
      Inoltre i miei personali complimenti vanno al sindaco di Isola , che aderendo al partito del “NO PER OGNI COSA ” ha in qualche modo contribuito a questo disastro per fortuna ( questa volta )senza vittime .
      Mi auguro veramente che la magistratura accerti in maniera severa se vi sono responsabilità di terzi e che da questo ne derivino condanne esemplari .

    3. @luca

      il NO del comune di Isola è semplicemente ridicolo. Un’inchiesta di Report se ne occupò già tempo fa. Il direttore generale dell’ENAV assicurava che non c’era alcun pericolo con questa antenna. Primo perché le onde elettromagnetiche dei radar non sono intense come quelle delle antenne Wi-Fi o TV, poi perché in ogni caso la copertura sarebbe avvenuta a 200 metri dal suolo, quindi il comune di Isola non verrebbe neanche sfiorato! Questo ti fa capire come la disinformazione e l’ignoranza siano terreno fertile per questi raccattavoti da quattro soldi che cavalcano sempre l’onda del malcontento. A quanto pare si preferisce rischiare una tragedia ogni volta che c’è un temporale, oppure dirottare i voli a Trapani per evitarla. Vito Riggio ha dato un ultimatum di un mese al comune di Isola per dare il sì definitivo, dopodiché sposteranno il progetto sperimentale altrove: Genova o Reggio Calabria

    4. I vigili del fuoco allora sono andati, mi sembrava assurdo che non si fossero mossi, loro sono bravi ma se gli hanno dato indicazioni sbagliate, ovvio che le cose si complicano in maniera esponenziale.

    5. I vigili sono arrivati subito (anche se hanno fatto il giro lungo) mentre la torre non ha comunicato nulla nè ai medici (hanno una o due autoambulanze) nè alla areostazione.
      Questa è la cosa “strana” di tutta la vicenda.
      Poichè mi pare strano che la Torre dopo avere comunicato ai VVF non comunichi a nessun altro, secondo me, chi doveva “ricevere” la chiamata della torre non era al suo posto.

    6. Incredibile vedere l’aereo ripulito dal marchio Winjet. Preoccupante che il nostro aeroporto non sia in grado di affrontare le emergenze, nemmeno quelle meno gravi. Non oso immaginare se fosse accaduto qualcosa di più importante con vittime….

    7. Scusate ma queste persone hanno fatto 1500 metri a piedi sulla pista? Per coprire quella distanza, specialmente se infortunati, potrebbero volerci anche 20-30 minuti (una persona SANA a piedi va a circa 4 km/h, ovvero poco più di 60 metri al minuto, per fare 1500 metri ci vogliono 25 minuti circa!) Per 20-30 minuti sono rimasti da soli? Col rischio, tra l’altro, che arrivasse qualche altro aeromobile e facesse una carneficina?

      Quindi o stanno un po’ esagerando dicendo 1500 metri, oppure se davvero sono stati 25 minuti da soli sulla pista la cosa assume una gravità di proporzioni gigantesche.

    8. Solaris, perdonami, quella della IV non è stata un’emergenza “meno grave”, è stata gravissima!!!
      1500 metri a piedi…..io sapevo 30.000!!!! In diversi post ho letto tanti commenti….ma tanti….ho pure letto che il pilota non è stato bravo o meglio “non ha avuto un gran manico”……addirittura che il pilota è atterrato prima e per questo si è distrutto l’aereo….non capendo che se atterrava un po più in là erano tutti a mare!!!!!! Gente ricordatevi una cosa, in aviazione nessuno si inventa niente, nemmeno il perchè si deve levare una livrea da un aeromobile! Ho sentito che si devono fare dei comitati di protesta, che i passeggeri devono scendere in piazza….ma nessuno ha capito che quelle persone sono vive per miracolo??? Che la loro salvezza è stata la pioggia che non ha fattto fare scintille(in eccesso)e un pilota Veramente esperto….Invece di incitare alle rivolte, perchè non incitate al raziocino…..una volta che verrà conclusa l’indagine i passeggeri denunceranno chi di dovere….inoltre, non per essere rompiscatole, ma TUTTI GLI AEROPORTI DEL MONDO hanno un piano d’emergenza…chi sbaglia paga è solo questione di tempo….(di solito non molto).

    9. Ok, il logo è stato coperto ma ormai lo sanno pure i polli che si tratta della Wind Jet! La stessa Petix cita il nome più volte! Quindi: O hanno sprecato tempo o i motivi sono altri.

    10. ragazzi che state a di?? la livrea non è coperta da striscia, è proprio rimosso il logo!!! corre voce che l’aereo sia irrecuperabile (aka da buttare), quindi penso che lo stiano smontando lì. se qualcuno più informato può dirci qualcosa in più…

    11. L’aereo non lo possono smontare(al momento) è ovvio che i danni sono seriamente gravi. La livrea normalmente si leva dopo un incidente, in più l’apparecchio non era di proprietà della Windjet.

    12. @Tolip: per carità, non dico che non sia successo nulla, intendevo dire che se l’incapacità è stata tale da non riuscire a tener testa a dei passeggeri che non avevano ferite gravissime, figuriamoci se la situazione generale fosse stata da disastro. Ovviamente tutta la mia solidarietà a chi ha vissuto comunque momenti di autentico terrore.

    13. @Andrea: Lo avevamo capito 😉

    14. Punta Raisi è una aeroporto tristemente famoso, però, gli incidenti aerei, purtroppo succedono in tutte le parti del mondo.La maggior parte di essi in fase di atterraggio. Fa parte della grande scommessa che è la vita.
      Però ciò che è assolutamente inaccettabile è che postazioni fisse di soccorso e di emergenza, pagate profumatamente, per essere pronte, in attesa di intervenire con tempistica e precisione, all’occorrenza si dimostrano totalmente inadeguate, impreparate, pressocchè inutili, così mettendo a repentaglio la sicurezza e la vita dei passeggeri. Ritengo che, i dirigenti responsabili di tale evidente assurdo disservizio debbano essere destituiti dal loro incarico ed essere relegati a più adeguate attività amministrative, lasciando spazio a gente più seria e capace. Non si può scherzare con la sicurezza negli aeroporti. Chi ha sbagliato deve pagare e soprattutto non deve stare più in questi posti così delicati.

    15. @Tolip: ti sbagli, era l’ultimo aeromobile acquistato da IV

    16. @Andrea: io non sò così…cmq se lo dici tu.

    17. posso citarti diversi forum di aviazione civile dove si fa riferimento a questo

    18. Non lo metto in dubbio e non mi interessa molto dato che l’aeroplano è distrutto….forse questo era di una compagnia americana….cmq…..poco importa.

    19. per correttezza (e completezza): l’apparecchio ha quasi 5 anni di età ed è stato costruito nel 2003, primo volo il 4 marzo 2005, il 23 marzo dello stesso anno entra in operatività con la compagnia americana Spirit Airlines (code N501NK). Acquistato da IV, viene consegnato il 13 gennaio 2009 e registrato come EI-EDM. Quindi attualmente l’aeromobile è di proprietà della windjet.
      (fonte airfleets.net)

    20. ciao ragazzi, preciso 2 cose dopo aver letto i vostri dubbi.
      la scritta è stata tolta il giorno dopo l’incidente e prima del sequestro, avvenuto 3 gg dopo, a quanto ho capito per un fatto d’immagine, per evitare che chiunque atterri o decolli veda quella carcassa con il loro logo.
      l’aereo comunque credo di aver capito che sia da buttare.
      buona serata a tutti!

    21. Ciao a tutti, ciao Stefania. Ma ci sono novità? L’Enac ha fatto sapere qualcosa? Il contenuto delle scatole nere è stato reso noto?

    22. perche’ non lo va a dire e farlo vedere al suo Boss. cioe’ il berlusca. La mancanza dei soccorsi e’ di una gravita’ gigantesca, il presidente dell’Enac e’ di Palermo,e non mi sorprenderei se tutto finisse in un dimenticatoio evitando di punire i responsabili.Come sempre se non esiste l’indignazione non ci sara’ mai una risposta adeguata.

    23. per quanto riguarda l’antenna di cui parla Vito riggio , non è un capriccio che Isola non voglia installata l’antenna dove vorrebbero installarla. l’antenna funziona a impulsi ed è molto pericolosa per le persone perchè gli impulsi attraverserebbero le persone ben oltre la tollerabilità del corpo umano. il sindaco di Isola ha dato disponibilità per mettere l’antenna persino sull’isolotto in maniera tale che gli impulsi non attraversino il centro abitato. Questo è quello che ha dichiarato il sindaco di isola venuto a portare i saluti al nostro congresso provinciale di domenica 17 ottobre

    24. Chissà Catalisano cosa ne pensa di chi buca le minime così clamorosamente e dei F/O con i complessi di inferiorità che sussurrano a 50 ft “vedo 4 rossi”…http://video.repubblica.it/edizione/palermo/l-incidente-di-palermo-le-voci-in-cabina-di-pilotaggio/124309/122797

    Lascia un commento (policy dei commenti)