sabato 18 nov
  • Quasi quasi organizzo un “etero pride”…

    Ammetto di essere infastidito dalla logica alla base del gay pride. Parto dal presupposto che l’essere gay non sia una caratteristica speciale ma uno dei tanti modi di manifestarsi della variegata umanità e che si possa essere liberi di pensarla come si vuole sull’omosessualità, anche di essere critici o di considerarla un bizzarro fenomeno senza essere tacciati di omofobia, soprattutto se non si pongono in essere comportamenti discriminatori o, peggio, violenti.

    Premesso ciò la domanda è: «Che cosa c’è da essere orgogliosi?». E ancora mi chiedo: «Quel tascio asterisco fucsia richiama come ho capito io la “specialità” – o persino superiorità – omosessuale in quanto eccezione?».

    Asterisco fucsia

    Bene, se la mettiamo così (e non siamo ipocriti, per alcuni è così), se loro sono “speciali” e noi allora siamo normal ordinari io mi sento libero di professarmi orgogliosamente eterosessuale e, se mi gira, quasi quasi di organizzare un…come lo chiamo…etero pride! E già che ci sono propongo una bozza di simbolo (pure questo tascio, s’intende). 😀

    “Simbolo dell'etero pride”

    Già immagino i dibattiti ai convegni dell’etero pride con chi in disaccordo avanza argomentazioni tipo: «Ah, ma in natura l’omosessualità è comune…pure i batteri lo sono!…». E dal palco un relatore che spiega: «Neanche i finocchi (ortaggi) sono davvero finocchi, ci sono finocchi maschi e finocchi femmine» (ma non c’è nulla di scientifico in questo, fanno semplicemente riferimento alla forma che, nel caso del “maschio” è tondeggiante, nella “femmina” più allungata). 😀

    Insomma il gay pride un po’ autoghettizzante lo è, no?

    Il post è ovviamente provocatorio. Almeno per me. Intelligenti pauca.

    Palermo
  • 339 commenti a “Quasi quasi organizzo un “etero pride”…”

    1. la banana
      la banana
      la banana dell’amor
      la banana
      la banana
      la banana del mio cuor

      e’ l’unico frutto dell’amor
      e’ la banana e’ la banana
      e’ l’unico frutto dell’amor
      e’ la banana del mio cuor

      http://www.youtube.com/watch?v=AqJRr_mStrc

    2. Scusa, ma questo articolo mi lascia alquanto perplesso…

      Tra l’altro contiene inesattezze probabilmente frutto di una scarsa informazione in rapporto al tema. La leggerezza e la superficilità con il quale è trattato rasenta l’irresponsabilità. Non si può giustificare chi pensa che l’omosessualità possa essere considerata una bizzarria. Le conseguenze sulle persone di diversa identità sessuale ne pagherebbero gravi conseguenze. Questi atteggiamenti vanno messi nella giusta direzione.

      Il gay pride rappresenta uno, forse l’unico momento ed opportunità per gay e lesbiche, di dare un segno tangibile al senso comune di massa genericamente omofobico, che sta alla base del rifiuto dell’omosessualità anche degli stessi omosessuali. Pregiudizi, stereotipi, luoghi comuni, razzismo, rifiuto della “diversità” sono luoghi della cultura antropologica che affonda le sue radici in questa società particolarmente nella tradizione delle religioni monoteistiche dove alberga l’idea che l’eterosessualità sia l’unico possibile destino dell’uomo.

      Per comprendere “l’orgoglio” omosessuale, che non vuol dire “siamo i meglio”, bisogna semplicemente documentarsi ed evitare il divulgare disinformazione a buon mercato.

    3. iO sono per il rispetto reciproco tra tutti gli esseri che vivono su questa terra.Effettivamente l’idea di una giornata di riflessione sul tema e’ quanto mai opportuna,ma dovrebbe a mio avviso astenersi dall’esibizione quasi carnevalesca in alcuni esempi .

    4. L’etero pride lo fate già tutti i santi i giorni.
      Se si può “pensarla come si vuole” sull’omosessualità senza essere considerati omofobi, si può anche “pensarla come si vuole” sugli ebrei senza essere tacciati di antisemitismo?

    5. Il gay pride è una manifestazione di esibizionismo sessuale in piena regola, con la precipua finalità di provocare sia i malpensanti, avvalorandone così i pregiudizi, sia i benpensanti come me che non conoscono l’omofoobia ma provano sdegno per quella manifestazione volgare.

    6. @Maria Antonietta: Sdegnarsi per il gay pride in un paese dove i programmi più seguiti sono il grande fratello, i programmi della Defilippi ecc ecc e donnine che ballano nude in TV a tutte le ore è ridicolo.
      Offenditi per le file chilometriche per fare i provini per le veline piuttosto.

    7. @ Maria Antonietta

      Documentati. L’anno scorso al primo gay pride palermitano parteciparono famiglie, bambini compresi. Basta dare un’occhiata alle foto e video sul web.

    8. Sarà, ma quello che vidi (per caso)a Roma qualche anno addietro mi inquietò, il cortei era colmo di giovani ragazzi in mutandine con in mano un frustino e con attaccati ai capezzoli delle borchie.
      Alcuni con bastoni (mica tanto distanti da forme falliche) in mano e sottovesti che poco lasciavano all’immaginazione.
      Non mi hanno dato fastidio, solo tanta tristezza mista a tenerezza.

    9. Compà, questo post nel giorno del tuo compleanno, è un po’ sospetto… Auguri, eh!

    10. @Maria Antonietta

      Cara Maria. Io sono abituato a farmi dei giudizi sulle cose verificandole in prima persona e non badandomi su quello che viene propinato dalle tv. Sono stato al gay pride di Genova dove non ho visto le esibizioni di cui tu parli, ma anzi migliaia e migliaia, anzi centinaia di migliaia di persone normalmente vestite sfilare on una ordinata processione, allegra e vivace. Ho visto intere famiglie etero e doppiette lui e lei sfilare al fianco di tanti ragazzi gay. Ho visto i genitori (agendo) sfilare al fianco dei loro figli. E sai una cosa? I fotografi dei giornali non ci hanno fatto nessuna foto, mentre la loro attenzione era tutta volta a cercare le cose piu “strambe” ai loro occhi. Ti posso assicurare che nelle sfilate di Carnevale o in certe manifestazioni pro-premier e pro-bunga bunga si vedono cose molto piu’esibizioniste.
      Prima di parlare, documentati. Vai a vedere un pride con i tuoi occhi. Vedrai che ne tornerai commossa.

    11. Non si capisce se questo post è stato creato giusto per smuovere le acque calme del sito o se davvero Siino pensa ciò che scrive. Perché se così è, allora per una volta ha completamente sbagliato l’interpretazione. Il motivo per cui esiste e viene celebrato il Gay Pride è lo stesso per cui viene celebrata la Giornata della Memoria, la giornata Senza Tabacco, etc etc. Si forza l’esposizione di un concetto che per il resto dell’anno è invece normalmente lasciato alla sensibilità individuale e che in assenza di almeno un richiamo annuale periodico (come un vaccino, diciamo) produce storicamente e quasi automaticamente tossine sociali come l’antisemitismo, l’omofobia, il cancro.
      Si può discutere sulle forme di “esposizione” dell’orgoglio Gay, che possono incontrare o meno il gusto e l’approvazione della gente (gay ed etero) ma sulla necessità di evidenziare la disparità di trattamento sociale cui ancora oggi i gay sono sottoposti (tipo il diniego del rilascio della patente, giusto ieri!!) purtroppo non ci sono molti dubbi.
      Quando nessuno si scandalizzerà più per un gay pride, quello sarà il giorno in cui sarà inutile farlo…

    12. ci risiamo, ogni volta la solita solfa e uno sdegno peloso e moralista, mentre si legge che a un ragazzo pugliese hanno negato il rinnovo della patente perchè omosessuale, quindi inadatto a guidare.
      roba da paesi talebani.
      http://bari.repubblica.it/cronaca/2011/05/11/news/patente-16086621/
      tanti auguri tony! 😉
      ps ci sarebbe ben altro di cui scandalizzarsi, o forse è meglio riderci su…
      http://scanzi-micromega.blogautore.espresso.repubblica.it/tag/berlusconi-statuetta-priapo/

    13. in archivio ci sono i commenti dell’analoga manifestazione dell’anno scorso.
      Quindi NO COMMENT.

    14. guarda Tony, io prima ero eterosessuale e ho avuto tante donne, ma ho avuto tanti problemi perche’ le donne vabbe’ che sono belle e ecc… ma sono anche noiose e alla fine rompono e basta! poi in un viaggio in Svezia ho conosciuto un gay che in realta’ era un bisessuale (la c’e’ ne tanti) e da allora di donne non ne voglio piu’ saperne, ne ho qualcuna ma solo amica, Tony ti consiglio di provare, non sai cosa ti perdi !!

    15. io sono d’accordo con Felice, le donne della nostra epoca sono troppo aggressive hanno perso la femminilita’ vogliono dominare, io sono diventato gay e ne sono orgoglioso per questo motivo, e ho tanti amici anche sposati che preferiscono i trans alle donne,il calore e la sensualita’ di un trans mi dicono non e’ piu’ paragonabile a quello di una donna, come dargli torto!

    16. Ma non ci hanno detto sempre che gay si nasce? Potrebbe darsi lo si scopra dopo anni, quindi il verbo DIVENTARE (gay) mi suona male.

    17. gay si ci puo’ anche nascere ma si ci diventa per certi condizionamenti psicologici, un mio amico e’ diventato gay ad esempio perche’ e’ cresciuto solo con la madre che era stata abbandonata dal marito, e di conseguenza lui ha sempre odiato gli uomini, potrei farti tanti altri esempi,e anche un fatto culturale, in Giappone (che non hanno il papa…) gli uomini sonono normalmente bisessuali fino a una certa eta’, poi verso i 25 anni scelgono se sposarsi con una donna o rimanere bisessuali o gay, ma e’ una roba normalissima, io ho avuto una realazione molto “passionale”… con un ragazzo nipponico che adesso e’ sposato con tre figli (povero lui…)

    18. @Felice Finocchio: ROTFL. Trollata dell’anno.

      @Tony, la posso dire una cosa? In questo paese di radical chic passi per omofobo se osi pensare che essere omosessuali sia una scelta sullo stesso piano di:

      – metto i boxer o gli slip?
      – Aprilia o Ducati?
      – Moto europee o giapponesi?
      – Pane c’a meusa o sushi?

      Eccheccavolo.

      Ora, io sono orgoglioso del mio pane c’a meusa e della mia moto Aprilia, ma non è che vado a scassare ai fan Ducati o del sushi dicendo che ledono i miei diritti!

    19. Emanuele non mi sembra che abbia detto che qualcuno leda i miei diritti, devi ammettere che noi gay non e’ che siamo ben visti ancora nel 2011 e dopo tuutte le persecuzioni e umiliazioni che abbiamo subito (forni crematoi compresi…) cmq ti consiglio di provare almeno una volta credimi, non te ne pentirai…… BACI !|!

    20. @felice finocchio..anche io in Svezia ho capito tanto….ma tanto

    21. Dody a.k.a. Felice, ma pensi che io non sappia distinguere una trollata da un pensiero reale? Un omosessuale non adotterebbe mai quel lessico alla “once you try black, you never come back”.

      Detto questo, supponendo per un attimo non stia trollando, ti dico che devo solo rispondere della mia tolleranza. Mal tollero le coppie eterosessuali che danno spettacolo in pubblico alla tipo film porno, non può importarmi meno se due ragazzi si tengono per mano o si baciano per strada.

      Parlando di forni crematori forse hai ragione. Penso si debba organizzare anche uno Jew Pride.

    22. io non ho nulla contro i gay, ma non sopporto le checche!

    23. @La zecca

      Infattamente. C’è una bella differenza fra omosessuali e checche; a mio avviso sullo stesso piano di quella fra “donna” e “stracchiola”.

    24. ascolta Emanuele io non sono un troll, ti aspetto stasera davanti la chiesa di S.Lucia in via Albanese per commemorare le vittime dell’omofobia (garda su youtube quanti gay ammazzano nel mondo, in Iran ne impiccano ogni giorno pubblicamente) se vuoi riconoscermi mi mettero’ un fazzoletto rosa sulla tasca posteriore dei jeans, poi magari chissa’ che ti faccio cambiare idea…..

    25. Il fatto che ogni anno ci ritroviamo a parlare di gay pride dimostra quanto la nostra mentalità sia ancora anni luce indietro rispetto a quella del resto del mondo. L’unica consolazione è che c’è chi è peggio di noi http://www.avaaz.org/it/uganda_stop_homophobia_petition/?cl=1059301648&v=9055

    26. Dody: l’omofobia è deplorevole. Full stop.

      Quanto a stasera, non essendo religioso, declino con cortesia.

      Aggiungo un legnetto a questo fuoco… Secondo me, se la vostra chiesa non vi vuole e vi dice che il vostro Dio vi odia, dovreste cambiare l’una o entrambi.

    27. Emanuele la Chiesa non ci odia ti sbagli anzi, dentro la chiesa ci sono tanti gay che vivono la loro sessualita’ serenamente, la dottrina ufficiale e’ un’altra cosa (io ti aspetto cmq sono convinto che cambierai idea…. BACI !!)

    28. Per Dody…
      …accetto il tuo invito.
      Nella vita bisogna sempre provare per credere…

    29. ti dico come la penso io:
      secondo me, l’aspetto festoso e dell’orgoglio sono strettamente legati perchè, come saprai, soprattutto qui da noi, avere un figlio omosessuale è una specie di tragedia, sarebbe quasi meglio non averlo proprio o perderlo, sarei curioso di sapere se è peggio avere un figlio pentito o gay. 😀

      L’omosessualità nel tempo è stata prima oggetto di discriminazione (e lo è ancora) e dove tollerata, è stata comunque messa in una luce negativa dall’assetto sociale e giuridico in cui gli omosessuali si devono adattare agli ordinamenti che trovano, dovendo sacrificare le loro naturali aspirazioni. Se a questo aggiungiamo il cattolicesimo molto diffuso che li vede come peccatori, malati, gente che soffre, sta male perchè non realizza il disegno di Dio della sessualità volta alla procreazione, tanto che è meglio se si fa una famiglia “normale” e cerca di tenere a freno le sue tendenze, ne emerge una condizione dell’omosessuale che dev’essere per sua natura afflitto e triste per il suo orientamento sessuale.

      Per questo motivo secondo me l’orgoglio e la festa sono 2 cose che si combinano insieme, è una specie di enorme pernacchia a questa concezione, la dimostrazione che si può essere felici e realizzati qualunque sia il proprio orientamento sessuale. Tant’è che si parla di Palermo Pride, non di Gay o Etero Pride… magari mi direte che l’elisione del “Gay” davanti a Pride è fatto per renderlo più pronunciabile da uno che arrossisce se pronuncia quella paroletta là.

      Secondo me, ed essendoci andato lo scorso anno sono convinto di quello che dico, il Pride è una festa di tutti, etero od omosessuali che siate, naturalmente c’è un’attenzione particolare data alla rivendicazione dei diritti per le coppie di qualunque genere, ma mi pare ovvio, visto che c’è una differenza nella tutela e nella rilevanza giuridica tra un tipo di coppia, quella eterosessuale e l’altra, quella omosessuale. La seconda esiste di fatto nella società mentre non esiste per il diritto.

      Poi, fuori dalla polemica, spero che di Pride ce ne siano tanti in futuro a Palermo… quello dell’anno scorso è stato bello e veramente mi sembrava che Palermo fosse maturata un pochino quel pomeriggio, salvo poi imbattermi in certi ragazzini tasci in via Maqueda, al termine della sfilata, di quelli col capello pisciato, gli occhialoni tipo mosca, e il cappellino di tre misure più piccolo poggiato in testa che dall’alto della loro sciccheria elargivano “arrusi” e altre carinerie ad un ragazzo e una ragazza con abiti da matrimonio ma invertiti. Altro che un Pride all’anno, ce ne vorrebbe 1 al mese magari a casa di questi piccoli lord 😀

    30. Ciao a tutti

      mi sento di intervenire con la mia personale esperienza a tema.
      Sono etero, fidanzato e abito a Milano. Detto questo ho avuto modo nel corso di questi 5 anni di conoscere, o aver a che fare, con una certa quantità di gay o lesbiche.
      Ho partecipato anche a due serate “gay only” con la mia fidanzata (penso che ce ne saranno altre). Il resoconto della serata? Fantastico, considerando la serata un pò trasgressiva mi sono adattato! Ballare e “stricarsi” con la propria donna SENZA generare (finte) ipocrisie non ha prezzo. Certo, devi andare “preparato” cioè sai che vedrai uomini/ragazzi che si baciano, trans che si atteggiano ecc ecc. Niente cagate, niente esagerazione (o almeno non più di una serata etero dove ho anche visto cose allucinanti).
      Insomma, l’ignoranza della gente è il punto. NOI viviamo in una società che volente o nolente emargina in prima battuta i “diversi”. Non prendiamoci in giro, non facciamo i finti moralisti. Abbiamo tutti un pregiudizio sui gay: “aah io non sono omofobo, basta che non mi rompono le palle altrimenti…”.
      Tutti questi amici miei gay tengono nascosto il loro stato anche ai propri familiari perchè sanno che difficilmente sarebbero accettati. “Maaadre, ma sai che mi cuntò me figghiu? Dice di essere gay, ma ti rendi conto? E’ frocio!!!” Ragazzi buttati fuori di casa, picchiati, ghettizzati dalla famiglia e dai parenti.
      A qualcuno è andata anche peggio da quello che mi hanno raccontato.
      Per concludere dico che è solo l’ignoranza (e noi al sud siamo i primi) che noi etero abbiamo nei confronti di questo mondo che ci fa vedere i gay come diversi, come malati (!).
      Se mai avrete la possibilità di frequentare un gay vi renderete conto di come stanno realmente le cose 🙂

      Saluti

    31. scusa Brian ma il tuo e’ il solito ragionamento del tipo: io sono tollerante con i gay basta che….. la tua tolleranza e’ sinonimo di razzismo, noi vogliamo avere gli stessi diritti e doveri di qualunque essere umano al mondo, io non voglio essere tollerato ne giudicato nei miei comportamenti se non illegali ne da te ne da nessun’altro ! CHIARO !!

    32. Pure l’etero Pride? Ma non sono sufficienti i Bunga Bunga e i vari festini ad Arcore???????

    33. Il sig. Siino trova tascio il “nostro” asterisco ma non esita mai a scrivere di certi eventi mondani a Palermo, i quali proprio sobri non sono.
      E sappiamo anche che l’anno scorso non mostrò certo
      molto entusiasmo in redazione quando una nostra amica volle pubblicare il post sulla presentazione del Sicilia Pride 2010.
      Mio caro sig. Siino, gli eterosessuali non hanno bisogno di una giornata dell’orgoglio perchè non vengono discriminati nel posto di lavoro, in famiglia o nelle strade. Il gay pride serve eccome: serve a rivendicare quei diritti e quella DIGNITA’ che in tutto il resto del mondo sono riconosciuti a noi omosessuali, e solo qui in Italia (o nel terzo mondo) non vengono mai tenuti in considerazione; serve a dare coraggio a chi ancora vive nel terrore di fare coming out e, soprattutto, a tutti quei ragazzi che proprio tra le mura di casa trovano violenza e discriminazione. Tutte queste persone hanno bisogno di non sentirsi sole e noi siamo in tanti, ed è giusto manifestare in questo modo.
      In quanto alla logica del gay pride che lei non riesce a capire, le consiglio di fare una ricerca su Internet alla voce “Stonewall” (ma anche “olocausto” o “campi di sterminio” vanno bene). Magari la prossima volta che deciderà di non scrivere su Bob Sinclar sarà più informato.
      Saluti.

    34. “Mio caro sig. Siino, gli eterosessuali non hanno bisogno di una giornata dell’orgoglio perchè non vengono discriminati nel posto di lavoro, in famiglia o nelle strade.”
      Fissarìe! Pure gli etero sessuali sono discriminati. Sul posto di Llavoro, in famiglia e anche nelle strade.

    35. @Dodi

      Non hai capito una virgola di quello che ho scritto.
      Io non sono tollerante…ho amici gay che frequento…Ma cosa hai letto?!

    36. esprimo il mio pensiero a riguardo. sono gay, fidanzato da alcuni anni con un ragazzo e sereno. tuttavia non sento il bisogno di manifestare alcun orgoglio. i gay “pride” si trasformano spesso in manifestazioni controproducenti, per via dell’eccesso di alcuni soggetti che scambiano un corteo dedicato al riconoscimento di diritti fondamentali con il carnevale di rio. nella mentalità comune gay pride è sinonimo di piume, paillettes, culi al vento e sesso facile. finchè questi soggetti popoleranno questo tipo di manifestazioni, e finchè non si cambierà il nome dell’evento (dividete per carità quelle due parole!), sarò sempre contrario e non vi parteciperò mai. giusto manifestare per i propri diritti ma con sobrietà e dignità. realizziamoci dal punto di vista professionale, cerchiamo di mantenere delle relazioni stabili (credetemi è possibile), senza sentire il bisogno di andare a cercare sesso facile ovunque, vedrete che l’immagine dei gay, agli occhi della gente comune, cambierà aspetto. detto ciò potete pure fare un etero pride, ma fatelo fare a chi etero lo è veramente e non ad effemminati repressi.
      adios

    37. @Giulia: brava
      @Totò: gli etero sono discriminati in quanto tali? Ma cosa dici?
      @Siinus: cosa non si fa per ravvivare il blog? :p

    38. Il grande Gaber avrebbe detto:
      Il Gay Pride è di sinistra mentre il bunga-bunga è di destra.
      A parte le citazioni penso che solo i depressi hanno bisogno di manifestare tutti insieme il proprio orgoglio.

    39. Brava Giulia, ben detto!!!
      Be’, finalmente il gay pride anche a Palermo……
      Ma come si fa a non gioire? Fino a due anni fa Palermo era l’unica grande citta’ a non aver mai ospitato un evento di questo genere..
      Sig. Siino, ma lei non crede che con questa manifestazione Palermo abbia fatto un passo avanti e sia diventata anche un po’ piu’ europea???
      Lei col suo etero pride la farebbe sprofondare dinuovo nella tristezza piu totale.

    40. ..che bello ! un altro post da cento commenti!

    41. Mi chiedo e non mi capacito come il fondatore di un blog del genere possa scrivere un post talmente stupido e privo di ogni minima conoscenza dell’argomento trattato. L’unica argomentazione è un simbolo “tascio”, davvero indice d’ignoranza insita anche in persone che di base non potrebbero essere tacciate come ignoranti. Nessuno parla di specialità nè di superiorità, si parla di semplice diversità che merita uguali diritti.
      Ognuno è libero di esprimere la propria opinione (come ognuno dovrebbe essere libero di vivere la propria vita nella maniera più consona e vicina al proprio essere) senza alcun dubbio, ma sapendo di cosa si parla. Questa non è una provocazione come indica lei a fine post, è ignoranza pura e semplice sull’argomento. Quindi la prossima volta che si alza la mattina e non sa cosa scrivere,scriva di metereologia o del Palermo in finale,o ancora meglio, non scriva proprio che ci fa una figura migliore.

      Ps. Prendo le distanze dai commenti stupidi di alcune persone,che nel tentativo di “difendere” il loro modo di essere sono caduti nel solito cliché e nel ridicolo alimentando la convinta ignoranza degli oppositori. Sottolineo invece altri commenti sicuramente molto più degni di nota come quello di Giulia,Frank etc. che sicuramente sanno di cosa parlano più di molti altri.

    42. Che noia!
      Questo post non solo è noioso, ma è anche profondamente scorretto, e frutto di una certa ignoranza e pigrizia.

      Andiamo per punti:
      a) i gay, le lesbiche, i trans e le trans in questo paese non hanno gli stessi diritti, in questo paese, rispetto agli eterosessuali. Subiscono discriminazioni sul lavoro, nel diritto di famiglia, nella sanità, etc. etc. Sono oggetto di bullismo, di aggressioni per strada, di umiliazioni da parte dei politici e della chiesa, e così via. Sono dati ufficiali degli organismi internazionali (il govenro italiano non incoraggia questo tipo di ricerche ovviamente) o di associazioni nazionali ed internazionali.
      b) gli etero rappresentano la maggioranza del Paese: circa 55 milioni contro circa 5 milioni di omosessuali. Ma è proprio da come la maggioranza si relaziona con le minoranze che si misura la civiltà di una nazione
      c) il pride è un frutto della cultura LGBT: una manifestazione colorata, irriverente, gioiosa. Nata da delle drag queen che nel 1969 si rifiutarono di nascondersi, di subire l’ennesima retata violenta da parte della polizia. Per la prima volta, anziché nascondersi nel buio dei club, scesero in strada, alla luce del sole. E non abbiamo mai smesso di rivendicare il diritto di camminare orgogliosamente alla luce del sole. Sfrontatamente.

      Il pride non è solo la parata, ma un insieme di avvenimenti e di eventi. Quale altro evento a Palermo è in grado di mettere insieme Letizia Battaglia, Emma Dante, incontri, convegni, concerti, anteprime di film senza alcun finanziamento dalla pubblica amministrazione?

      Ma, orgogliosamente, il pride culmina nella parata, che avrà luogo il 21 da piazza Magione.
      Una parata, come scrivevo prima, colorata, gioiosa e piena di musica. Una parata che celebra l’unicità e la differenza, e l’orgoglio di essere quello che si è, con fierezza e senza paura.
      Una parata a cui da sempre ed in tutto il mondo, ed anche l’anno scorso qui a Palermo, partecipano anche famigliole etero. Anche loro fieri e felici di essere quello che sono, e di vedere,per una volta, una città diversa.

      dimenticavo: l’asterisco rappresenta tutti i generi. Si usa cioè per indicare tutt*, ovvero tutti e tutte. E rappresenta anche un incrocio, un mettersi insieme (è un “+” con un “x”) per creare una figura nuova.
      Anche per questo bastava documentarsi.

    43. @Marco01: Non abbiamo premi Nobel o scienziati di fama mondiale nati a Palermo. Questo mi rattrista molto di più.

    44. D’accordo anche con la sottolineatura di Toto’:purtroppo oggi ce n’e’ per tutti,etero ,omo etc etc ,il mobbing e’ vario come il mondo.
      Cio’ non toglie che l’omofobia assuma caratteristiche davvero qualitativamente e materialmente spregevoli,denotando pochezza e vilta’ o addirittura assenza d’animo

    45. Dimenticavo: ma allora è per questo che ignorate tutti i nostri comunicati stampa?

      Sabato inauguriamo al mostra di Letizia Battaglia allo Steri (già: c’è il patrocinio dell’Università),mentre domenica c’è uno spettacolo di Emmma Dante. E fino al 21 c’è un ricco calendarioc he potete leggere qui: http://palermopride.it/2011/441

    46. Potrei rispondere dimostrandoti quanto la vita di tutti i giorni non sia altro che una celebrazione dell’orgoglio eterosessuale. Ma non lo faccio. Mi limito invece a chiederti solo una cosa: perchè per essere “provocatori” si deve per forza ricorrere a banali luoghi comuni e ad insulti senza sostanza? E’ davvero così difficile provocare scrivendo cose intelligenti?

    47. Per DAniela:
      cara Daniela,la tua percentuale va rivista al rialzo.I Gay in Italia possono certamente essere 5 milioni,come tu dici,ma tenendo conto della cittadinanza in eta’ sessualmente “neutra” o non esercitata(vedi infanti,minori di 12 anni,anziani ormai demotivati (….ove demotivati) arriviamo a un rapporto molto piu’ consistente di quello da te delineato.E cioe’ ponendo che l’Italia sessualmente attiva consista in almeno (fatte le debite sottrazioni) 35 milioni di persone,la cifra di cinque milioni rappresenta ben 1/6 delal popolazione.

    48. @Cristina: condivido in parte quello che hai scritto, però non puoi tacciare la gente di ignoranza e poi scrivere “metereologia”. Con simpatia, ciao.

    49. p.s.: così almeno acquisisci un’informazione: l’asterisco è il simbolo grafico (dovresti saperlo, viste la tua laurea ed il tuo lavoro) del linguaggio sessuato. L’asterisco viene usato (per esempio nella formula Car* Tutt*) per evitare di parlare solo al maschile e, al contempo, non ricorrere alle ripetizioni care/cari o tutte/tutti. Quindi in realtà non indica l’eccezione (che tu tra l’altro interpreti come sinonimo di superiorità, ma questo è un tuo problema) ma indica la Differenza; o meglio, la presenza contemporanea di tutte le differenze. Spero di esserti stato utile 🙂

    50. …1/6 della popolazione sessualmente attiva

    51. @Emanuele: eheheh hai ragione dal punto di vista grammaticale non sostanziale. Purtroppo non esiste solo l’ignoranza grammaticale,ed è a questo che mi riferivo. ad ogni modo mi scuso per l’errore di grammatica e mi correggo “meteorologia” =)

    52. gli eterosessuali non sono picchiati a sangue perchè eterosessuali…
      Allora dovresti essere contrario anche alla festa della donna, organizza la festa dell’uomo

    53. @luigi, picchiati a sangue? ma dove?
      Qui in Italia? Europa? dove scusa.
      Non vorrai mica intendere in quei luoghi dove i cristiani, le donne, i filosofi, i dissidenti, i contestatori vengono rinchiusi e torturati?
      Allora si, hai ragione, ma solo lì…solo.

    54. Saprà di ghetto il giorno che l’omofobia sarà stata sconfitta. Per ora è sacrosanta affermazione di orgoglio.
      P.S.: l’asterisco non mi pare poco fine.

    55. Cristina ed Emanuele.Badate di non confondere la consuetudine con la verita’ ,cioe’ l’uso e il desueto o non consueto.Sul vocabolario della Crusca esistono entrambe le voci :metereologia e meteorologia.Dìaltra parte chi professa la disciplina si chiama indubbiamente METEREOLOGO,quindi la disciplina professata puo’ ben essere la metereologia.
      Cio’ ha significato anche per cio’ che riguarda il nostro argomento :omo ed etero.Meditate gente,meditate.

    56. @stupidocane

      metti “picchiaggi ai gay” su Google e vedi cosa esce. In italiano ed in Italia.

    57. @folklorista. Saresti così gentila la linkare il vocabolario delle crusca conentrambe le voci?

    58. @stupidocane
      Posso sapere se leggi quotidiani o riviste di attualità? No, perché solo una persona che vive fuori dal mondo può dire che in Italia non si verificano questi atti di bullismo o omofobia. Proprio oggi su Vanity Fair trovate un articolo a riguardo.
      Personalmente, ricordo ancora quando 4 anni fa, all’uscita di una nota discoteca di Torre del Lago, apprendemmo che una ragazza andata via poco prima di noi fu stuprata brutalmente da un branco di uomini che mentre compievano quelle bestialità le gridavano addosso di essere una puttana lesbica, e che in quel modo, magari, le sarebbe piaciuto andare con gli uomini.
      La notizia andò su tutti i giornali, insieme ai vari Svastichella e compagni. Ma ovviamente sarete stati tutti impegnati a leggere la pagina sportiva dei quotidiani.

      Un’ultima cosa. Oltre allo spessore del post del sig. Siino, va sottolineato anche il pregevole tag “finocchi”. Cose di capriccio, insomma.

    59. @Stupidocane: gli omosessuali, le lesbiche e sopratutto le trans vengono picchiati e persino uccisi in Europa, ma sopratutto in Italia.

      Secondo l’Agenzia per i diritti Fondamentali (FRA) dell’Unione Europea l’omofobia nel 2009 danneggia la salute e la carriera di quasi 4 milioni di persone in Europa e l’Italia è il paese dell’Unione Europea con il maggior tasso di omofobia sociale, politica ed istituzionale.
      L’ignoranza non è mai giustificata.

      Leggi, a titolo di introduzione: http://it.wikipedia.org/wiki/Violenza_contro_le_persone_LGBT

    60. l’anno scorso ho partecipato anche io alla parata, sono rimasto stupito nel vedere che “paiettes e lustrini” costituivano l’1% dei partecipanti, anche io mi aspettavo chissà quali eccessi… invece non era affatto così! Quello che mostrano tv e giornali nei video e nelle foto costituisce la minima parte della gente che c’era dentro… è stato un corteo tranquillo, l’unico momento di “disagio” l’ho avuto passando accanto ad un gruppo di trans, non per il fatto che fossero trans ma perché usavano un linguaggio e delle pose piuttosto volgari non solo tra loro ma anche con persone che passavano loro intorno…

    61. un po’ mi fa ridere che ci si accapigli tanto per un post così stupido, mancava solo “io non sono razzista, ho anche un amico neGro” ed eravamo a posto!
      diciamo che siino si è fatto un regalo di compleanno: voleva un post bello corposo. 😀
      *
      viso che ci sono, un applauso a Albo, sempre chiaro e mai retorico.
      statevi bene!!

    62. e poi quel “Intelligenti pauca” finale mi fa pensare che ci stia prendendo un po’ per il c*lo, come utenti/commentatori intendo. 😉

    63. Perchè te la prendi ? Siino.tu ed io non veniamo da secoli di odio,sopraffazione e perscuzione.Noi,per la Chiesa,siamo sessualmente liberi di peccare e non peccare,di pentirci e di rifare sesso il giorno dopo.I gay no,come ebrei,zingari,e,prima,le donne,sono esseri inferiori ai quali non è permesso esistere.Lascia loro fare,o non fare,quel che vogliono,ti prego.

    64. IIn questo caso il nostro Siino ha un pochino mancato di sensibilità,mi pare.Sono certo che se ne rende conto,da persona intelligente quale è.

    65. Solidarietà a Siino per il coraggio di mettere un post controcorrente che aizza tutte le checche e simpatizzanti. E’ più facile lasciar correre una volta l’anno sta carnevalata.
      Ma in realtà non se ne può più.
      E non voglio finire come in Svezia, dove gli uomini sono così frustrati da queste post-donne da diventare froci.
      Alla fine “noi retrivi” vinceremo, se non altro per questioni biologiche.

    66. Ha ragione chi scrive che l’etero pride esiste:i bunga bunga e l’impunita’ e l’arroganza con cui tanti uomini sposati,ad esempio,vantano i propri tradimenti e le proprie idiote conquiste sessuali,come trofei,con mogli finte ignare e sottomesse economicamente.Oppure quelli che ‘normalmente’hanno amanti e 2-3 famiglie,con il placet della Chiesa che fa finta di nulla.Un etero pride continuo,ai danni delle donne.Ma Siino non se ne è mai accorto.

    67. C.mi sembra un poco suonato.

    68. signor silvestri, sulla posizione della chiesa rispetto all’omosessualità mi sembra che lei abbia nozioni per lo meno imprecise.

      tony, auguri, anzitutto. se gay pride è uguale a sfilata con poppe di trans al vento, palloncini a forma di c**zo con cui si simulano allegre fellatio e altre stronzatelle similie, di quelle viste, ahinoi, in pià di un gay pride, son d’accordo.
      se gay pride è un momento nel quale, con serietà, una minoranza intende sollecitare una riflessione sulla discriminazione di cui è oggetto, ben venga e viva il gay pride.

      purchè non si faccia passare per discriminazione cioò che discriminazione non è, ossia il diritto di avere dell’omosessualità, come di qualsiasi altra cosa, una propria opinione, se questa non comporta violenza e disprezzo verso altri esseri umani.

      saluti

    69. Io non mi pongo il problema. Ci sono gli uomini e i donnaioli, le donne e le zoccole, i gay e le checche… non cambia molto secondo me. Però ho un forte dubbio: così come il bunga bunga e i tronisti non fanno bene agli etero, il gay pride fa bene agli omo? Più chiaramente, l’eccesso è producente?
      Quanto a chi dice che è DIVENTATO gay per le donne: io non credo che si diventi, ognuno nasce con la sua personalità e la sua sessualità. Dare la “colpa” a qualcuno sembra quasi volersi giustificare: ma di che?!
      Io ho incontrato una quanità indistriale di stronzi ma non ho cambiato la mia sessualità. Semplicemente erano persone sbagliate.

    70. Alla fine è tutto là. Se non ti piace il gay pride, ti piace il bunga bunga, sei maschilista, tradisci la moglie, la tratterai male, sei di destra, etc.
      E sarei io quello suonato…
      E stai dicendo che tutto ciò sarebbe l’etero pride, cioè stai demonizzando, senza accorgertene, una normalissima relazione tra uomo e donna, dalla quale anche tu sarai nato.
      Sì, ha ragione Siino, ci vuole l’etero pride, in cui tutte le coppie innamorate orgogliosamente sfilano con i propri bambini senza doversi vergognare, né essere discriminati perché considerati “out”, all’antica, come pare implicitamente nella mente “aperta”
      di Piero Silvestri.
      Se questa è apertura, preferisco restare chiuso.

    71. P.S. Togliere la patente a un omosessuale è un’emerita str..ata, per tutti (spero). L’omosessualità, sia essa un fatto innato, o indotto permanentemente da precoci esperienze psicologiche, o scelto e divenuto abitudine (per qualcuno vizio, vabbè) o anche scelto occasionalmente, è una condizione personale privata in cui nessuno ha il diritto di entrare e di giudicare.
      Ma quello che c’è dietro il Gay Pride non mi convince lo stesso per niente, roba da tollerare appena per non darvi la soddisfazione che cercate.
      Voi avete tutto il diritto di sfilare, io tutto il diritto di considerare quest’orientamento non degno di un’attenzione, di un lobbysmo politico particolare, di essere magari eretto a modello.
      Ciò che è lecito sul piano personale, resta un’anomalia a livello sociale e aggregato e lo sapete pure voi nel vostro intimo. Ve lo immaginate un mondo tutto di omosessuali? Discorso chiuso. Che vi piaccia o no.

    72. @C. vabbè, siamo alla frutta!
      vorrei comunque ricordare che di family day se ne sono fatti. a me veniva da ridere a guardare alcuni di quei puttanieri che sfilavano con le famigliole, arroccati nelle proprie incertezze, come se altri, chidendo pari diritti, gli stessero entrando in casa a rubare non si cosa…ma tant’è. concludendo, questo post è sempre più comico, un vero teatro dell’assurdo!!

    73. Ma ancora non l’avete capito che questi post sono provocatori e con lo scopo di innalzare il livello di visibilità del sito?
      E tutti voi che ci andate a commentare 😀

    74. Che discorsi deliranti che si leggono.
      Affermare che i gay non siano discriminati o non siano vittime di ingiurie e/o pestaggi è da ciechi.
      E’ come affermare con sicurezza che Ruby è davvero la nipote di Mubarak. Dire poi che gli eterosessuali sono discriminati al pari dei gay è ancor più becero. Ma quando mai, i cosidetti “normali”, sono discriminati per la loro naturale “normalità”? Lo saranno perchè scemi, incompetenti, brutti, str***, ma non certo perchè etero. Diciamo che l’omosessuale, in questo, è un “tantino” più vittima e porge agli ignoranti e bacati di cervello qualche motivazione in più per esser ghettizzati. E’ un pò come il principio della ragazza in minigonna (che..se succede qualcosa..”vabè, se l’è cercata”..).Siccome siamo animali (senza offesa ovviamente per le povere bestie) non riusciamo a comprendere che ognuno deve essere LIBERO di potersi esprimere come meglio crede, senza offendere il prossimo e di essere non tollerante (che già pressuppone i denti stretti) ma, semplicemente, aperto di materia grigia (vedi colto). Non capisco ad esempio come un bacio tra etero provochi tenerezza, piacere, sollazzo o indifferenza e un bacio tra gay sia scandaloso, offensivo, schifoso.
      Siamo e dobbiamo essere liberi, sì, ma non di chiuderci il cervello. L’etero pride – come qualcuno scriveva – con carrellate di famiglie e bambini se per questo è già avvenuto, ad opera di grandi menti del calibro di Giovanardi (family day e simili). Poi se a questi family day partecipano personaggi che allargano la family nei loro bei salottini, travestendosi da infermieri, con nani e trapezisti, questo è un altro lungo discorso.
      E in questo caso non si parli di libertà. Trattasi di cariche istituzionali che – come prevede la Costituzione Italiana – sono obbligati al decoro e al rispetto dell’incarico che hanno assunto.
      Non essendo comunque l’Italia un Paese normale, tutti questi princìpi (compresi la Costituzione, ahinoi) vanno a farsi benedire. Ognuno, in propria coscienza, faccia quel che può per salvare la libertà, il rispetto, la dignità, i cortei di asterischi, le X, le Y e tutto ciò che si conviene ad un Paese che si professa democratico.

    75. E’ vero che esistono discriminazioni terribili e incivili contro i gay. Ma ci sono anche contro i disabili. La discriminazione è un fossato che si riempie con la violenza o con la pietà. In un Paese come il nostro, la discriminazione comporta una rivendicazione di carattere identitario di gruppo che annulla e confonde la qualità degli individui, direi l’individuo. E’ la contraddizione di ogni opposizione all’apartheid: combattere la discriminazione, discriminandosi.

    76. Siino, mi caristi ru cuari!

    77. Un post infelice.

    78. Sottoscrivo Fabrizio. Tony, toto erras via

    79. Chiedo a C.,per rispetto ai gay,di limitare le sue penose e ridicole affermazioni.
      All’altro lettore:quindi la Chiesaama i gay ? Non pare,si vede che non me ne sono accorto.Gli etero ‘innamorati’evidentemente non sanno,i presuntuosi,che livelli di Amore e rispetto reciproco ci possono essere fra i gay.Sono talmente ossessionati dal sesso che non riescono a capire cosa è l’Amore.

    80. C.probabilmente è persona frustrata,che nemmeno dichiara la propria identita’,accecato dal proprio odio verso i diversi.Fascismo e nazismo iniziarono così.

    81. Puglisi caro,sono disabile serio.Ma ti assicuro che i gay sono molto più discriminati di noi.

    82. Il Gay Pride è quanto di più patetico possa esistere al mondo. Si può essere orgogliosi della propria condizione sessuale (qualunque essa sia) ma senza scadere nel ridicolo.

    83. Perchè il gay pride non può essere considerato una bella festa? perchè non vi schiodate il culo dalle sedie davanti al pc e venite a ballare e divertirvi per le strade della vostra città sarà un buon modo per godervi una giornata “diversa”

    84. Volete un motivo per venire al pride? Uno semplice semplice?

      http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2011/05/13/visualizza_new.html_870116785.html

      tutto il resto è noia

    85. Quindi, secondo Amnesty, oggi in Italia si può tranquillamente aggredire un omosessuale senza correre alcun rischio penale? E, sempre secondo Amnesty, questo dipenderebbe da alcune dichiarazioni spregiative di politici? Quali? Non ne ricordo nemmeno una che possa essere di istigazione alla violenza.
      E perché, secondo molti e secondo Amnesty, un’aggressione fisica dettata da altri motivi (per esempio ai “biondi” in quanto tali) dovrebbe essere penalmente perseguibile in maniera meno grave? Se ricevo un ceffone per motivi discriminatori è più o meno grave questo o quel motivo di discriminazione? Se mentre mi aggrediscono mi dicono “terrone” è meno grave che se mi dicono “frocio”?
      Un paese civile è un paese che condanna le violenze e le discriminazioni in quanto tali, e quindi in modo astratto ed uguale. Ma evidentemente c’è qualcuno che vuole essere “più uguale degli altri”.

    86. Non ce la faccio a leggere tutti i commenti e me ne scuso.
      Vedo però che ci sono autorevoli interventi ed alcuni anche molto corposi ed articolati, penso quindi che sarà già stato detto tutto ed il contrario di tutto.
      Voglio comunque ribadire un paio di cose…
      Innanzitutto se si ha voglia di affermare la propria eterosessualità è una questione esclusivamente sessuale, privata, da affrontare a letto col proprio partner o con la propria partner: la voglia di farlo pubblicamente è sintomo di un problema che diventa grave se a danno di altri orientamenti sessuali.
      La questione omosessuale è invece una questione di diritti negati, quando non addirittura di negazione di identità, di violenza psicologica e fisica, per cui è piuttosto elementare capire che anche una rivendicazione “sopra le righe”, in un moto d’orgoglio, può essere uno strumento “da tollerare”, in silenzio se proprio non si hanno cose intelligenti da dire.
      L’articolo che stiamo commentando, quindi, ha una origine personale problematica o editoriale “politica”.
      In ogni caso dà un indirizzo politico ben preciso alla linea editoriale del sito e mostra la pochezza degli argomenti – direi da patate e cetrioli – che sono in grado di esprimere: perchè, cari signori, si può essere beceri ma con ben altra sostanza 😉
      Saluti

    87. Sei un ragazzo che ragiona per luoghi comuni , se la tv , i giornali facessero vedere che gay significa , pagare le tasse come tutti , studiare come tutti , ci sono avvocati , medici , calciatori , presentatori , giocatori di basket che sono gay ma nessuno lo sa o comunque si fa finta di non sapere , io sono gay ma ..mi sento maschio come qualsiasi altro etero o forse di più , visto che adesso molti “etero” sembrano più gay degli stessi gay , curandosi di cerette , lampade ecc. E non è colpa , se di colpa si può parlare o volontà nostra essere gay , come non dipende da te avere i capelli neri o biondi , quindi organizza pure un etero pride sei liberissimo di farlo, ma dicendo questa affermazione è come se avessi detto ai tempi del razzismo contro i neri d’america, quando sfilano milioni di persone contro le discriminazioni dei neri ,quasi quasi organizzo un “ho la pelle bianca pride” …avresti fatto una grande figura di m…!!! In tutto il mondo arabo si muore per essere considerato gay , e tu ci ridi sopra , molti genitori hanno perso i propri figli perchè quest’ultimi si sono suicidati per la paura di essere giudicati “diversi”, e ogni giorno migliaia di bambini vengono picchiati per la loro omosessualità. Il pride è un’altra faccia dell’essere omosessuale , quella più estrosa e fuori dalle righe , ma anche quella ha il diritto sacrosanto di manifestare! Ultima cosa non mi sento offeso dal tuo post perchè dimostra come tu vedi il mondo,e qualche altro essere umano come Berlusconi ,gli integralisti islamici , Bossi , ma per fortuna persone come Margherita Hack , Rita Levi Montalcini , Piero Angela , Barack Obama e lo stesso Ghandi che sicuramente non avranno il tuo grande grado di intelligenza e sensibilità hanno dichiarato che l’omosessualità non è una malattia e che esiste tra gli essere umani come in natura infatti l’omosessualità è stata riscontrata in più di 450 specie animali.
      L’omofobia solo in una. Quale, tra questi due, è il comportamento “contro natura”?

    88. Ringrazio tutti per i commenti, i consigli e gli insulti (che non sono stati pubblicati…ma scrivevo già intelligenti pauca). 🙂
      Giulia sarebbe interessante conoscere meglio la questione del post di cui parli. Sbaglio o prova a discriminarmi in base al mio apprezzamento per Bob Sinclar? Quasi quasi organizzo un Sinclar pride! 😀
      Il blog non ha bisogno di essere ravvivato più di come lo è sempre stato, oppure no.
      Daniela abbiamo parlato e parleremo di manifestazioni degne di nota (come il gay pride è) ma secondo le nostre regole editoriali (tempi ecc.).
      Giulia nel post parlo di finocchi, ecco perché c’è il tag.
      A chi mi dice che gli sono caduto dal cuore rispondo che…embé? Non è l’applauso del mondo che mi interessa ma poter esprimere la mia opinione. 🙂
      Più uomo di te leggi bene perché mi sembra che tu mi attribuisca cose che non penso e non ho scritto.
      Sto provando a documentarmi meglio vista la mia ignoranza e volevo chiedervi se questo link sia da considerarsi accurato nei contenuti (si scherza…). 😀

    89. Ed io che dovrei dire? Solo per il fatto d’essere vergine vengo spesso discriminato dalle donne! E in più sono palermitano……..peggio di così!! 😀

    90. Ti sbagli Tony , ho riletto e ti riscriverei di nuovo il mio intervento. Ma pubblicando quel Link cosa altro vuoi dimostrare? che sei più maschio di me ? essendo io gay e andando anche io al pride ma non mettendomi in mutande ?! che tu sei virile ? e io no? che tu vai a letto con donne mentre io con uomini? Le tue sono provocazioni che sinceramente lasciano il tempo che trovano , specie oggi giorno. Due settimane fa Paola Concia esponente del Pd è stata insultata ed aggredita da alcuni Maschi virili etero…Quindi non ti offendi se ti chiamo Mafioso ? Visto che sei siciliano?

    91. @mio caro stupidocane (commento 12 maggio ore 16,31)
      riguardo al link mi spiace ma non so’ davvero come fare per trascriverlo,sono un semianalfabeta internauta e non mi riesce(piuttosto .. come fate voi? ).Pero’ ti dico che basta cercare entrambi i termini su google che li troverai entrambi espressi .Meteorologia si dice con riferimento alla scienza in se’,metereologia si dice riguardo al sapere scientifico professato dal metereologo.

    92. Caro Tony, Rosalio non è esattamente l’ultimo dei blog. E’ un “luogo” di scambio di opinioni parecchio noto e con apprezzabile diffusione. Usare la pochezza di argomenti o l’ironia spicciola per affrontare un tema così importante come la discriminazione delle persone omo/trans-sessuali ed il significato del Pride, non è irrispettoso solo verso le persone omo e transessuali ma innanzitutto verso il blog stesso. Mettere sullo stesso piano la discriminazione per orientamento sessuale e quella per gusti musicali è stupido, persino se il tuo tentativo è quello di essere ironico. Il tuo ragionamento è esattamente all’altezza (altezza è ovviamente un eufemismo) dello spot del Ministero Pari Opportunità, che mette l’omosessualità sullo stesso piano della misura del piede o del colore degli occhi. Se proprio eri alla ricerca della risposta alla domanda su cosa renda ancora necessario un Pride, direi che ti basta rileggerti: TU (o meglio, il tuo modo di pensare e di ridicolizzare un dramma) sei uno dei motivi per cui serve ancora il Pride 🙂 Se poi tutto si fa per scherzare… la prossima volta pubblicherò uno scritto sui Lager nazisti condito da ironie su banane e divertenti bruciature. Sicuramente aprirò un dibattito risentito… ma temo che ne ricaverei ben poca soddisfazione e ben poco orgoglio per la bassezza dei miei argomenti. Spero comunque di vederti tra i partecipanti al Pride (di cui sono uno dei portavoce)… magari in cerca di risposte che cancellino i tuoi (pre)giudizi 🙂 Buon lavoro

    93. @il folklorista: ho provato per un istante a cercare “metereologia” ma nessun dizionario si è fatto avanti. Dacci una fonte oppure pace, la prendiamo per una boutade.

    94. @folklorista, cercato e ricercato, ti dico che METEREOLOGIA è errato, non esiste.

    95. Scusami,saro’ pure analfabeta internauta:scrivi su GOOGLE :metereologia e avvia una ricerca..ne trovi a bizzeffe ,dai !!!

    96. CAro Emanuele,visto che TE la cerchi ….. 🙂 eccoti qua: (prego anche per @stupidocane:
      cercate per favore su Google : “lessicografia della crusca in rete” .Troverete : accademi a della crusca in rete.Il vocabolario degli accaemici della Crusca III edizione del 1691 riporta testualmente il lemma : METEREOLOGICO (e’ riprodotto su stampa in PDF ,nb NON L’HO INVENTATO IO ).
      DA cio’ l’opportuna distinzione tra forme consuete e desuete ma affatto “errate” .Ergo :Anche l’omosessualita’ e’ forse inconsueta ma non errata.meditate,gente

    97. Mi chiedo come tu faccia a sapere qual’è la logica alla base del gay pride. Mi chiedo perché ti infastidisca “l’orgoglio gay”, quando, ad esempio, Palermo é piena di gente “orgogliosa” di essere palermitana. É comunque un senso di appartenenza. In questo caso una festa allegra e pacifica.
      Ma in un paese anestetizzato da tette e culi, dai bunga bunga, da un presidente del consiglio che dichiara: “meglio essere appassionato di belle ragazze che essere gay”, forse non é cosí strano che ci sia gente infastidita dal gay pride.
      La provocazione di un eventuale etero pride, questa si ha una logica chiara, ovvero quella di andare contro.

    98. Bravo Emanuele,hai trovato la prima parte della verita’.Adesso per favore sullo stesso quadratino di ricerca scrivi “METEREOLOGICO”.E mi sai dire .

    99. C’è un riferimento all’italiano di Dante nella quarta edizione del dizionario. Poiché è etimologicamente scorretta, nonché scomparsa nelle edizioni successive, preferisco non favellare oltre.

    100. Eh no mio caro,adesso favelli con me ,DEVI favellare! ragioniamo un po’:per quale motivo secondo Te sarebbe scorretto allora dire METEOROLOGO e corretto invece dire METEREOLOGO ?per quale motivo io posso dire METEOROLOGIA e ugualmente METEREOPATIA ? e cosi’ altri esempi.Al di la’ della “consuetudine” del piu’ forte,a mio avviso entrambi i termini (meteorologia e metereologia sono CORRETTIsSIMI in quanto e’ possibile fondarli su etimologie armoniche .Cioe’ :mete – oro-logia (dal greco: secondo alcuni discorso su cio’ che sta oltre e che sta in alto e ha una forma ;ma secondo me piu’ vicino a Discorso su cio’ che sta in alto e’ si vede -greco aires -latino oriri-apparire -vedere-sorgere)ma sarebbe contraddittorio osservare un corpo che ha una forma (oros-grafia -monte)in alto.Invece ME – ETERE -ologia . SAppiamo cos’e’ l’Etere .Chi studia l’etere e’ il M-ETEre-ologo,la M sta per META(ugualmente oltre-sopra) .

    101. scusami se ..ovviamente sono andato a sciabolate ,ma ..intelligenti pauca .
      Mi sto dilettando a trovare altri esempi di metereologia

    102. ..comunque ci sono esempi di uso certi e chiari sino agli inizi del ‘900,specie nella manualistica metereologica .Anche oggi il vocabolo e’ in uso ma e’ di gran lunga meno preferito rispetto a meteorologico.Piu’ che altro per una ovvia tendenza della lingua alla semplificazione delle forme

    103. Ok, folklorista. Mi hai in parte convinto. Del resto la lingua si evolve sicché un si favella più, ma al massimo si parla.

      Però nella spiegazione sulle etimologie mi hai ricordato il film “il mio grosso grasso matrimonio greco”, in cui il padre, orgogliosissimo greco, era capace di far discendere l’etimologia di ogni parola dal greco. Anche Kimono ed il cognome Miller! 😀

      Ciao.

    104. 🙂 🙂 🙂

    105. metereopatia non esiste, si dice meteoropatia

    106. Gentile Piero, dipende dai punti di vista. Sono tipi di discriminazione diversi, come purtroppo saprà. Io ho vissuto per un po’ di tempo accanto a una persona che non era disabile e lo è diventata, mio fratello. Ogni azione degli altri era la negazione al diritto all’esistenza. Dallo spazio per la carrozzina occupata, ai marciapiedi invivibili, alla mobilità negata. Ho toccato con mano la ferocia di una discriminazione fisica, la mutilazione della libertà continua. E lei converrà che non è meno grave, quando i fatti indicano violenza, mentre le parole si nascondono dietro la pietà. Affettuosi saluti.

    107. @ “piu’ uomo di te”
      .
      affermi che l’omosessualita’ e’ presente su 450 specie animali.
      ma questi animali non sfilano nei “gay pride”.
      .
      Mi pare che si faccia confusione tra il diritto di essere gay ed il diritto di
      sfilare in un gay pride,
      cosa che ,come emerge in vari commenti,
      e’ una manifestazione che infastidisce il comune senso del pudore di tantissime persone.
      .
      Se andate a riprendere i commenti dell’anno
      scorso,ricordo che la sfilata veniva bocciata
      anche da persone dichiaratamente gay,che desiderano vivere con discrezione la propria sessualita’.
      .
      Tirare in ballo le serate di Arcore,e’ cosa completamente non confrontabile,dato che
      quella e’ una residenza privata ed a casa sua ognuno fa quello che gli pare.
      .
      Non furono soltanto i nazisti a perseguitare
      gli omosessuali.Infatti spesso si legge che ci
      sono tutt’oggi pene severe nei loro confronti in vari paesi.

    108. Meteoropatia dovrebbe essere la forma lessicale vincente secondo Te .MA chi lo ha deciso ? e chi lo ha fatto lo ha fatto con ragione ? molti usano senza differenze metereopatia e meteoropatia ,basta cliccare su google e cercare . L’etimo ,contrariamente a quanto sembra si sia sedimentato nei vocabolari ufficiali ,non e’ cosi’ evidente e sussistono di fatto entrambi nel parlato e nello scritto. E se ho comunque un’altra via per fondarlo cosa e chi decide in favore o contro l’altra? LA convenzione ?e nella sessualita’ e nell’affettivita’ chi decide?

    109. vabbè, a sto punto si potrebbe dire: se io avrei….
      PS: metereopatico NON ESISTE. 🙂

    110. No no,per i verbi ci sono le regole delle declinazioni ,se io avrei e’ palesemente una contravvenzione alle norme.Comunque un giorno potremmo anche decidere di abolire i congiuntivi (..forse la Gelmini in qualche decreto ).
      Metereopatico esiste ,uffa! lo dicono e lo scrivono in tanti.

    111. vorrei fare ancora un paio di considerazioni.
      Tirare in ballo la Chiesa Cattolica
      mi pare anacronistico,dato che oggi ci sono molte posizioni laiche che seguono i dettami della propria coscienza e della propria morale
      e non osservano certo i dettami di alcuna religione.Di religioni ce ne sono fin troppe
      ed alcune consentono di avere piu’ mogli
      sotto lo stesso tetto.
      Chi se lo puo’ permettere,ha perfino un Harem.
      .
      Un Blogger di successo non puo’ sottrarsi al compito di
      affrontare quasiasi argomento,sopratutto se ispirato a quello che di fatto succede nella vita reale.C’e’ in programma questo gay pride a Palermo
      ed e’ normale che se ne parli.
      .
      Parlare di “orgoglio” di far parte di una categoria
      di persone piuttosto che di un’altra,
      e’ a mio avviso una solenne sciocchezza.
      Ci sono leggi,norme e consuetudini che regolano
      la convivenza civile,ci sono i minori che in quanto tali vanno protetti.
      Un minore che si affaccia ad un balcone di una strada in cui c’e’ gente che sfila in un gay pride,
      non credo possa essere protetto.

    112. folklorista
      non e’ che stai esercitando una tattica
      diversiva?

    113. caro Giorgio
      no,l’argomento e’ analogo.Come nel linguaggio anche nell’ambito affettivo :Chi puo’ arrogarsi il diritto di dire cosa sia giusto e quali espressioni in ambito affettivo tra gli uomini e le donne?
      Importante e’ il rispetto della persona considerata e messa in condizione di essere alla pari .(in consapevolezza,maturita’,condizioni economiche etc)

    114. folklorista
      vogliamo rientrare nel tema?
      se tu fossi uno Sceicco,ed avessi un Harem con una cinquantina di belle ragazze,e ne fossi orgoglioso,
      ci andresti a sfilare per la strada?

    115. ..non credo ,giocando,di essere mai uscito fuori tema.Comunque l’ho gia’ espresso nei primissimi commenti:non mi dispiace una manifestazione (tipo la veglia purtroppo negata a Palermo ) dove con rispetto di tutti si denuncino le violenze scaturite da omofobia.Mi dispiacciono invece le carnevalate gratuite o quando i mass media le presentano come tali.Diciamo che dovremmo intenderci e forse variare un po’ i significati e i termini .Purtroppo il linguaggio cui si associa il tema e’ ancora piu’ vicino alla scurrilita’ e alla facile ironia piuttosto che alla serieta’ del contenuto.Ecco si,probabilmente il termine “orgoglio” omosessuale e’ una di quelle costruzioni che preferirei non ascoltare.Propio perche’ a mio avviso e’ scontato che ogni essere umano e’ orgoglioso di se stesso.Io sono intimamente orgoglioso di me stesso,nonvedo perche’ altri non debbano esserlo di se’ o debbano professarlo esplicitamente.Il messaggio importante e centrale di queste giornate non e’ pero’ a mio avviso l’orgoglio ma il “cenno” per il riconoscimento di OGNI essere umano.

    116. @giorgio ovvio che non c’è il pride nel mondo animale ma se per questo nel mondo animale non c’è neanche l’omofobia , e poi paragoni la poligamia di uno sceicco con il manifestare l’orgoglio di essere gay? mi sembra un pò ridicola come affermazione ! Tra parentesi la definizione di orgoglio gay è data dal fatto che un tempo essere definiti gay era quasi un marchio di malattia e di peccato , e ci si nascondeva da tutti e tutto , poi ci fu il cosi detto orgoglio gay , l’uscire allo scoperto ed essere orgogliosi di quello che siamo . Se io ti dicessi che tutti i siciliani sono mafiosi , che sono tutti ignoranti , delinquenti , senza voglia di lavorare ,che hanno un grado di intelligenza inferiore rispetto al Nord Italia, il tuo orgoglio siciliano non uscirebbe fuori? e se un gruppo di siciliani si vestirebbe eccentricamente ( che poi se andavi al gay pride di palermo dello scorso anno erano quasi tutti vestiti con indumenti normali )cambierebbe il senso della manifestazione? non credo , perchè dobbiamo per forza piangere e disperarci , è una protesta alternativa senza dolore …almeno per una volta vogliamo essere felici e spensierati . Certo nessuno si lamenta del carnevale di Rio dove le donne sono nude , perchè vi piace la patata , nessuno si lamenta della volgarità in tv , perchè vi piace , nessuno si lamenta di tante cose , e vi dovete lamentare giusto giusto per il gay pride ? Ma cercati di divertivi che la vita è una sola , se pensassimo di più all’amore ed a vivere tutti insieme , rispettandoci ognuno con le proprie differenze , vivremmo in un mondo migliore.

    117. Vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    118. @piu’ uomo di te
      ..di-vertirsi non e’ riflettere.Ne’ denunciare le vittime dell’omofobia.
      Il carnevale e’ al martedi’ grasso e giorni appena precedenti.
      Per ballare ci sono le piste delle discoteche e le spiagge a ferragosto,non c’e’ bisogno di occupare le strade e la circolazione gia’ pessima a PAlermo.
      Come la presenti Tu la questione e’ a mio avviso gia’ “sorpassata” e inattuale.
      Invece altre questioni che poni,la necessita’ del rispetto ,sono la vera sostanza.

    119. troppe le chiacchiere e le divagazioni fuori tema.
      Personalmente mi sono convinto che questo gay pride
      NON PORTA VANTAGGI
      alle rivendicazioni dei gay,in quanto mette in mostra un aspetto esibizionista sulla sfera sessuale che tocca la sensibilita’ di tanta gente.
      Ricordiamoci da dove veniamo.Il sesso e’ stato sempre vissuto con discrezione.Ci sono non a caso leggi specifiche che vietano effusioni in luogo pubblico.
      Per me le rivendicazioni circa determinati diritti civili andrebbero approcciati in altro modo.
      Non vedo alcun nesso tra il Carnevale di Rio
      dove sfilano le scuole di samba
      in uno scenario da grande spettacolo e queste specifiche sfilate dei gay.
      Ci sono spettacoli teatrali dove le figure maschili e femminili sono vestite di fasci di luce
      e si ottengono effetti straordinari,e nessuno
      che sia normale di testa va oltre l’ammirazione di un evento artistico.
      In quanto alla Sicilia,ci sono cose di cui essere
      soddisfatti ed altre no.
      Il tepore del clima,la natura (quando incontaminata),i suoi splendidi frutti,le opere d’arte,il senso dell’amicizia,sono certamente da apprezzare.
      La vigliaccheria,il parassitismo,il vandalismo,
      il non rispetto di quanto e’ bene comune,
      l’arroganza e la prepotenza,
      l’occupazione dello spazio vitale altrui,
      sono da disprezzare.
      Il fatto di questi anni e’ che sono piu’ le cose da disprezzare che da apprezzare.
      Solo un cretino puo’ affermare di essere orgoglioso di essere siciliano,nella sicilia di oggi.

    120. ..non esageriamo,tanta gente siciliana e’ bella e c’e’ da inorgoglirsi.Diciamo che abbiamo peccato e stiamo peccando di eccessivo spirito remissivo,delegante,quietista ,fatalista.L’epifenomeno che prende su di se’ l’attenzione e’ certamente negativo.Ma il positivo che sta sotto quanto sarebbe efficace se solo pensasse di muovere i propri passi con dei nuovi “Vespri”

    121. folklorista
      alcuni tuoi interventi mi fanno venire voglia di ritirarmi in buon ordine.
      Tempo perso.
      La Sicilia e’ terra di mafia?
      In Sicilia c’e’ lavoro?
      La Sicilia e’ terra di emigranti?
      Negli ultimi 100 anni la situazione e’ migliorata?
      La gente che rimane in Sicilia,ha una qualita’ di
      vita accettabile?
      C’e’ speranza di cambiare le cose?
      .
      Rispondi a queste domande,e lascia perdere l’orgoglio,che la vanita’ e’ degli stupidi.

    122. Guarda non te lo vorrei dire ma è quasi due settimane che si fanno incontri, discussioni, veglie di preghiere contro l’omofobia, quindi non dite cavolate vi prego se non sapete di cosa state parlando !!!!!!!!! Poi a culmine di tutte queste forme di protesta e discussione ci sarà il gay pride, ma, alla fine !!!!! E dicendo che il gay pride di palermo è solo mutandine ed eccentricità dimostrate la vostra ignoranza in materia, perchè ripeto per l’ennesima volta, l’anno scorso non cera per nulla eccentricità, sfilavano nel corteo anche ragazzi etero, famiglie con bambini ect ect e anche una suora, quindi finitela di sparare una serie di cavolate, poi è ovvio c’è chi si esibirà in indumenti non convenzionali 🙂 ma chi se ne frega!!!!!!!!!Io ho 22 anni e mi dispiace sentire e leggere alcuni commenti, io ho studiato e visto che al mondo ci sono varie tipologie di manifestazioni , quelle serie , quelle allegre, quelle particolari come i flash mob, l’importante è che se ne parla, che si discute, che si critica. La gente non si può giudicare dal proprio orientamento sessuale, ci sono delinquenti etero, violentatori etero, stupidi etero, truffatori etero, ubriaconi etero, etero che si tolgono le sopracciglia, che vestono aderente, che si fanno le lampade, che non sanno montare una lampadina, come ci saranno altrettanti etero per bene che non si riscontrano in queste tipologie, cosi vale anche per i gay. Comunque per la gente è più facile giudicare che capire !

    123. http://www.youtube.com/watch?v=_TJyMcqt4yo&feature=related lei credo dia una risposta a tutti !!!!!!!! ciao ciao invidiosi 🙂

    124. Io non dico che il gay pride sia solo mutandine,non l’ho scritto da nessuna parte.semmai hai fatto tu delle considerazioni sugli allupati che guardano il carnevale o la tv berlusconiana.LA pensiamo certamente in modo uguale,ma qui si vuole soltanto sottolineare l’aspetto forse troppo strumentalizzato anche a fini mass mediologici e consumistici delle giornate.Francamente una sfilata di gay in quanto tale non credo interessi a nessuno,e’ come una sfilata di donne o di uomini.Non significa nulla. Se poi vogliamo montarci su una fiera con gadget questo e’ un altro paio di maniche ,ma diventa un fenomeno da baraccone.Fino a ieri c’e’ stato un pestaggio nei confronto di un gay alla Bocconi ,non credo che queste cose possano essere combattute col sorriso sulle labbra,bensi’ con una profonda inKazzatura

    125. Giorgio
      c’e’ speranza di cambiare le cose ,unendo le forze.Probabilmente siamo a un passo dal farlo,dipende dalle persone di buona volonta’.
      LE quali non solo abitano in Sicilia ma sono anche tante.Devono soltanto essere incoraggiate.
      rispondo con :
      Giorgio e’ mafioso ?
      Giorgio ha desiderio di lavorare?
      Giorgio vorrebbe rimanere in Sicilia ?
      Giorgio sarebbe capace di cambiare?
      ..anche la qualita’ della sua vita?
      Giorgio e’ ancora capace di sperare?

    126. Più uomo di te io non ho niente da dimostrare, infatti non organizzo gay pride… Ma poi chi bo’ riri? Mafioso? Boh. Invece nell’ultimo tuo commento dai forza al mio discorso. Dovrei essere invidioso di un modello che generalizzato porterebbe all’estinzione della specie? No, grazie. Se la metti così sono di conseguenza etero e orgoglioso (come appunto dicevo nel post).
      Luigi Carollo “più realista del re” credo (e non penso di poter essere contraddetto per ovvie ragioni) di essere libero di dire la mia su Rosalio senza mancare di rispetto a chi non la pensa come me così come tu saresti libero di dire la tua qualora sottoponessi un post…ti invito a farlo come portavoce del gay pride. Il parallelismo tra gay pride e lager mi sembra molto inappropriato. Quando dico che vi autoghettizzate mi riferisco anche al tuo identificare l’omosessualità con un dramma…e io sono quello che avrebbe (pre)giudizi…

    127. Porterebbe all’estinzione della specie? ma ti leggi quando scrivi? Ma magari fosse vero , ci sarebbero meno Tony Siino in giro,e non te lo vorrei dire ma noi gay possiamo avere figli come te … ahahahah… mi hai fatto ridere 🙂 e ti dirò di più , io in futuro avrò un bambino , perchè voglio essere padre e vivrò con il mio compagno , perchè le nostre famiglie non sono di meno a quelle etero.Leggi tutte le ricerche fatta nel mondo e vedrai che i bambini cresciuti con due padri e due madri non hanno alcun e dico alcun problema psicologico ne sono diventati gay 🙂 Beata ignoranza.In questi anni non avete fatto altro che dire che le vostre sono famiglie e le nostre no , io dico che famiglia è un luogo dove si genera amore, dove il figlio è solo una ulteriore unione. E poi non mi sembra che il mondo si stia spopolando anzi siamo in troppi ,mi stupisco come ti facciano scrivere queste assurdità, sull’estinzione e ti ritagliano anche uno spazio dove puoi scrivere, io se fossi in te starei più attento ai termini che scrivi, perchè io non mi offendo, ma c’è gente che non reagirebbe come me.E spero che ne facciano 100 gay pride. Lamentati di altro , di cose più serie e gravi. E poi la cosa bella sai cos’è? che noi tanto lo facciamo lo stesso il gay pride 🙂 e ci divertiamo e lo faremo ogni anno , quindi mettiti il cuore in pace 😉

    128. e siamo alle minacce?

    129. ..che bello !e’ scattata la molla per un post da 200 commenti !!!!!

    130. ..volete sapere qual e’ ?
      ..e’ la seguente…

    131. …Piu’ uomo di te ha messo sul piatto il tema spinosissimo dell’affidamento,adozione,generazione di figli tra coppie omo….
      Su questo io nutro enormi dubbi ,non tanto etici ma di psicologia evolutiva e dello sviluppo.
      Ma prima di sparare delle mie personali boiate mi interesserebbe davvero sapere qualcosa in piu’ dalla “voce ” di Piu’uomo di te come vanno queste esperienze in Italia e nel mondo…..

    132. folklorista
      chi ffai?cci abbagni u pani?
      Mi pare che si passi da provocazione a provocazione.Non credo che in un paese di radici cattoliche quale e’ l’Italia possano succedere certe cose.
      Inoltre,mi spieghi come fa una coppia gay a generare un figlio?Con la clonazione?
      Vero che siamo in un blog,ma un po’ di autocontrollo non guasterebbe,credo…

    133. piu’ uomo di te
      .
      cercati na bedda fimmina,e provaci,
      se no,cambia nick.
      .

    134. Giorgio
      scusa, a che ci siamo affrontiamo ogni aspetto,anche perche’ questo e’ uno dei temi forse meno attenzionati dall’opinione pubblica ma di difficile giudizio e per giunta molto piu’ illuminante di tante diatribe.Intanto e’ vero ,come dice Piu’ uomo che ci sono delle coppie omo che di fatto educano dei figli.Poi riguardo alla generazione ,tema ancora piu’ complesso,ricorderai il caso dell’impianto ,in corpo” maschile”,dell’utero “femminile “.Senza voler andare comunque a questi estremi,il tema dell’adozione di figli e minori e’ molto sentito e non possimao liquidarlo con un “non si fa”,mi pare giusto cosi’ ….

    135. ..tecnicamente e’ possibile con la seguente procedura : prelievo corredo cromosomico A ,prelievo corredo cromosomico B,successivo innesto in OVULO reso VUOTO , di uno dei due corredi ,fecondazione in vitro con spermatozoi o di A o di B ,impianto in utero in affitto ..et voila’..les jeux sont faits

    136. .anzi..les fills sont faits!

    137. .fils

    138. che brutta cosa la loggorrea.
      pigiatori compulsivi di tasti.
      abbozzi di pensieri che si inseguono nel nulla.
      che noia leggervi

    139. ..ma perche’ ,tu cosa aggiungi ?

    140. in un post rovente che tratta un argomento che mi sta a cuore ho detto quello che pensavo in quattro cinque commenti su 145, poi do spazio, e leggerti ammatùla ovunque e fuori tema mi annoia non poco, che di commentatori molto più interessanti di te delle tue min@hiate sull’accademia della crusca e paturnie varie ce ne sono.
      e dai spazio!!!!!

    141. @ giorgio , sono uomo anche se non vado con le donne (e non femmine, come le nomini tu) tanto per precisare, punto secondo il nostro non è un paese cattolico ma un paese integralista cattolico che è ben diverso , perchè ti cito tre nazioni come La Spagna , L’Argentina e il Brasile oltre Città del Messico che sono paesi cattolici ma hanno detto si ai “matrimoni” gay e alle adozioni …quindi mi dispiace deluderti tanto ma non è questione religiosa ma di beata e santa ( ora ci vuole ) ignoranza e ipocrisia. Poi per quanto riguarda avere figli , o si adottano o si creano con l’utero in affitto , un pò costoso ma vale la pena! Detto questo per chi fosse interessato alle famiglie omosessuali che adottano o che hanno figli c’è un ampia documentazione su internet o sui libri , si sono fatte ampie ricerche in merito , ovviamente nel resto del mondo evoluto non qui in Italia. E hanno dimostrato che non c’è alcuna differenza psichica tra bambini con genitori etero e bambini con genitori omosessuali , poi ovvio ci sarà sempre qualcuno che dirà non è vero ecc ecc ma è solo gente ignorante ( povera ) . Un giorno si arriverà anche in Italia a poter parlare di diritti verso i gay, io pago le tasse come voi , soffro e rido come voi , se mi fate male piango anche io , mi innamoro anche io , lavoro e studio anche io, sono nato e morirò anche io , quindi non sono meno o più di voi etero e voglio e non desidero anche io le stesse opportunità che avete voi, parlo di unioni civiche , parlo di successioni , parlo di diritti civili. E su questo non si discute, noi li otterremo o con le buone o con le cattive!!Siamo arrivati ad un punto di non ritorno…ed era ora!

    142. La sessualità è un’argomento estremamente volubile ed effimero, l’essere omosessuale, bisessuale o etero non è così diverso, non vi è una linea di demarcazione. Il dichiararsi omosessuale, etero o bisex, è solo un meccanismo di inclusione/esclusione, con il quale ci si mette un’etichetta. Non farti troppi problemi e vivi la tua sessualità nel modo più sereno possibile senza etichettarti, perchè sono proprio le etichette che creano la discriminazione.

    143. io vieterei la parola ai repressi sessualmente. potrei parlare troppo quindi mi fermo qui.

    144. Stalker(CAnalis)
      vedi, un blog e’ proprio il luogo dove far incontrare e confrontare idee diverse.Non solo ,come sembri dire tu, dove dire la propria e andar via.Secondo me man mano che si va avanti il discorso si approfondisce.Poi non ho mai obbligato nessuno,men che meno te , al silenzio.Se non ti va di leggere e’ un altro conto.Ma se ti va di intervenire con cose interessanti e che suscitano interesse lo hai sempre fatto e non saro’ io a vietarlo.E come ti sarai accorta scrivo non sul primo post che mi capita ma sui miei ambiti di interesse
      Folk-George

    145. Fossero tutti come te Folklorista!!!

    146. folklorista
      non capisco perche’ mettere in atto procedure tanto
      “nturciuniati” per generare un figlio,quando c’e’ un esercito di donne pronte a procrearlo secondo natura.

    147. Giorgio madonna ma sei pesaaaante !!!!!!!!!!!! Natura non natura ma smettila di essere troppo polemico!!! Ma se a noi gay non piace l’organo sessuale femminile che ci possiamo fare??? Usiamo altre vie , meno “naturali” ( COSI SEI CONTENTO ) ma ci sono!!! Le usano anche le coppie etero che non posso avere figli in modo “naturale” quindi non sparare castronerie 🙂 ma quanti anni hai? ( non ci sto provando con te ) 🙂

    148. piu’ uomo di te
      fermo restando che sicuramente lo sceicco
      che ha l’harem con 50 fanciulle ne avrebbe
      da essere orgoglioso,
      da quello che scrivi si capisce che dell’altro sesso conosci poco o niente,
      che non hai mai avuto una relazione con una femmina.
      Donne lo sono fisicamente tutte,femmine non proprio tutte.
      Ad un uomo vero ci sono donne che trasmettono
      “appeal”,ed altre che trasmettono indifferenza o repulsione,cioe’ tale e quale come si trattasse di altri uomini.
      Prendi ad esempio certe donne che fanno politica.
      Potresti mai pensare di avere un’attrazione sessuale per tali esemplari?
      Il solo pensiero fa inorridire.
      In quanto ai diritti civili,devi rivolgerti a chi ha il potere di concederli.Qui non mi pare che
      ci sia qualcuno che abbia questo potere.
      Ovviamente e’ perfettamente inutile sapere
      come la penso in proposito,
      la mia opinione conterebbe zero.

    149. senti “u frati”
      cambia nick.
      Che senso ha definirsi
      piu’ uomo di te
      se poi dichiari che non ti piacciono le donne!

    150. Guarda io ho avuto una relazione di due anni con una ragazza, la mia prima e sua prima esperienza sessuale ,quindi qualcosina fidati che la so e so pure cavarmela abbastanza bene…non lo dicevo io ovviamente, poi l’essere uomo o meno secondo il mio modestissimo parere non si dimostra dall’andare a letto con una ragazza o donna , si vede da altro , dalle virtù , dal coraggio ecc ecc. Ma il mondo è bello perchè vario. Io mi sento UOMO al 101% , per quanto riguarda donna e femmina , per me sono donne tutte , al massimo brave donne o cattive donne, chiamarle femmine mi sà di animalesco , poi ognuno è libero di esprimersi come meglio crede.Comunque grazie del consiglio “u frati” ma lascio il mio nick nessun altro sarebbe più appropriato 😉

    151. “la fi.ga piace a molti, il c@az.zo piace a tutti”

    152. Più ‘u-omo di te ma che fai? Contribuisci a un evento contro la violenza e poi minacci? 😀 Non sapevo di questa nuova categoria: il mafiomo. 😀
      Fate pure 100 gay pride, ho il cuore in pace così come l’avrete voi sulla rivendicazione di certi diritti che in Italia non avrete MAI come famiglie, perché la famiglia è un’altra cosa. Adieu.

    153. Vi invito nuovamente a rimanere in tema, a essere rispettosi nei vostri commenti, a utilizzare un linguaggio consono e vi ricordo che questa non è una chat. Grazie.

    154. ma UNVISIDDIA?….temperatura consona a girreto in centro….
      andate in pace 🙂

    155. Il pregio di questo articolo assolutamente disinformato-disinformatizzante, ridicolo e stereotipato è quello di aver dato vita a questo lungo dibattito, allo scambio di idee. Il gay pride dura una settimana ed è costellato di eventi culturali e ‘sobri’ come mostre fotografiche, dibattiti, reading, proiezioni e quant’altro; il famoso e tanto additato corteo variopinto è solo l’ultimo evento, il culmine. Il corteo deve necessariamente sconvolgere, sconcertare, scuotere(perdonate l’alliterazione)… non può essere un evento mediocre, grigio, sottotono che “non attiri l’attenzione”, sarebbe alquanto ridicolo farlo in sordina! Il famoso regista George Romero nel 1968 scosse l’animo collettivo proponendo un film divenuto poi uno dei migliori titoli del cinema horror “la notte dei morti viventi”… Romero deliberatamente scelse un linguaggio visivo ‘forte’, quasi morboso… perché è questo il modo di risvegliare gli animi addormentati della decenza civile, sociale che dorme al suon delle ninna nanne bigotte e utopistiche che cantano la chiesa e il governo attuale… ninna nanne che parlano di felicità, di normalità e… mediocrità! e per mediocrità intendo disinformazione,non-evoluzione! Molti miei amici parlano di un etero pride, non sei certo l’unico a far queste ‘battute’, ma cosa dovete rivendicare “voi altri” ? cosa c’è da informare, esibire? sono le “eccezioni” che devono emergere, non gli stereotipi, i modelli già stra accettati storicamente dalla società e integrati nel bagaglio cultutrale di cui tutti abbiamo già piene le tasche! La vera domanda non è: perché l’omosessualità tende a ghettizzarsi, ma: perché l’omosessualità fa ancora notizia? non avendo nulla di diverso dall’eterosessualità (diomio è solo un orientamento, identità sessuale!)perché fa notizia? perché siamo qua a parlarne? Rifletteteci.

    156. Io non ho minacciato nessuno , ho solo detto che c’è gente che potrebbe denunciarti per alcuni termini poco felici che hai scritto, un uomo è stato denunciato e ha pagato una sanzione per avere detto frocio ad un collega, quindi ti ho invitato a moderare il linguaggio ma non per me ma per un potenziale lettore, visto che scrivi e sei un personaggio pubblico . Allora ti verrò a cercare quando anche in Italia ci saranno riconoscimenti in tal proposito ( sulle famiglie gay ) e brinderemo , almeno io lo farò e ti penserò tanto 🙂 e comunque in Italia esistono già le famiglie arcobaleno quindi sei un pò indietro 🙂 Conquisteremo il mondo 🙂 Il Mondo un domani sarà di noi gay e delle donne , mi dispiace cambia pianeta 🙂 adieu 🙂

    157. Voglio avere un figlio? Famiglie?
      Mi ricorda qualcosa.

    158. SI si voglio un bambino e voglio una famiglia con il mio compagno! Soltanto voi etero potete avere il privilegio di avere dei figli? e guarda che cosa avete creato una società di mostri, complimenti vivissimi 🙂 Vi sentiti migliore e non siete in grado di crescere la maggior parte di voi un bambino in maniera sana , non sapete cosa sia sensibilità, rispetto, sacrificio e questa è la società che ci state offrendo! Quindi puoi pubblicare tutti i link che vuoi ,anche io posso pubblicare link che ironizzano sulla famiglia tradizionale , famiglie etero dove il bambino viene abusato , dove la mamma pensa solo al parrucchiere e il padre all’amante…non siete d’esempio quindi non offendete 🙂 Io ho 22 anni e non vorrei mai avere una madre come te 🙂 pensa un pò 🙂

    159. non sono le eccezioni che devono emergere.
      .
      Le eccezioni sono uno scherzo della natura,una distrazione,un lavoro non portato a buon fine secondo le regole.
      .
      Le eccezioni non fanno testo,anche se possono essere oggetto di curiosita’,di studio e di approfondimento.
      .
      Chi si ritrova in una situazione fuori norma,viva la sua diversita’ con discrezione.
      .

    160. @più uomo, e io te lo auguro di avere una famiglia e dei figli, e lo dico sul serio, sorridendo e senza nessuna ironia 🙂 spero in un’evoluzione sociale e civile, però non scadere neanche tu nei luoghi comuni “voi etero”, rischi di banalizzare le cose che dici e fare il gioco loro.
      io non mi sono sposata perchè non ne ho mai sentito il desiderio, devo per questo negare tale possibilità a chi ha voglia di farlo, qualsiasi sia il suo orientamento sessuale?
      posso solo sperare di non leggere più simili post e tanti commenti, vorrà dire che l’omofobia sarà stata superata, e un piccolo pensatore come giovanardi non abbia più di che lanciare anatemi contro la pubblicità dell’ikea…..

    161. ma come,dopo l’adieu,rieccoti?
      .
      ma perche’ sei tanto ingenuo da dichiarare perfino i tuoi 22 anni?
      .
      Se dobbiamo continuare,cerchiamo almeno di capire.
      Quando e come hai scoperto di avere questa tendenza?
      In famiglia lo sanno?
      Dici che hai avuto una ragazza.Che cosa non e’ andata per il verso giusto?
      Era fimmina?

    162. giorgio, neanche paolo crepet, la binetti, o il pretonzolo di turno arriverebbero a fare domande simili….devo aggiungere altro?? 😀

    163. a tutto c’e’ rimedio.
      Una corretta cura ormonale,
      l’incontro con una ragazza “giusta”
      un matrimonio secondo la tradizione
      e…tanti figli,MASCHI.
      .
      Se succede,andiamo in tanti
      alla cerimonia nuziale.

    164. in quanto ad altri commenti,aiutateci a capire.

    165. Giovanotti,vado alla manifestazione delle 19.VEni9te anche Voi stasera?
      Poi vi intratterro’ con nuove mie boiate

    166. sono senza parole per l’arroganza e la violenza dei toni utilizzati dal Siino. quel “MAI” scritto a caratteri cubitali riflette un tuo disagio nei confronti degli omosessuali che andrebbe approfondito. forse ti hanno dato a volte del “frocio” o del “finocchio”? eheh

    167. giorgio, al tuo commento mancava giusto un esorcismo con tanto di padre Amorth ed eravamo a posto.
      ma ti rendi conto di quello che dici?
      vabbè, meglio passare oltre.
      poi ci si chiede perchè si parla di ORGOGLIO omosessuale, dopo la lettura di tante amenità (per usare un eufemismo)….n’altro po’ e ritirate fuori i triangoli rosa…
      cose da pazzi!!!!
      il livello è davvero troppo basso per sperare in uno scambio di punti di vista.
      comunque, buon gay pride a tutti.

    168. Evidentemente non mi spiego: rimuoverò ulteriori commenti fuori tema e chattanti. Saluti.

    169. in questo caso,la soluzione e’ piu’ semplice.
      La cura ormonale.L’esorcismo riguarda altre sfere.
      Da ragazzi ricordo che c’era una grande preoccupazione su questo tema,e si faceva il test della supposta.

    170. rosalio, ammetterai che un conto e cazzeggiare con cetrioli e patatine (sic) altro è far passare l’orientamento sessuale per patologia, ed invitare ad una cura ormonale. simili pensieri, di un’arretratezza culturale sconcertante, sono pericolosi.
      tutto qui.

    171. Andrea mi dà disagio la violenza, in tutte le sue forme (dalla bastonata al corteo variopinto). Hanno detto di me tante cose orribili…ma ciò non significa che corrispondano al vero (potresti chiedere credenziali in giro, comunque). 😛
      Finora il post è stato per me molto istruttivo perché ho trovato commenti che avvalorano il ragionamento iniziale e Mi piace che mi fanno pensare che non sono da solo, come pensavo.

    172. Stalker ho già chiesto un maggiore rispetto non a caso. Dovresti sapere che il canale corretto per comunicare con me è l’e-mail. Rimuoverò ulteriori commenti fuori tema. Saluti.

    173. la cronaca e’ piena di storie di trasformismi sessuali coadiuvati da cure ormonali.
      Comunque vedo che nessuno si sottrae al vecchio vizio di personalizzare (e giudicare) .
      Trovo eccessiva severita’ in alcuni commenti
      contro l’autore del post.
      Certi richiami a persone impegnate in politica,
      tradiscono lo sfondo politico di certe manifestazioni.

    174. tony, oltre ai mi piace che ti piacciono, sarebbe gradito – almeno per me – un tuo commento di maggior spessore, dopo tutto il casino che hai tirato su con un post piuttosto grossolano che si rivolge alla pancia della ggggente, come va di moda oggi. onestà intellettuale lo vorrebbe, poi vedi tu…..

    175. Stalker la democrazia non può stare bene a convenienza. Tu saprai certamente che cosa si intende per “tirannia della minoranza” e io personalmente non intendo arrivarci né tollerarla. In Italia un obiettivo ragionevole per LGBT è informare, sensibilizzare ed evitare odiosi episodi di omofobia e ottenere alcune modifiche legislative che possano tenere conto di certe situazioni di fatto (mi riferisco a questioni sanitarie e di successione ad esempio). Se si vuole andare oltre è logico aspettarsi la reazione della maggioranza.

    176. una sfera e’ rotonda ed un cubo ha la base quadrata.
      C’e’ chi vorrebbe spacciare un tondo x quadro?

    177. Tony, non capisco a cosa ti riferisci quando parli di “andare oltre”, e sopratutto continuo a non capire – da anni – perchè la maggioranza si senta così “toccata” e risponda così piccata ad un orgoglio della “differenza” (metto tra parentesi differenza visto che a molti così appare, sperando in tempi migliori).
      ci mancherebbe che le minoranze non si battessero contro le maggioranze!
      fosse così non avremmo neanche la legge sul divorzio, legge della quale non mi beneficerò visto che non mi interessa neanche il matrimonio…ma vivaddio che la gente sia libera di sposarsi e divorziare, o di rimanere insieme finchè morte non li separi.
      perchè negare questo DIRITTO alle cisidette minoranze? non ti stanno mica dicendo di non sposarti in chiesa o di diventare gay….

    178. Pur ravvisando il diritto, sacrosanto, degli omosessuali ad essere riconosciuti dallo stato come coppie aventi stessi diritti e doveri delle coppie etero e di non essere additati e/o scherniti per le loro tendenze sessuali, ritengo che l’adozione di bambini a coppie omosessuali sia una forzatura; la vedo una forma di egosimo nel voler a tutti costi il figlio come le coppie etero senza poi chiedersi come crescerà questo bambino senza mamma/papà, quale turbe psicologiche questo gli porterà e come questo influenzerà la sua percezione del mondo che lo circonda.

    179. lo stesso “egoismo” di cui si potrebbero tacciare le coppie etero sterili, con tutti gli orfani al mondo.

    180. Grave defaillance della cosiddetta societa’ civile palermitana la manifestazione cittadina per una PAlermo diversa e migliore e’ stata pochissimo partecipata.Spero che il tono della protesta e dell’indignazione civica torni a livelli accettabili in settimana.Anche il gay pride diventi un momento di riflessione liberatoria.A me piace sentire parlare Valdimir Luxuria ,per le sue idee e’ una persona indubbiamente di grande equilibrio e spessore .Sara’ qui per il giorno del corteo mi pare.

    181. Ritorno un attimo indietro e leggo intanto con grande piacere il post di Persona che non si reputa tascia:mi permetto e sento di complimentarmi per la prosa di pregio e alta qualita’.Non lasciamo sfuggire questi esempi di scrittura.

    182. E infine rientro sui temi sollevati .Importante la piega offerta da PSicologo delle 3.47 sull’identita’ di genere intesa come meccanismo culturale inclusivo o esclusivo.Quindi l’opposto del concetto di natura espresso da Giorgio.
      In merito al desiderio di filiazione ,per quanto indubbiamente vi siano esempi molto importanti di coppie omo che con grande impegno ,consapevolezza,capacita’ e talento educativo offrono un sostegno genitoriale al minore ritengo ancora precoce poter dare un giudizio mancando un follow up di tali esperienze – osservazioni-studi degno di sostenere l’habitus della scientificita’ .

    183. Dalla mia età ,quasi 65 a giugno, felicemente sposato con tre meravigliosi figli, quindi non di parte ma semplicemente irritato da alcune affermazioni che ho letto in questo spazio riservato al pride di Palermo , faccio questo ultimo intervento , perchè credo che alla fine è inutile discutere con chi non vuole ascoltare e con gente permettetemi con poca o pochissima materia grigia . Il signor Emmanuele A. Jannini, andrologo ed endocrinologo che ha lavorato a lungo negli Stati Uniti, attualmente professore di Sessuologia medica all’Università dell’Aquila, ha pubblicato diversi risultati che contengono anche alcune informazioni curiose: ad esempio i risultati di uno studio che dimostrerebbe che gli omosessuali maschi sono più “maschi” degli etero, cioè con un più alto livello di testosterone (e avrebbero persino degli organi genitali più grandi!); oppure la documentazione relativa ai comportamenti omosessuali in ben 470 specie animali, che, come viene dimostrato anche recentemente con una visita guidata agli “animali gay” in uno zoo olandese assicura che l’omosessualità non è “contro natura”, perché si trova “in” natura.L’articolo centrale del professor Jannini si apre con il racconto di una storia vera piuttosto curiosa, che testimonierebbe a favore dell’ipotesi di origine genetica dell’omosessualità: “Si incontrano in un bar per gay… si piacciono, diventano amanti. Soltanto dopo scoprono di essere fratelli gemelli, cresciuti in famiglie diverse e all’oscuro l’uno dell’altro”. La storia, presa come esempio, dimostra che tra persone che hanno patrimonio genetico simile è facile che se uno dei due è omosessuale, anche l’altro lo sia (vedi, a questo proposito, l’articolo sui Gemelli omosessuali); così si demolirebbero, secondo Jannini, “le teorie freudiane che interpretano l’omosessualità come un complesso di Edipo irrisolto”.Tutto per dimostrare che omosessuali non si diventa: “con buona pace degli psicologi che parlano di “scelta” omosessuale e delle religioni che individuano il peccato in questi comportamenti, omosessuali, semplicemente, si è”. Lo si è, pare, perché una regione che si trova sulla punta del cromosoma X denominata Xq28 presenta una peculiarità nel 75% dei soggetti omosessuali esaminati. Nessuna prova scientifica, certo, ma sembra un primo passo a sostegno di coloro che affermano l’origine genetica dell’omosessualità. Così come il nucleo Inah-3, piccola zona dell’ipotalamo responsabile dei comportamenti sessuali, che avrebbe una conformazione nei maschi omosessuali assai simile a quella riscontrata nelle donne.Ciò non significa che si è effeminati ma che si hanno dei gusti più simili al genere femminile che a quello maschile!Dopo di ciò pensate quello che più credete giusto ma il mondo va avanti per fortuna e ve lo dice un uomo di 65 anni, che ne ha viste e sentite tante, ma per cortesia rispettate il prossimo e garantite a lui quello che voi vorreste che fosse garantito a voi, non siamo tutti cattolici? allora dimostratelo, almeno per una volta! Un saluto a tutti e complimenti Più uomo di te, per la tua tenacia e per i tuoi 22 anni!Saluti

    184. GEntmo Psicologo
      l’origine genetica e’ pero’ quanto di pu’ distante dai meccanismi inclusivi esclusivi di matrice antropologica e socio culturale che avevi sotenuto.In piu’ l’argomento genetico pero’ mi sembra quello che piu’ torna ad offrire ilò fianco a obiezioni del tipo “omo sessualita’ come malattia” (delezione o mutamento)

    185. Se qualcuno dice che l’omosessualità è una scelta, gli omofili ti aggrediscono dicendo che essere omosessuali non è una scelta.
      Se qualcuno dice che l’omosessualità è innata, gli omofili ti aggrediscono dicendo che sei razzista.
      Ma allora che cosa è l’omosessualità?
      Nel primo caso temono il giudizio morale, nel secondo temono il giudizio sanitario (cfr. supra, Ma allora è una malattia?).
      E quindi che cosa è?
      Tabù.

    186. PEr comprendere l’omosessualita’ senza cadere in contraddizioni i termini dovremmo infatti riformulare l’aparato concettuale e non ragionare piu’ per generi e forse nemmeno per ruoli.

    187. ..in termini………..apparato

    188. sostenere che non c’e’ un limite tra etero,bisex ed omosex e’ una solenne sciocchezza.
      Parlare dei fatti propri e’ indice di superficialita’ ed e’ una solenne sciocchezza.
      Esprimere aperti giudizi offensivi sulle opinioni
      difformi dalle proprie,e’ una solenne sciocchezza.
      Citare studi di qualche sperduto ricercatore,senza
      documentarsi su altrettanto contradditori studi di
      altri sperduti ricercatori,e’ una solenne sciocchezza.
      Confrontare il mondo animale con il mondo degli umani e’ una solenne sciocchezza.
      Cercare di entrare nella testa di specie diverse
      e’ una solenne sciocchezza.
      Generalizzare una personale posizione religiosa,
      e’ una solenne sciocchezza.
      Sostenere posizioni troppo evidentemente fuori
      la norma di una convivenza civile,e’ da
      irresponsabili.

    189. “Il post è ovviamente provocatorio. Almeno per me. Intelligenti pauca.” Scrive , divertito il Siino. Sa perfettamente che in Italia non esistono più le opinioni, bensì le provocazioni. E abboccano tutti, compresa me. Siamo come foglie agitate dalla prima provocazione che soffia. I quasi 200 commenti insegnano. La tua provocazione, caro Siino, farebbe il paio con qualche piuma viola indossata da chicchessia.

      ps Trovo il simbolo del pride 2011, al quale ovviamente aderisco completamente, estremamente delizioso. Trovo il Pride, ogni genere di Pride, quando serva per rivendicare diritti gravemente lesi, sacrosanto.

    190. Bene,visto che ci stiamo avvicinando ai 200 ,per superare d’un balzo l’asticella tiro nuovamente fuori l’argomento provocatorio.D’accordo con il ritrovarsi insieme ,d’accordo con la difesa della propria espressione di affettivita’.ma…perche’ chiamare tutto “gay pride” ? cosa c’e’ da essere orgogliosi ? non si esce da una persecuzione con un orgoglio.Si esce con uno spirito unito certamente combattivo,propositivo,rivendicativo.Essenzialmente e’invece il termine “orgoglio” che non va.Ciascuno sia cio’ che vuole ,..io non mi sento orgoglioso di essere uomo…perche’ molti cani sono migliori in amicizia e sentimenti piu’ di tanti uomini….e se questo e’ un uomo ………….

    191. folklorista
      per me,continui a scrivere a ruota libera,
      e contribuisci a far crescere la confusione.
      “…Non si esce da una persecuzione…”
      Ma chi persegue chi in Italia?Puo’ qualche episodio isolato fare testo?
      Non vedo in Italia alcun accanimento.
      Ci sono in ballo alcune rivendicazioni,come ce ne sono in tantissimi settori.Tutti chiedono qualcosa in piu’.E’ sostanzialmente una questione di risorse e di protezione di certe situazioni,
      che costituiscono la base della nostra convivenza civile.La famiglia e’ una di queste.
      Vuoi godere dei privilegi di una famiglia?
      Fatti una famiglia nel rispetto delle regole.
      Vuoi cambiare le regole?
      Non mi pare che Palermo sia la sede piu’adatta.
      Alla gente non importa nulla se un gay e’ orgoglioso
      di essere gay.
      I cortei,tutti i cortei, disturbano il traffico.
      Ci sono altri modi di portare avanti le rivendicazioni.
      .
      A proposito di cani,
      adesso anche le sx hanno
      il loro da fare,con questo
      Strauss Kahn,
      a quanto pare
      assatanato di sesso,
      beccato e sbattuto dentro.

    192. “Ci sono cose che vanno contro natura molto più dell’omosessualità – cose che soltanto gli umani riescono a fare – come avere una religione o dormire in pigiama”

      Non esiste probabilmente eterosessuale sensibile a questo mondo che non sia preoccupato della sua omosessualità latente.
      Norman Mailer

      Mi è sempre sembrata un po’ inutile la disapprovazione dell’omosessualità. È come disapprovare la pioggia.
      Francis Maude

      La cosa per sé stessa non è né bella né brutta. Diventa brutta se fatta malamente.
      Platone

      Non c’erano anormali quando l’omosessualità era la norma.
      Marcel Proust

      L’omosessualità è la soluzione più realistica al problema della sovrappopolazione mondiale.
      Irving Rosenthal

      Non ricordo se la mia prima esperienza fu omosessuale o eterosessuale: sono sempre stato troppo educato per fare domande.
      Gore Vidal

    193. La Bibbia contiene sei ammonimenti agli omosessuali e 362 ammonimenti agli eterosessuali. Ciò non significa che Dio non ama gli eterosessuali. È solo che hanno bisogno di più controllo

    194. tu oggi non hai gli stessi miei diritti,tant’e’ che stai facendo le rivendicazioni.
      Attento che posso decidere di segnalare io i tuoi commenti,che sono arroganti,provocatori ed offensivi,il che,giusto che ci sono dietro le rivendicazioni,non portano certo acqua al tuo mulino.
      Rileggiti e scopri che hai offeso l’Italia
      intera,ed anche il mondo degli umani.
      Non sei di parola,perche’ avevi gia’ scritto adieu.

    195. “contro natura”
      e’ un termine contemplato nel codice penale

    196. Giorgio io con te non ci discuto! Mi hai scocciato , discuto solo con persone dotate di senso civico e rispetto per il prossimo!

    197. non sai riportare nemmeno quello che viene scritto.
      Ti inventi le frasi.
      Hai fatto minacce.
      Ti contraddici.
      Inutile che vai a tirare fuori citazioni fuori dai contesti.
      Ti avevo gia’ cancellato dal calendario.

    198. Grande Più uomo di te!!!!!!!!!!!!! Io etero convinto ma mio fratello è gay( convito anche lui) , ma in famiglia nessuno a mai detto o fatto qualcosa che potesse metterlo in imbarazzo, e il sabato capita molto spesso che usciamo insieme con i rispettivi compagni-e e i nostri amici, alla fine credo che , l’essere omofobo sia solo una richiesta di aiuto , per chi sa di esserlo ma non vuole o non può ammetterlo a se stesso o agli altri , o ha l’ha con il mondo intero e deve prendersela con qualcuno, non vedo proprio questo accanimento , vogliono una famiglia ma che ben venga , vogliono sposarsi ma che ben venga , le turbe psicologiche le hanno tutti i razzisti , non certo gli omosessuali 🙂 Dio a creato il mondo , gli animali ,la natura in generale , quindi se ha creato anche i gay vuol dire che sono naturalissimi 🙂 Un saluto e grande Palermo!!!!!!! 🙂

    199. wauh!!! 207 commenti ! lo sapevo ,lo sentivo .Qual e’ il record di Rosalio ?
      Ho riletto quello sullo stesso tema dell’anno passato.Devo dire che e’ stato molto serrato,anche forse un po’ piu’ approfondito e dibattuto di questo.C’erano se non erro 220 commenti

    200. Bellissima e divertente la citazione di Rosenthal.Anche quella autoctona di Piu’ uomo sugli eterosessuali e citazioni bibliche e’ davvero carina.
      Adesso che abbiamo superato i 200 ..calmiamo gli animi.Non credo che andremo poi tanto piu’ in la’.
      @caro Giorgio
      forse in alcune cose temi un riconoscimento di alcuni diritti protestati dai gay che ,non so se per fortuna o per danno,non saranno certamente riconosciuti qui in Italia almeno per un altro po’ di tempo.Troppo forte l’influenza della chiesa .
      Io temo invece,e in questo sono meno sicuro di te,che in Italia negli ultimi tempi ci si stia abituando all’idea di certo tipo di violenza,che come dici tu e’ diffusa ma che ha nei gay uno degli “oggetti” di “scherno” preferiti.Tutto condito di un sentimento omofobo persino vagamente politicizzato (pensa al berlusconico o mussoliniano :meglio bavosi che gay)
      Scusate …continuo…. tra breve

    201. ..penso che la societa’ sia matura per riconoscere alcuni di questi diritti analogamente a quelli riconosciuti ai coniugi.Come ho gia’ detto prima nutro dubbi seri sul diritto all’adozione o alla genitorialita’ all’interno della coppia omosessuale.
      Il concetto di natura e’ alla base di un’etica rispettabilissima ma va rivisto in diversi aspetti.
      Riguardo al francese di sinistra ritengo equamente che gente del genere deve soltanto sloggiare dai posti che occupa,all’estero cosi’ come in Italia.

    202. Ma perche il gaypride a Palermo??? ma dico tutti questi gay ci sono? vada bene il fatto che possano fare tra loro tutto ciò che vogliono ….. mai come in questo caso risulta opportuna la citazione “sono uccelli loro”, ma dico una cosa? le lesbiche ma ci riflette un pò? quanta passera sprecata?

    203. folklorista
      vedo che hai seguito il mio consiglio e sei andato
      a riscoprire l’archivio,il che denota molta buona volonta’ ed e’ un aspetto positivo del carattere.
      .
      Ora ti chiedo cortesemente di rileggerti i commenti di questo post,con attenzione,
      e poi mi dici chi e’ che ha manifestato concetti omofobi,chi ha insultato e minacciato,chi ha offeso,chi ha cercato di dare buoni consigli,
      chi ha aperto gli occhi ai lettori cosa vuol dire persecuzione degli omosessuali in tantissimi paesi del mondo,in alcuni dei quali si giunge ad eseguire la pena di morte per impiccagione.
      Ti risulta che in italia qualcuno sia mai stato impiccato perche’ omosessuale,o sbattuto in galera,
      negli ultimi cinquanta anni?
      .
      In quanto a me,lascia dire a me.
      Io non temo assolutamente niente dal fatto che i gay possano maturare determinati diritti.
      Io vivo la mia esistenza di etero e nella mia sfera di amici e conoscenti non ho cognizione
      di quel tipo di vocazione.
      .
      Io sono convinto che dietro queste rivendicazioni c’e’ una forte spinta politica,posizionata
      chiaramente a sinistra,che trova una forte resistenza nelle posizioni avverse.
      C’e’ un partito che e’ quello degli astensionisti,
      che stanno semplicemente alla finestra e non
      optano ne’per le posizioni dell’una ne’ per quelle dell’altra parte.
      .
      In quanto a Dominique Strauss Kahn,socialista e candidato a rivaleggiare con Sarkotzy,indipendentemente dal fatto che la vicenda sia vera o totalmente inventata,
      intanto si ritrova dentro e si parla di rischiare una condanna a 74 anni di carcere per avere commesso 7 reati considerati gravi in un paese come gli Stati Uniti d’America.
      Fra i capi di accusa c’e’ quello di SODOMIA,
      che tradotto per chi non lo capisse vuol dire
      consumare un rapporto sessuale CONTRO NATURA,
      cioe’ un rapporto difforme da quello che classicamente e’ un normale rapporto tra uomo e donna.Il Tribunale Penale considera tanto gravi questi capi d’accusa che si e’ rifiutato di
      rilasciare l’imputato dietro una forte cauzione
      (si parla di 1 milione di dollari).

    204. Giorgio cosa centra quel link? hai sbagliato post , devi entrare in un post dedicato allo schifo dentro la chiesa non , in questo che si parla dell’omosessualità e gay pride 🙂 🙂 Cmq oggi Napolitano si è detto favorevole a delle leggi contro l’omofobia e critica duramente chi sostiene che la gente omosessuale sia malata e che non debba avere uguali diritti!!! GRANDE NAPOLITANO 🙂 🙂 Finalmente le cose stanno cambiando !!!

    205. “Fate pure 100 gay pride, ho il cuore in pace così come l’avrete voi sulla rivendicazione di certi diritti che in Italia non avrete MAI come famiglie, perché la famiglia è un’altra cosa. Adieu.”

      Quindi un bambino orfano di padre o di madre non ha famiglia?
      Io sono sconcertata del fatto che ancora nel 2011 si paragonino gli omosessuali a dei BATTERI. Naturalmente ciò accade ancora SOLO in paesi estremamente arretrati culturalmente quali l’Italia (per non parlare del meridione).
      Concludo dicendo che l’esempio che hai fatto su Bob Sinclair è del tutto inadeguato. Qui si parla di violazione di DIRITTI UMANI, non di gusti musicali. Vieteresti ad un uomo di colore di sposarsi? Perché devi farlo in base a ciò che un individuo decide di fare sotto le sue coperte? Perché non impedire il matrimonio alle coppie a cui piace il sadomaso? Dopotutto è “innaturale” anche quello, non credi?

    206. Aggiungo: è inutile esultare per il numero di commenti ricevuti. L’essere un bravo blogger, non vuol dire sparare m**chiate che verrebbero CHIARAMENTE contestate, ma scrivere post ben argomentati su tematiche che si conoscono bene. Se vuoi più commenti, la prossima volta scrivi che sei hai esultato per il crollo delle torri gemelle, o per lo tsunami in Giappone, o che so, per le vittime dei campi di concentramento. TOH! un altro commento! CLAP CLAP

    207. Andrea
      mi pare che piu’ di una persona fra quelli che rilasciano commenti
      ha il vizietto di attribuire “interpretazioni”
      su concetti che,essendo scritti in perfetto italiano,hanno un preciso significato,ed unico,
      e non avrebbero bisogno di essere ripresi
      per poi sostanzialmente essere distorti.
      Questi soggetti,se hanno voglia di scrivere qualcosa,esprimano quello che pensano loro.
      .
      Ora veniamo all’omofobia.
      .
      Napolitano ha invitato,per quello che leggo altrove,a non essere omofobi verso gli omosessuali,
      a rispettarne la dignita’ umana e non deriderli.
      E su questo,io, sono perfettamente d’accordo.
      Ma quando gli omosessuali sfilano in gruppo in atteggiamenti provocatori nei confronti degli usi e costumi del resto della societa’ civile,porgendo il fianco alle reazioni della gente comune,
      Napolitano che dice?
      .
      Ci sono poi aspetti di questo tema che trovo difficili da capire.E mi riferisco al caso Strauss.
      Da una parte una dichiarata tolleranza,e poi scatta
      la denuncia per Sodomia?
      .
      Ho riletto i miei stessi commenti e non trovo alcun elemento di derisione ne’ alcun elemento
      “contro”il mondo dei gay.
      Ma nemmeno a favore.
      Ho solamente cercato di evidenziare determinate situazioni,come si presentano in uno scenario
      allargato anche oltre confine.

    208. Silvia Gil
      puoi spiegare cosa c’entrano i bambini orfani
      o i matrimoni di colore
      con le logiche del post?

    209. Andrea
      in questo post nessuno ha sostenuto che gli omosessuali sono malati.
      E’ la distorsione di altre affermazioni che
      puo’ portare a questo convincimento.
      D’altronde il tema del post non e’ quello di spiegare le cause dell’omosessualita’,
      ne’ credo che alcuno di noi, che abbiamo scritto,
      abbia le competenze a riguardo.

    210. Andrea
      dipendesse da me,
      quello che tu chiami “lo schifo dentro la Chiesa”
      lo risolverei
      permettendo ai preti di contrarre matrimonio.
      .
      Ma la Chiesa sotto questo aspetto non si puo’ condannare tutta quanta per il solo fatto che ci sono determinati elementi che
      contravvengono alle regole gia’ accettate
      al momento del Sacerdozio.

    211. Giorgio, perché non chiedi al tuo amico Tony cosa c’entri il discorso sulla famiglia? O il discorso dei batteri? O Bob Sinclar? Ho riportato la citazione apposta. Se non ti soffermassi sulla frase, e ragionassi un po’ sul concetto espresso, capiresti che GLI ESEMPI che ho usato c’entrano eccome. Voglio fare capire che i gay pride non sono manifestazioni inutili, ma lotte per i diritti umani.
      Se non vi piacciono le argomentazioni degli utenti, la prossima volta create un bel sondaggio con tre risposte: sono d’accordo, non sono d’accordo, mi astengo. Ma se dovete proprio richiamare tutti quelli che non la pensano come voi, vi conviene leggere prima i commenti off-topic che inserisce Tony Siino.

    212. Silvia sei una grande!!!! Che poi anche se fossi stata donna mi sarei offeso , visto che hanno paragonato la donna a mero oggetto sessuale, anche se loro la chiamavano femmina e non donna , comunque Napolitano l’anno scorso disse e usci su La Repubblica disse che il gay pride era un modo come un altro per manifestare contro l’omofobia e per i diritti degli omosessuali. Ma poi che centra ancora Strauss ? Vuoi che ti faccio tutti gli esempi di uomini etero che violentano donne? o bambini? E poi non possono contrarre matrimonio la maggior parte dei preti visto la loro omosessualità 🙂 🙂 E per tornare all’attualità come vedi l’ideologia estremista di destra alle votazioni non paga più 🙂 🙂 L’Italia si è resa conto che gli estremismi non servono a nessuno e vota per la democrazia e per il rispetto di tutti 🙂 @giorgio che senso ha dire no … non ho detto che gli omosessuali sono malati , e poi affermare , che gli omosessuali non possono sposarsi e non possono avere in nessun modo la possibilità di avere figli perchè avrebbero delle turba psicologiche ? 🙂 ti contraddici tu stesso 🙂 Come la maggior parte :)Per concludere cara Silvia questo paese è troppo maschilista , tutto gira sui gusti ( sessuali compresi ) degli uomini etero , spero che le cose cambino in fretta! w le donne e w le persone in generale tolleranti e che credono veramente ai concetti di amore e rispetto verso il prossimo

    213. Silvia Gil
      gia’ il tuo appare un intervento piu’ soft.
      Se tu e quelli che hanno a cuore le rivendicazioni dei gay si preoccupassero di
      ENUNCIARE
      cosa chiedono (un bell’elenco)
      e perche’,
      senza entrare a gamba tesa nella discussione e senza mostrare arroganza
      ed inutili provocazioni a partire dai nick name,
      non credi che sarebbe un passettino avanti?
      E poi,consentimi,il sondaggio tocca a voi predisporlo.
      Siete voi che conoscete bene la vostra condizione.
      .
      Inoltre,mi spieghi come mai non siete intervenuti a stoppare la disquisizione tra metereologo
      e meterologo,di un nostro simpatico ed onnipresente amico,che col post non c’entra un bel niente?
      .
      E come mai non siete intervenuti a stoppare gli interventi di uno dei vostri che e’ andato a ruota libera offendendo e minacciando ed in tal modo compromettendo ogni vostra rivendicazione?
      .
      Ancora,mi spieghi a che serve un gay pride a Palermo?
      Ammesso che le vostre richieste possano essere accolte,non sarebbe Roma la sede piu’ adatta?

    214. “…gli omosessuali non possono sposarsi e non possono avere in nessun modo la possibilità di avere figli perchè avrebbero delle turba psicologiche ? …”
      non mi pare di avere mai scritto una frase del genere.
      Semmai ho invitato quel nick provocatorio
      “sono piu’ uomo di te”
      a riprovarci con qualche altra,
      giusto che ha manifestato la voglia di avere figli.

    215. e poi,caro Andrea,sei decisamente inaffidabile.
      Stai continuando a distorcere.
      Qui nessuno ha catalogato la donna come mero oggetto sessuale.
      Io ho scritto che ci sono donne che hanno un forte appeal sull’altro sesso,ed altre no.
      Appeal non vuol dire solo attrazione fisica.

    216. adesso ti spiego quello che avrai letto frettolosamente.
      C’e’ stato un intervento di qualcuno che a proposito delle adozioni di minori da parte di coppie omo,ha detto che la cosa non viene permessa per evitare turbe psicologiche al minore.
      .
      In ogni caso sulle adozioni c’e ‘ molta prudenza
      anche quando l’adozione viene richiesta da coppie etero.

    217. Non sono intervenuta poiché mi sembrava eccessivo leggere la miriade di commenti degli utenti, mi sono limitata a leggere quelli del “fautore” del post.
      In secondo luogo non mi pare di avere offeso nessuno, contrariamente ai post di alto contenuto razzista scritti da Tony Siina.
      Terzo e ultimo punto: mi spiegheresti cos’ha Palermo di diverso da Roma? Da quanto ho letto oggi, sono più convinta che mai che sia il caso di farlo proprio nel capoluogo siciliano il pride.

    218. Giorgio, da qui a dire che la famiglia è UOMO + DONNA, ce ne passa tanto eh…

    219. i preti ,a mio parere, sono omosessuali
      per necessita’,come i carcerati.
      Infatti non a caso da tantissimo tempo c’e’ chi e’ favorevole al matrimonio dei preti.

    220. Silvia gil
      ovviamente scherzavo sul numero dei post,non era quello l’obbiettivo.Tanto e’ vero che ho anche riconosciuto che i commenti dell’anno passato erano forse piu’ interessanti .
      E poi a me piace giocare.
      @ Giorgio
      perche’ non hai colto la disquisizione lessicale su meteorologia etc etc come un aspetto dell’egemonia culturale che in ultima analisi determina la normalita’ e la non normalita’ (sempre che esistano)?
      Rigurado alla supposizione :
      “Le turbe psicologiche ” di un bimbo,di cui si parlava, ovviamente non sono conseguenza di una “malattia” ma di una domanda di apprendimento.Il bimbo apprende dal comportamento dei genitori o comunque delle figure genitoriali tutte le modalita’ essenziali di relazione: fare una carezza ,avvicinarsi ,parlare ,gesticolare:tutto e’ appreso dai genitori esemplarmente.Ebbene ,ribadendo che
      1
      ancora non ci sono sufficienti studi scientifici efficaci e dirimenti sull’argomento
      2 che vi sono comunque delle osservazioni su minori educati in ambiente di coppie omosessuali le quali non rilevano alcunche’ di patologico nel corso dello sviluppo delle abilita’ socio affettive relazionali
      3 che pero’ queste osservazioni sono realizzate in ambiente culturalmente e psicologicamente attento ,preparato,sensibile (cioe’ non abbiamo esempi “di quartiere”,”di strada” bensi’ come delle teche privilegiate dalle quali studiare il tutto)
      Considerato tutto cio’
      finora e’ prematuro emettere giudizi sull’argomento.
      Lasciamo infine perdere le cose di Chiesa altrimenti arriviamo a trecento post.
      Ciaociao

    221. Perche’ a Palermo
      non c’e’ il Parlamento Nazionale che legifera.

    222. in Italia,al 17 maggio 2011
      la Famiglia riconosciuta come tale agli effetti civili,
      con oneri ed onori,
      e’ quella che nasce dall’Unione Religiosa e/o
      Civile fra un uomo ed una donna,
      unione che comunemente si chiama Matrimonio.

    223. folklorista
      1.ma che sei geloso del successo del post?
      2.secondo te gli argomenti sono stati trattati,
      oppure una seria trattazione deve ancora cominciare?
      3.Riconosci che con le tue affrettate ed imprecise affermazioni hai contribuito ad incasinare le idee?
      4.Saresti in grado di sintetizzare ed elencare che cosa chiedono gli omo?

    224. ..finora si.
      Pero’ leggi le esperienze sul sito “Famiglie Arcobaleno “

    225. folklorista
      io scrivo obiettivo.

    226. Quindi secondo il tuo parere qualunque manifestazione andrebbe fatta solo nella capitale? Mah.

    227. folklorista
      e,dovresti smetterla con quelli che chiami studi scientifici.Semmai chiamali risultati di sperimentazioni.
      Di tanto in tanto vengono fuori storie di incesti padre figlio/figlia gia’ in situazioni etero,
      dove,chi ha una famiglia,sa benissimo che c’e’
      una riluttanza a questo tipo di rapporti.
      Secondo te il rischio cresce in casa di una coppia
      omo?

    228. Silvia Gil
      mi dici secondo quale linea logica mi poni la domanda che hai fatto?
      .
      Noi abbiamo gli Enti Locali,che sono il Comune,la Provincia,e la Regione,che hanno specifiche aree di competenza “locale”,e verso cui si fanno
      determinate Manifestazioni.
      .
      Poi abbiamo la Pubblica Amministrazione Centrale,
      con i suoi Ministeri,che stanno a Roma.
      Una modifica sull’ordinamento della Famiglia,
      essendo un provvedimento di respiro Nazionale,riguarda Roma.

    229. Buon proseguimento.vado a cena.

    230. Giorgio
      non Ti confondere e non farmi confondere
      Una cosa alla volta
      Comincio dalla piu’ importante:studi scientifici sono risultati dell’associazione pediatri americani,oltre che dell’associazione psichiatri americani .Non sono soltanto osservazioni sperimentali .Certamente la scienza non e’ nemmeno la conclusione cui arrivano questi studi , di queste fonti messe insieme.Proprio per questo la scienza ancora non ha prodotto univoca dichiarazione.Ci sono altri studi che dicono l’opposto.La corte europea invece sul piano di diritti ha identificato nel matrimonio omo una delle lecite e possibili forme di matrimonio.Molti stati rendono lecita l’adozione a coppie gay(pur con alcune limitazioni in alcuni casi).Molte coppie gay,anche in Italia,curano figli naturali di uno dei partner.Questi sono i fatti,e ce ne sono altri.Il caso scabroso di incesto che metti in gioco esiste nell’una e nell’altra ipotesi,ma e’ per l’appunto un crimine e non la normalita’.Obiettivo ed obbiettivo si possono entrambi scrivere.Non sono geloso del post.Perche’ dici questo ?effettivamente non siamo andati molto in profondita’ negli argomenti,ma sembra quasi che abbiamo cominciato adesso.Non sono impreciso,semmai cerco di non essere drastico nei giudizi che richiedono tempo,umanita’ e pazienza.Come gia’ ho scritto gli omo chiedono molte cose ,(non posso scriverle tutte):su alcune sottoscrivo,su altre mi astengo e se proprio per vita o morte dovessi essere chiamato a decidere adesso mi professerei ,per mia formazione ed intuito, contrario .Ma non precludo nulla.

    231. Secondo la linea logica che pur di farsi sentire, non solo se ne organizzerà uno Europeo a Roma tra un mese, ma che tantissime altre città italiane stanno aderendo all’iniziativa di farne uno separato. Non bisogna pensare che gli omosessuali siano una minoranza, non più.

    232. Buon appetito!

    233. Questa conversazione è durata anche fin troppo. e come dice Giorgio, è meglio evitare di intasare il blog con commenti del genere, poiché questa non è una chat. Tolgo il disturbo

    234. nessun disturbo,Silvia,prego,..lieti di averci onorato della tua presenza.alla prossima.

    235. folklorista
      in quanto alla possibile confusione,mi permetto di darti un consiglio,da estendere sicuramente a tanti altri,
      ed e’ quello di assimilare le tecniche di presentazione degli argomenti,
      visto che in questo blog c’e’ chi ne fa uso continuamente.
      .
      Basta verificare la pertinenza degli argomenti,esprimersi sinteticamente e con chiarezza,fscilitarne la lettura con lo stacco degli argomenti,ed il gioco e’ fatto.
      .
      Inoltre scrivere solo quando si vuole comunicare qualcosa agli altri,ed evitare possibilmente di
      riprendere continuamente i commenti altrui per estenderne il significato.
      .
      Il peggio del peggio lo realizza chi fa copia incolla o
      fa citazioni senza preoccuparsi del lettore.
      Per me,oltre la citazione,andrebbero presentati i contenuti.
      Non tutti conosciamo tutto.
      .
      Detto questo,ritengo che l’approccio di Silvia piu’ attento e misurato,abbia riequilibrato le posizioni.
      Certo,stiamo in Europa.
      Ma,le sfilate dovrebbero servire a migliorare l’immagine dei gay,e non peggiorarla.
      .
      Il problema della condizione gay e’ presente in tutte le parti del mondo
      ed ogni paese si regola in modo diverso.
      Mi fate scrivere ovvieta’.
      Ci sono paesi che ammettono il matrimonio fra omosessuali ed altri che li mandano alla forca.
      Perche’?
      Tra queste 2 posizioni ce ne sono tantissime di intermedie.
      .
      Non tutto quello che si fa porta solamente vantaggi.
      Prendiamo il divorzio.
      Si consente di aggiustare unioni sbagliate,ma comincia ad essere
      preoccupante il numero di divorzi e separazioni.
      Quando non c’era il divorzio facile,c’era piu’ attenzione a conservare l’unione familiare.
      Divorziare equivale ad ammettere il fallimento della propria scelta.
      E dopo?

    236. caro giorgio
      hai perfettamente ragione,sono stato confusionario nella proposizione degli argomenti e anche saltellante.Comunque una volta tanto me lo concederai.
      Adesso pero’ spetta a Te riconoscere qualcosa.Quando nei tuoi interventi hai stimato come poco scientifiche certe osservazioni e come impensabili le concessioni di alcuni diritti alel coppie gay,alla fine io ti ho rinviato ad alcune informazioni scientifiche ,ad alcune esperienze,ad alcuni atti formali della corte di giustizia europea per i diritti dell’uomo,che avvalorano invece le tesi opposte,o meglio ancora le tesi portate aventi dai nostri amici di parere diverso.Dovresti avere la pazienza di rispondere e fare una Tua considerazione specifica in merito.Non c’e’ soltanto il “regoliamoci come ci pare ” ma ci sono studi .Cosa mi dici ?

    237. folklorista
      dimmi in quale commento io “avrei affermato come impensabili le concessioni di alcuni diritti alle coppie gay”.
      Intanto,e tanto per non passare da cretini,perche’ non tiriamo fuori questo benedetto elenco di rivendicazioni?
      Dopodiche’ facciamo qualche test per vedere cosa ne pensa la maggioranza,e se e’ il caso,facciamo anche un referendum.
      .
      Le questioni di sesso sono sempre state trattate con grande discrezione,sia nell’ambito familiare,
      sia in quello scolastico,sia nella societa’ civile.
      Queste sono le nostre tradizioni.
      Se in TV ci sono eccessi,come effettivamente ci sono a certe ore,se la cosa ti infastidisce,puoi cambiare canale.
      Se sfili sulla strada,dovresti limitare gli eccessi.Gli eccessi alla fine ti etichettano e
      ricostruire un’immagine compromessa e’ dura.
      Ogni provocazione puo’ essere un boomerang.
      La mia opinione,come la tua,non puo’ influire sul destino dei gay.
      Inutile sollecitare la mia opinione.
      Io non faccio che tentare di descrivere la situazione che c’e’.
      Se ci sono resistenze a concedere determinate richieste,ci saranno anche dei motivi.
      Precisiamo le richieste e spieghiamo i motivi del diniego.

    238. @giorgio
      ..impensabili etc etc..mi riferivo al “contro natura” che e’ un argomento da Te usato:Se taluni considerano contro natura alcune cose e’ ovvio che collegarle a diritti scaturenti da esse e’ semplicemente impensabile.
      Sodomia:qui c’e’ una imperfezione giornalistica senz’altro.Credo che nel codice statunitense si tratti essenzialmente di violenza sessuale,il resto e’ la descrizione.

    239. Ti prego adesso non citare il divorzio ahahahah stiamo toccando livelli assurdi ! In tutte le cose è il modo in cui tu le usi che li fa diventare giuste o sbagliate , il divorzio è sacrosanto , per tanti motivi che non sto qua a scrivere perchè spero che tutti noi li sappiamo ma uno fra tutti , la rivendicazione femminile ! Il matrimonio o unione civile è anche quella sacrosanta , non si dovrebbero fare dibattiti o referendum !!! Sono diritti inviolabili , e poi non ti stupisce che sono i paesi evoluti e ricchi a sostenere i matrimoni gay e adozioni gay mentre i paesi più integralisti e poveri e meno democratici a non volerli? Datti una risposta tu solo Giorgio credo che sei in grado ! Non stiamo chiedendo la luna semplicemente il farci una famiglia e permettimi che la famiglia non è o per lo meno non è più la classica due genitori e 6 – 7 figli , ma oggi la famiglia è altro , la famiglia è quella , la famiglia è quella con un solo figlio , con due coniugi di sesso opposto che adottano , con du coniugi di stesso sesso , anche una madre vedova con un figlio PER ME è famiglia , o due zie di 87 anni che convivono è famiglia ! Cercate di non farvi influenzare dai dogmi della chiesa , che ha sempre portato conflitti e guerre ( con le dovute eccezioni) e che se ne sta seduta nelle sue poltrone d’oro e avorio mentre la gente muore di fame!!! Faremo una richiesta al parlamento europeo con valore immediato in tutti i paesi europei che ancora non hanno attivato garanzie e diritti alle coppie gay , con rammarico per persone come il Signor Siino !! ciao 🙂

    240. vox clamantis in deserto

    241. pienamente d’accordo con tony siino.
      (nonostante la simpatica battuta notturna di inizio maggio….)

    242. Andrea
      la mia educazione ,nel caso in cui qualcuno mi dice no,o piu’ esattamente MAI,
      mi porta semmai a chiedere PERCHE?
      ma non a coprirlo di insulti
      fino alle palesi minacce.
      .
      Io sono convinto che non tutti i gay sono di medesimo temperamento.Ci sono gli esibizionisti
      e Luxuriosi,e sicuramente ci sono i pudichi e quindi riservati.
      Gli esibizionisti hanno fatto danno.

    243. Folklorista
      mi sa che passi da uno svarione all’altro.
      .
      Punto 1 non puoi affibiarmi una dichiarazione per poi replicarmi che ti riferivi ad un’altra cosa.
      .
      Punto 2 io non ho mai usato il termine “contro natura”,finche’ questo termine non e’ stato tirato in ballo da uno dei provocatori,con associata minaccia.Anche questo termine mi e’ stato affibiato senza che io lo avessi mai scritto,prima di quel commento.
      Dopo quel commento non ho potuto far altro che chiarire cosa si intende con quel termine,sul quale esiste una storica documentazione con le ricadute penali,cosa che puoi facilmente riscontrare.
      .
      in quanto a questo indefinibile (preferisco) elemento
      che viene a censurare lo sviluppo del post,
      che c’e’ da dire?
      .

    244. folklorista
      guarda che io non ho mai usato il termine
      contro natura
      prima che qualcuno non lo tirasse in ballo.

    245. Andrea
      ah,dimenticavo.Non e’ me che devi convincere dei tuoi diritti inviolabili.Lo sai bene a chi li devi chiedere.Fin’ora io non mi sono pronunciato,
      e comunque,ho gia’ scritto che,qualunque cosa possiamo affermare qui,per voi non cambia niente.

    246. Andrea
      Ci sono bambini che hanno un solo giocattolo
      e stanno ben attenti a non danneggiarlo,
      ed altri,
      che passano da un giocattolo all’altro,
      anche uno ogni giorno,
      e questo grazie a certi genitori.
      Il divorzio e’ sacrosanto,pero’ non in tutti i casi.Mi pare che oggi si fa abuso sia di separazioni che di divorzi.
      In una situazione gia’ difficile,dato che ci si sposa mediamente dopo i trent’anni per le note questioni di precarieta’,e quando va bene si fa un figlio.Altro che controllo delle nascite.
      Qui andrebbero premiate le nascite.

    247. Io direi che si fa uso sbagliato del matrimonio non del divorzio caro Giorgio

    248. Minacce veramente non ne ho lette …. ho letto semplicemente un commento dove si scriveva che altra gente in altri paesi civili avrebbe denunciato le parole offensive di Siino e company, se queste sono minacce 🙂 Tornando a me io non rivendico nulla qua..ma si parla ed io esprimo il mio parere , o , dobbiamo pensarla come te? Giustamente come dici tu non tutti i gay sono di medesimo temperamento.Ci sono gli esibizionisti
      e Luxuriosi,e sicuramente ci sono i pudichi e quindi riservati.
      Gli esibizionisti hanno fatto danno.E io aggiungo come del resto per gli etero , ci sono gli esibizionisti i lussuriosi e quelli pudichi ….embè??? Hai scoperto l’acqua calda 🙂 Ci sono gay non effeminati che non diresti mai che sono gay e sono la maggioranza , i gay effeminati , i gay che vogliono una famiglia i gay che non vogliono una famiglia …embè? siamo tutti uomini e tutti diversi !!!Io se devo giudicare una persona o se devo dire ch’è un bravo padre o brava madre non guardo con chi va a letto ma guardo se da i giusti valori , i giusti insegnamenti e il giusto amore! A quante coppie etero toglierei i bambini e fidati che posso farti 1234 esempi di casi visto che lavoro nel sociale…eppure non dico…gli etero non devono avere bambini , perchè sarei uno scemo a fare di tutta un erba un fascio! Cosa che fanno alcuni , soltanto perchè vedono alcuni effeminati ( che sono liberissimi di esserlo ) ah allora i gay sono tutti effeminati ..ma dove? Io non sono per nulla effeminato , mi piace il calcio , sono abbonato , mi piacciono le macchine e sono GAY ..dunque? Sono gay quindi non possono educare i miei figli come o meglio di te? Ma per favore piantiamola di fare i finti moralisti , siete tutti cattolici e per la famiglia quando e come volete voi nelle parole!!! Voglio proprio vedere nei fatti, se fossimo veramente tutti credenti in un dio ch’è amore e perdono non saremmo qua a commentare questo post ! ciao

    249. C’e’ un punto debole nel tuo discorso ,Andrea:non si potra’ mai per legge dire “affidiamo e concediamo adozioni alle coppie gay non effeminate”…….o “non saffiche”

    250. 1.
      adesso,caro Andrea,credo di ritrovare la lucidita’ per riassumere l’implementazione che ha avuto questo post.
      Ci sono persone che hanno preso le distanze
      e persone che hanno condiviso.
      Molti si sono persi per strada,altri stiamo cercando di dare un contributo proprio alla vostra causa,facendo risaltare quegli elementi che possono essere a favore delle vostre richieste e quelle che invece non fanno che danneggiare la vostra immagine.
      Senza i Luxuriosi,i lascivi,gli esibizionisti,
      i provocatori,che abbiamo visto sfilare nei gay pride che ormai avvengono in tutto il mondo,
      credo che non verrebbe in mente a nessuno di contestare l’orgoglio di essere gay,anche se
      personalmente stento a condividere questa affermazione perche’ sono di quelli che pensano che e’ una affermazione inutile.
      Ne abbiamo sentite di queste affermazioni,
      tipo l’orgoglio di essere siciliano o palermitano,citta’ dove pure da morto devi stare in attesa per essere sepolto(solo x dirne una).

    251. 2.
      veniamo ai supposti OT.
      C’e’ chi ha affermato che il divorzio e’ stato una conquista.Ne sono convinto anch’io,ma non al 100%
      perche’, come ho spiegato,in molti casi “prima”
      alcuni matrimoni si potevano salvare ed oggi non piu’.
      Un altro ha introdotto il concetto di contro natura
      e cosi’ mi ha dato lo spunto di fare una ricerca e
      vedere come viene regolato questo concetto in vari paesi del mondo.
      Sono argomenti troppo complessi e le ragioni per cui uno stato si comporta in un modo ed altri in un altro modo,andrebbero richieste a quegli stati.

    252. 3.
      l’intervento di quel ragazzino che dichiara 22 anni
      e’ stato quanto di piu’ dannoso si possa immaginare a sostegno della vostra causa.
      Rileggete e meditate.
      A chi ha rilasciato commenti a sostegno,
      chiedo di commentare l’affermazione:
      …Un giorno al mondo ci saranno solo gay e donne…
      In pratica la fine del mondo.

    253. 4.
      le citazioni.
      rispondo solo con :
      oggi ho comprato un pigiama nuovo,e stanotte
      dormiro’ meglio.

    254. Semplicemente perchè per sposarsi o vivere insieme ci vuole amore STOP!!! Per crescere i figli ci vuole amore STOP! E non ripetere più che al gay pride ci sono lussuriosi o ecc ecc … perchè non è cosi …io ci sono andato( e non sono lussurioso ) , famiglie etero ci sono andate , amici miei gay ci sono andati amici etero miei ci sono e ci vogliono andare anche quest’anno , quindi ti prego non sparare castronerie ( per essere educato)su questo argomento PER FAVORE!!! Mi vergogno di essere Italiano , e sopratutto mi vergogno di essere rappresentato al potere da gente omofoba , lussuriosa , ignorante , integralista cattolica ( solo nelle parole ) me ne vergogno ma spero che quella minoranza di gente onesta , tollerante esca fuori per far tornare un pò di civiltà in questo paese che tutto può definirsi tranne che EUROPEO!

    255. la religione.
      oggi anche l’Italia e’ un paese cosmopolita
      e quindi,a parte la classica distinzione tra
      laici e clericali,
      c’e’ da tenere presente le osservanze imposte dalle altre religioni.
      Qui aiuta il Link (non esaustivo)che ho dato sopra
      su come si regolano determinati paesi.

    256. Andrea
      Solo se vai a rivedere quello che mostra la TV sui gay pride,
      puoi renderti conto di come stanno le cose.
      Comunque credo che adesso stiamo girando intorno
      agli stessi argomenti,
      per cui,se non ti dispiace,
      chiuderei,e mi pare di avere dato abbastanza.
      Auguri.

    257. Orgoglio gay? ma di che parlate? Non esitono più gentiluomini di una volta che tenevano nascoste le conquiste femminili fatte? ma vi immaginate una manifestazione di etero dove vengono premiati quelli/e che se sono fatte/i di più.
      Eppure credo che questa manistazione serva per mettere in mostra la merce, non si sa mai.
      La famiglia gay? che ipocriti, ma se cambiano patners come le mutande.
      @ a giorgio ed andrea: datevi appuntamento al gaypride secondo me tra voi c’è feeling.

    258. ecco un altro sbruffone che non ha capito una mazza.
      Avresti potuto (e dovuto)
      chiudere 2 righe prima.
      .
      Adesso non tocca a me la replica,non avendo io alcuna esperienza dei comportamenti gay.
      .
      Pero’ mi chiedo:tu come fai a sapere che i gay cambiano continuamente partner’s?
      ne hai esperienza?

    259. German posso risponderti solo con una grande e bella pernacchia prrrrrrrrrrrr 🙂 🙂 Comunque sarei lieto di diventare amico di giorgio o di andare al pride con lui , non lo farebbe diventare gay ma tu resteresti sempre tu … Ciao German 🙂 Appena avrò un bambino con il mio compagno ti manderò una lettera , ma credo tu sarai già emigrato in un altro paese…magari l’Iran 🙂

      P.s
      Togliti il nome German :)Proprio la germania è pro alle unioni tra gli omosessuali e le adozioni 🙂 quindi mettiti come nick “Uomo” iraniano 🙂

    260. sipario,please

    261. Buona la prima ! ciack.
      The end

    262. leggendo questo articolo mi hai fatto pena… non ho mai letto delle cose così ridicole.. provo imbarazzo per te

    263. Ale.il film e’ finito,via scio’ da dietro le quinte….via

    264. Quante volte lo devo ripetere che il Pride non è un “GAY PRIDE” ma è il PRIDE di TUTT*??! Lesbiche, Gay, Bisex, Transgender, Intersex, Queer, Etero, Asessuali !!!
      E Pride non è ritenersi superiori a chi non è trans* o non è gay.. Pride è amare se stess* per come si è (o per lo meno volerci arrivare..non sempre ci si accetta A CAUSA DI QUESTA SOCIETA’ SESSISTA, MASCHILISTA E MACHISTA!) senza vergogna o sensi di colpa…essendo semplicemente se stess*!

    265. mi pare che hai sbagliato post.
      Qui e’ gia’ calato il sipario.
      .
      Ti do’ il link corretto:
      .
      http://www.rosalio.it/2011/05/21/palermo-pride-2011-oggi-parata-concerto-e-festa/#comment-319639

    266. Ma lo dite voi che il sipario è calato? ma veramente!!! se è calato andatevene via voi…e di fare silenzio lo dici a te stesso al massimo!!

    267. Ma insomma ! volete allora che raggiungiamo davvero i trecento commenti ?
      Basta.
      L’invito era piu’ che altro rivolto a dirigersi verso il nuovo e piu’ aggiornato link.

    268. Comunque mi piace l’intervento di Candy Honey

    269. C’è un’ignoranza abissale sul tema del Pride. Mi vergogno a nome di giornalisti che scrivono pur non essendo minimamente informati. Intanto il Pride siciliano non è mai stato chiamato “Gay Pride”, ma solo “Pride” proprio perché sottolinea l’importanza di essere orgogliosi di se stessi, qualsiasi sia l’orientamento sessuale. Ai Pride partecipano associazioni, famiglie, genitori di persone omosessuali, amici, eterosessuali che credono nella battaglia per i diritti civili. La parata è uno spaccato della popolazione. su 10.000 persone inquadrano i 15 “esibizionisti” e già basta per etichettare tutti. C’erano bambini, persone anziane, adulti, ragazzi, donne, uomini, bianchi e neri! Il Pride di ieri è stato espressione di libertà. Inoltre vorrei ricordare che c’è stato un mese di eventi a precederlo, eventi serissimi: incontri, convegni, assemblee, discussioni, appuntamenti culturali anche all’interno dell’università, ecc. Questo articolo è assolutamente superficiale. Il Pride è l’orgoglio di essere se stessi, non in quanto migliori di altri, ma in quanto unici, persone con una propria individualità che hanno bisogno di amarsi, accettarsi ed essere fiere di sé.
      Vorrei che la finiste con questa storia dell “eteropride”, il Pride è per tutti, non per gay. Se viveste un solo giorno da gay a Palermo capireste cos’è la discriminazione e quanto il rispetto della gente non sia così scontato. Nessuno vi ha mai minacciati in quanto etero, gli eterosessuali hanno il diritto alla famiglia, i gay no. Inoltre non capisco cosa significhi “ognuno può pensare ciò che vuole”, c’è gente che pensa che io sia malata o uno scherzo della natura, non è più un’opinione, è un pregiudizio con le sue conseguenze. Uno è libero di dire “la terra è piatta!” senza essere chiamato “ignorante”? Assurdo.

    270. essere se stessi mostrando le tette (rifatte ad un uomo)…

    271. @gaia
      mi piace anche l’impostazione psico-umanista del Tuo intervento.
      Sotto questo punto di vista l’orgoglio dei siculi deve in primis manifestarsi ..cacciando a calci nel di dietro chi ci governa e rigettando in toto la mentalita’ mafiosa.Spero lo facciamo tutti presto.
      E Non ditemi che non c’entra nulla.Grazie

    272. caro marco
      se ti leggi bene i commenti,
      il sipario e’,o meglio era calato,
      per esaurimento di commenti,
      e qualcuno aveva pure scritto di essersi scocciato
      del dialogo fra 3 o 4 persone.
      Se avete altri temi da sviluppare,
      eccomi pronto.
      Di che vogliamo parlare?

    273. ..eran 300,eran giovani e forti..
      comunque ,l’ultima notizia,secondo Repubblica,e’ che alcuni manifestanti hanno,tanto per smentire l’omofobia,subito violenze fisiche e verbali inqualificabili alla fine della manifestazione.
      Non siamo mai superficiali,il problema esiste

    274. Folklorista, delle ragazze che conosco, tra cui la segretaria di arcigay, sono state palpate, denigrate e le hanno anche tirato addosso una bottiglia di vetro. E poi mi vengono a parlare di “eteropride”.

    275. La violenza e’ ormai agita come gioco ,non ci si accorge piu’ del limite fondamentale e sacro del rispetto altrui.Questi fatti intristiscono molto.
      Eppure,come dicevo,proprio vicino alla manifestazione ieri ,passando,ho colto e credo sia innegabile riconoscere la positivita’ della gente che stava li’,la gioia e lo spirito di pace amico.Sensazioni ed emozioni che ormai sono smarrite camminando nelle vie delle nostre citta’.

    276. Più uomo di te, Psicologo, Marco e Andrea hanno lo stesso indirizzo di posta elettronica e IP uguali a coppie.
      Silvia Gil se non ti dispiace sta a me stabilire che cosa sia off-topic.
      Giorgio e il folklorista non sta a voi decidere se e quando i commenti a un post siano da concludere o da dirottare altrove.

    277. @ Rosalio
      io ho scritto “sipario please”,che e’ solo una richiesta,una decisione, se cosi’ si puo’ chiamare,
      a livello individuale,proprio per il fatto che avevo il sospetto che dietro ci fosse un teatrino
      tutto sommato ben architettato.
      Infatti senza le provocazioni il post si sarebbe esaurito rapidamente,ed invece in questi 300 commenti, per chi sa leggere,emergono tanti risvolti interessanti che riguardano i gay
      ed assimilabili.
      .
      In quanto al Gay Pride Palermitano,la presenza di certi personaggi gli da’ una connotazione
      politica che io considero inappropriata,in quanto
      anche nelle file avverse c’e’ la consapevolezza che questo e’ un problema aperto che nel tempo dovra’ essere definito.
      .
      In quanto alla omofobia,mi sono convinto che c’e’ qualcuno che non sa nemmeno di cosa parla,anche se ne fa uso frequente,appioppando a questo ed a quello l’appellativo di omofobo non appena questo o quello manifesta opinioni contrarie alle sue.
      .
      Intanto il problema dei diritti civili riguarda non solo il mondo dei gay,ma anche quello delle coppie di fatto,conviventi etero che non sono disponibili al matrimonio.
      In questo senso “…quasi quasi mi faccio un etero pride…” avrebbe una ragione aggiuntiva …

    278. ..era uno spunto polemico contro chi si permette invece di definire “atturrunare” la continuazione della discussione.
      Psicologo pero’ scrive meglio….

    279. folklorista
      rimane un aspetto fondamentale da spiegare.
      perche’ non si vogliono dare i diritti civili
      di cui godono le coppie sposate,
      alle coppie di fatto,gay o etero che siano.

    280. Che c’entrano le coppie di fatto? Se una coppia è “di fatto” vuol dire che non vuole assumersi i diritti e gli obblighi che comporta il matrimonio. O vogliamo “sposarli” per forza, magari con un matrimonio di serie B?
      Secondo me, in astratto, lo stato non dovrebbe occuparsi di “matrimoni”, che attengono alla vita privata ed alle convinzioni dei singoli. Se lo fa è perché riconosce -ed è accettabile- che nell’unione stabile tra un uomo e una donna si possa ravvisare un qualche interesse pubblico degno di tutela.
      Ma se i soggetti in questione non vogliono contrarre questo negozio giuridico perché dovremmo riconoscere diritti ad una famiglia che neanche vogliono creare?
      Sugli omosessuali il discorso è diverso e praticamente semplice. Se una società, nel suo complesso, identifica come famiglia l’unione stabile tra un uomo e una donna, aperta, non necessariamente obbligata, alla filiazione, non c’è storia, l’unione omosessuale non rientra in questa fattispecie. Se viceversa si ritiene che famiglia sia l’unione stabile di qualunque coppia di esseri umani legati sentimentalmente, allora non c’è storia nemmeno, si tratterebbe di un “diritto negato”.
      Mi chiedo però perché si debba allora negare questo diritto ad altri tipi di unioni stabili fondate sull’affetto e sulla solidarietà reciproca? Penso alle unioni poligamiche o a quelle incestuose. Certo, queste sono generalmente così riprovate, da escludere a priori qualunque riconoscimento. Ma in fondo il principio è lo stesso. Fino a pochi anni fa, per le unioni omosessuali era lo stesso, ora una parte crescente del mondo le considera “normali” e finirà prima o poi per farle “sdoganare”.
      I gay pride servono essenzialmente a questo. Sono un’arma di pressione culturale per fare cambiare testa alle persone.
      Però io resto della mia idea tradizionale. Anche se vincerete, come prevedo, non cambierò idea. L’unione omosessuale non mi pare degna di una tutela giuridica pubblica. E non vorrei essere linciato solo per questo motivo. Anche questa è una questione di libertà.
      Non sono molto ottimista sul futuro di una società che non distingue una famiglia secondo il diritto naturale da una unione qualunque, però prima di tutto sono un democratico. Sta, starà, bene ad una maggioranza netta, qualificata, di cittadini e noi che ci sentiamo offesi da questa involuzione siamo una minoranza? Ebbene, fate le vostre leggi e nessuna persona sensata si opporrà.
      Ma nessuno mi toglie dalla testa che dietro questa campagna “mondiale” dei diritti omosessuali ci sia qualcosa di molto, molto più grande di noi e con finalità diverse da quelle apparenti.
      Comunque, se ci credete, auguri per le vostre sfilate.

    281. servirebbe
      un intervento che chiarisca quali sono
      i diritti civili di cui gode una famiglia italiana
      tradizionale,
      cioe’ con coniugi regolarmente sposati
      civilmente ed anche religiosamente.
      Poi va ancora spiegato perche’
      tali diritti si negano alle coppie gay
      o alle coppie etero che
      non sono disponibili a contrarre
      matrimonio civile o religioso.

    282. ci sono in Italia e nel mondo tantissimi casi di coppie etero,cioe’ costituite da un uomo ed una donna,che hanno anche figli,e che per particolari motivi non vogliono il matrimonio tradizionale,
      ma vorrebbero godere di determinati diritti.

    283. Cito. “L’unione omosessuale non mi pare degna di una tutela giuridica pubblica.”, vorrei intanto capire perché hai usato un parola riguardante la sfera della dignità della coppia. Perché, a parer tuo, le coppie omosessuali sarebbero indegne di avere diritti? Una coppia costituita da due donne o da due uomini è una coppia che non ha alcuna differenza con una etero. C’è l’amore, i litigi, le incomprensioni, le dolcezze, l’intimità, i progetti insieme. Quindi non vedo perché questa differenza tra chi ama una persona del sesso opposto e chi ama con la stessa intensità una persona dello stesso sesso. Entrambe le coppie hanno la stessa DIGNITA’. “Non sono molto ottimista sul futuro di una società che non distingue una famiglia secondo il diritto naturale da una unione qualunque” una famiglia secondo il diritto naturale? Eh? Ma cosa significa? Il diritto, la legge, non cresce sugli alberi, è una continua evoluzione di pensiero tesa a migliorare la vita dei cittadini. O forse vuoi dire che l’omosessualità è contro natura? Anche questa è una falsa credenza. Ci sono molti modi di contestare questa frase. Il primo, il più logico, parte dalla definizione di natura: “l’insieme degli esseri viventi e inanimati considerato nella sua forma complessiva, nella totalità cioè dei fenomeni e delle forze che in esso si manifestano” quindi è naturale tutto ciò che si presenta in natura. Ciò significa inoltre che non tutto ciò che è naturale è buono e bello, la natura comprende tranquillamente in sé stupri, omicidi, poligamie, violenza, eterosessualità, omosessualità, transessualità, accoppiamento, affetto, odio. Sta a noi discernere secondo la morale umana ciò che è giusto da ciò che non lo è. E abbiamo stabilito che ingiusto è ciò che limita la libertà di un altro individuo o lo ferisce. Siccome l’omosessualità non fa nessuna delle due cose, non solo è naturale come ogni altro fenomeno umano e non, ma non ha nulla di sbagliato. Inoltre, per dovere di cronaca, bisogna ricordare che esistono tantissime specie animali che formano coppie stabili omosessuali e allevano i propri cuccioli con esemplari dello stesso sesso. L’omosessualità è stata riscontrata in più di 450 specie animali. L’omofobia solo in una. Quale, tra questi due, è il comportamento “contro natura”?
      Si continuano a dire le peggiori bestialità sulle persone omosessuali, voglio che sia chiaro: le persone omosessuali provano attrazione e si innamorano di individui dello stesso sesso. La differenza è tutta qui e certa gente ne fa un caso di stato, come se fossero il diavolo incarnato o dei sovversivi. Sono solo persone che vogliono i propri diritti in quanto cittadini che amano allo stesso modo, che gestiscono la propria vita con la stessa serietà, che sono adulti e vaccinati, che fanno progetti sul futuro come qualsiasi altro. Mi dispiace che oltre alla Palermo che usa il cervello ed il cuore ce ne sia una che è così… Medievale.

    284. Cara Gaia,
      il tuo lungo intervento dimostra che è un dialogo tra sordi, fatto essenzialmente di insulti. Quello che volevo dire nel post è che si tratta di due dimensioni incommensurabili: all’interno di ciascun sistema di valori il sistema altrui è assurdo. Se non si trova un meta-sistema che li comprenda entrambi è impossibile qualunque dibattito. Vince la maggioranza e opprime la minoranza. E questo, comunque vada, non è bello.
      Sarebbe meglio che sul diritto civile ci fossero convinzioni largamente diffuse e maggioritarie.
      Potrei ribattere punto su punto, ma preferirei un atteggiamento più distaccato. Vedi, per me tu non sei né “bestiale” né “medievale, come io sono per te. Come facciamo a continuare a parlare? Se cambi linguaggio ci possiamo provare.
      @ Giorgio dico questo: ma le coppie di fatto non sono quelle che dici tu. Lì il problema è che ci sono coppie che vogliono essere “di diritto”, ma “solo un po”, non accollarsi tutti i diritti e doveri del matrimonio, ma solo alcuni. Oppure solo qualche diritto, ma non i doveri.
      E’ opportuno che uno stato regoli due tipi di matrimonio? Uno di serie A e uno di serie B (giacché le convivenze resterebbero comunque un’altra cosa)? Su questo permettimi di essere un po’ scettico. Però, per carità,…
      Forse a questo punto è allora meglio tornare all’antico regime (prenapoleonico, che vige ancora nei paesi anglosassoni); lo stato regolamenta pochissimo di doveri e diritti tra coniugi, per il resto ci sono i “contratti paramatrimoniali”. Se vai a frugare negli archivi siciliani, troverai un sacco di “contratti di matrimonio”, fatti davanti al notaio e diversi gli uni dagli altri. Fino al 1860, infatti, in Sicilia non esisteva il matrimonio civile.
      Dicono, però, che il matrimonio civile sia stato una forma di tutela per il contraente di solito più debole, e cioè la moglie tradizionalmente, mentre “all’antica” la moglie poteva spuntare negozi più favorevoli solo se aveva alle spalle una famiglia potente.
      Lo Stato, secondo me, è entrato nella materia del matrimonio nell’età contemporanea, un po’ per proteggere la donna, un po’ per proteggere la filiazione.
      Deregolamentiamo tutto? OK, ma non ci lamentiamo poi che anche qui vincerà il più forte.
      Che poi magari oggi sarà anche la donna, chissà…

    285. Devo dire che nella sua pars destruens anche il discorso di Ciccio mi intriga e mi trova quasi d’accordo.
      Cioe’ nei luoghi ove richiama la poligamia e l’incesto.

    286. Più sopra sono stati ampiamente chiariti il significato dell’asterisco ed i temi del pride.
      Ribadisco che mettere il tag “finocchi” è un insulto. E’ come scrivere un articolo su Palermo e mettere il tag “terroni”.

      Aggiungo un altro paio di cose, che ho postato nei commenti ad un altro post di questo blog:

      Il nome esatto è Palermo LGBTQ Pride, dato che non riguarda solo i gay, ma anche le lesbiche, i/le trans, e le persone queer, ma ovviamente per la maggior parte di persone la sigla LGBTQ è misteriosa. Inoltre c’è una forte componente di eterosessuali, sia tra i partecipanti che tra gli organizzatori, quindi andrebbe aggiunta anche la E.
      Per questo, per semplicità, si è scelto di chiamarlo semplicemente Palermo pride 2011.

      Ovviamente partecipare al pride non è obbligatorio. Sarebbe invece obbligatorio per tutte le persone per bene condividerne le rivendicazioni: una città ed una civiltà più accogliente, in cui nessuno venga picchiato, umiliato, licenziato, sottoposto a esorcismo o a pseudo-terapie o ucciso solo per il suo orientamento sessuale o per l’identità di genere.
      Si tratta di diritti che sono riconosciuti in parte dalla nostra Costituzione, e per esteso dal diritto dell’Unione Europea, ma che in Italia vengono disattesi puntualmente. Non solo, ma le persone LGBTQ vengono insultate per strada, nelle aule del Parlamento, in tv.
      Nel nome di una cultura malata, che fa dell’intolleranza e della violenza sulle minoranze una bandiera e un vanto.

      La “pagliacciata”, come qualcuno tra voi ama chiamarla, è consistita in 3 settimane di eventi culturali (spettacoli, concerti,mostre di foto, anteprime di film), sociali e politici, oltre a feste, cene e aperitivi: 3 settimane con un calendario fitto di eventi, tutti molti partecipati.
      Al culmine di questi eventi, un corteo con 13 carri, a cui hanno partecipato 20.000 persone (15.000 secondo la Questura). 20.000 persone di ogni età, orientamento sessuale, estrazione sociale che credono nella possibilità di un mondo diverso.

      Ma la vera questione è un’altra: se il pride non vi interessa, perché perdere tempo a denigrarlo? Cosa c’è che vi turba davvero? Cosa può interessare ad un eterosessuale in pace con sé stesso ed il proprio orientamento sessuale se 20.000 persone manifestano per ottenere diritti e per rivendicare orgogliosi il diritto di chiunque ad esistere, amare e lavorare?

    287. ma guarda che la Palermo 2011 non ha alcun motivo di manifestare orgoglio,semmai ha motivo
      di vergognarsi in merito a svariate questioni.
      In genere chi si vergogna,cerca di passare inosservato.

    288. ancora,guardatevi questo link
      .
      http://www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20100721_00/testointegrale20100721.pdf
      .
      nel 2008 ogni 1000 matrimoni
      risulterebbero 286 separazioni e 179 divorzi
      .
      Famiglie in crisi,altro che amore.

    289. comunque,questi benedetti diritti continuano a restare sommersi,nonostante gli inviti.

    290. come restano sommersi i motivi che portano alla negazione di queste rivendicazioni…

    291. 301 !!!!!

    292. Forse,piu’ che tendere al riconoscimento di pari diritti si dovrebbe proprio cercare di riscrivere una parte del codice civile e delle norme di legislazione sociale.

    293. tra diritti zero e pari diritti
      ci possono essere tante vie di mezzo.
      .
      Intanto la via seguita mi pare la meno adatta
      per ottenere qualche cosa o anche tutto.
      A cominciare dalla madrina.
      Io avrei scelto uno che di nome si chiamasse
      Continenza.Inoltre Vladimiro e’ un nome russo,
      che ben si addice con le bandiere rosse,la falce ed il martello,come si vede su youtube.
      Il peggior modo per chiedere qualcosa ad un governo di centro destra.
      .
      Comunque,continuo a non vedere emergere i motivi del diniego.
      .
      Folklorista,come al solito ti trovo disattento.
      Se non c’e’ la volonta’ politica di fare queste concessioni,
      non e’ tempo di mettere mani al codice civile.

    294. UOMO + DONNA + BAMBINO = FAMIGLIA
      UOMO + UOMO + BAMBINO = DISTRUZIONE DEL BAMBINO….
      Ma è tanto difficile da comprendere ???
      Tenetevi le vostre carnevalate e riservate la strade palermitane per manifestazioni più serie.
      Ah, se si potesse tornare indietro di 70 anni…!!!

    295. Di primo acchitto l’osservazione che fa Siino con la frase : “che cosa c’è da essere orgogliosi?” mi lascia molto perplesso. Non so se contenga più disprezzo, greve ironia, o banale superficialità. Preferisco l’ultima ipotesi , mi perdoni Siino ma mi è sembrata un’uscita assai infelice perchè già implicitamente pone un punto di vista discrimante e delle barricate difficili da superare. Di conseguenza il dibattito comune mi sembra che scivoli sulla stessa china con sfumature più o meno diverse. Esaltare e rivendicare le differenze, da qualunque parte le si osservino, è solo un ulteriore esercizio di speculazione. Ognuno è quel che è, basterebbe questo semplice e banale pensiero per far comprendere che il punto centrale della discussione non dovrebbe essere dimostrare ciò che è più bello, o più socialmente accettabile, ma cercare di verificare realmente la nostra capacità di rispettare realmente, senza sofismi o falsi moralismi, chi ha fatto scelte diverse dalle nostre. Ne siamo veramente capaci? Questo è il punto. Essere gay o etero è semplicemente una diversità assolutamente individuale e ingiudicabile del modo di gestire la propria vita. Senza commenti.

    296. “ognuno e’ quel che e'”?
      Ma quando mai!
      Se fosse vera questa affermazione,
      l’Universo sarebbe immobile,
      mentre tutto quello che ci circonda, e noi stessi, tutto e’ in continua evoluzione.
      Panta rei.
      Noi stessi a 10 anni siamo una persona,a 20 un’altra ed a 30 un’altra ancora.
      C’e’ chi si impegna continuamente per evolvere
      in positivo il carattere,la personalita’,la formazione culturale e c’e’ chi si gioca il tempo che pure lui /o lei) ha a disposizione per il nulla.
      Prendete Facebook.
      Per molti e’ un’opportunita’ di arricchimento e per altri, che si pongono al centro del mondo, un veicolo x esternare pensieri
      di grande spessore intellettuale e certamente vitali, del tipo ho fame,ho voglia di una passeggiata,adesso vado a prendere un caffe’.
      Eppure sono convinto che se qualcuno facesse notare a questo genere di persone il fatto che stanno sprecando un’opportunita’,queste persone
      modificherebbero il modo di comportarsi.
      .
      Ora veniamo all’ultima frase.
      Qui nessuno mi pare che voglia giudicare il fatto che uno abbia tendenze gay o etero.
      Qui si discute del fatto che la societa’ in Italia si basa sulla famiglia,che in quanto tale,cioe’
      uomo,donna,figli,gode di determinate tutele e
      benefici.La famiglia ha una sua precipuita’.
      Richiede un matrimonio.
      E’ come dover pagare il biglietto per vedere il film.No ticket,no family.

    297. giorgio a mio avviso proprio perchè tutto scorre dovremmo essere capaci di guardare agli altri accettandone l’universalità e senza voler imporre il nostro modus vivendi ( questo intendevo non certo quello di girarsi dall’altro lato per non guardare). Evolversi non significa certo cristallizzare regole e comportamenti accettati in un unicum irreversibile. Per ciò che riguarda la seconda parte del tuo commento non mi sembra che la discussione generale si sia sviluppata su ciò che da te è auspicato che forse poteva essere uno stimolante momento di confronto perchè è un tema che si porta dietro secoli di storia, di cultura, di religione, di abitudini. In realtà invece mi sembra che ci sia limitati a una specie di gara di vanità per dimostrare, da ambo le parti, solo chi è meglio di chi…Buonasera

    298. vi do 3 links
      la cui visione e’ consigliata solo agli etero,
      tanto per non perdere di vista le nostre radici.
      .
      http://it.wikipedia.org/wiki/L%27origine_du_monde

    299. Condivido quasi completamente i commenti di Ciccio.
      Gaia chi non la pensa come te sarà pure “medievale” (e libero di esserlo, anche orgogliosamente).
      Daniela nel post parlo di finocchi maschi e finocchi femmine…poi se qualcuno non l’ha letto tutto e si limita al tag…

    300. ciccio
      nessuno vieta a 2 persone di presentarsi davanti ad un notaio e disporre come gli pare.
      Qui il punto e’ ben altro.
      La famiglia,in Italia,gode si sostegno,di agevolazioni,principalmente per il fatto di farsi carico della perpetuazione della specie.
      Sostegno ed agevolazioni intaccano il bilancio dello Stato.
      Paesi piu’ ricchi possono decidere di fare una politica diversa da quella che si fa in Italia.

    301. L’organizzazione del pride dimostra due cose:
      – durante la settimana si organizzano eventi, mostre, spettacoli, convegni seri e interessanti, addirittura con personalità di spicco della società e della poltiica.
      – l’ultimo giorno la parata tipo carnevale, dove si c’è di tutto e di più, senza limiti e con tanta esagerazione ed esasperazione del proprio essere tale.

      E’ chiaro che io sono completamente a favore degli eventi che ci stanno prima, ma sicuramente il pride (che poi è quello che purtroppo risalta di più agli occhi dell’opinione pubblica) a mio avviso fa un grosso danno alla causa LGBT.

    302. Tony, non ruberò il tuo tempo nel risponderti seriamente perché l’han già fatto Daniela, Giulia (almeno).
      Solo una notarella, siccome di mestiere fai il mestiere che fai. Se un semplice e elegante asterisco rosa ti sembra “tascio” come quella roba che hai disegnato, forse dovresti cambiare mestiere, eh?
      (ps. ho scritto questo commento con intento provocatorio,intelligenti pauca)

    303. Post tanto inutile quanto di cattivo gusto.
      Tony, potevi fare decisamente di meglio….e risparmiarti nella polemica patate e zucchine allusive.
      Personalmente trovo questo post offensivo….ma sia chiaro, non nei confronti degli omosessuali!
      Fossi in te avanzerei proposte più utili e intelligenti! 😉

    304. In vari ambienti, come in quello LGBT, si chiedono uguaglianza e pari opportunità, ma allo stesso tempo si pretende un reato specifico (parlando di argomenti seri) e si organizza ogni anno una sfilata per marcare l’orgoglio LGBT…c’è qualcosa che non va!
      Se sono donna, perché ne devo andare orgogliosa se non quanto un uomo lo può essere di se stesso come genere maschile? Se uccidono un vecchietto, un bambino, o una persona omossessuale, allora la vita di una determinata “categoria” vale di più rispetto che ne so, ad un ragazzo etero???

    305. Cetty, mi pare chiaro che il concetto Pride nasca dal discorso che l’omosessualità è stata ed è fino ad oggi in molti casi fonte di vergogna e repressione in alcuni individui che non si accettano come tali e si conformano al modo di vita degli altri vivendo vite appunto represse e incivili. Il termine pride è un termine storico di queste manifestazioni che vuol dire “orgoglioso” di essere quello che sono, non mi vergogno e non mi nascondo. Io che sono eterosessuale non ho certo bisogno di dire che sono orgogliosa di essere etero (e lo sono per quanto mi riguarda) perchè nessuno eterosessuale è messo nella condizione sociale di doversi vergognare di quello che è, o invece di accettarsi ed essere orgoglioso di quello che è. Negli anni 40 negli Stati uniti i bianchi non facevano manifestazioni per i propri diritti, i neri si. Mi pare ovvia quale sia la differenza. Stiamo veramente a dirci “ma io mica mi vanto di essere etero?”, lo faccio ogni volta che bacio un uomo in pubblico, o in cui posso dire mio marito e tutto il resto. Poi si può essere favorevoli o meno alle coppie omosessuali, ma veramente noi etero stiamo ancora a dire “Io mica faccio l’etero pride”, è un discorso di una stupidità immane. Tipo che un bianco nel Mississipidegli anni 50 dicesse “Embè io sono bianco, mica rompo i coglioni!”

    306. Per quanto riguarda poi il pride come manifestazione in sè io non vedo nulla di così sconvolgente, non capisco cosa ci sia di sconveniente nel carnevalesco visto che il carnevale poi è una cosa che festeggiamo tutti. Queste persone si manifestano per quello che sono, il termine gay significa proprio gaio, felice, è la loro essenza e le persone vanno rispettate per la loro essenza. Devonoo invece manifestare composti perchè? Perchè normalmente si fa così. Ecco, quindi l’omosessuale accettato solo nel caso si “normalizzi”, l’omosessuale accettato solo quando si comporta da “normale”, come hanno scritto alcuni sopra io accetto i gay non le checche. Quindi niente contro i gay a patto che non si veda che sono gay.

    307. Condivido in toto ciò che ha detto sara!
      Ma poi che c’è di male in una botta di allegria in una città che di motivi per essere triste ne ha a bizzeffe?! e divertitevi na volta tanto!

    308. Scusatemi, ma da amica di tantissimi gay mi rifiuto di accettare che la comunità lgbt deve essere un fenomeno da baraccone, che deve fare ridere e essere sempre sopra le righe.
      Non esistono solo effeminati e stravaganti, la maggior parte per fortuna sono invece persone tranquille e non esibizioniste.

    309. toni, praticamente fai conto che ti ho levato il saluto. basta che fate tutti i tochi e i palermitani 2.0 e poi mi cadete su ste cose? parlate dei vostri cavolo di viaggi,di app e di degustazioni e arte,ma il cervello e il cuore dove li avete? questi sono commenti da soliti palermitani chiusi, di quelli che poi se il figlio si suicida per la loro mancata accettazione manco lo capiscono… la realtà di queste persone è molto di piu, e se si utilizzano manifestazioni anche sopra le righe, beh, a parte che non fanno male a nessuno, ci sono delle ragioni anche storiche sotto. comunque sia, nella palermo reale c’è gente che soffre veramente per la sua condizione lgbt e non puo neanche partecipare a queste manifestazioni perche rischia troppo. riflettete su questo

    310. Voglio perdere due minuti della mia vita per dire semplicemente che questo post è profondamente stupido, altro che intelligenti pauca. Talmente stupido da meritarsi questi miei due preziosi minuti, complimenti.

    311. @Fabio G.
      condivido assolutamente… sacrifico anch’io 2 minuti della mia vita per commentare… E poi riproporre un post del genere come “Il meglio di…Toni Siino” …

    312. @evakant e pensare che io ero indecisa se iscrivermi a Comunicazione a Palermo o a Milano. Grazie al cielo ho optato per altri lidi. Chiaramente libertà di pensare che il gay pride sia una cosa negativa, che lo siano le coppie omosessuali etc..io stessa sono contraria a certe rivendicazioni dei gay (tipo le adozioni) ma leggere che gente che “collabora con comunicazione” scriva articoli, nel 2013 e con un età che supera i 13 anni, riferendosi agli omosessuali tirando in mezzo i finocchi, le zucchine e i carciofi (vogliamo parlare del tag che accosta le parole omosessuali, finocchi, gay?) e con frasi tipo “noi normali”. Che dire? Mamma che tristezza.

    313. Ci mancava solo una cosa del tipo “Io preferisco fare i cortei dove posso stare dietro, i carciofi preferiscono stare davanti” o qualche battuta sulle saponette cadute negli spogliatoi. Boh, io le metto qui, magari possono tornare utili per l’articolo per il prossimo pride.

    314. Torno a ringraziarvi tutti per i commenti, i consigli e gli insulti ma soprattutto per la tolleranza per chi non la pensa come voi…siete puri interpreti dello spirito del Pride, indubbiamente. 🙂
      Giada un post con tanti commenti e Mi piace ci può stare agevolmente ne “Il meglio di”…

    315. ahah per la serie pigghiati chista! ahah grande tony!!!

    316. Tony, Non volevo essere offensiva (parlo del mio commento) solo che leggendo il post sinceramente mi sono chiesta perché riproporlo, visto che comunque molti dei commenti (che si, sono tanti…) sono negativi (o sbaglio)? Non mi è piaciuto il modo in cui è stato commentato un evento come il gay pride, che già di per sè scalda gli animi, magari ho frainteso il senso delle argomentazioni… ma credo che su un tema come quello dell’omosessualita (considerando quanto sia difficile per molti riuscire ad accettarla e farla accettare a famiglia, amici e società, da arrivare alla disperazione…) bisogna andarci con i piedi di piombo e non con troppa leggerezza e (come sinceramente mi è sembrato leggendo) superficialità ” (vedi asterisco tascio).
      Sono stata a tanti gay pride qui in Germania, dove per fortuna la situazione di chi è omosessuale è più facile che a Palermo. E li ho sempre vissuti come una “festa”, sinceramente non mi ricordo neanche quale simbolo avesse il gay pride l’ultima volta…

    317. sono ancora + basita dalle leggerezza con cui l’argomento viene commentato. è come se foste andati alla marcia di washington del ’63 a chiamare martin luther king bongo bongo. prima si pensava impossibile non trattare gli afroamericani come schiavi, ora pensate impossibile garantire i diritti civili di base ai gay.

    318. Giada è stato riproposto perché è un punto di vista diverso. Ci sono commenti contrari? Guarda i Mi piace. E poi che c’entra? Se la gente è contraria alla mia opinione va soffocata? Ecco perché parlavo di tolleranza…e detto da una sostenitrice del Pride mi fa sorridere.
      Cry89 il tag c’è perché nel testo si parla anche di finocchi (vegetali).

    319. Riflessioni semi-serie in merito (come l’impostazione del post impone…)
      avevo già espresso qui http://www.rosalio.it/2013/06/14/palermo-pride-2013/#comment-957421 e a seguire più articolatamente, il mio pensiero in merito all’argomento.
      Peraltro vedo non troppo dissimile da quello contenuto in un paio di commenti di Colorina qui sopra…
      In sintesi manifestavo perplessità sulla leggerezza nel rappresentare temi e battaglie relative all’omosessualità ove l’approccio sia (anche) fatto di sfilate carnevalesche che inducono ad equazioni improprie del tipo: lustrini e piume di struzzo= omosessuale. (…si lo sappiamo: è una festa, etc, etc…ma non condivido lo stesso)
      Leggerezza quindi che stupisce possa passare in scioltezza con poche riflessioni in merito, mentre verso Tony ci si traccia adesso le vesti accusandolo di…leggerezza.
      Che magari voglia essere volutamente provocatorio, proprio per tanta cecità su certe riflessioni un po’ più articolate che invece si imporrebbero?
      Semmai – viste le riflessioni di cui sopra da parte di Colorina – non so cosa lei ne pensi del suo beneamato sindaco Orlando, che a mio avviso indulge in questo equivoco di cui dicevo prima, cavalcando la demagogia di andare in conferenza stampa con le piume di struzzo…
      Colorina che avendo tuttavia guadagnato diversi punti ultimamente in altro post, ha tutta la “etero”-benevolenza possibile…. e per la quale anzi – prevedendo strali da parte di stalker per quel suo “tantissimi ” amici gay – prometto che proverò a mettere se del caso una buona parola… 😉

    320. Tony Siino,
      io personalmente non ho detto che non la penso come te, è stata solo una tua deduzione se hai creduto così.
      L’imbecillità e la pochezza di quel che hai scritto nel post resta, del tutto a prescindere dal fatto che io abbia o meno una visione del mondo come la tua.
      Se poi consideri “furbo” o “scartu” dire che chi ti considera poco intelligente sia semplicemente un intollerante, beh, non fai che avvalorarne le idee: trucchetti degni delle elementari.
      Parlando in generale, senza riferimento a te, se io dico “sei cretino”, non mi puoi rispondere “intollerante, lo dici perchè non sono d’accordo con te”: io ti ho detto “sei cretino” perchè penso tu sia cretino, e basta.

    321. Fabio G. se scrivi che il post è stupido, cosa sicuramente diversa da ciò che penso io, la deduzione è corretta con ciò che ne consegue.

    322. Non hai il coraggio di scrivere le cose, Siino. Devi dire così: “Se mi consideri cretino, allora sei di certo un intollerante”. Magari vedendolo scritto ti renderesti conto che è un ragionamento idiota e illogico. Se penso tu non sia in grado di capire questo semplice pensiero, e comunque te lo scrivo, questo cosa fa di me?

    323. Questo post è molto provocatorio, ma in molte considerazioni si rasenta la banalità.
      Il gay pride è un evento di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sull’omosessualità e non un modo per dire che i gay sono meglio degli etero.
      Il modo “carnevalesco” con cui questo viene realizzata, e che neanche io apprezzo, raggiunge tuttavia lo scopo di far parlare di se e far discutere, proprio come sta avvenendo nei commenti di questo post. Con una semplice “conferenza sui gay” probabilmente l’evento resterebbe circoscritto ai soli “gay friendly” ma non sposterebbe l’opinione pubblica.

      Detto ciò, penso che l’unica cosa che non condivido e il rispetto dell’omofobia. Questi atteggiamenti non vanno rispettati nè incoraggiati, non perche “eticamente sbagliati” ma perche questo modo di pensare causa problemi ai giovani ragazzi che si scoprono gay, CHE voi “NORMALI” NEMMENO IMMAGINATE. Sapete COSA VUOL DIRE VIVERE NEL TERRORE DI DELUDERE I GENITORI?? Sapete come si vive male quando si è costretti a fingersi diversi solo per paura di non essere accettati? O a cosa si prova quando i vostri amici scherzando usano l’insulto “frocio”, per descrivere non solo i gay ma in genere le persone stupide/inette?

      Il gay pride vuole eliminare questo, vuole incoraggiare la gente a non avere paura di ciò che si è, avere la forza di andare contro questa mentalità.
      Il termine pride “orgoglio” va preso con le pinze, tranne rare eccezioni secondo me all’inizio nessuno era orgoglioso di essere gay, sarebbe stato molto più semplice nascere gay!

      Un blog come questo deve stare attento a veicolare certi messaggi, i concetto base che secondo me tony vuole ribadire è “per me i gay sono normali, che bisogno c’e di un gay pride?” ma purtroppo Tony in tanti lo dicono, ma pochi lo pensano, anzi a dire il vero sono pochi anche quelli che lo dicono e basta!

    324. AKA13 non so se ti rivolgi a me ma non è mia intenzione chiedere di rispettare l’omofobia, invece chiedo rispetto per chi critica o considera bizzarri gli omosessuali: la tolleranza che si chiede è quella che si dà. Per il resto di una cosa sono certo: i gay non sono speciali.

    325. Tony parlo proprio di te, di Chi altri? Non è una questione di non accettare le opinioni diverse, anche perchè una cosa è il disprezzo un altra e l’indifferenza , penso tu sia più per questo orientamento, ma certi discorsi incoraggiano l’omofobia in chi è in partenza omofobico. Nemmeno io penso che i gay siano speciali, pur essendolo, ed anche io disprezzavo l’omosessualità (sopratutto dopo aver realizzato di esserlo, e la cosa mi faceva male). Tuttavia ci sono modi e modi di parlare di argomenti così delicati e il tuo è stato, permettimi, errato.
      Un post del genere lo voglio vedere anche per la giornata dell’olocausto! D’altronde cos hanno di speciale gli ebrei? Non sono mica stati gli unici a morire?
      Ma su questo non faresti mai ironia, perchè? Perchè il blog verrebbe massacrato. Dei gay invece ci possiamo anche permettere di fare osservazioni “fuori dal comune” tanto in fondo in fondo non se ne frega nessuno!
      Sull omosessualità ci sono troppo tabù e troppi stereotipi, non se ne parla mai seriamente e quando lo si fa, si usano stereotipi (banane contro patate o gli opinionisti “checché ” nei talk show) ma questo non rappresenta la realtà! E come se io pensassi che tutte le donne sono delle “escort” prendendo come riferimento veline olgettine e via dicendo. C’è gente che soffre e lo fa in silenzio senza gay pride, perchè di orgoglio non ne conosce neanche il significato e si nasconde vergognato di essere ciò che è, e questo per cosa? Per colpa di mentalità ed atteggiamenti simili. Chissene frega dei matrimoni o delle adozioni, basterebbe che essere gay non fosse più una cosa strana, che non ci fosse bisogno di fare coming out. Nessuno penso abbia mai
      Scelto di essere gay, perchè all’inizio nessuno voleva esserlo, non è una moda e non fa Figo! Sei sei finocchio ti pestano a legante, ti insultano e possibilmente non ti danno nemmeno la patente!!

    326. Tony Siino…….bravo……la penso esattamente come te. Organizziamo allora un etero pride?….ahahah

    327. Il simbolo “tascio” mi sta bene quello che hai scelto….contattami e organizziamo data, location e quant’altro.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Quasi quasi organizzo un "etero pride"..., 3.7 out of 5 based on 6 ratings