venerdì 22 set
  • Il Cipe trasferisce 35 milioni per investimenti a Palermo

    Il Ministero dello Sviluppo economico ha comunicato al Comune di Palermo il trasferimento di 35 milioni relativi ai fondi Il Cipe assegnati alla città per investimenti.

    I fondi riguardano Amat, Amg, Amia e Gesip. In particolare il cronoprogramma inviato al Ministero e approvato prevede lavori di messa a norma di edifici scolastici per circa 15 milioni di euro, lavori di costruzione della fognatura di via Messina Marine per tre milioni e centomila euro, interventi di manutenzione straordinaria sul canale Papireto per circa 500 mila euro, i lavori relativi alla realizzazione del Roseto fra via Brigata Verona e via Campania per 984 mila euro, gli interventi di manutenzione e salvaguardia delle strutture nel piazzale antistante il Santuario di S. Rosalia per circa 200 mila euro realizzati direttamente dal Comune. Saranno invece affidati ad Amg i lavori di manutenzione straordinaria degli impianti elettrici degli edifici comunali e di rifacimento di impianti di illuminazione pubblica cittadini per 20 milioni di euro mentre Amat potrà acquistare nuovi mezzi per un ammontare complessivo di 20 milioni di euro. Saranno affidati ad Amia, per lavori relativi alla costruzione di impianti per lo smaltimento dei rifiuti, 60 milioni di euro così suddivisi: oltre 18 milioni per il nuovo impianto di preselezione dei rifiuti solidi urbani, 23 milioni per l’impianto di compostaggio, dieci milioni per il primo lotto di lavori della nuova discarica di Bellolampo; otto milioni e 800 mila euro per lo stoccaggio e il trattamento del percolato. Ancora ad Amia andranno circa nove milioni di euro per l’acquisto dei nuovi mezzi di raccolta. Infine saranno destinati a Gesip 20 milioni di euro che dovranno essere utilizzati per nuovi interventi di recupero di aree particolarmente degradate della città.

    La restante parte delle somme stanziate sarà corrisposta ad avanzamento lavori e comunque tutte le opere comprese nel Piano di intervento saranno concluse entro il 2012.

    Il sindaco Diego Cammarata ha commentato: «Queste risorse daranno una boccata di ossigeno alla città e ci permetteranno di intervenire in settori fondamentali come la scuola, la pubblica illuminazione, il trasporto pubblico, le aree degradate e ci consentono di portare avanti le opere relative alla discarica di Bellolampo aumentandone non solo la capacità di abbancamento ma migliorandone in maniera significativa le condizioni. Si tratta di risorse cospicue che siamo in grado di utilizzare rapidamente ed efficacemente, grazie alle quali le società partecipate potranno avviare una serie di indispensabili investimenti per migliorare i servizi forniti ai cittadini».

    Palermo
  • 8 commenti a “Il Cipe trasferisce 35 milioni per investimenti a Palermo”

    1. 1milione di euro per un roseto? un roseto??? e poi i fondi per la metropolitana??

    2. Nuovi autobus in arrivo…finalmente!

    3. PANCIA MIA FATTI CAPANNA………………….

    4. certo che davvero un milione per un roseto non si può sentire…

    5. @lettera aperta ai vari Gigi,Stalker,Matteo e chi come loro e’ stato bravissimo a turlupinare e triturare le interiora e le pudenda in occasione della visita del PApa (dal costo di 2 milioni di euro).
      Vi aspetto qui fervidi come non mai :come mai ancora non avete levato clamore ne’ avete fatto capolino per il milione di euro per un mazzo di rose rosse a Palermo?
      Una volta tanto sarei d’accordo con voi .Non desiderate sfruttare la provvida fortuna ? o pur di contrastare il sottoscritto diventerete e vi dichiarerete filorubeoflorici?
      ciao ciao .pace e bene

    6. si tratta di un vero e proprio parco cittadino che oltre a numerose varietà di rose sarà dotato di percorsi, illuminazione pubblica artistica, decorazioni, panchine… fatevi due conti e vedete quanti soldi ci vogliono…

    7. illuminazione artistica ?decorazioni ?
      Vadano subito a permettere l’ingresso ai musei,intollerabilmente chiusi ai turisti per mancanza di personale (blocco degli straordinari).Quest’anno 290 euro per acquisto nuovi testi alla biblioteca comunale.
      Il Biondo langue.
      Per spianare un terreno,fare due vialetti acciotolati e piantare quattro erbe aromatiche quanto ci vorrebbe?perche’ non fare un orto pubblico cittadino in questi tempi di crisi,da coltivare insieme e insieme goderne i frutti (melenzane,pomodori,cacoccioli….)
      PS:Gigi,Stalker,Matteo e altri antipapalini,ma dove c…siete? questo non vi interessa? non e’ piu’ spreco ?

    8. La somma complessiva pare superare i 120 milioni, se ho capito bene la ripartizione.
      Ora, siccome ne sono arrivati solo 35, mi domando a cosa verrà data la priorità, visto che nel post non è affatto specificato.
      Che fanno? Cominciano tutto quello che dovrebbero fare e poi si fermano aspettando che arrivi il resto della cifra?
      Se dovessi azzardare un’ipotesi, direi che si piglia tutto la gesip, e affanc*** gli autobus, le rose, il percolato e il compostaggio. Poi, quando arriverà il resto, la gesip avrà finito di nuovo (non dimentichiamo che a pieno regime perde quasi un milione di euro al mese) i soldi e si prenderà pure quello.
      Ma magari mi sbaglio, chissà.

    Lascia un commento (policy dei commenti)