sabato 21 ott
  • “Giacomo Cuticchio e il cinema viaggiante” per “Macchina dei Sogni”

    Apre oggi in via Bara all’Olivella la Macchina dei Sogni, con la mostra Giacomo Cuticchio e il cinema viaggiante sul rapporto tra pupari e cinema, uno spettacolo dell’Opra. Botteghe artigiane e laboratori rimaranno aperti in via Bara all’Olivella e si svolgeranno degli spettacoli.

    “Giacomo Cuticchio e il cinema viaggiante”

    La mostra che comprende memorabilia, locandine d’epoca di certo cinema nazional-religioso-popolare, proiettori, affiche, bolle e permessi per la proiezione rimarrà visitabile fino al 30 dicembre ogni giorno dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:30 alle 20:30. Ingresso libero.

    Era il 1950: Giacomo Cuticchio, “oprante” e puparo, andava in giro per i paesi caricando famiglia, pupi e attrezzi sulla Balilla. E siccome con i pupi non ci si campava, Giacomo il puparo si era inventato le “serate speciali” a cui potevano assistere anche donne, di solito escluse dagli spettacoli dell’Opra: erano storie d’amore in cui la protagonista diventava martire o santa. Oppure proiettava un film: Cuticchio aveva comprato un proiettore a passo ridotto, sedici millimetri sonoro, marca Ducato e aveva sperimentato l’attività del cinema ambulante nelle zone di villeggiatura di Giacalone, Bosco Ficuzza, Alcamo Marina e in alcuni quartieri popolari della periferia di Palermo come Torrelunga, Brancaccio, Immacolatella. Poi acquistò un secondo proiettore e d’estate, quando non lavorava con i pupi, andava in giro per i paesi allestendo il cinema all’aperto, di fatto un lenzuolo teso tra due case e tanta gente dinanzi accomodata sulle sedie portate da casa.

    Programma completo.

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)