lunedì 18 dic
  • Sul Cassaro sventola bandiera gialla

    È passato quasi un mese dalla visita del Papa, e le bandiere del Vaticano sventolano ancora fieramente lungo quello che fu il tracciato seguito da Sua Santità. Alla sollecitudine che ha portato chi di dovere a tirare a lucido la città e frenare le pericolose derive laiciste di Altroquando non è corrisposta analoga sollecitudine a rimettere le cose a posto.
    Come si spiega tutto ciò? Ho formulato alcune ipotesi:

    1. la bandiera vaticana è ritenuta bella esteticamente: dunque è stata lasciata per dare alla città quel tocco di giallo e bianco che le mancava;
    2. Palermo ora fa parte del Vaticano: quella di Benedetto XVI era una missione di conquista. La preghiera al Foro Italico era in realtà il discorso seguente l’annessione;
    3. i mondiali di calcio non sono stati d’estate in Sudafrica, ma si stanno svolgendo solo ora in Vaticano;
    4. il Papa tornerà a breve (che pacchia, altri due giorni di città pulita);
    5. il Papa è ancora a Palermo.

    Dimentico qualcosa?

    Ospiti
  • 34 commenti a “Sul Cassaro sventola bandiera gialla”

    1. Mi hai strappato un sorriso. 😀
      Ciao,
      Emanuele

    2. Su diPalermo.it (www.diPalermo.it) la webcam di piazza Croci testimonia che anche quella zona di città è ancora sotto l’egida del Vaticano 🙂

    3. Se ti da così fastidio ed in mancanza di operai che ti possano accontentare, allora comincia TU a togliere le bandiere incriminate.
      Fai pure TU qualcosa per Palermo

    4. @NUMEROPRIMO

      ROTFL 🙂 Ho chiamato l’Amia e, per stanotte, mi prestano un autocompattatore, chè, giusto giusto gli operatori destinati al mezzo hanno un torneo di poker hold’em.
      Dove ti passo a prendere? 🙂

    5. A me non dispiacciono affatto. Vorrei leggere la stessa critica per le migliaia di bandierine arcobaleno che penzolano dai balconi della Palermo vecchia (soprattutto).
      Poi se ti danno tanto fastidio, come ti suggerisce giustamente numeroprimo, fai qualcosa tu per la tua Città e toglile di persona.

      ps pensi che sa la Città fosse territorio Vaticano sarebbe in queste condizioni?

    6. MicheleP, qui non si discute se piacciono oppure no.
      E nemmeno se sia utile diventare protettorato Vaticano o la 51ma stella della bandiera americana, come auspicava Cuffaro in un memorabile discorso politico programmatico alla Regione (http://www.youtube.com/watch?v=Yf_jT1LQ1Dw&)
      .
      Il problema è che quelle bandiere sono state, molto più semplicemente, abbandonate.
      Come la nostra città.
      E per la mia città faccio altro, per esempio pago affinché qualcuno dopo aver posizionato quelle bandiere, le tolga. E pago pure qualcuno che dovrebbe acertarsi che questo lavoro venga fatto in modo efficiente.

    7. Non sai che a Palermo tutto ciò che è provvisorio diventa permanente?

    8. Pensavo a questa cosa delle bandiere proprio qualche giorno fa. 😉

    9. Qui però, lasciatemelo dire, si dibatte su di un presupposto discutibile.
      Le bandiere ormai non sono più gialle.
      Fatevene tutti una ragione.

    10. Ha ragione Luigi70, le bandiere sono ormai scolorite dal sole. E sono, per l’appunto, diventate bianche: è il sigillo alla resa della città.

    11. cammarata è stato creato cardinale di santa romana chiesa.

    12. @ Michele P.
      Le bandiere del Vaticano, quelle Arcobaleno, quelle Rosanero del Palermo o quelle tricolori dell’Italia se stanno nei Balconi della Palermo Vecchia o a Mondello devono stare nei Balconi fino a quando il Proprietario del Balcone non le toglie… non mi risulta che il Balcone sia Proprietà del Comune!!!
      Le Bandiere del Vaticano (con colori cangianti grazie al sole, pioggia, vento e smog, picchi poi addivientano una schifezza…) sventolano per “strada” sui pali dell'”Illuminazione Pubblica” dovrebbero essere tolte come tolgono (forse!) i gonfaloni dei politici dopo le Elezioni

    13. @NUMERO PRIMO. allora per lo stesso principio, se a me da fasidio la munnizza accatastata sotto casa, dovrei raccoglierla e portarla a Bellolampo, se il marciapiede sconnesso non mi piace compro un sacco di cemento e lo sistemo…
      Va bè, oggi è festivo e un si travagghia, da domani mi prendo una scala e le tolgo tutte, anche se sono scolorite e un po strappate, se MicheleP. mi dice dove abita gliele porto tutte a lui!

    14. Tutto quello che viene messo in strada a Palermo rimane per anni.Girando per la città troviamo manifesti che invitano alla fiera di Pasqua, decorazioni natalizie in piena estate,manifesti elettorali e pali di vecchie illuminazioni ormai in disuso…Sono davvero stanca di dovermi lamentare di tutto: cosa bisogna fare per far lavorare come si deve i preposti? Occorre più controllo a tutti i livelli.

    15. come mai nessuno ha fiutato il possibile business?prelevarle e rivenderle!!magari in pzza s.Pietro ai pellegrini o magari per una futura partecipazione del vaticano ai mondiali di calcio

    16. Si potrebbe fare una lista immensa di cose provvisorie che sono diventate definitive.
      Quello che salta all’occhio in questo post è il tono “scherzoso” dell’ autore a cui chiederei cosa ha fatto lui per la nostra città e mi basterebbe pure un piccolo gesto tipo la raccolta differenziata ogni giorno.
      Visto che la posa delle pericolose bandierine potrebbe diventare di lungo periodo propongo che tutti i fans di Altroquando organizzino un evento su FB e tutti insieme armati di scala le tirino giù.
      Cosa potrebbe succedere ?

    17. le bandiere si trovano anche sull’autostrada PA-Punta Raisi

    18. in perfetto tema con il vangelo, palermo è stata in quell’occasione un vero selpolcro imbiancato..
      mi pare perfetto.

    19. A proposito di bandiere, perchè non fate girare il seguente video?

      http://tv.repubblica.it/copertina/in-5771-in-playback-per-l-indipendenza-della-catalogna-e-record/55694?video

      Da Siciliani forse dovremmo fare una cosa del genere 😉
      Saluti

    20. antonio,
      sabato qualche bandiera siciliana,sventolava in centro,ma a quanto pare Rosalio e tantissimi altri giornalini locali non s’è ne sono accorti,preferiscono senza dubbio cose piu’ cool,dato che continuano ad ignorare:-)

    21. scusate,sabato 30/10/2010,sperando di non andare ancora fuori tema,anzi fuori bandiera:-D

    22. Nissa Rosalio è un blog e vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    23. antonio invece è in tema?

    24. Nissa no, così come la tua domanda. Rimuoverò ulteriori commenti fuori tema. Saluti.

    25. Caro Numeroprimo,
      le argomentazioni della serie “tu cosa hai fatto per noi” mi sembrano sempre abbastanza puerili, per tre motivi. Innanzitutto celano spesso la volonta di “zittire” un’opinione che risulta sgradevole o fastidiosa (come in questo caso. In seconda battuta, scherzare sulla lentezza geologica con cui in questa città si prendono anche i provvedimenti più semplici è già fare qualcosa per la città. Per il resto ti assicuro che faccio i miei doveri di cittadino e anche più, e se qualcuno ha da eccepire sulla mia condotta di cittadino, eccomi qui con nome, cognome e foto. In terza battuta il “fallo tu allora” presuppone l’accettazione del non fare nulla, la rassegnazione allo stato delle cose, l’idea che chi dice qualcosa è un rompipalle, e che se ogni servizio diventa un disservizio si deve avere pazienza e basta. A me premeva sottolineare (e molti l’hanno capito)che ogni cosa qui viene abbandonata a se stessa, che il provvisorio diventa definitivo, che la cosa addubbata diventa sistema. Mi dispiace che tu ti sia fermato alla bandiera, anzi al dito che indica la bandiera.

    26. Io invece credo che il tuo post non sia politicalmente corretto perchè non fai riferimento ad un paio di cose che hanno sullo sfondo la stessa identica inefficienza, bensì prendi di mira un solo obiettivo e cioè “rimettere le cose a posto dopo la visita del Papa”
      Non cambiare discorso

    27. Non era mio interesse essere politicamente corretto. il “politicamente corretto” è un’altra idea ridicola, un altro dito dietro cui nascondersi, quello che ti fa chiamare clochard un barbone per sentirti più a posto con la coscienza. Il post ha un argomento ben preciso, uno tra i tanti centinaia di esempi di inefficienza cittadina. Dove sta il problema? Che la bandiera è quella vaticana e non quella francese o norvegese? Ma quello èun problema tuo, non mio.

    28. Ah, quindi non sono bandiere rosanero scolorite?

    29. IL prossimo papa sarà il cardinale Romeo,la città e già addobbata x la festa

    30. Anche l’ENI ha modifcato i suoi colori in bianco-giallo che ricorda tanto quelli della Città del Vaticano: sarà una moda?

    31. qualche mese fa i pali del quartiere libertà erano addobbati con ‘1 cent’, pubblicità di una nota compagnia telefonica. il tempo ha fatto il suo dovere, se ne vedono ancora giacere esanimi sui marciapiedi, vedrete che col vento di oggi domattina troveremo molte meno bandiere vaticane, il comune per fare sparagnare noi cittadini ha semplicemente trovato una soluzione ecologica ed economica per la rimozione. sempre che vi lamentate siete ! a proposito chi li leva i gonfaloni del tipo ‘cicci tuo per sempre’ o ‘buon compleanno stellina’ ?

    32. a me non dispiacciono affatto. sporche e lacere, rappresentano perfettamente il pontificato in corso.

    33. saverio..rappresentano perfettamente la lagnusia dei palermitani,anche la tua.
      Il pontificato lascialo dov’e’,non c’entra nulla con i rifiuti,e ti direi inoltre : non dare giudizi qui a sproposito su cose molto piu’ grandi di te

    34. sono d’accordo con folklorista. la nostra città e i nostri amministratori sono molto ma molto poù sporchi dell’attuale pontefice.

    Lascia un commento (policy dei commenti)