domenica 19 nov
  • Aperta inchiesta su una nave al porto per l’odore di gas in città

    La Procura di Palermo ha disposto accertamenti su una nave ancorata in porto da cui da giorni proviene un forte odore di gas avvertito in diversi quartieri della città. Si occuperà dell’inchiesta la Capitaneria di porto.

    I primi accertamenti fanno suppore che non vi sia alcun pericolo per la salute e per l’incolumità pubblica poiché l’odore deriverebbe dalle operazioni di pulizia dell’imbarcazione sulla quale verranno caricati rifiuti speciali destinati a essere smaltiti in Danimarca.

    Palermo
  • 8 commenti a “Aperta inchiesta su una nave al porto per l’odore di gas in città”

    1. Se l’odore è quello, non oso immaginare cosa abbiano sversato in mare, durante la pulizia.

    2. Che mettano a conoscenza la cittadinanza con cosa ci stanno facendo male. E’ scandaloso, sono giorni che 24 su 24 il centro storico è avvelenato da questo schifo. Per quanto ci riguarda abbiamo avvertito bruciore alla gola e giramenti di testa. Stiamo già provvedendo ad una denuncia.
      Ma è normale (ammesso che sia la verità) pulire una nave (con prodotti ovviamente chimici) nel centro di una città?!
      La giunta comunale e il sindaco dove sono?! Che si mettano a lavorare, facendo sgombrare immediatamente la nave, invece di starsene in vacanza con i soldi pubblici di noi contribuenti.
      Nessuno si interessa nemmeno più della salute di una intera popolazione, vergognosi.

    3. Ieri davanti al porto la puzza era di CACCA!!! altro che gas, immondizia e roba chimica varia.

    4. Figuriamoci, non hanno fatto nulla in tutti questi anni, perchè dovrebbero scomodarsi adesso?!!

    5. Attenzione, questa notizia falsa gravemente la realtà! Mi spiego: abito in piazza Acquasanta da 6 anni e, ad intervalli regolari, c’è sempre stato questo odore acre e nauseante, soprattutto d’estate. Ho segnalato la situazione alle autorità. Niente. Poi ho iniziato ad indagare ed ho scoperto che il problema è pluridecennale ed è causato dall’accumulo di liquami ed altre amenità in un bacino di raccoltà reflui a cielo aperto situato ed abbandonato all’interno dei Cantieri Navali, al confine con la ex Manifattura dei Tabacchi, più o meno a metà della via Gulì.
      Che il forte odore provenga dalla “nave ancorata in porto” quindi è impossibile.

    6. Confermo quello che dice Ivan, c’è una puzza incredibile su tutto il lungomare, dal porto sino alla cala e proseguendo ancora. a intervalli è di petrolio/gas, di carogna, di cacca di cane, di monnezza..di schifo. E’ talmente forte che è diventato l’odore di Palermo. Bella presentazione diamo a chi sbarca in gruppi di centinaia di persone tutti i giorni dalle nave da crociera. Bella soddisfazione diamo ai cittadini che respirano per non morire ma respirano aria fetida

    7. E di luntanu venunu li furasteri a massa dicennu la Sicilia chi ciauru ca fà …

    8. Confermo anche io, che abito alle spalle del Politeama. Oggi sono scesa per accompagnare mia sorella a prendere la macchina. La puzza di roba in decomposizione, era altissima.
      Ed io fumo, per cui dico da sempre, ho le narici bruciate! Per sentirlo io questo odore di roba in decomposizione (pensate che mi sono chiesta se mi fossi portata dietro in macchina qualche sacchetto di spazzatura, inavvertitamente), ce ne passa!
      l’odore é di roba in decomposizione, le ipotesi sono: impianti fognari non efficienti; mancata od incompleta bonifica dei tratti della Cala;Non controlo del regime degli scarichi al porto di Palermo, di chi scarica, che regolamentazioni abbia, se esistano, a chi si deve risponderne.
      Facciamo chiarezza? Prima di soffocare fra i miasmi?

    Lascia un commento (policy dei commenti)