sabato 18 nov
  • Due imprenditori riconoscono in aula gli estorsori

    Ieri due imprenditori vittime del racket hanno testimoniato in aula riconoscendo i propri estorsori: sono Francesco Di Paola, proprietario di una gioielleria in piazze delle Palme, e Giuliano Antonino, titolare di un biscottificio in via Buonriposo.

    In una nota di Addiopizzo e LiberoFuturo si legge: «Anni fa, a Palermo, non si incontravano imprenditori così dignitosi e coraggiosi, ma oggi accade sempre più spesso. Due storie diverse, in due diversi quartieri della città, che si sono concluse nel modo migliore anche grazie al lavoro impeccabile delle forze dell’ordine e della magistratura che hanno dimostrato ancora una volta di saper tutelare chi denuncia«.

    Palermo
  • 4 commenti a “Due imprenditori riconoscono in aula gli estorsori”

    1. ha palermo esistono 7associazioni antiracket o antiusura ma si sente e leggo sempre solo addio pizzo e libero futuro come mai?potete darmi una risposta ? le altre fanno finta di niente o vi è sotto qualcosa?

    2. Un caloroso GRAZIE ai due imprenditori che hanno dimostrato un coraggio fuori dal comune, in una società che, forse, non si merita tanta devozione!!

    3. Ieri sera a Firenze, ho avuto il privilegio di assistere ad un incontro con il Procuratore nazionale Pietro Grasso seguito dallo spettacolo “Per non morire di mafia”.
      http://www.intoscana.it/intoscana2/opencms/intoscana/sito-intoscana/Contenuti_intoscana/Canali/Eventi/visualizza_asset.html?id=1093472&pagename=704617

      Abbiamo proprio parlato del valore enorme della collaborazione di ogni singolo cittadino.
      La denuncia di questi due imprenditori è un gran segno di coraggio e d’impegno civile.
      Ma non basta congratularsi con loro. Bisogna impegnarci insieme a loro.
      Come?
      E qui riprendo le parole di Pietro Grasso:
      La lotta contro la mafia e l’illegalità è anche frutto dell’impegno di ciascuno di noi.
      Nel nostro piccolo, essere attivi nella lotta contro l’illégalità significa esser contro chi sostiene che “la mafia non esiste”, contro la paura, contro il silenzio, contro la sfiducia, contro i favoritismi, contro i compromessi politici ed i poteri occulti.
      Ma sopratutto tutto, non smettere di parlare e parlare ancora di mafia!
      Come stiamo facendo qui su Rosalio.

      A proposito di impegno civile, una grande opportunità si presenta sabato, per dar voce alla Palermo onesta : un evento voluto ed organizzato da cittadini per sostenere i magistrati e tutti quelli che lottano contro la mafia: la NOTTE BIANCA PER LA LEGALITA’. http://vimeo.com/21760089

      Ecco il programma completo dell’evento:
      http://www.muovipalermo.com/index.php?option=com_content&view=article&id=176:programma-completo-mobiliazione-a-sostegno-della-magistratura&catid=37:manifestazioni-ed-eventi&Itemid=76

      un saluto da Firenze
      arrivederci…… sabato davanti al Massimo

    4. Speriamo non vengano lasciati, da chi di dovere, soli con il loro coraggio.

    Lascia un commento (policy dei commenti)