martedì 12 dic
  • Spatuzza riconosce uno 007, era vicino all’auto per uccidere Borsellino

    Il pentito Gaspare Spatuzza ha riconosciuto il funzionario dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Interna Lorenzo Narracci, indagato dai pm di Caltanissetta in relazione alle stragi del 1992.

    Spatuzza lo ha indicato come il soggetto estraneo a Cosa nostra visto nel garage mentre veniva imbottita di tritolo la Fiat 126 usata nell’attentato al giudice Paolo Borsellino.

    AGGIORNAMENTO: si apprende che non vi è al momento conferma di un pieno riconoscimento. il procuratore capo di Caltanisetta Sergio Lari ha parlato di inesattezze nella notizia ma non ha voluto aggiungere altro.

    Palermo
  • 2 commenti a “Spatuzza riconosce uno 007, era vicino all’auto per uccidere Borsellino”

    1. Vabbè ma Spatuzza non è credibile in quanto mitomane, i giudici di Caltanissetta sono notoriamente comunisti, la mafia non esiste 🙁
      E c’è chi ancora ha il coraggio e soprattutto L’INDECENZA di portare avanti, specie in vista dell’anniversario della “disunità” d’Italia, una grottesca retorica pseudo nazionalista del tipo mi sento italiano, sono orgoglioso di essere italiano, etc. Ma perchè, mi domando: l’Itaglia…ops volevo scrivere Italia, è mai stata un paese?

    2. Sono sconvolto…

    Lascia un commento (policy dei commenti)