mercoledì 20 set
  • Il Papa a Palermo: visioni (che forse erano miracoli?)

    • I vigili urbani; tanti; per strada e non imboscati negli uffici; anche sulle moto; e lavoravano;
    • gli operatori ecologici; anche quattro a un incrocio su via Crispi; e lavoravano;
    • le strade pulite;
    • le strade riasfaltate;
    • la segnaletica orizzontale (anche in autostrada);
    • una sosta meno selvaggia, tipo che mancava la terza fila abituale per esempio;
    • le piste ciclabili che c’erano sotto alle macchine in sosta selvaggia;
    • il verde pubblico non abbandonato a se stesso, soprattutto le siepi di via Libertà che non sembravano la jungla;
    • il sindaco che c’è quando ci deve essere;
    • il centro storico pedonale, soprattutto piazza San Domenico.

    Continuate voi?

    Palermo
  • 39 commenti a “Il Papa a Palermo: visioni (che forse erano miracoli?)”

    1. Palermo è bella, lo sappiamo! In diverse occasioni è stato dimostrato che si può raggiungere il famigerato standard europeo, ma ora tocca anche a noi cittadini mantenere la NOSTRA CITTA’ in uno stato migliore!

    2. A Palermo ci vuole la visita di un Papa ogni giorno
      Che piaccia o meno ma è così

    3. I grandi posteggi come Francia, Basile etc serviti da frequenti navette per il collegamento con le zone del centro.

    4. I soliti vip che sgomitano per stare in prima fila all’evento.
      Inoltre, cosa c’entravano Alfano e Schifani?

    5. Grande Rosalio!
      Dopo una settimana di polemiche, di nasia per le sorti del povero prato, ci si meraviglia per i tombini e le strade…
      Cosa è successo veramente ieri, nulla? Il caro Minutella ha salutato i ragazzi di piazza Politiama la “bella sicilia”, e vi pare poco di questi tempi di gioventù annoiata e senza speranza di cui sono piene le nostre piazze?
      L’unica nota stonata è stata la presenza di Cammarata. La prossima visita pontificia occorrerà farla durante i mondiali di calcio o qualche torneo internazionale di tennis così è assicurata la sua assenza
      Saluti dalla capitale

    6. si ritorna a parlare di altroquando, invece di lasciare nell’abbandono le risorse della città. grazie papa!

    7. Tutto tornerà come prima, poi ci sarà un nuovo Papa, una nuova visita, un nuovo miracolo, poi tutto tornerà come prima. “L’evoluzione sociale non serve al popolo se non è preceduta da un’evoluzione di pensiero”.

    8. Ok che anche i cittadini possono fare la loro parte, ma il “miracolo” non spetta certo a loro.

    9. i venditori di calia e semenza, i babbaluciari, la grattatella, lo sfinciorello, le bibite agghiacciate, le pollanchelle, meno male che di tutto questo se ne è fatto a meno, che orrore ogni volta!

    10. tu comincia a non gettare la cicca in terra e a rimproverare chi lo fa! visto che il miracolo non spetta a te…

    11. Abbiamo potuto constatare tutti quanti che quando si vuole i risultati si ottengono….

      Abbiamo constatato che i soldi quando si vuole si trovano…

      Abbiamo constatato quindi che Cammarata esiste…e va anche dal barbiere….(sembrava Fabrizio Frizzi)…

      Quel che manca secondo me è riuscire ad Educare un’intera città che da sempre ha visto le regole come qualcosa da trasgredire…..
      Questo compito spetta soprattutto a tutte le forze dell’ordine…che solitamente fan finta di non vedere certe cose per evitare casini….
      Che sia l’inizio di una nuova Palermo??chissà….

    12. Abbiamo visto che si può fare tante, abbimao vissuto momenti di vita civile, non scoraggiamoci e adesso tocca a noi non far passare tutto…ciascuno di noi nel proprio piccole nel proprio ambiente può ottenere mille cambiamenti!!

    13. “Segnaletica orizzontale” io avrebbi da ridire… Fino a ierinotte la rotonda della statua aveva sì il manto bello nuovo e rifatto in mezza nottata di lavoro [ma perchè non lavorano sempre così celermente e si spera anche bene!?…] ma la segnaletica orizzontale mancava del tutto!!
      E’ vero quel che scrivi, molte cose erano graziose, sembrava quasi che la NORMALITA’ della civiltà vivesse in Palermo ma, solo ed esclusivamente nel percorso segnato dove doveva passare il papa. Qui sta la tristezza che si spiega da se, perchè per dirne una, bastava girare l’angolo e imboccare una qualsiasi stradina fuori percorso per trovare immondizia accumulata, macchine mal posteggiate, sporcizia e degrado… insomma, la vera NORMALITA’ palermitana.

    14. Caro Tony,
      adesso possiamo andare avanti, per la nostra Palermo, nel ricordo di questa giornata. Forse rimane solo questo e qualche stralcio di emozione.

    15. I miracoli li possiamo fare pure noi stessi senza essere i soliti piagnucoloni che aspettano che qualcuno li faccia per noi….
      Cominciamo con non buttare la carta a terra, a rimproverare chi lo fa, a non lasciare la macchina in doppia fila, ad attraversare sulle strisce pedonali, a non pagare i parcheggiatori abusivi, a pretendere lo scontrino al panificio quando la cassiera non ce lo da, a non comprare la frutta sulle bancarelle improvvisate e indecorose sui marciapiedi…….
      Ognuno di noi avrà sicuramente fatto almeno una di queste cose!

    16. MEDIOCRITÀ. Attitudini di gente che sa di essere mediocre tutti i giorni – ultimi in tutte le classifiche, sudici , senza regole civilizzate, inaffidabili per la finanza che conta (dati di maggio 2010 riguardo il credit default swap: Sicilia nel top ten mondiale degli inaffidabili da tenere alla larga), incapaci di amministrare persino un condominio. Finché si resta col popolo succube e complice nello stesso tempo, tra le pura domestiche… Ma se arriva lo straniero un si po’ fari mala fiura… immondizia e imbrogli sotto i tappeti dietro le tende sotto le lenzuola, che l’indomani puzza nauseabonda. Attitudini provinciali da mediocri. Come mediocri sono stati tutti quei convenevoli ipocriti in stile dc-parrini.
      La nuova pettinatura di peppuccio cammarato non somiglia a quella dei Beatles (solo una brutta copia), era tra le cose più tascie, e pure “has been”…

    17. … pero’ i turisti al porto non scendono dalle navi per paura di farsi contaminare e tornare infettati nei loro Paesi. Glielo hanno detto a uno pseudo-politico locale in una tv locale: non ha battuto ciglio, come se gli avessero detto “ieri faceva trenta gradi”. Addirittura sorrideva. Altri turisti scappano nauseati. In quei casi peppuccio cammarato con la sua capigliatura “has been” s’ammuccia… dalla vergogna.
      Ormai il mondo intero ci conosce per colpa del nostro degrado DIFFUSO, materiale e morale.

    18. noi giovani dovremmo avere le PALLE di andare e piazzarci con le tende per manifestare ogni giorno fin quando qualcosa non si smuove realmente! Invece di stare seduti in un poltrona davanti a Sky e pensare che qualcosa cambierà!

    19. Pienamente d’accordo con Gigi e Fabio!

    20. Tutto ciò è ridicolo. Ma dove credete di vivere, a Stoccolma? L’intelligenza collettiva del popolo si esprime attraverso i suoi rappresentanti, che non faranno nulla di più di quanto farebbero i loro elettori, a meno che un fattore esogeno, la visita del Papa, non metta sotto i riflettori dei media mondiali la città e i suoi governanti. Il comportamento si apprende dai genitori. Oggi ho visto un signore in giacca e cravatta, molto distinto, buttare davanti al mio portone la carta della merendina che aveva consumato. Cosa dovrei dirgli? Lei è un porco? Di questo si tratta, ma sarebbe inutile, non ho voglia di risse. Certo potrei anche dire più educatamente “forse non si è accorto che le è caduta questa carta davanti al mio portone” ma la mia vocazione non è educare i maiali, a questo dovrebbe persarci la polizia municipale. Chiedetevi perché in occasione della visita del Papa sono comparsi i vigili, le autogrù etc. e con quali denari sono stati pagati, chiedetevi perché non questo non è lo standard della città. Nelle giornate estive, quando ero bambino, i miei genitori preparavano la sporta con colazione al sacco e mi portavano ai “Bagni Italia” con l’autobus, a pranzo consumavamo il pasto e nel tardo pomeriggio tornavamo a casa portandoci indietro i resti del cibo che poi buttavamo nel sacchetto della spazzatura che ogni giorno veniva ritirato dagli spazzini della Vaselli. Mio nonno mi portava con se in campagna e mi faceva odorare la zagara, mi ingiungeva di non importunare i calabroni e le api, salutava tutti lungo il viottolo, si fermava a conversare sia con i braccianti sia con i don, da lui ho imparato il rispetto per le persone. Non ho bisogno delle vostre lezioni.

    21. Diamo Asilo Politico al Papa! (Paga lui, eh!)

    22. E intanto il video su “Altroquando” spopola su youtube. Penso che meritiamo questa e altre magre figure!

    23. Questa cosa è logica: non sono nemmeno intelligenti. Perché? peppuccio cammarato e quelli a lui superiori (in cosa? Mi chiedo. Certo dire più influenti sarebbe un controsenso), cioè tutti quelli che hanno affossato Palermo, con il concorso della maleducazione e inciviltà della maggioranza dei cittadini, molti dei quali vivono di… inoperosità; tra precariato, assistenzialismo, parassitismo, ebbene, peppuccio cammarato and Co. si sono sputtanati agli occhi del mondo intero. Perché al fine di fare bella figura davanti al potere forte rappresentato dalla spa vaticano* hanno messo in scena una frenesia e voglia di buona amministrazione mai vista nella recente storia di Palermo, cioè da 150 anni ad oggi, ma non hanno nemmeno capito che cosi’ facendo l’hanno fatta “squarare” al mondo intero che tutto l’anno disamministrano la città tra imboscamenti e ammuini e incapacità di ogni sorta. Detto questo hanno semplicemente nascosto… non hanno eliminato, non è la stessa cosa.
      * francamente non si capisce in cosa consiste questo potere della spa vaticano, dato che le influenze clientelari del tempo dc-parrini sono di molto diminuite, poiché la spa vaticano sposta solo il 6% di voti, ne concludo che si tratta di atteggiamenti consolidati fatti di falso buonismo buone per le apparenze, falsa diplomazia, atavismo retrograde. Per quanto riguarda la Spiritualità, non è il tema prioritario per la spa vaticano (nessun cristiano sincero, ed io penso di esserlo, potrebbe condividere questa spa vaticano, o vedere in essa almeno un barlume di spiritualità. A me sembra di vederci certe volte una sorta di organizzazione simil-militare con tanto di gerarchie e sottomissioni servili), a parte qualche frase retorica che lascia il tempo che trova. E infine, anche come potenza economica, in fondo è fine solo al loro benessere. Quindi un potere forte inutile agli altri; allora, non sono stupidi tanta sudditanza e convenevoli?

    24. Si, non c’è dubbio miracoli furono.
      Miracoli dettati dall’emergenza,dall’esigenza di fare bella figura, dall’esigenza di far vedere che la città c’è e “splende” quando la si vuol far splendere. Certo il Foro Italico, il mare, il sole (pure fortunati siamo stati), il Politeama, le strade facevano bella figura.. Palermo pareva ancora più bella e pure il popolo cattolico a Palermo faceva figura con tutto questo “prio”. Finì però, si torna alla normalità del non miracolo, con i buoni propositi del fare, con la parte di gente che ama la città e fa quel che può, con l’altra parte che la città non la ama proprio e con quelli che dovrebbero organizzare i due gruppi che torneranno a fare ciò che hanno sempre fatto ovvero il non miracolo perché fondi non ce ne sono… (mi sono trattenuta perché la libertà di pensiero e di espressione va tutta rispettata).

    25. Tutto vero…..ma con la strafottenza che abbiamo….e l’inciviltà che contraddistingue Noi Palermitani…..cosa pretendiamo??? Siamo noi i primi che ce ne freghiamo….i primi a buttare immondizia per strada…..Dovremmo cambiare mentalità noi per primi!!!

    26. Un dato.

      Abitanti di Palermo

      1981 : 701782
      04/2010: 656358

      in 30 anni circa: -45424 =-6,5%

      Come se l’intera citta di Lecco (quella dei Promessi Sposi) fosse stata evacuata.

      Qualcuno riesce a leggere i perché dietro queste cifre?

      Perché un’intera città di dimensioni medio-piccole fugge?

    27. No, io non continuo perché mi sono rintanato in casa.

      Comunque sì: erano miracoli, che come tali sono spariti dopo ventiquattr’ore.

    28. @rotari dovresti citare le fonti. che io sappia siamo aumentati ( magari fossimo diminuiti ) se fosse vero probabilmente è dovuto al fatto che molta gente va a vivere in provincia.

    29. Dite cos’è il giusto invece di indicare solo lo sbagliato! Ma soprattutto aiutate la città a fare il giusto e non rimarcate solo quando cade!!! Per questo non sono d’accordo contro il 99% di tutte le polemiche STERILI dette questi giorni!
      2.5 milioni di € in un giorno solo per un Papa sono troppi! è SBAGLIATO!
      Avete visto? So dirlo anche io! Non ci vuole niente!
      Provate però a dire alla città e ai cittadini cosa è giusto! E indicate loro il modo di farlo!!!
      Questo è difficile, ma è questo che deve essere fatto. Se non siete capaci di farlo allora tacete!!!
      Fare il bene e farlo bene.
      Fare e Tacere.
      Fare o Tacere.

      Giosafat

    30. Egregio giosafat, è semplice: i cittadini che evadono il fisco, la tarsu, comincino a pagare quanto devono, il modo di farlo è elementare, basta andare all’ufficio delle imposte 🙂 La polizia urbana circoli per le strade 24 ore al giorno comminando multe a chi si comporta in modo irregolare, vende alimenti sulle bancarelle, occupa il suolo pubblico per i suoi commerci senza pagare alla collettività il corrispettivo, non da la precedenza ai pedoni sulle striscie, circola con lo stereo da 500 watt pompato al massimo, parcheggia sui marciapiedi ostruendo il passaggio dei pedoni … il cittadino educato non sputa per terra e non bestemmia (c’era scritto una volta sugli autobus). Che dici, gliele dici tu per primo queste cose, ai nostri concittadini? 🙂

    31. @ortophon grazie davvero di cuore, col tuo commento hai avvalorato ancora di più quanto avevo detto. Grazie.

    32. Giosafat, è semplice indicare ai panormiti cosa fare e cosa non fare, viceversa per costringerli ad adottare dei comportamenti civili è necessaria la repressione, sanzioni amministrative e penali che sono demandate alle istituzioni statuali e locali. Ci sarebbe anche un’altra via, il lavaggio del cervello: disponiamo di un’apposita tecnologia che è già usata per questi scopi, la televisione, ma è impiegata per asservire le menti a etiche commerciali, non credo che ci sia l’intenzione di usarla per scopi diversi e poi, per dirla tutta, gli editori e gli sponsor usano gli spazi televisivi per soddisfare le proprie necessità, e ne hanno il diritto no? Taqui

    33. Rosalio troppo facile criticare la troppa presenza dei vigili per strada , ma come mai tutta questa ironia non la utilizza per commentare il comportamento delle altre forze di polizia ? Volete una risposta o ve la date da soli ” P A U R A ” mentre con i vigili è troppo facile attaccarli e criticarli , tanto non fanno niente ……..

    34. Io penso che i VV.UU. come tutti gli altri impiegati si attengono agli ordini dei loro superiori, che dipendono gerarchicamente dal governo politico della cosa pubblica.

    35. Federico II

      Per il dato aggiornato a 04/10:
      http://www.demo.istat.it/

    36. Le nostre Ferrovie dello Stato italiano 🙁 in compenso hanno fatto più schifo del solito. Domenica avevo avuto la cattiva idea di andare a Palermo prendendo un treno (come se fossi in un paese civile). Sono arrivato un quarto d’ora prima dell’orario stabilito ben organizzato con il biglietto fatto la sera prima, ma ho scoperto a mie spese che il treno era stato inaspettatamente soppresso, senza dare nessun avviso, perchè mezz’ora prima era passato un treno speciale. Il prossimo treno sarebbe dovuto passare dopo che il papa avrebbe finito la messa: mi sono preso la mia macchina e vaffan**** alle Ferrovie dello Stato italiano 🙂
      P.S. troverete su internet tutta la documentazione fotografica, comprese le misure sulla “sicurezza” della mia stazione dove nell’uscita di emergenza il maniglione antipanico è ben fermato da tavolacci e fil di ferro: roba da far arrestare quegli sventurati preposti a questo bel servizio dei cittadini italiani!!!!!!

    37. […] the Pope to the Sicilian capital. However, I was reading my feeds on the morning subway commute and Rosalio brought back to me some of my childhood’s memories of other papal visits. One time Pope John […]

    38. @Tony:

      Questo post ci e’ piaciuto cosi’ tanto che lo abbiamo citato sul nostro blog e tradotto in inglese a http://sicilyguide.com/2010/10/06/the-popes-visit-to-palermo/

      Grazie!

    Lascia un commento (policy dei commenti)