lunedì 21 ago
  • Arrestato il deputato regionale del Partito Democratico Gaspare Vitrano

    Gaspare Vitrano

    È stato arrestato ieri in centro a Palermo il deputato regionale del Partito Democratico Gaspare Vitrano. Gli è stata trovata addosso una busta con una somma di denaro di diecimila euro ricevuta da un imprenditore del settore del fotovoltaico. Vitrano è accusato di concussione.

    Palermo, Sicilia
  • 50 commenti a “Arrestato il deputato regionale del Partito Democratico Gaspare Vitrano”

    1. Ricordandoci sempre che fino al terzo grado di giudizio, vige il principio della presunzione di innocenza (anche quando pare profilarsi una evidenza di reato), trovo interessante la pubblicazione degli spot elettorali dei politici condannati con sentenza definitiva o che semplicemente hanno fallito nel loro compito, così da dare ai cittadini la possibilità di non farsi più abbindolare dalle promesse elettorali dei soliti politici di destra, di centro e di sinistra.
      Quel che è certo è che in Sicilia (come nel resto d’Italia)occorra una nuova classe politica, giovane, dinamica, con dei valori e capace di pensare in modo europeo sposando alla politica la cultura della legalità, della trasparenza, dello sviluppo economico sostenibile, della qualità e dell’eccellenza dei servizi al cittadino.

    2. Sono d’accordo sul rinnovamento ma cosa c’entra la classe “giovane e dinamica” è una questione di “Etica” “Onore” e volontà del Fare. Questo giovanilismo esasperato mi sembra fuori luogo.

    3. PS.
      In questo caso l’On.le Vitrano è proprio un giovane, oppure non basta ed i giovani sono solo i venti/trentenni????

    4. Preso con le mani nella marmellata… ecco a voi la superiorità morale del PD sul PDL… :-p

    5. no scusate se mi trovano 10000 euro in tasca il terzo grado di giudizio e` solo per confermarlo agli occhi della storia!!

      comunque il PD siciliano ha problemi, problemi grossi, speriamo dopo il referendum di fare un po` di chiarezza ed eliminare un po` di mele marce, soprattutto quelli che fanno comunella con l`MPA di lombardo che fa finta di mollare berlusconi per interessi post eletterali e continua a salvare membri del parlamento dalle indagini della magistratura!!

    6. ..dira’ che era il resto della consumazione del caffe’e cornetto

    7. Sono d’accordo con Raffaele.Certo,come dice li Muli,non e’ solo per giovanilismo ,ma si vuol dire che tutti ,a partire dal giovane universitario ,devono concorrere a questa rinascita di cui e’ evidente l’esigenza.

    8. Beh, non credo che bisogna aspettare il terzo grado di giudizio prima che un tizio preso con le mani nel sacco fosse condannato. Mi pare che in casi evidenti di reato si possa proceda per direttissima. Cosa c’è da difendere?

    9. @ il folklorista. Ma intanto non ti curi neanche di rendere presentabile il tuo commento. E’ una tua prerogativa, evidentemente. Il contenuto e non la forma, l’importante è il messaggio : ” Tutti devono…”. Tutti, ovvero loro. Mi viene in mente il bar Casablanca di Gaber, anche per via del caffè e del cornetto ( ma cos’hai, fame ? ):

      ” ….la barba sporcata da un po’ di gelato… parliamo parliamo di rivoluzione di proletariato…”

      Ps ” E sopra una sedia i titoli rossi dei nostri giornali “. Anche qui titoli rossi ma poi foto e video, spot elettorale, con simbolo bene in vista, per i distratti. Partito Democratrico ripetuto sei volte in una decina di righe. “Con aria un po’ stanca, camicia slacciata, in mano un maglione….”

    10. Questa vicenda non mi farà cambiare opinione su di lui , sono convinta che ci sia qualcosa di poco chiaro .
      cordialmente

    11. Cambia solo la morfologia. Non la definisco, la morfologia, la lascio intuire, anche per evitare la moderazione del Dott. Siino Rosalio.
      E’ diversa la morfologia, ma quelle parole del finto discorso avrebbe potuto scriverle e recitarle “walter i care”; stesso stile, le stesse frasi belline ma sterili, retoriche, una sorta di compitino fatto di collezione di belle parole, ma senza sentimento, sembrano irreali perché non c’entrano niente con la praticità quotidiana, con la vita reale. Come “walter i care”, che c’entra poco con l’umanità di tutti i giorni, walter è un caso a se stante, tranne quando compra case a nuovaioarca o a Roma a prezzi (istituzionali) di favore, o quando intasca la baby-pensione di 9000€ mensili. La retorica ingenua di queste frasi del video e il lettore delle parole sono anch’essi casi fuori da ogni contesto reale.
      Ma non lo vedete che ha imparato quelle frasi a memoria, come lo scolaretto scarsino, ma che si sforza per non dimenticare nemmeno un vocabolo, per non mostrare la sua scarsezza? Concentrato sulle parole, non sul NIENTE che vorrebbero dire, nemmeno quello! Talmente concentrato sulle parole, come se le guardasse, che lo sguardo è lasciato nel vuoto assoluto. Non sta parlando, è in automatico, pover’uomo! Chissà come ha tesi tutti i muscoli del suo corpo, persino del deretano, dello stomaco – che crampi! – per non dimenticare nemmeno un vocabolo di quel discorso imparato ma non capito perché non è da capire; per non apparire fesso.
      TRE legislature. 13000 l’hanno votato; sono come lui, e se non sono esattamente come lui è per inciuciare con lui comunque. Qualcuno lo difenderà pure, perché nel similpaeseitalia degli impuniti, quando tornerà si ricorderà di chi l’ha difeso. E’ il DNA guasto, degli impuniti e dei galoppini difensori complici. E voi quando espongo l’unico progetto per salvare la Sicilia credete che sto scherzando? NO, sono serissimo, e lucido ( ma questo non dovrei nemmeno precisarlo 😀 ).

    12. …ecco perchè,si fa’ politica…
      un po’ qualunquista,nel mio pensiero,ma la realta’ mi fa pensare altro?

    13. @Gigi

      “…e se non sono esattamente come lui è per inciuciare con lui comunque.” SANTE PAROLE!
      Aggiungo una frase di petroliniana memoria e rivolta a quanti legittimano siffatti personaggi-cialtroni:
      IO NON CE L’HO CON TE, CE L’HO CON QUELLO ACCANTO A TE CHE NON TE BUTTA DE SOTTO!

    14. ahahahah!!!…. solo 10 mila euro…. doveva prendere lezioni dal kaimano….ahahahhah!!! pivello!!

    15. Antonio, se moltiplichiamo i 13000 per tutti quelli inciuciati con gli pseudo-politici siciliani, il quadro è completo. 90% minimo. E sappiamo, dopo la moltiplicazione, perché si candidano e perché li votano; anzi no “li votano”, li AFFIANCANO. Solo il progetto che espongo da diversi anni può salvare la Sicilia.

    16. Associare il PD, quindi anche io e tanti amici e compagni che conosco e che non chiedono tangenti, mi sembra politicamente puerile e umanamente sciocco.
      Come del resto, ne sono convinto, associare il PDL alle porcate che fa B.e il nugolo di persone che lo attorniano.
      Ci sono galantuomini sia da una parte che dall’altra, ci sono persone spregevoli, parlo fuori da questo caso ancora in attesa di passare in giudicato, persone schiofose dicevo che speculano, che rubano, che estorcono per “concedere” un favore, per autorizzare dei lavori o degli appalti.
      Non gli basta a questa gentaglia i 13, 14 mila euro al mese più benefit, che si fottono alla faccia nostra, ci devono fare pure la “fava” come si dice a Palermo , o la cresta che dir si voglia…
      Non accumunate tutta la politica a tutti i politici disonesti, il nostro sistema è in crisi vertiginosa ma regge ancora come sistema democratico. E’ vero, ci sono cassette di mele marce, non la mela marcia fra tutte, ma ancora qualche partita di cassette sane c’è.
      Sulla rottamazione dei politici over 50, auspico una serie riflessione collettiva nei vari partiti per rilanciare quelle scuole di buona politica, a prescindere dagli orientamenti, ma dove si insegni e si impari a far politica. La buona politica. Io ci credo ancora.

    17. @Raffaele Corso
      Non si può sempre aspettare il 3° grado di giudizio per aprirci gli occhi e vedere un criminale per quello che è. Io dico che tutti i casi sono diversi tra loro in alcuni le prove sono evidenti in altri meno evidenti o ambigue. Non siamo tutto benpensanti possiamo farci un’idea anche prima (a seconda dell’evidenza dei fatti). Sul deputato Vitrano neanche entro nel merito mi oppongo solo a questo principio che tu hai detto, lo trovo troppo ideologizzato.

    18. Raffaele Corso, anche la presunzione di innocenza cade di fronte al fatto compiuto. Se un politico viene trovato con una tangente in tasca, sì, ci sono i tre gradi di giudizio, ma dal mio punto di vista servono soltanto a precisare e contestualizzare il crimine. Ma il crimine in sè, è evidente che è stato compiuto… o non devo fidarmi dei miei occhi?

    19. @ MarcoC, comprendo il tuo punto di vista, ma ritengo che debba essere fatta una distinzione fondamentale tra le dimissioni e la sanzione reputazionale.
      Se un politico viene colpito da uno scandalo, perchè gli viene addebbitato un reato o un fatto che non costituisce reato ma che mina comunque il prestigio e la credibilità sua e dell’Ufficio che egli ricopre, le sue dimissioni sono immediatamente esigibili, senza aspettare che un’eventuale sentenza passi in giudicato. Così, d’altra parte, avviene ancor oggi in Germania, Svezia, Giappone, Gran Bretagna, Stati Uniti (Ecc.) e così è avvenuto in passato anche da noi. Tuttavia, queste dimissioni possono essere esigite tenendo sempre bene a mente che la persona accusata, indagata, condannata in primo grado, si presume innocente finchè la sentenza di condanna non sia passata in giudicato. Quindi una cosa è chiedere le dimissioni di un politico di cui si accertino responsabilità (penali e non) e ben altra cosa è considerare quella persona colpevole prima che la giustizia abbia seguito il suo iter completo. E non c’è nessuna ideologizzazione in questo, ti assicuro. Si tratta del principio affermato dal II° comma dell’art. 27 della Costituzione e dalla Convenzione Europea dei diritti dell’uomo (art.6, n.2). Ovviamente non mi riferisco specificamente al deputato Vitrano, ma faccio un discorso generale, in base al quale, per definire una persona “delinquente” o “criminale” bisogna avere la certezza della sua reità attraverso una sentenza della Suprema Corte. L’importante è che l’accusato non si avvalga di tutti i mezzi possibili per sottrarsi ai processi, perchè in quel caso, secondo me, la sanzione reputazionale è il minimo.

    20. NB. Preciso che io non sto difendendo il deputato Vitrano, perchè non lo conosco e non ho interesse ad assumerne la difesa. Io difendo il principio generale che ho enunciato.

    21. @Raffaele, e allora esigiamole queste benedette dimissioni. Peccato che in Italia non si dimette mai nessuno, neanche quando li becchi con le mani nella torta, al contrario di come succede nei paesi più civili e democraticamente avanzati, dove si dimettono per molto meno, come ad esempio aver comprato pannolini con la carta di credito in dotazione, cioè con soldi dei contribuenti, e le dimissioni le presentano immediatamente.
      http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-02-10/senatore-chris-torso-nudo-152200.shtml#continue
      @Giuanni, certo. Non possiamo sorvolare però su quanta gente improponibile il PD si è tirata dentro tanto per far numero e acchiappare voti, a cominciare da tutti gli orfanelli democristiani, che sappiamo benissimo da quale “scuola” provengono.
      non aggiungo altro….

    22. ps comunque senza aspettare il terzo grado di giudizio….ma come si fa a votare uno che si presenta con un simile spot elettorale? sembra sia salito sulla sedia a recitare la poesiola di natale, imparata male a memoria. imbarazzante, è un’offesa all’altrui intelligenza, come già detto da GIGI.

    23. Niente più mi sorprende e mi indigna, solo mi arrabbio perchè sento che siamo impotenti a spazzare via tutta questa gentaglia che si arricchisce alle nostre spalle e con disonestà…

    24. “Tuttavia, queste dimissioni possono essere esigite…” ESIGITE??!??!?!?

      Ma per favore…. oltre alla faccia tosta di voler difendere l’indifendibile, vi riempite la bocca di parolone… per giunta sbagliate.

    25. Veramente un politico che prende dei soldi fa parte della normalita.
      Qui a Liegi fanno la stessa cosa.
      Le monde est un village.

    26. @ Antonio
      Secondo l’Accademia della Crusca, “esigito” è forma errata e non giustificata per il participio passato di esigere, tuttavia l’italiano sembra non poterne fare a meno (per le accezioni che non siano ‘riscuotere’, dove l’unica forma ammessa è esatto), in quanto il sinonimo “preteso” pare più evocare l’idea di una richiesta ingiustificata o immotivata, per l’appunto una “pretesa”, al contrario di esigere che invece indica una richiesta comunque giustificata, anche se solo nell’ottica di chi la fa. Peraltro, pare che “esigito” fosse in uso già prima del ‘900. Credo che questo basti ad legittimare l’utilizzo di questa forma del participio passato del verbo esigere.
      Quanto alla difesa dell’indifendibile, se prima di parlare avessi letto bene i commenti precedenti al tuo avresti potuto constatare che ho specificato che io non difendo assolutamente il deputato Vitrano, bensì difendo il principio della presunzione di innocenza sancito dalla Carta costituzionale.

    27. D’accordo con Raffaele,”Esigito “va benissimo,proprio per l’accezione in ambito etico .Io lo riscontro frequentemente anche oggi tra l’altro,e’ un termine spesso usato in ambito legale e morale.Per i meccanici non e’ frequente usarlo(tranne il caso ad esempio ,di fattura esigita)
      Riguardo al principio garantista,questo e’ sacrosanto.Pero’,nel caso di prove schiaccianti,la condanna morale e’ immediata e deve essere esigita da parte dei corpi sociali e partiti di cui il soggetto fa parte. Per la condanna giudiziaria inevitabilmente vale l’assunto su espresso.
      @manuelo:tutti,per me , significa me compreso e te compreso.E questo mi basta.Poi un po’ di vaghezza non guasta mai.nessuno e’ perfetto

    28. ..beninteso..i “meccanici”del linguaggio.
      Quelli bravi delle auto siano benedetti.

    29. @folklorisrico, dai che non è grave, e poi da chierico a leguleio fai progressi…ce la puoi fare.
      altri prima ti te ci sono passati. 😉

      http://www.youtube.com/watch?v=Uh-dIzLsfn8

    30. @Il Folklorista. Ti basta, ma meglio tu e gli altri, no ? E infatti continui a presentarti senza molto riguardo verso gli altri, cravatta e pantofole. Nella vaghezza del pensiero e degli spazi.

    31. ho letto un po’ tutti i commenti e – ma forse mi è sfuggito qualcosa – non ho notato un meritato plauso alle forze dell’ordine e a una magistratura che hanno organizzato una cattura in stile “al di là di ogni ragionevole dubbio”, così che l’invocazione del terzo grado di giudizio pare una delle funeste conseguenze del consociativismo, quello che ci ha fatto credere che giudicare è peccato, che prendere una posizione chiara non è prudente, che la viltà paga e il coraggio fa morire. Questa vicenda riguarda un uomo con la u minuscola, servirà a far capire che le difese ideologiche e lo spirito corporativistico sono altre manifestazioni del consociativismo. Quando si rappresenta un elettorato si risponde solo agli elettori, gli altri cittadini anche se non ti hanno eletto e alla forza delle proprie idee per le quali serve il coraggio vero, quello degli Uomini con la U maiuscola.

    32. @manuelo: il mio pensiero e’ vago… di solito non credo all’ottusita’,v’e’ poca applicazione e si vola troppo in fretta su parole con la stessa considerazione emozionale data alle immagini.Ma la scrittura non e’ immagine,richiede altro sforzo,conoscenza,cultura ,applicazione….Non so quale sia il tuo stile espressivo cui dovrei certamente adeguarmi.
      riguardo al post e ai commenti:
      Non capisco la rabbia sconsiderata e distruttiva ,rivolta al primo capro espiatorio che capita:Il giudizio della magistratura ci vuole eccome per capire e accertare le cause di quel comportamento,e ragazzi non e’ cosi’ semplice.
      Occorre escludere alcune situazioni come ad esempio l’aver agito sotto minaccia per se’ o propri familiari,essere incastrati da qualcuno con meccanismi abili,avere agito per conto di un sistema piu’ grande (quello del partito,chi potrebbe dirlo ? non e’ cominciata cosi’ MAni Pulite?)Un sistema,se corrotto,deve essere individuato e condannato in quanto sistema ,e non soltanto individualmente .Comunque ,ribadisco,ove non chiaro,socialmente ed eticamente,politicamente etce tec vItrano e ‘ gia’ adesso supercondannabile,v’e’ una evidenza che non lascia spazi.Giudiziariamente e’ diverso ..le regole son regole.Ma ..se la moglie e’ fedifraga o in egual misura il marito(par condicio)non aspetti la sentenza del giudice per mandarla aff… o no ?

    33. ..finito il commento leggo ancora il commento successivo di Giampiero.
      Vedi,gentile GIampiero,e’ vero,tutti dovremmo ringraziare le forze di PS per questo importante risultato.
      Ma tu,nel chiedere condanna immediata e terzo grado di giudizio,dimentichi che i processi servono proprio ad accertare TUTTE le reponsabilita’,e separarle eventualmente da quelle individuali per accollarle ai veri responsabili,che come dicevo poc’anzi,non e’ detto si riducano a uno o due persone ,ma potrebbero svelare un sistema.Non confondiamo la giustizia con la moralita’.

    34. ..pardon:condanna immediata..senza terzo grado di giudizio

    35. Bellissimo il film Zelig.

    36. @ il Folklorista.
      “..con la stessa considerazione emozionale data alle immagini.Ma la scrittura non e’ immagine,richiede altro sforzo,conoscenza,cultura ,applicazione ”

      ” L’ Arcadia la so….”
      ‘ Ecce Bombo ‘( “bellissimo” ):

      http://www.youtube.com/watch?v=Fqjg5PS3OzE&feature=related

    37. Senza entrare nel merito, tuttavia ricordo che il “terzo grado di giudizio” serve anche per fare si che l’Italia resti uno stato di Diritto. Con tutto quello che ne consegue.

    38. BEllissimo e significativo.Se la cultura e’ intesa come nozionistica in vista di esami,allora abbiamo trasmesso.E infatti e’ l’immagine (subitio percepita e compresa,meglio e prima di tanti discorsi sociologici) di quello che si nasconde sotto il cuscino mentre c’e’ la lettura dal greco.Ma se la cultura e’ quella di chi comprende e fa comprendere al mondo che l’uomo ha diritti,che la donna ha uguali diritti,che anche altri Etero o Omo hanno diritti e che nessuno e ‘ super all’altro ,e che l’altro non e’ meno,e se la cultura e’ a servizio della logica e delle scoperte scientifiche che danno salute al mondo e non lo riducono a immondezzaio,ben venga la cultura.Oggi invece prevale la societa’ dell’immagine,dove persino l’Amore non e’ piu’ Arcadia ,con pastorellie pastorelle amanti devoti tra i campi ,ma e’ Bunga Bunga,immagine forte ,mistificata e violenta dell’amore .Che non e’ amore ma fisicita’ squallida e deprimente,che baratta toccatine per appartamenti e minicar …
      Manuelo…
      ..Cu mmia va curcati!

    39. Il problema del terzo grado di gudizio e’ che per arrivarci in Italia ci mettiamo dieci anni.In america USA,Maddof ,dopo il crack finanziario truffa,e’ gia’ in galera con 150 anni di pena davanti dopo appena due anni dal crimine.
      Calisto Tanzi invece galleggia ancora.E Gaucci e’ persino rientrato liberamente.BErlusconi fa le leggi e le date di prescizione a propria misura.

    40. @ il folklorista. “dove persino l’Amore non e’ piu’ Arcadia ,con pastorellie pastorelle amanti devoti tra i campi ”

      L’ Arcadia la so…

    41. Ma scusate, meglio il partito du pilu, no? Almeno quello non legge (male) un testo scritto da altri ed è più spontaneo.

    42. Signori va bene la presunzione di innocenza, ma nel 2011 chi va in giro con 10.000 euro in banconote in tasca?
      Qualcuno di voi lo ha mai fatto?
      Esistono dei casi di persone che per lavoro possono farlo?
      Forse solo qualcuno che lavora per un supermercato si trova a dover gestre quella cifra in contanti…

    43. @manuelo
      ..il candidato mi parli allora del Bungabunghismo

    44. Vi ricordo che questa non è una chat e vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    45. TUTTI IN GALERA: Camera deputati, Senato, Presidenza del Consiglio, Consigli Regionali, Provinciali, Comunali e Circoscrizionali…..pure Capo Condomini! SUBITO! SUBITO! E la magistratura gioca……

    46. Il tanto citato e troppo frequentemente strattonato “popolo” prima o poi li manderà riccamente a defecare. Dove per “li” si intende una casta politica inutile parassitaria inefficiente e disonesta.
      Vedrete che Grillo al prossimo giro pescherà un sacco di voti dal serbatoio PD.

    47. Come sempre LEONE “c’azzecchi” ,direbbe Di Pietro.
      E mi dai l’occasione per esprimere una considerazione su un fatto a mio avviso scandaloso che offre il pieno senso della dittatura mediatica vissuta adesso dal paese Italia.
      Vi siete accorti che nei sondaggi di voto ormai settimanali fatti da qualsiasi istituto statistico i grillini 5 stelle raggiungono percentuali considerevoli ? oltre i 4- 5 per cento addirittura,oppure 8 per cento,in certe regioni ?
      Ebbene ,nonostante questo le possibilita’ loro offerte di apparire in tv sono scarsissime,anzi proprio nulle.E sono ogni volta denigrati come giovincelli privi di eperienza.MA vi pare mai accettabile che un movimento come il PID destinato a ricevere al max 1,8 dei consensi alle prossime elezioni,e qualche altro lo 0,9 come MPA e PID ,ricevano adesso in tv piu’ spazio di alcune forze che rappresentano la novita’,che si fondano gia’ su consensi quasi a due cifre e che per cio’ fanno paura al minzolinismo imperante?Questo sol perche’ finora questi moscerini (lupi)politici hanno fornito la tracheostomia per la sopravvivenza berlusconiana in stato di coma vegetativo.Puah!

    48. ..in certe regioni i grillini supereranno persino IDV

    49. Non vorrei che passasse il messaggio che “lui e quelli come lui fanno più schifo della mafia”.
      Lui e quelli come lui fanno schifo COME la mafia che a volte li spalleggia.

    50. Non vedo come si possa arrivare in cassazione per uno preso in “fragranza” di reato (nel senso che la puzza ce l’aveva ancora addosso…).
      Semmai, quello che gli avvocati dovrebbero consigliare all’imputato è di accettare il rito abbreviato e sfangarsela con un terzo di pena in meno.
      Poi si lasciano trascorrere un paio d’anni e l’imputato potrà automaticamente candidarsi, però nel PDL, questa volta.
      O non è così che funziona? 😉

    Lascia un commento (policy dei commenti)