lunedì 25 set
  • Simbiosi palermitana

    Dal dizionario Sabatini Coletti della Lingua Italiana ho tratto la definizione di simbiosi: simbiosi [sim-biò-si] s.f. inv.1 biol. Associazione fra due o più individui appartenenti a specie vegetali o animali diverse, in modo che dalla vita in comune traggano vantaggio entrambi, ovvero uno solo ma senza danneggiare l’altro 2 fig. Sintonia, intima associazione: coniugi in perfetta s.; compenetrazione, fusione: s. tra svariate forme artistiche. Mi piacerebbe conoscere dai lettori quale siano le forme di simbiosi della mia città in tutte le sue forme. Per fare un esempio a piazza Marina bazzica un cane dalmata (Roby) che scambia affetto in cambio di cibo. La mattina lo si può trovare nei pressi di un ufficio in via Lungarini, lì aspetta sempre delle signore che vanno al bar vicino per un caffè, lui le scorta scodinzolando ed abbaiando a chiunque si avvicini nel tragitto fino all’esercizio commerciale, arrivato lì aspetta fuori dal bar per fare il percorso inverso, naturalmente riceve sempre in premio qualche cosa da mangiare. Penso che in modo più ampio anche la collaborazione fra individui sia una forma di simbiosi, come le banche del tempo o l’associazionismo in genere naturalmente tutto ciò che non è legato a scambio di denaro per prestazioni rese, a voi la parola.

    Ospiti
  • Lascia un commento (policy dei commenti)