martedì 12 dic
  • Palermitani: istruzioni per l’uso

    Palermitani. Istruzioni per l’uso. Esempio 1: do una moneta al posteggiatore abusivo, accenno un sorriso di solidarietà, aggiungo un «per lei…», e saluto con un cenno del capo. Nemmeno mi ringrazia. Esempio 2: sbatto una monetina sul palmo del posteggiatore abusivo, «tie’!», dico, senza guardarlo. Aggiungo: «Ricordati che t’ho pagato, non ti presentare più per stasera». Fa un mezzo inchino: «Vada tranquillo, dottore. Buona cena dottore, e grazie mille dottore».

    Palermitani. Istruzioni per l’uso. Parte seconda. Esempio 1: discuto di qualcosa che conosco bene con un commensale. Questo m’interrompe di continuo, cominciando ogni frase con un: «No…aspetta. Ti spiego io come stanno le cose». Esempio 2: stesso commensale, altra cena. Esordisco così: «Tu che ne sai più di me, carissimo, mi spiegheresti…». Felicità dipinta in volto. Magma di parole. Riesco persino a infilare un discorso.

    Palermitani. Istruzioni per l’uso. Parte terza. Esempio 1. Alla tizia ingaggiata per portare mammà a prendere un gelato all’aperto: «Non occorre che conservi gli scontrini. Mi fido di lei». Conto mensile gelati mammà: totale euro 60. Esempio 2. «Signora, voglio tutti gli scontrini, dal primo all’ultimo, e non ammetto extra di nessun tipo. O così, o ci salutiamo». Conto mensile gelati mammà: totale euro 25.

    Palermitani. Istruzioni per l’uso. Parte quarta. Esempio 1: discuto non ricordo più con chi della possibilità di fare non ricordo più che cosa. Mi raggela: «Seee! Ti pare facile?». Esempio 2: discutendo con lo stesso non ricordo chi della stessa non so che cosa, comincio: «Sarebbe bello, ma non è facile…». Risposta: «Perché? Che ci vuole?».
    E mi pare persino indignato.

    Palermitani. Istruzioni per l’uso. Parte quinta. Esempio 1. A un negoziante di dischi: «Cerco le colonne sonore di Ennio Morricone per i primi film di Dario Argento». Smorfia sprezzante: «Ma picchì, esistono? Quando mai Enniomorriconi ha lavorato con Dariargenti!». Esempio due (bluffando): «LEI una volta mi ha parlato di una cosa di Morricone fatta per Dario Argento. Musica rarissima, spedita apposta per LEI da un rappresentante del nord che solo con LEI ha contatti…».
    Si scapicolla: «Sì, sì… un attimo che controllo».

    Palermo
  • 16 commenti a “Palermitani: istruzioni per l’uso”

    1. Ah ah ah, divertente (a parte la “cresta” sui gelati di mammà, naturalmente).
      E tutto molto vero, purtroppo…

    2. E bravo Giacomo,adesso anche acuto osservatore dell’animo palermitano… Un grande,insomma.

    3. Una grazie mattutino Fabio & Fabrix.

    4. Bellissimo. Tanto esilarante quanto vero.

    5. Molto divertente, ma lo titolerei: Umanità:istruzioni per l’uso.

    6. i posteggiatori abusivi non si pagano!

    7. sacrosanto!

    8. Credo che a queste scene-ggiate vi si possa assistere un po’ dappertutto, non solo a Palermo, non fare del palermitano una macchietta.

    9. @Andrea: chi non ha mai sganciato scagli la prima pietra (non sul posteggiatore, anche se la tentazione sarebbe forte).

    10. hahahah bellissime ^__^

    11. Sul fatto che si potrebbe dire “umanità: istruzioni per l’uso” sono quasi d’accordo. Tranne la falsità e vigliaccheria nel “rapporto” palermitani/posteggiatori. E tranne, soprattutto questo: “m’interrompe di continuo, cominciando ogni frase con un: «No… aspetta. Ti spiego io come stanno le cose».” E’ uno dei principali motivi per i quali chi non è masochista preferisce venire a Palermo solo in vacanza e non viverci. Il contrasto, autentica follia, tra la presunzione ammatula e scimunita della maggioranza dei palermitani e lo stato vomitevole della città. Pertanto piena di dottori, professori, maestri, avvocati, ingegneri, commendatori… dottori ri stà min…chia!
      … e qualche volta terminano la frase dicendo: allura, non hai capito niente…

    12. Bellissimo, ha ricostruito il quadro perfetto del palermitano ,Vastasu , cretino, ignorante , presuntuoso.

    13. @anna: sempre con le dovute eccezioni…

    14. no, per Anna non c’è eccezione che tenga. I palermitani su tutti, pari pari, vastasi etc. etc.
      Mi verrebbe voglia di risponderle a tono e, almeno per una volta e per quanto concerne il vastasu, confermare la sua tesi.

    15. Vi invito a essere rispettosi nei vostri commenti. Grazie.

    16. Scusatemi tutti, rispetto tutti i PALERMITANI civili,detesto gli incivili e vastasi,nei vostri commenti leggo sempre critiche negative sui vostri concittadini,e di come è ridotta palermo.Perdonatemi!!!!siete i migliori!!!(una buona parte di cittadini)

    Lascia un commento (policy dei commenti)