lunedì 20 nov
  • Apriamo un circolo del Partito du Pilu a Palermo

    I have no dream ma mi piace u pilu

    Un sondaggio del mese di gennaio tra gli elettori accreditava il Partito du Pilu del 2,3% tra le intenzioni di voto degli elettori con possibilità di crescita fino al 9%. Dopo le recenti vicende palermitane e regionali che mostrano con grande chiarezza la distribuzione bipartisan di incapaci, simpatizzanti di Cosa nostra e tangentisti sto pensando seriamente, concretamente, qualunquemente di aprire un circolo palermitano del PdP e di creare una lista.

    Partito du Pilu

    Astenersi perditempo. Non sto scherzando. 🙂

    Palermo
  • 87 commenti a “Apriamo un circolo del Partito du Pilu a Palermo”

    1. Famolo

    2. Dott. Siino, dopo la prima tessera di partito a 14 anni, dai 20 anni in poi mi sono accorto che in Sicilia “la politica non è cosa”. Da allora l’idea di creare questo circolo del PILU è la prima cosa seria che leggo sulla politica in Sicilia. Dopo 13 anni di astensionismo, quindi ormai cronico, da questo momento rifletto se aderire a questo tuo… circolo… aderire o intromettermi… riflettendo troverò la giusta definizione…
      N.B. se prendi vassily sciortini come porta parola, mi astengo; PDP e vassily insieme no…

    3. Ma c’è già: PDL

    4. N.B. non avevo letto il post di sciortini vassily, è solo una coincidenza, o intuito logico il mio; evidentemente postava il suo commento mentre io scrivevo il mio.

    5. GIGI, invece Sortino sarebbe perfetto come portavoce! 😀

    6. stalker…n’tu culu

    7. Non babbiamo con le cose serie che si rischia di vincere le elezioni!
      Siino Sindaco!!!!!!!!!!

    8. io voto De Santis

    9. Gigi sono felice!
      Jacko siindaco e arriveranno bastimenti carichi di pilu dai quattro angoli della Terra!
      Merighi sei il solito sconzaiocu.
      Ripetete con me: «Onda sicula, qualunquemente»! 😀

    10. vassily, ricambio qualunquemente
      n’tu culu pure a ttia 🙂

    11. Votre humour est digne respect!
      Vous écrivez comme Camilleri.
      Se serai à Lercara Friddi au début du mois d’Avril et je serai très heureux d’être parmis vous.

    12. Tony quasi quasi… però il “pilu” deve essere con quota pari opportunità 😉 qualumquemente per femminucce e maschietti, non solo come lo intende Cetto La Qualunque… capisci a me!

    13. Anch’io sono per De Santis.

    14. Avete il mio sostegno…finalmente qualcosa di serio nell’aria si smuove…siamo in 12 in famiglia…e sono 12 voti!!! Un progetto serio semplice e trasparente per il PdP…

    15. appena parlato con padre amorth.
      dice che sarà dura, ma proverà a liberarlo dal cettoqualunquismo.
      noi, fiduciosi, lo ricordiamo così
      http://www.youtube.com/watch?v=uonnrwL1gxU

    16. L’ idea di una Grosse Koalition focalizzata su un esigenza primaria e delle masse operaie, e della classe borghese nonchè del clero, affascina e coinvolge. Esordiva il vecchio Karl Marx, quando il pelo era scarso, scarsu r’uogghiu e chinu i privulazzu :
      Uno spettro si aggira per l’Europa: lo spettro del pilu pi tutti. Tutte le potenze della vecchia Europa si sono coalizzate in una sacra caccia alle streghe contro questo spettro: il papa e lo zar, Metternich e Guizot, radicali francesi e poliziotti tedeschi…(omissis)
      Di qui due conseguenze.
      U pilu viene ormai riconosciuto da tutte le potenze europee come una potenza.
      È gran tempo che i popoli della terra espongano apertamente a tutto il mondo la loro prospettiva, i loro scopi, le loro tendenze, e oppongano alla favola dello spettro del pilu, un manifesto del partito, il partito du pilu.
      Questa stesura sconosciuta ed inedita dell’inizio del Manifesto è da molti studiosi attribuita al Maestro Karl Marx, la cui foltissima e fluente barba pare fosse così voluminosa e folta per una pratica sessuale nota fin dai tempi dei latini e chiamata cunnilingus.
      O come disse il Sommo poeta a Virgilio, dopo cento canti di Divina Commedia e neanche un pausa “fai da te” : O mia Guida , non obliar ca u pilu è pilu e su centu canti ca unni tastu….
      (da Wikipedia)

    17. Giuanni, are you fine? 😀

    18. Quantunquemente io sia orizzontabilmente non incline ad un qualsivogliantemente impegnativismo politico stavoltamente devo indelebilmente aderire appiccicativamente alla proposta del Sig. Siino.

      Indubitabilementemente e stimatamente
      Mastrowebbetto

    19. nel caso specifico, il voto di scambio è possibile ???

      per un vagone di pilu, prometto un vagone di voti

    20. giuanni 😀 :D, dice padre amorth che appena ha finito con albanese passa da te…..

    21. Rivendico un posto nel partito.
      Mi spetta di diritto, per la mia formazione, per la mia accanizione nella lotta dei diritti alle donne.
      Innanzitutto all’interno del “movimento” propongo subito una quota “rosa” almeno del 70%, là dove il 30% scelga il restante 70, seppure questo ci avvicini all’attuale governo… saremo … cavallidistanti.
      (equidistanti, scusate).

    22. Agnelloluigi attention parce que Cetto dit liberté, egalité… 😀
      Marina se vabbe’. Mettiamoci i trans e facciamo l’Ulivo allora. 😛
      ObiOne ma scherzi? Porta clienti! 😛

    23. Scherzi a parte credo che si abbia ancora tempo per creare un partito serio che faccia presa nella popolazione.
      In questo momento storico ci vuole qualcuno che proponga di azzerare il costo della politica, qualcuno che proponga un tetto agli emolumenti regionali e che non ci sia uno scarto di centinaia di migliaia di euro tra il dirigente e l’impiegato.
      Prendere o lasciare.
      Esiste qualcuno che abbia la forza politica di proporre questo ?? ……..io lo voterò subito.

    24. Gigi @: I’m very happy for pillow togheter…..

    25. Bè, scherzare sul potere in una condizione di dittatura com’è quella della Sicilia, non può che ricevere la mia stima. Visto che non riuscite ad alzare la testa, perlomeno utilizzate l’ironia come un’arma…Potrebbe essere un buon punto di partenza…Anche se ci vorrà ben altro perché possiate recuperare pienamente la democrazia, anche perché coloro che sottomettono i siciliani onesti sono spesso altri siciliani. E’ sempre difficile fare una guerra civile e richiede grande senso di responsabilità e coraggio. Spero che riusciate a trovarli, prima o poi.

    26. dove si ci iscrive?

    27. Gianluca @ : La democrazia non si impone con la forza e con la guerra civile. Ma di cosa parli ?
      Ti immagini il nucleo storico di Rosalio, Tony Siino capopolo,arroccato dietro una barricata a Piazza Pretoria, con Gigi che tira bombe a mano, Goku a bazooka, Stalker che fa posti di blocco e non fa prigionieri…..
      Il Folklorista che benedice le salme con pietas cristiana….
      Ma fammi il piacere…:)

    28. Giuanni, vorresti dire che le persone che citi siamo 4 sfasciallitti che non facciamo spaventare nemmeno una mosca? 😀
      Pero’ l’immagine del Folklorista che benedice è appropriata. Te la sei squarata pure tu che è un parrino (forse spogliato?) che fa finta di sbagliare virgole e spazi per non farsi sgamare (pensa lui)?

    29. Giuanni, ma cosa intendi per pillow togheter? Perché la traduzione mi lascia perplesso (pillow=cuscino).
      Per il momento io il “cuscino togheter” nonostante siano “camurruse” lo preferisco con il genere femminile.
      @ ObiOne, ho l’impressione che hai sbagliato proporzione. Altro che vagonate! C’è gente che per 1 SOLO PILU si vende pure padre madre fratelli e se “necessario” pure il cervello, e si fa comandare come un cagnolino ubbidiente.

    30. Gigi mi deludi…pillow, alla pronuncia, risulta essere pillo, con una ssonanza che conduce dritto dritto al più noto pilo, che non è Rosolino….
      A tal proposito, un aneddoto storico.
      Garibaldi attendato a Gibilrossa, arriva trafelato Bixio e sull’attenti dice a Garibaldi : “Generale , c’è Pilo ( intendendo Rosolino) e il nizzardo : Fallo entrare così ci divertiamo un po’….( intendendo en altro…)”

    31. @giuanni sono d’accordo con te, ma solo in parte: la democrazia non si raggiunge con la forza, fino a quando ciò è possibile ed esistano strade alternative. Purtroppo non credo però che sia il caso dei territori in cui la dittatura, come può essere quella realizzata dalla criminalità organizzata, sia giunta a imporre le proprie regole assolute con mezzi anti-democratici, disponendo di un vero e proprio esercito militare che controlla capillarmente il territorio minando il tessuto sociale, morale e amministrativo. In questi casi, la manifestazione del dissenso porta inevitabilmente a una reazione violenta e repressiva della dittatura, come spesso peraltro è accaduto proprio nel caso siciliano. Questo tipo di potere dittatoriale a mio parere non può essere abbattuto solamente grazie a delle proteste pacifiche.

    32. MAi benedetta una salma,pero’ so dove trovare i formulari(pienamente cattolici e cristiani ,all’occorrenza).
      Per entrare nel ramo serio del discorso ,ieri ho visitato un cimitero di guerra (2 mondiale) qui in Sicilia,arroccato in una deliziosa collinetta ,ventilata ,alberata con vista sul lago Pozzillo,tra le montagne nei pressi di Agira.Piccolo,forse trecento le lapidi tutte uguali,come quelle che si vedono nei film,non foto,solo brevi frasi,molto spesso di tenero amore ,fatte scolpire dai cari.E non si puo’ restare indifferenti al momento,pensando che quelle pattuglie di nord americani ,cattolici,ebrei,non credenti,(a seconda dei casi v’era scolpita la croce,la stella a sei punte,e nulla )son venute qui a gettare il sangue per una causa che forse a loro non interessava affatto.Eppure non sembra cosi’,forse questi sono morti con la consapevolezza di dare la vita per salvaguardare la liberta’ degli uomini a venire,minacciata da un pazzo al potere in Europa.
      Ci sono casi in cui la mitezza non paga.
      Tuttavia io credo che qui in sicilia e in Italia ,attualmente,il male peggiore sia l’indifferenza e l’ignavia,anche il sonno morale.
      In fondo anche noi abbiamo formato una virtuale comunita’ nella comunita’ tramite cui passano idee.Queste ,se volessimo,potrbbero anche concretizzarsi in azione:Meglio se condivisa ed estesa ad altri gruppi.Io ho grande rispetto epr coloro che pensano,e trovo che sia meglio avere quattro gatti scafazzati che pensano piuttosto che 400 veline e velini gheddafiani.
      W il web

    33. ..con Giuanni comunque sempre in sintonia.Gigi: Bon Dieu,sous Vos ailes!

    34. Giuanni, sei tu che mi sorprendi. Ho usato volutamente la traduzione letterale per allusioni evidenti.
      Quanto a garibaldi, il mio odio per lui è immenso, quindi niente di lui mi fa ridere. Anche se era solo al servizio di DELINQUENTI molto più delinquenti di lui.
      Potrei essere d’accordo con Gian Luca, ma ci sono da fare distinzioni profonde, non si può analizzare solo il risultato alla superficie. E la rivolta non dovrebbe essere locale, come se fosse un problema solo locale, ma diretta al similpaeseitalia che è l’origine e pure la causa attuale della maggior parte dei mali, con la sua organizzazione malvagia messa in atto scientificamente.
      Per quanto riguarda la politica che comunque fa comodo al similpaeseitalia trovando in Sicilia una roccaforte elettorale da usare secondo le convenienze del momento: troppi inciuci, atavismo, ignoranza, complicità tra eletti e galoppini elettori. Ma la Sicilia fatta quei pochi fessi che credono nelle idee sono costretti a subire la stragrande maggioranza che inciucia e determina la società retrograde.
      La mafia è una guerra dichiarata al popolo sano della Sicilia, ma le pene non sono adeguate alla guerra.
      Pero’ è giusto precisare per Gian Luca che la mafia è stata legitttimata DA FUORI a suo tempo, ed usata in momenti storici decisivi, e fuori ne godono di vantaggi; il popolo siciliano è solo la vittima che subisce, e la Sicilia è la terra che ne paga le conseguenze; la stessa cosa non si può dire per altre regioni che ne godono certi vantaggi. Come dire che non è una prerogativa siciliana, ma fa comodo farlo credere. Come quelli che asciugano i loro coltelli sporchi di sangue, dopo avere commesso i delitti, sulle vesti dei fessi.
      Come in tutte le cose che riguardano fatti storici è giusto analizzarli sempre partendo dall’origine; troppo semplicistico analizzare solo il risultato, senza considerare cosa ha consentito, in questo caso alla mafia, di attecchire e diventare inestirpabile, né considerare quali contesti sociali (colpa SOPRATTUTTO dell’organizzazione malvagia del similpaeseitalia; perché se la distribuzione di sviluppo e ricchezza fosse equa… etc.) ne hanno favorito l’esistenza.

    35. è saltato un pezzo: ma la Sicilia, semplificando, è fatta politicamente dagli elementi sopra elencati, e quei pochi fessi che credono ancora nelle idee…

    36. Devo notare due elementi divertenti:
      – appena si parla di PILU comincia i babbio, si scordano rancori, antipatie, come d’incanto si è in sintonia… ed i maschietti anche se hanno capito che il PILU con la scusa del gentil sesso ( una fesseria colossale 😀 ) comanda nella grande maggioranza dei casi, non possono evitare di fare i toki. Ma quale toki?
      – tutti siamo stati ricettivi al PILU nei nostri commenti. Il Folklorista ci ha parlato di benedizione per i morti, cimiteri di guerra, e altre cose allegre. Un vero parrinu.

    37. il babbio

    38. Com-piliamo la lista degli aderenti? Chi ama la spiga tiri una riga?

    39. Più che parrino, il Folklorista parrebbe un diacono, sicuro, un diacono, almeno da quello che traspare dal suo ultimo intervento.
      A me pare persona a modo, glielo ho detto piu’ volte, quanto meno è persona pensante e di questi tempi è grasso che cola. Ha anche un modo ecumenico di ragionare che non mi dispiace, frutto , ne sono quasi sicuro,di contatti frequenti con sacrestie e gruppi di azione cattolica, ma in ciò non ci vedo nulla di negativo, anzi, arricchisce il dibattito con i suoi ragionamenti alla fine coerenti che si possono poi condividere o no , o almeno in parte.
      Comunque ragiona e ci si può ragionare.
      Sul tema del post, sennò il Siino ci sgrida,bisogna convenire ca u pilu e pilu, ma non inteso solo in senso femminino, anche per molte donne l’attrazione pilifera, se mi si passa la metafora, è un’opzione importante.
      Prova provata è che quando a certe donne manca il cardillo, che non è il quartiere, in letteratura medica si parla di carentia penis, che non traduco.
      Insomma anche per molte donne, u pilu è pilu.
      Nel mio caso, e concludo, se nasce il movimento ru pilu, sono pronto a prendere la doppia tessera, perchè nello Statuto del mio partito non risulta preclusa l’opzione di abbracciare la sensibilità pro pilu.
      Sul babbìo concordo che meglio il cazzeggio ironico, forse goliardico, ma dico ben venga e rimanga, magari serve a fare spogliatoio e arrichisce una virtuale fucina di idee.
      + P.p.T./ W u P./ Senza u P. , non si può stare….com ‘u sali….

    40. Com-piliamo , im-piliamo , ma senza fare i pillicusi….piuttosto, folklorista, bisogna essere maritati per tastarlo, ed il complemento oggetto lo lasciamo sottinteso o ci può iscrivere anche schietti/e ?

    41. Vassily, vai a lezione di palermitano, ntu culu è una perifrasi che non sta da nessuna parte….o dici nto culu o fai mala fiura….e poi detto ad una donna del calibro di Stalker è davvero fuori luogo e aggiungo di una volgarità grevia e inutile….

    42. Giuanni, permettimi di farti notare che i cretinetti sul PILU l’abbiamo fatto i maschietti!
      A parte Marina.
      Stalker è sui generis Intellettualmente intendo; non mi fare aggaddare con la mia amica Stalker.
      Forse perché l’attrazione pilifera (come l’hai chiamata tu) nelle donne è una cosa seria, reale, e non una cretinata del maschio che addisia e babbia… per reazione, o perché gli hanno messo in testa che è il sogno massimo. Altro che sogno, è cunsumazzione e so di cosa parlo in tutti i sensi; specialmente nei periodi che diventa un’ossessione. Il Folklorista? Una volta, circa 10 anni fa, un parrino della chiesa “de la Madeleine” a Parigi, teologo diceva lui, che aveva studiato a Roma ( ma apparentemente non gli era bastato ) mi disse “lascia perdere questa ossessione – la donna – che rappresenta la rovina, la perdizione, il male”. Tutto vero, non sto inventando per provocare reazioni. Spero che il Folklorista non pensi le stesse cose del PILU. Ma finora non ha detto nulla sul tema. Solo morti e cimiteri

    43. Giuanni, permettimi di farti notare che i cretinetti sul PILU l’abbiamo fatto i maschietti!
      A parte Marina.
      Stalker è sui generis 😀 Intellettualmente intendo; non mi fare aggaddare con la mia amica Stalker.
      Forse perché l’attrazione pilifera (come l’hai chiamata tu) nelle donne è una cosa seria, reale, e non una cretinata del maschio che addisia e babbia… per reazione, o perché gli hanno messo in testa che è il sogno massimo. Altro che sogno, è cunsumazzione 😀 e so di cosa parlo in tutti i sensi; specialmente nei periodi che diventa un’ossessione. Il Folklorista? Una volta, circa 10 anni fa, un parrino della chiesa “de la Madeleine” a Parigi, teologo diceva lui, che aveva studiato a Roma ( ma apparentemente non gli era bastato 😀 ) mi disse “lascia perdere questa ossessione – la donna – che rappresenta la rovina, la perdizione, il male”. Tutto vero, non sto inventando per provocare reazioni. Spero che il Folklorista non pensi le stesse cose del PILU. Ma finora non ha detto nulla sul tema. Solo morti e cimiteri 😀

    44. Il mio argomentare era volto ad aprire al nascente partito l’universo femminile, non si può fondare nel 2011 un partito sessista al maschile !! Ci mangerebbero il cranio..e poi siamo in tempi in cui realmente non esiste più, e aggiungo per fortuna, l’uomo cacciatore, la donna selvaggina…roba di quasi quarant’anni fa, quando il catalogo della Vestro e di Postal Market serviva non solo per fare gli ordini via posta…
      Comunque, sempre per restare in tema, sto preparando uno Statuto, diciamo il Manifesto du Pilu, ma cosa seria però, senza babbìo.
      E se ce la facciamo ci rintaniamo a Termini Imerese, la nostra Bengasi, è dichiariamo il Comitato provvisorio pro Pilu pi tutti….

    45. @Gigi

      Vi è in Francia una concezione degenerata della sessualità come nel nostro paese?! Avrei voglia di parlare di questo argomento negli identici toni con cui ne parli ma….non ce la faccio. Gigi, il problema è che qui viviamo ormai in un grande incubo “grandefratelizzato” italico! Per tua fortuna hai poca conoscenza delle miserabili condizioni sessuali nelle quali alcuni, spero pochi, scialacquano a queste latitudini. Mannaggia a te!!
      Saluti biddazzu 😀
      Antonio-Pianadeicolli

      @Per tutti gli altri
      Ieri pomeriggio ho partecipato, io tra i pochi giovani presenti, alla manifestazione a difesa della Costituzione. Eh già, i giovani….ne ho visti pochi. E’ quest’ultimo il cuore della faccenda! Cos’è? “AMU A CONTINUARE A CUGGHIUNIARE”?!!! Scusate ma mi sono proprio rotto.

    46. Antonio : Non te lo ha prescritto il medico di leggere le nostre stronz.te, cambia canale, il web è pieno di scelte serissime che meritano la tua vigile attenzione.
      Per dirla breve, personalmente occupo un piccolo posto di rappresentanza politica nelle Istituzioni, in una città che nn è Palermo.
      Il mio impegno politico comporta uno standard di serietà alto, ma non posso sempre occuparmi di teorie di massimi sistemi o di discussioni globilizzate…e insomma !!! Semel anno lecit cazzeggiare….comunque non sei la tipologia giusta per aderire, caso mai ti decidessi, al Partito du Pilu…e finche Siino ce lo permette, lasciaci cogliona.e….:) Con simpatia….

    47. Lo apriamo questo circolo…si o no??
      Credo che sarà formata da persone più consapevoli di quanto si creda…il paradosso è che nel partito dal nome diffidente in questa Italia alla fine ci vadano persone che qualcosa la vogliono cambiare davvero…

      Io metto qualche punto nella programmazione per portare un pò di discussione utile o meno e perchè no anche un pò di pilu in questa terra…

      Ovviamente è solo qualche punto che può essere più o meno condiviso, non voglio puntate dita addosso ma qualche provocazione ci vuole..

      Abolizione delle spese superflue e dei benefit dei parlamentari;

      Riduzione del numero dei parlamentari che si osteggiano con dannosissimi giochi di potere che fanno male alla sicilia;

      Detassazione dei carburanti;

      Abolizione del clientelismo, e formazione di una campagna elettorale basata solamente su un programma chiaro e netto di ciò che si vuole fare;

      Introduzione dei concorsi e introduzione di una categoria protetta per i giovani laureati che dimostrano merito;

      Istituzione di un dipartimento centrale del turismo siciliano che sia svincolato dalla politica e dalla burocrazia e attui tutti i sistemi di modernizzazione di un sistema turistico inefficiente e al baratro;

      Revisione e ammissione per merito e capacità di tutti i contratti di assunzioni regionali e non e controlli sull’efficienza di tutte le stirpe delle aziende pubbliche e private dove a quanto pare regna la parentopoli e l’amico dell’amico mandato da…;

      Infine l’abolizione dell’unica forma di potere insieme alla mafia per cui i nostri amatissimi politici siciliani creano consenso…il clientelismo…
      Il clientelismo essendo una disuguaglianza sociale oramai legalizzata e taciuta è insieme alla mafia il cancro più schifoso della nostra terra…

      Si…cari politici che avete i vostri pupi che vi conclamano…questa terra a causa vostra e dei vostri interessi è arrivata alla frutta…non si può continuare così senza che non ci sia nessuna reazione sociale…la disuguaglianza è terribile da vedere e vivere…incapaci che regnano le nostre amministrazioni e talenti che sono costretti ad andare via…siamo un popolo di corrotti…credete di predicare nel bene…e fate indossare delle maschere di falsa innocenza e di pseudo ideali ai vostri pupi…voi non siete buoni…e se lo siete come disse uno come Placido Rizzotto che di palle ne aveva da vendere…”voi siete dalla parte dei padroni”!

    48. Perdonatemi ma ho ripetuto in due parti il punto programmatico di abolizione del Clientelismo…Cetto spero mi perdoni!!!

    49. io m’accuollu!

    50. dai motti di padre Ralph

      W U pilu e … ‘a pila pi tutti.

      Bunga bunga a Voi

    51. Antonio, dovresti essere più esplicito e dettagliare, perché ho l’impressione che Giuanni ha frainteso, non conoscendoti. Come sai vengo spesso, ogni due mesi, certe volte un mese e mezzo, e non vengo solo per un paio di giorni; diciamo che se trascorro tre mesi l’anno ho il tempo di accorgermi di… tutto 😀
      Da lontano, come sai, leggo spesso, quindi non è una novità ciò che dici. Ciao.

    52. Ad Oria (BR) esiste già la lista P.I.L.U. (Persone Indipendenti Libere Unite). A maggio si voterà per le comunali ed io sarò il candidato sindaco.
      Date un’occhiata al sito del PILU – http://www.lalistatitlupilu.it – abbiamo tutto, programma elettorale… e simbolo … e che simbolo.. in pratica UNA FIGATA!

      info a: listatilupilu@libero.it

    53. Provate a mette in Google le parole “lista pilu” oppure “lista ti lu pilu” . Molta stampa ne ha già parlato a livello nazionale (Corriere della Sera, Repubblica, Il Fatto Quotidiano, etc.)
      Pilu… cchiù pilu pi tutti!

    54. Anche io sono di Oria…città in cui esiste già la lista civica ti lu P.I.L.U.
      Alle prossime elezioni comunali tutti noi pilusi…voteremo De Santis che ad Oria è Franco Arpa…
      De Santis pi tutti…
      Cchiù pilu pi tutti….

    55. Francamente, leggendo velocemente, mi sembra la vostra una delle tante liste civiche ibride un po’ politiche un po’ civiche, che cavalcano e usano una definizione coniata da Albanese, ma che non c’entra niente con quello che proponete. Insomma mossa marketing usando il logo di Albanese. Troppo semplicistico, esempio di come si banalizza tutto di questi tempi, ma obiettivi… appunto politici, sostituire quelli – politici – che ci stanno adesso… che c’entra col vero senso du PILU?

    56. Vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    57. non stai scherzando? sei serio? io me l’accollo!

    58. Presente!

    59. Antonio
      tu poni un problema serio,spesso causa di frustrazione piu’ o meno giustificata e di perdita di speranza tra coloro che si affacciano alla vita politica,all’impegno civile e non trovano la giusta e doverosa e numerosa partecipazione.Non a caso una delle ultime manifestazioni ben riuscite aPalermo si e’ svolta una delle passate domeniche mattina.Molti sono liberi.lE famiglie si ricongiungono.Si e’ un po’ piu’ tranquilli per partecipare alle importanti iniziative.Invece nelle giornate infrasettimanali siamo tutti presi dalle necessita’ e dalla frenesia della via quotidiana:lavoro (gia’ ce n’e’ poco,non si puo’ lasciare nemmeno mezza giornata)scuola dei figli,problemi di famiglia,spese della settimana(il pane non viene a casa d a solo),alre necessita’ .Molte di queste cose riducono l’apporto e la partecipazione alle giuste manifestazioni:ma non dobbiamo s coraggiarci.Semmai dobbiamo :programmare bene ,tenendo presenti quei problemi che ho citato,evitando di frammentare e moltiplicare gli impegni,invece concentrandoli magari in un impegno mensile o anche bimestrale basterebbe, da proporre alla partecipazione di tutti .Anche perche’ come hai sentito,nel resto d’italia la partecipazione avrebbe comunque raggiunto il milione di persone .

    60. ..per finire,diventa poi importante il Tuo contributo sui blog per diffondere e dare ancora eco all’iniziativa.Tanti altri,almeno un centinaio,leggeranno il tuo commento,e sapranno:Ti sembran poChi ?Sommali a ai contatti di tanti altri,cosi’ le idee viaggiano

    61. che noia.

    62. Folkloristico cazzu cazzu….me lo stai facendo ammosciare!!!!!!
      più pilu pure pi tia.

    63. …e un po’ di creanza và!
      http://www.youtube.com/watch?v=B_NJktvgKn8

    64. Contro l’ammusciamento della vita moderna:ecco a voi la Tarantella di Cetto.

      Strofa:

      Pilupimmìa pilapittìa
      pilapittìa pilupimmìa
      iocu ru pìlu ti tìru u viddìcu
      ti tìru u viddìcu s’un voti pi mmia

      Ritornello :

      pilu pi tuuuuttiiiii
      pilu a cu fuuuuttiiii

      Tralascio lo spartito

      Per chi lo desidera posso fornire su carta rigorosamente igienica Ricordi.

    65. =Zelig

    66. continua la tarantella du pilu

      nto pilu mi ficcu e puru l’alliccu
      ci mettu la pila e mi fazzu chiu siccu
      la pila pi mmia pi futtiri a tia
      chi gran camurria la leccalita’

      ‘vvucati e priuri pinsati a lu pilu
      quannu liggiti li vostri sintenzi
      ch’ammara e’ la sorti di l’homu ch’un futti

      di tuttu lu pilu la forti ducizza
      avennu la pila cch’iu’ assai n’avra’
      chi cazzu nni futti s’u fazzu cu tutti
      chi longhi e chi curti futtiri si po’.

      Invoco Licenza poetica.e chiedo venia

      Le espressioni non impegnano l’autore ma danno voce al personaggio CETTO.

    67. Vs diacono,parrino o santo bevitore tavernaro?

    68. PILUUUUUUUUUUUUUUU

    69. quando i parrini vogliono fare ironia e allentano i freni inibitori è una vera tragedia. la loro severa educazione li fa precipitare immediatamente dall’ampollisità alla più becera volgarità.
      amen

    70. discorsi di pilu…

    71. @stalker
      seeee,sugnu vastasu vieruuuuu

    72. Hai mai letto le poesie del Meli ? e quelle erotiche del Ponte ?

    73. ..o di Petru Fudduni,apprezzatissimo,meglio di De Sade

    74. …lapsus architettonico:le poesie erotiche di Domenico Tempio.

    75. Gigi, in quel commento consideravo la tua una fortuna! Rinnovo il saluto (rigorosamente non romano) 😀

      @Giuanni
      “Ma si pò sapiri chi hai”?! 😉

    76. folkloristico, lasciala ai poeti la poesia, che c’è da ramazzare la canonica! 😉
      (quando hai finito le pulize in canonica clicca sul mio nick)

    77. Secondo me, sarebbe un deja vu: Cicciolina docet….

    78. intanto dovreste far presto,
      perche’ la SX va forte.
      Sentita ieri.
      Una ragazza chiede ad una signora:
      com’e’ che non ti sei messa le scarpe che abbiamo comprato ieri?
      E’ che appena sono tornata a casa ho aperto lo scatolo ed ho trovato tutt’e’ due le scarpe sx.
      E mo?ma chi caxxo ciafatto?

    79. Faccio uscire “a passuluna” che c’è in me e vi dico che certe cose, come il Pdp deve rimanere tra le mani di chi l’ha creato perchè così si rischia di rotolare nel maschilismo più totale e visto il periodo poi….forse anche il bunga bunga non è per tutti!

    80. Antonio, io avevo capito. Ma Giuanni non ti conosce !

    81. Antonio : Nulla di personale e stima rinnovata.
      A volte le parole si accrocchiano tra loro in un modo tale che possono significare altro rispetto all’intenzioni di chi le ha scritto. Se poi chi le legge è permaloso, come me, si cunsò a ‘nsalata.
      🙂
      Riguardo il PdP, per rimanere in tema, quoto Monachella e il mio pensiero sta virando dal sivo alla razionalità.
      Segue comunicato…

    82. @giuanni

      Anche da parte mia, stima più che rinnovata. Concordo con te circa la considerazione relativa al commento di Monachella e sottolineo: quello è il significato del mio intervento! Qui si scherza su un argomento ameno per antonomasia. Tuttavia, a queste latitudini anche su questo campo siamo riusciti a scendere così in basso forse da non poter più risalire!! Molti di voi non hanno la minima idea di come l’eros sia stato ridotto tra noi giovani lobotomizzati dall’apparecchio televisivo. Per non parlare dell’indecorosa piega che i rapporti umani hanno assunto. Una roba allucinante, credetemi, davvero allucinante.

      @gigi
      D’accordo.
      Rinnovo i saluti.

    83. Per il partito d’u pilu io metto il carro davanti ai buoi.

    84. Qualcosa “di genere” e concreto esiste già. E’ ora che i maschi si sveglino e le donne comincino a dire basta a questo tipo di umorismo becero

    85. Siiono
      Cavolo! Quando scrivi in francese non capisco un tubo.
      Il mio italiano è scarsissimo il tuo fracese difficile da capire, meglio che tu scriva in italiano e io in francese.
      Un vrai dialogue entre les Siciliens de Silice et les Siciliens du monde serait peut-être une bonne chose.
      En tous cas je suis disponible.

    86. […] Siino che vuole fondare il circolo del Partito du Pilu a Palermo e le gigantografie di Ferrandelli che […]

    87. vogliamo Franco Minchia Segretario del partito!!!

    Lascia un commento (policy dei commenti)