domenica 19 nov
  • Nuovo pizzino di Ciancimino sulla trattativa?

    Massimo Ciancimino
    (foto di Mystère Martin)

    Un nuovo pizzino di Massimo Ciancimino indirizzato al padre Vito in carcere presumibilmente agli inizi degli anni ’90 e sequestrato durante una perquisizione è stato messo agli atti al processo Mori.

    Il testo:

    «Per papà. Ho visto Giancarlo come da appuntamento: ho posto i tre quesiti (“T”, “18 P” e se era possibile prima della Cass. andare a casa). Mi ha detto che fino ad ora non ci sono novità. Restano i vecchi accordi presi con te. T non fa niente prima della sentenza P. Dichiarazioni dei pentiti (nuovi) su di te non dicono nulla. Le ha lette. Aspetta insediamento del nuovo a Palermo. (È amico), per sapere notizie dei nuovi assetti. Per quanto riguarda P – aggiunge – si preoccupa di interventi esterni e per poterli arginare ha bisogno di parlare con te. Abbiamo stabilito che è il caso che vi incontriate al più presto. Come te lo spiego giorno 12 al colloquio. IMPORTANTE: per il giorno 14-1-93 puoi fare la rinunzia a presenziare in udienza. Per il giorno 18-1-93 aspetta mie istruzioni che posso darti solo io il giorno 12».

    Il pizzino.

    Ciancimino ha spiegato il significato dicendo che il ”Giancarlo” citato sarebbe Giuseppe De Donno, all’epoca capitano del Ros e braccio destro del generale Mori, e che “T” sarebbe un riferimento ai tubi in cui si trovavano delle mappe che avrebbero permesso la cattura di Totò Riina su indicazione di Bernardo Provenzano, 18 P sarebbero i giorni prima della perquisizione del suo covo per permettere di ripulirlo. “Il nuovo” secondo Ciancimino sarebbe Giancarlo Caselli e il pizzino parlerebbe di un ipotetico incontro tra don Vito e Provenzano mentre era latitante.

    Palermo
  • Un commento a “Nuovo pizzino di Ciancimino sulla trattativa?”

    1. Ma che simpatico burlone questo Massimo. stava
      ponendo in essere una mostruosa strage nel centro
      urbano (lui assente verso la Francia).
      Osa ancora turlupinare magistratiinquirenti e giudici?
      La stampa? l’opinione pubblica?

    Lascia un commento (policy dei commenti)