giovedì 24 ago
  • 29 commenti a “Pista”

    1. Gli è andata bene che non si sia trovato davanti un’edicola come quelle che ci sono lungo le piste ciclabili tra piazza Croci e “la statua”…

    2. E quella in via Autonomia Siciliana? Dove costantemente stazione un fruttivendolo con il suo camion?

    3. Le piste ciclabili di Palermo fanno penare! Sono state progettate senza pensare a metodi validi per evitare il parcheggio abusivo di mezzi sopra di essi, successivamente si corse ai ripari con questi dissuasori, dalla bellezza ed utilità discutibile, e per finire manca totalmente la manutenzione e il controllo dei vigili urbani. Le piste ciclabili furono fatte “pi fiura”, qualcuno ha mai provato a usarle? In alcuni tratti è un continuo sali e scendi (che mette a dura prova i gioielli di famiglia), costruite dalla larghezza esigua, “T’A scantari” se qualche auto parcheggiata apre all’improvviso lo sportello perchè ci si ritrova a villa Sofia con commozione cerebrale.Ah dimenticavo, in alcuni tratti ci sono curve a 90 gradi, sarà che sono un principiante, ma come si affrontano curve con un angolo cosi netto? a mio avviso le piste ciclabili dovevano essere pensate come quella costruita nel tratto del giardino del foro italico, sede ribassata rispetto al marciapiede, e cordolo di cemento lato strada! Ma siamo a Palermo, la città che ha “pi fiura” un sindaco, un consiglio comunale, e tanti cittadini che si proclamano amanti di questa città.

    4. e comunque, al di là delle piste ciclabili progettate da scimmie ammaestrate, se si devono prevedere dei dissuasori per non far parcheggiare le auto, vuol dire che la strada verso la civiltà è ancora lunghissima.

    5. (ops scusate il doppione) la tastiera del pc è impazzita

    6. La colpa è di Bocca. Se i piemontesi ci avessero lasciato in pace con i Borboni, a quest’ora avremmo le migliori piste ciclabili d’Europa.
      Questa è, suppongo, la tesi che sosterrà il solito masturbatore mentale.

    7. zelig@ magari no. o magari sì, non possiamo saperlo. di certo però, se ci fossimo veramente “liberati” da soli, e non fossimo stati invece invasi e colonizzati e costretti a milioni ad emigrare, magari avremmo più rispetto per noi stessi, e dunque anche per la nostra società e per la nostra città. e magari, qualcuno non avrebbe questa sorta di gusto masochistico che gli fa provare piacere nel farsi offendere gratuitamente da uno pseudo intellettuale razzista, mezzo rincoglionito, nato a cuneo e vissuto a torino, dico, no a parigi, berlino, londra.. a torino, che credimi è ben diverso.
      detto questo, le piste ciclabili di palermo sono oggettivamente assai scarse.

    8. HO UNA BICI MAI UTILIZZATA PERCHE’ PALERMO NON OFFRE NESSUNA TUTELA AI CITTADINI

    9. …io so soltanto che qui ,quelle non protette da cordoli,sono preda dei “doppifilisti”,quelle di palermo non sono piste ciclabili,sopra il marciapiedi a dividere lo spazio con passeggini,cani pensionati e picciriddi,non la prenderei mai!

    10. Visto che non sapete dove si trova questa opera d’arte , io vi posso garantire che è un’esclusiva per la nostra città , questo mostro è collocato in Via F.sco Crispi e la cosa più oscena è che serve ad impedire ai motocicli di salire sulle piste ciclabili.C’è da vergognarsi , ma che volete le ciclabili a Palermo sono queste…. a dimenticavo non fate quelle di Via Venere ciclisti poiché rischiate la vita…. Comune provvedi!

    11. In viale Venere le piste ciclabili sono occupate perennemente dalle automobili dei residenti…

      Da cittadino comune, mi offro volontario per la rimozione degli ostacoli (con una ruspa della gesip).

    12. date un’occhiata a cosa succede nei paesi più civili del nostro. altro che dissuasori e cordoli. andate al minuto 2.28. a palermo e nella maggior parte delle città italiane sarebbe una strage, un tiro al bersaglio da parte degli autosauri, come minimo bestemmie a non finire contro i pedalatori che osano “appropiarsi” delle strade…che onta!
      http://www.youtube.com/watch?v=ucEXc-VP_q8
      *buone pedalate a tutt* 🙂

    13. i misteri della vita…stalker 🙂
      di cittadini “autosauri” olandesi e tedeschi incontrati qui (costa azzurra) sono dei veri criminali…quelli dotati di camper i peggiori,
      e uso l’autostrada cittadina tutti i giorni da quasi 20 anni un po’ d’esperienza cè l’ho :-)))per non parlare degli sguizzeri,lontani parenti di quelli visti tra i recinti alpini…a casa loro “repressi” e fuori si sfogano?da sociologia!
      invece il mediterraneo tiene una condotta,diciamo piu’ lineare…sempre vastasi!;-)

    14. nissa, e pure tu c’hai ragione! 🙂

    15. Triste realtà, se si facesse un blog, dove si discutesse solo di note positive sulla propria città, noi palermitani non avremmo argomenti……………………………………………………………………………………………. ah si scusate (il sole, il mare, le stigghiole, il panino con la milza)

    16. @stalker

      sono commosso a guardare il video…

    17. Sono contento che il mio scatto abbia aperto una discussione!!! Volere è potere! mio figlio vive a Ferrara e usare l’auto non è neanche pensabile, perchè per loro è ne DNA pedalare! A casa non ci pensa neanche per fare 100 metri!Eppure sarebbe facile e soprattutto bello!! Cominciamo a pedonalizzare il Centro Storico! Un posso alla vota anzi.. una pedalata alla volta! Mak

    18. La pista della foto la conosco: è la classica pista sbagliata nel posto sbagliato.
      Nel senso che non serve messa lì perché non c’è un’utenza potenziale (nessuno fa quella strada in bici, ad es. per andare al lavoro).
      Pertanto mi chiedo: perché è stata realizzata?
      Forse per “investire” soldi pubblici?

    19. alla fine si parla di bici e mi viene l’allegria, comunque sia.
      tre link
      ***
      una canzonciella
      http://www.youtube.com/watch?v=2r0PswKw8l8
      ***
      ‘na cosa bella
      http://www.youtube.com/watch?v=LZSOx_a-VYM
      ***
      e di bici e di parole, di pedali di vita e di poesia
      http://www.movimentofisso.it/
      *
      besos

    20. Le piste ciclabili a Palermo sono state create con l’unico scopo di foraggiare gli amici degli amici.
      Sono stati spesi centinaia di migliaia di euro tanto per dire che a Palermo ci sono le piste ciclabili: una fandonia. Il mio mezzo di trasporto è la bici, non ho mai percorso queste “piste” in quanto pericolosissime. Dovremmo intraprendere una azione di responsabilità amministrativa nei confronti di quei amministratori comunali, incompetenti e non solo…, che hanno fatto realizzare queste opere inutili e dannose.

    21. Consiglio a tutti di visitare il sito del Comune di Palermo, fa bella mostra il link per la pagina dell’Ufficio Biciclette, primo nella colonna a destra. Al suo interno c’è una splendida mappa con le “piste” palermitane.
      Le piste son state realizzate perché sennò il nostro sindaco, inquisito da anni per gli sforamenti nei livelli di inquinamento, starebbe già in galera…

    22. L’unico modo per conquistare il diritto alla bicicletta è usarla, nonostante l’assenza di condizioni, come fecero in Olanda negli anni ’60.

    23. Purtroppo, ad alcuni dei nostri politici, interessa soltanto un tipo di pista: quella di coca !!! Seguono a ruota le lampade abbronzanti e le partite di tennis…..

    24. esatto simone, l’unica conquista è usarla, e disertare queste ciclabili indegne.

    25. mi spiace deludervi ma le colpe non le hanno solo i politici , ma avete visto che livello tecnico hanno messo in campo per realizzare piste in strade dove di bici se ne vedono pochine…. e quante belle strade sono state distrutte per far posto alle ciclabili . Comunque la peggiore pista realizzata dal comune per me è quella i Via Venere è squallida e pericolosa e poi quei stalli per le auto quasi in centro carreggiata… ma io mi chiedo chi progetta queste opere conosce il codice stradale ? A nessuno è venuto in mente di realizzare le piste lungo i viali della Favorita …. non avrebbero comportato grossi guadagni …. quando si realizzano opere di questo spessore si fanno indagini di mercato e si verifica dove c’è più richiesta di questo genere di mobilità ? Peccato io questa Città la Amooooo

    26. Possibile mai che tutta la popolazione di Palermo riesca a vedere macchine, motori, mobili, etc etc posizionati sopra le piste ciclabili tranne che i vigili urbani??
      Ma fare dei controlli della vista no??

    27. C’è a Palermo chi se le è pure inventate le piste ciclabili. Nella parte alta di via libertà dove per miracolo c’è il marciapiede sfrecciano tutta la settimana ‘ciclisti della domenica’ incuranti dei pedoni, picciriddi e gente anziana. Per non smentirci a Palermo abbiamo pure i ciclisti più incivili d’Europa.

    28. Federico, diciamo che a Palermo non manca proprio niente….
      Per quanto riguarda i Vigili Urbani…. evidentemente sono impegnati a far rispettare il codice della strada prendendo il caffè al bar……

    29. Vi invito a essere rispettosi nei vostri commenti.
      Il folklorista ti invito a non utilizzare così il maiuscolo (equivale a urlare).
      Grazie.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Pista, 5.0 out of 5 based on 1 rating