mercoledì 22 nov
  • Tavolo permanente sull’emergenza Gesip

    Il prefetto di Palermo Giuseppe Caruso ha dato la sua piena disponibilità per l’istituzione di un tavolo di confronto, anche permanente, per trovare una soluzione praticabile per la vertenza Gesip. Il prefetto ha chiesto la partecipazione di rappresentanti legittimati ad assumersi degli impegni e la desistenza da qualsiasi forma di protesta che tenda ad alzare il livello dello scontro.

    I lavoratori della Gesip chiedono la stabilizzazione e nei giorni scorsi hanno protestato anche bloccando il traffico e rovesciando cassonetti in centro città.

    Palermo
  • 24 commenti a “Tavolo permanente sull’emergenza Gesip”

    1. Chi blocca il traffico e rovescia cassonetti, merita solo il carcere.

      Penso che la scelta di rinnovare il contratto a questa gente rappresenterebbe un moral hazard che la nostra città non può accettare.

      Vi immaginate cosa accadrebbe se tutti i disoccupati iniziassero a comportarsi in questo modo per ottenere l’assunzione negli enti pubblici, sapendo che prima o poi l’amministrazione di turno cederà? Un disastro.

    2. C’è pure tanta gente onesta che lavora per la Gesip e non rovescia cassonetti. Meriterebbe il carcere chi fa del qualunquismo come te.

    3. questa replica dimostra che o non sai leggere,o non sai capire,o non vuoi capire.
      L’affermazione era chiaramente rivolta a chi rovescia i cassonetti e paralizza il traffico.
      Altro che qualunquismo.
      La frase e’ inequivocabile a chi e’ rivolta.

    4. Prima del carcere però una sana dose di manganellate a cu pigghio pigghio se la meritano, così imparano e bloccare il traffico.

    5. Oggi avevo un colloquio di lavoro per un posto fisso e non ci sono potuto arrivare in tempo per colpa proprio di queste cose che bloccano il traffico e rovesciano i cassonetti..per me queste cose dovrebbero solo essere licenziate in tronco e sbattute in carcere…proverei una gioia immensa!!!!

    6. Si pero potevi uscire due ore prima da casa…

    7. 4 ore prima per andare fuori città e fare 20Km credevo che fossero sufficienti…non soono bastate…

    8. ma smettila di dire fesserie… in 4 ore arrivi a messina e ritorni…manco fossimo in coda sulla salerno reggio calabria… piuttosto devi continuare a dire questo genere di castronerie giusto perchè devi supportare quella detta in precedenza…risparmiaci queste patetiche scuse ed attacchi colmi di pregiudizio

    9. @Freddie

      Auspico che tu sia nei paraggi delle varie manifestazioni così in caso di scontri con le forze dell’ordine pure tu ti becchi qualche manganellata nelle mani e sulle gengive….magari è la vota buona che la smetti di dire e scrivere caxxate…almeno capisci il significato di “a cu pigghiu pigghiu”

    10. @Diego
      Io confermo che vi meritate manganellate a profusione, così imparate a rendere impossibile la vita di gente che non c’entra niente. Proprio per l’assenza di manganellate ormai siete convinti che bloccare il traffico è lecito e non passibile di sanzioni, solo una sana dose di manganellate a cu pigghiu pigghiu può farvi levare il vizio. Speriamo che la gesip fallisca e che torniate tutti a fare le rapine come prima.

    11. Ma per caso ci sei passato ieri nella zona della stazione centrale??? Sai che per colpa vostra in tre ore ho potuto solo spostarmi fra le vie Lincon e corso dei Mille….se c’eri mi immagino che eri proprio tu uno dei personaggi che bloccavano il traffico, dato che ragioni in tal modo. Ora dato che i lavoratori della Gesip non hanno rispetto per la città per cui lavorano, per i cittadini che gli pagano lo stipendio, cioè in sostanza per me, non vedo perchè io devo essere mosso da compassione ed avere rispetto per loro (ricordo che il rispetto lo si guadagna!).
      IO VI RISPETTO SE E SOLO SE VOI RISPETTATE ME…è semplice la cosa!
      Ora come ora, sta di fatto che se perdete tutti il lavoro, venite presi a manganellate e sbattuti in carcere, non cambia completamente nulla a me…ripeto ci provo un piacere immenso!!!

    12. Le bombole di gas vanno lasciate al loro posto.Se non accetterete la proposta del tavolo prefettizio,previa sospensione immediata delle proteste,otterrete soltanto l’effetto di inimicarvi l’intera cittadinanza.Osservo che ,nonostante la mano tesa delle istituzioni,la situazione sta sfuggendo di mano.State attenti perche’ chi ci perde sarete solo voi.

    13. ..e gia’ ,per fare un po’ di pulizia e chiarezza ,comincerei a procedere col fermo e all’identificazione sia del signore che si e’ permesso di sollevare una bombola di gas con fare minaccioso (ricordate che gIULIANI A gENOVA MORI’ PROprio per questo gesto..non vengano poi a pingere i familiari del tale ,grazie) e anche il signore che agitava quel bastone color chiaro.Questi due gentiluomini testecalde devono essere DIFFIDATI dal partecipare ad ulteriori manifestazioni

    14. Diego says: “ricordati che dovesse capitarti di subire una rapina o qualcuno dei tuoi cari ne fosse vittima, non lamentarti…”
      tipico atteggiamento mafioso con cui si ricatta chi rispetta le regole.
      Noi siamo a favore della legalità e non ci faremo mai intimidire dagli atteggiamenti di quattro mafiosetti. Abbiamo rispetto per la città che viviamo e delle istituzioni e mentre voi siete 2000 a noi ci difendono le forze dell’ordine tutte. La legalità vince sempre prima o poi…
      Cmq finisco qua perchè a gente come te qualsiasi discorso di questo tipo non ha alcun effetto…bisogna puntare alle generazioni future e punire severamente chi non rispetta le regole.

    15. infatti finisci qui…visto il tuo intervento è inutile continuare … dai del mafioso a me ? ma rileggiti ciò che ho scritto e vedi di capire il senso delle parole, se non ti scrolli di dosso il pregiudizio non capirai mai nulla e uso le tue stesse parole “Cmq finisco qua perchè a gente come te qualsiasi discorso di questo tipo non ha alcun effetto”, per chiudere il discorso …almeno con te.

    16. Vediamo se ho capito bene. I 2000 dipendenti GESIP da qualche mese non prestano la loro opera perchè non pagati. Qualcuno mi può segnalare cosa è successo alla città di Palermo per queste mancate prestazioni? A parte i blocchi stradali qualcuno si è reso conto che senza le prestazioni di questi “lavoratori” la città soffra dei disagi? Insomma questi lavoratori sono indispensabili per l’economia della città o esclusivamente per la loro? (E’ una domanda, può darsi che non sia ben informato)

    17. @diego
      “auguri ad altri di perdere il posto di lavoro e di ritornare a fare rapine… se ciò dovesse avvenire ricordati che dovesse capitarti di subire una rapina o qualcuno dei tuoi cari ne fosse vittima, non lamentarti”
      Le persone che tu hai appena descritto con sincerità e precisione, devono stare al pagliarelli e non al comune.
      Speriamo tutti nel fallimento di gesip.

    18. @il folklorista
      …eccoti accontentato, fuori uno! (giudice di turno permettendo)
      La squadra mobile ha arrestato Carmelo Accetta, 52 anni, dipendente della Gesip e già indagato in passato per blocchi stradali organizzati in precedenti manifestazioni. Accetta è accusato di resistenza a pubblico ufficiale. Ha minacciato di lanciare una bombola del gas contro un finanziere dei baschi verdi durante gli scontri ai Quattro Canti, in pieno centro storico di Palermo. Domani mattina l’arresto sarà convalidato davanti al gip.

    19. ..mi pare il minimo.E continuando cosi’ non sara’ l’ultimo.
      Come ho piu’ volte ribadito questi lavoratori sfortunati (fatte le doverose sottolineature ed eccezioni di nullafacenti..ma il pesce fete dalla testa)otterrebbero molto di piu’ accettando di sedere IMMEDIATAMENTE al tavolo della trattativa e SOSPENDENDO IMMEDIATAMENTE questa spirale di semplice follia e demenza anticivica.Speriamo che le colombe (come anche Diego si e’ espresso)e il necessario dialogo abbiano la capacita’ di spiegare questo ai “falchi”.(I falchi pero’ siano avvisati:stavolta PAlermo e’ gia’ sofferente per i fatti che gia’ sappiamo,stavolta la cittadinanza non vi comprendera’:ABBIATE L’ACCORTEZZA di lavorare insieme e coinvolgere la cittadinanza,coordinando le forze e non producendo ondate barbariche che non sono comprese e non fanno bene a nessuno e nemmeno a voi, per protestare con una azione civile ,forte ,mirata e soprattutto non violenta .Sapete benissimo che IN MOLTI dietro LE QUINTE si stanno muovendo per risolvere positivamente la cosa ! ed e’ tutto quello che ciascuno si augura ,al di la’ delle giuste rimostranze di rabbia dall’una e dall’altra parte.Stavolta i problemi del lavoro a Palermo dovranno essere affrontati non badando solo al mio metro quadro di cerchio vitale,ma anche complessivamente al settore di coloro che PERDONO l’occupazione in eta’ avanzata.(ricordo la contestuale protesta dei dipendenti CEFOP,degli insegnanti precari etc etc ).Signori,la situazione richiede non solo scelte immediate ma anche di alto profilo politico,che per adesso non c’e’,non c’e’ mai stato. Un mese in piu’ o in meno di stipendio assicurato non cambia nulla .Importante e’ che si lavori sul problema (che ahime’ non e’ l’unico)

    20. @diego
      ma te lo sei mai chiesto come mai questo pregiudizio nei vostri confronti? non è che per caso “vi prestate”??? io dico di si…fal-li-men-to! fal-li-men-to! fal-li-men-to!

    21. @Daniele

      ma ci prestiamo a cosa? sii più chiaro…

      tu sei il degno compare di freddie?

      mi spiace deluderti mio caro… magari potrà anche fallire la Gesip, ma di certo non andiamo per strada… hai mai sentito parlare di internalizzazione?, io me lo auguro…a me che rimanga in piedi la Gesip non me ne fotte sinceramente nulla, anzi chiusa la Gesip termina un ciclo di clientelismo e di scambio di voti, xchè se non l’hai ancora capito ai politici e a tutta l’amministrazione comunale sia a destra che a sinistra …nessuno escluso , fa comodo che esista la Gesip, fa comodo tenerci in stallo, tenerci come precari, perchè cosi’ poi dopo i casini che succedono a senso loro risolvono la situazione con qualche proroga e si arrogano il merito di averci salvato, conservando quel contenitore di voti che permette loro di rimanere inchiodati alle poltrone e di mangiarsi pure i chiodi del muro, quindi Daniele caro che poco s’informa….perchè prima di sputare sentenze sia tuo che il tuo compariello Freddie non vi documentate circa il motivo delle nostre proteste? vedrai che ciò per cui facciamo tanto casino non è per tenere in Piedi la Gesip ma piuttosto per l’internalizzazione… con la quale il Comune di Palermo andrebbe a risparmiare un macello di milioni di €uro non ci sarebbe più dirigenti e padrini politici che fanno il bello ed il cattivo tempo..assumendo i loro protetti a discapito di tanti altri ragazzi che purtroppo non hanno di queste conoscenze…e cosa più importante non ci sarebbe più il “do ut des” ma i signori politici se la prenderebbero li…in quel posto al momento delle votazioni…hai capito Danieluccio caro il motivo della protesta…pensi che anche freddie l’abbia capito? forse …ma è difficile considerando che il suo Q.I. è pari a zero.

    22. Quando mi riferisco alla collaborazione con la cittadinanza mi riferisco proprio all’aspetto di collaborazione con forze civili abituate al dialogo e a lottare per l’ottenimento di precisi obiettivi civili.I pregiudizi della gente(in alcuni casi “giudizi giusti “pero’) non rappresentano tutta la gente ,cosi’ come purtroppo Diego che lavora non rappresenta tutti i suoi colleghi(alcuni dei quali lasciano certo a desiderare…ma sono discorsi che in questa sede dovrebbero rimanere ben distinti:c’e’ un problema sociale sul tema lavoro-disoccupazione che coinvolge ampie fasce e settori della popolazione palermitana).Per questo motivo occorre coordinarsi con realta’ che sappiano mettersi in dialogo anche forte e serrato con le istituzioni.Palermo e’ in questo momento stanca della forzatura ,non della civile protesta.In questo senso non v’e’ migliore occasione di un tavolo prefettizio,il prefetto e’ per se’ apolitico e apartitico,nella storia di Palermo abbiamo avuto tanti prefetti in gamba che hanno mediato bene dal loro posto di regia molte situazioni difficili.Cominciate ad affidarvi alla soluzione migliore gia’ pronta.Ci sono gia’ tante formazioni sociali ,gruppi di azione e pressione politica e di opinione che stanno lavorando con voi e per voi ,spingendo per soluzioni non estemporanee,ma eque e dignitose.

    23. Vi invito a essere rispettosi nei vostri commenti. Grazie.

    24. sono uno di loro orgoglioso di esserlo padre di famiglia come tutti e 2000 abbiamo solo questo lavoro e lo difenderemo con i denti e nostro e nessuno lo deve toccare finiremo a pagliarelli non problem, per la famiglia, lavoro, e futuro per i propri figli. non puntate il dito sparando a zero e ipocrisia pura forse invidia chissa, pero’ siamo coscienti e sicuri di cosa vogliamo e voi figli di papa’ state a casa che la mamma e paparino vi fanno trovare la tavola apparecchiata, poche parole da buon intenditore

    Lascia un commento (policy dei commenti)