giovedì 17 ago
  • Buon Natale cara città

    Cara città, vorrei affidare a ben altro che a un foglio il mio augurio di Natale per te. Vorrei, se mi fosse concesso, lasciare nella mezzanotte il cammino che porta alla Santa messa ed aggirarmi per le tue trazzieri, e bussare a tutte le porte, e suonare a tutti i campanelli, e parlare a tutti i citofoni, e dare una voce sotto ogni finestra illuminata, e dire ad ognuno, non scoraggiarti è nata la speranza!

    Vorrei recarmi sul litorale, dove il mare è più buio, ed affidare al concerto della risacca frammenti di antichi ritornelli perché le onde lì portino lontano: «’nta ‘na povira manciatura», «’a ninaredda».

    Vorrei stringere la mano di tutti, dei bambini e dei grandi, dei ricchi e dei poveri, fissare gli occhi della gente e ripetere ad ognuno che se la tregua santa di Natale si allargasse a tutti i 365 giorni dell’anno, la vita sulla terra sarebbe più bella, senza sfruttamenti, senza famiglie divise, senza cuori delusi, senza disoccupati, senza infelici, senza tragiche solitudini.

    Vorrei poter disegnare la mappa delle sofferenze della città, individuare le disperazioni più crude, asciugare le lacrime più amare e prendere per mano chi non sa che farsene di questo Natale.

    Lo porterei con me per fargli conoscere i luoghi della speranza e presentargli questi semplici cittadini che faticano volontariamente ogni giorno per renderti più bella, cara città, più bella e più buona per la tua gente:

    Libera Terra, Muovi Palermo, Facciamo Nascere un Nuovo Parco a Palermo, Missione di Speranza e Carità, Il Banco Alimentare, Ubuntu, Il Villaggio delle Idee, Città2.0, Addiopizzo, Anteas, Jus Vitae, Idea, Argonauti, Azzurra, SoleXP, Salvare Palermo, Rosalio e tanti altri.

    Questi cittadini che hanno il coraggio di spendersi per te, cara città, al posto di un sistema o al posto di chi è pagato per farlo e non lo fa. Proprio perché ti vogliono bene.

    Buon Natale cara città.

    Ospiti
  • 3 commenti a “Buon Natale cara città”

    1. Buon Natale veramente a chi lo merita, c’è veramente i schifiarisi altro che buon Natale, povera Palermo….come ti sei ridotta male….

    2. Christiane, Palermo non merita il tuo amore.

    3. Se OGNUNO di noi non si da una mossa per fare del bene provando un forte senso civico, arriveremo a vedere intere famiglie suicidarsi. Se io vedo un mafioso chiedere il pizzo, devo denunciarlo. Non perchè io sia “sbirro” ma per amore di chi deve subire soprusi e dell’economia della città. Chi sta ai piani altri invece, deve dare la propria vita affinché nessuno freghi i soldi per opere pubbliche e in generale per far crescere Palermo. “O si muore per qualcosa, o si vive per niente”.

    Lascia un commento (policy dei commenti)