domenica 22 ott
  • Saverio Romano è ministro ma è polemica con il Quirinale

    Saverio Romano

    Il palermitano Saverio Romano (I Popolari di Italia domani) ha giurato ieri come ministro dell’Agricoltura del Governo italiano. La presidenza della Repubblica ha chiesto informazioni sulla posizione giudiziaria di Romano che si è detto dispiaciuto poiché non risultano imputazioni a suo carico (Romano è invece indagato).

    Il Quirinale ha precisato in una nota: «Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano dal momento in cui gli è stata prospettata la nomina dell’onorevole Romano a ministro dell’Agricoltura, ha ritenuto necessario assumere informazioni sullo stato del procedimento a suo carico per gravi imputazioni. […] A seguito della odierna formalizzazione della proposta da parte del presidente del Consiglio, il presidente della Repubblica ha proceduto alla nomina non ravvisando impedimenti giuridico-formali che ne giustificassero un diniego. Egli ha in pari tempo auspicato che gli sviluppi del procedimento chiariscano al più presto l’effettiva posizione del ministro».

    Palermo
  • 21 commenti a “Saverio Romano è ministro ma è polemica con il Quirinale”

    1. Come avrebbe detto il compianto Franco Franchi: “Ciiiiccio a schifiu finiu”..
      aggiungo… anzi non posso aggiungere.. sono davvero senza parole. A buon intenditor poche parole… Cuffaro sarà contento.

    2. meno male, rischiavamo di averlo candidato a sindaco, un imputato in meno nella politica siciliana..

    3. Cioè ma ti rendi conto?

    4. e vabbè ma che siete pignoli! uno più..uno meno.. -.-

    5. che situazione scoraggiante…non eravamo mai arrivati a questo livello di marciume in politica. Ma poi che fior di signori questi siciliani del PDL/UDC…perché non fanno direttamente il Partito delle Coppole? Il mio innato senso della giustizia mi fa sperare che tutti questi cialtroni possano un giorno trovare il posto che spetta loro…

    6. a schifiu veru fini,andate tra bagheria belmonte mezzagno e villabate e vedrete qual’e il suo regno elettorale

    7. Fanno strada solo i palermitani peggiori…

    8. braccia tolte all’Agricoltura, restituite.

    9. E’ una gara a chi ha più processi a carico secondo me, così almeno sta vicino a Cuffaro, babbiamoci…

    10. beh ha già fatto il primo passo da ministro dell’agricoltura…
      solitamente si viene eletti, poi informati dei fatti, indagati imputati e condannati (?)…lui parte da indagato: dunque ha inaugurato la filiera corta in politica…

    11. E’ uno dei tanti che mi sta sul groppone!

    12. Ed io che speravo mettessero Mengacci come ministro 😀

    13. VOGLIO GRIDAREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    14. …..e guantiere di cannoli……a proposito, a quando il Pardito del Cannolo ? PDC ?

    15. Signori, lo ripeto e lo ribadisco fino allo sfinimento:

      “IO NON CE L’HO CON TE, CE L’HO CON QUELLO ACCANTO A TE CHE NON TE BUTTA DE SOTTO”

      Ecco, io ce l’ho con molti elettori siciliani che, in pura malafede, portano avanti sta gentaglia!

    16. Che schifo, siamo tornati alla prima repubblica con personaggi di questo livello da teatrino della politica. Fra un anno noi palermitani saremo davanti ad una prova importante come le comunali… chissà chi verrà eletto e chissà quale romano… voterà la gente (la gente… a volte penso che forse non tutti sono idonei al voto…)

    17. @Alessandro

      è molto peggio della prima Repubblica…oggi non c’è neanche bisogno di ammazzarli i giudici, questo ti fa capire quanto sia grave la situazione per la nostra democrazia

    18. Esulo dall’aspetto investigativo cui il novello ministro è sottoposto.
      Capitò un paio di anni addietro d’essere spettatore ad un suo comizio, casualmente aggiungo e puntualizzo, lo sentii parlare e mettere 4 concetti di fila.
      A suo temppo mi chiesi.
      Ma come si fa ad essere così…e voler fare il politico?
      Adesso è ministro; e tutto mi è sempre più chiaro.

    19. PICCOLO ANNUNCIO: Aspirante a importante carica nell’attuale governo scilipoti – offre cospicua ricompensa a “giudici associazione per delinquere” e/o “giudici Talebani” e/o “giudici disturbati mentali” disposti a indagarlo per concorso esterno in associazione mafiosa e/o corruzione in atti giudiziari – requisiti indispensabili da inserire nel proprio curriculum vitae al fine di essere sicuramente candidato con il minimo dei requisiti indispensabili.

    Lascia un commento (policy dei commenti)