sabato 19 ago
  • Caol Ishka, struttura turistica di qualità

    Se dovessi consigliare un albergo a Siracusa, non avrei dubbi: Caol Ishka, un piccolo design hotel sulle rive del’Anapo. È composto da un gruppo di tipiche case rurali ritinteggiate di un lavanda che ricorda il tradizionale carta da zucchero (che, se non erro, serviva a tener lontani gli insetti), con arredi di moderno design negli interni. È di proprietà della famiglia della giovane proprietaria che, dopo esperienze all’estero, si è improvvisata albergatrice. E lo fa bene, con professionale orientamento al cliente. Il senso dell’ospitalità è un tradizionale punto di forza della cultura e dello stile siciliano, ma, per evolvere in impresa, necessita di professionalità e di passione per il lavoro. Il ristorante, arredato spiritosamente con delle grandi foto di quadri di età barocca ritoccati, grazie a Photoshop, con visi contemporanei di congiunti, è davvero ottimo, grazie ad un giovane chef di talento. E, per chi volesse variare, non mancano certo ad Ortigia alternative gastronomiche: penso, in particolare, al Ristorante don Camillo con il simpatico chef palermitano Giovanni Guarneri.

    A Siracusa non mancano neanche alberghi più lussuosi come il Des Etrangers Hotel & SPA della catena Acqua Marcia (Caltagirone Bellavista) con la sua invidiabile posizione accanto alla fonte Aretusa, ma che, almeno personalmente, non mi ha particolarmente colpito. Per il genere non resta quindi che sperare nel costruendo Marriott, ad opera degli imprenditori messinesi Russotti, nel vecchio edificio liberty delle Poste, sempre ad Ortigia.

    Tra i luoghi da visitare, oltre a Ortigia e ai celebrati Neapolis, teatro greco, museo archeologico ecc., raccomanderei, a chi non lo conoscesse, l’imponente Castello Eurialo, bello e suggestivo anche d’inverno.

    Sicilia
  • Un commento a “Caol Ishka, struttura turistica di qualità”

    1. Confermo la squisitezza dell’ospitalità Caol Ishka.

    Lascia un commento (policy dei commenti)