giovedì 21 set
  • Lombardo si difende: “Non sono stato a casa di Di Dio”

    Raffaele Lombardo

    Il presidente della Regione Raffaele Lombardo si è detto vittima di un attacco mediatico nella conferenza stampa che ha tenuto oggi pomeriggio a Palazzo d’Orleans.

    Lombardo ha ammesso di aver avuto contatti con Di Dio e Bevilacqua: «Qualche mano di troppo l’ho stretta, gli incontri che ho avuto con alcune delle persone i cui nomi sono nell’inchiesta di Catania sono stati casuali e non voluti. Comunque tutti gli incontri che ho fatto sono stati di natura politica. Rosario Di Dio era sindaco di Castel di Judica e Raffaele Bevilacqua era consigliere provinciale della Dc». Lombardo ha smentito di essere stato a casa di Di Dio di notte come riportato dalle indiscrezioni dell’inchiesta della Procura di Catania.

    Sui presunti finanziamenti ricevuti da Cosa nostra a Catania Lombardo ha detto: «Non conosco Vincenzo Aiello, non ho idea di chi sia, non ho chiesto né un voto, né un euro».

    Palermo, Sicilia
  • 3 commenti a “Lombardo si difende: “Non sono stato a casa di Di Dio””

    1. Raffaele Lombardo? Chi è?

    2. c’è un “di” di troppo, nel titolo… 😉

    3. didi dio?

    Lascia un commento (policy dei commenti)