martedì 22 ago
  • 111 commenti a “Idee chiare”

    1. non so se mi fa pena o paura questa tizia….

    2. Certo che ci vuole dignità per andare a ripendere con il cellulare una persona con problemi psichici e pubblicarla su youtube tipo trofeo di guerra…

    3. Per video di questo tipo saremo sempre condannati al sottosviluppo. Arridatece sortino! Tra l’altro e’ pure appropiazione indebita di titolo, mi pare.

    4. capito Siiino? la signora ce l’ha con te, quindi c’hai pikka di ridere

    5. Mi permetto di darvi un consiglio: lasciate che queste cose le pubblichi qualche ragazzino su facebook.

    6. Non ho capito chi è quella con le unghia rosse che Giovanni Pepi si scoperebbe… magari Vikivas potrebbe subentrare, a questo punto e colmare le lacune. 😉

    7. Il video non mi piace, perchè chi lo ha fatto si sta solo prendendo gioco di una signora che dovrebbe essere aiutata…credo che non ci sia davvero nulla di divertente.

    8. quoto Manuela in toto

    9. @Speaker dietro la videocamera come dici alla fine “fai il possibbbile”:cambia lavoro (o frequenta un corso di dizione ….con tutte quelle vocali apaaaarte ti entra troppa aria e e ti gonfi traaaapppo

    10. Che caduta di stile.
      Rosalio, faresti meglio a cancellare questo video.

    11. Problemi psichici o no la signora ha detto la sua… meglio ascoltare lei che Cammarata. Anzi subito sindaco.. chissà che non venga davvero Barack Obama ad aiutarci..
      Detto questo. Auguri a tutti.

    12. Questo video è un abuso nei confronti di una persona affetta da problemi psichici. Non c’è nulla di divertente, è triste vedere come un’idiota, che nemmeno ha le PALLE di mostrarsi in vide,o si prende gioco di una povera signora. Lo scopo del video non era quello di dare la voce alle persone con disabilità, ma solamente quello di prendersi gioco di loro. Invito, tutti gli utenti di Youtube, a segnalare come inappropriato il video.

    13. Riccardo è vero: la signora ha detto la sua, ma non credo assolutamente che chi ha girato questo filmato lo abbia fatto con l’intenzione di far conoscere a noi tutti il parere e le posizioni politiche di questa donna. Ma lo ha scioccamentte girato perchè pensava che fosse divertente.

    14. no funny at all!

    15. State processando le intenzioni?
      Perché sarebbe una caduta di stile? Perché questo video sarebbe “inappropriato”?

    16. “Signò Belluscone mica cià un po’ di birra ?
      Signò Belluscone ora che è più libero me la può portare una bottiglia di birra ? Grazie
      Signò Belluscone siccome mi aveva promesso di portami una bottiglia di birra quando me la porta ?

      Dato che siamo in argomento Signò Belluscone gentilmente potrebbe fare un piccolo prestito che ancora noi non abbiamo mangiato ? Grazie !!

      vascassariciaminchiapurutu ahahahahah”

    17. personaggio “sui generis”. nn mi sembra particolarmente elegante mostrarlo.

      ciò che mi preoccupa e’ che le sue motivazioni e le sue parole sono quelle dell’elettore medio palermitano.
      le motivazioni che portano al voto un buon 60% dei palermitani nn sono molto diverse da quelle della signora…

      😉

    18. La signora non ha idea della situazione politica attuale del nostro paese…o meglio ha delle idee molto confuse perchè ha sicuramente altri problemi. Qui non si sta ascoltando lo sfogo di una persona con disagi socio-economici che se la prende con lo stato…questa persona è probabilmente malata.
      Non si può associare un discorso politico a questo video.Chi lo pensa è fuori strada. Questo video a parer mio è irrispettoso e andrebbe rimosso. Ma mi piacerebbe sentire il parere di chi lo ha girato.

    19. Dico solo che la Malizia la mettiamo noi…
      Vediamolo come una ripresa. Stop.

    20. che video di merda

    21. Ma che palle,oh! che succede? la legge bavaglio sta facendo colpo? proponiamo censure, segnalazioni e quant’altro per mettere filtri e creare moralismi di ogni sorta? non trovo nulla di fastidioso/inopportuno/sciocco/inutile in questo post.
      Allora propongo anch’io: Rosalio, perchè non pubblichi a puntate l’intera filmografia di Sergej Ejzenstejn per tutti questi sopraffini intellettuali che popolano questo blog? Con successivi dibattiti e corsi di lingua russa annessi?

    22. Ok! allora gurdiamo il video sul delirio di una povera donna come una cosa bella e divertente!!
      Di video veramente divertenti Rosalio li ha avuti…e c’è stata gente che ha criticato in modo assurdo (vedi quello su Mondello Beach, danza Kuduro)per il montaggio, per l’audio, per le ragazze più o meno carine…senza andare oltre e vedere solo il puro divertimento di chi lo ha girato e di chi ha partecipato alle riprese.Non si tratta di essere sopraffini intellettuali, ma di avere un minimo di buon senso e rispetto!

    23. Io non mi pronuncio sullo stato mentale della protagonista, mi basta notare che le sue parole sono dettate dalla rabbia, che il video è decontestualizzato, che quasi certamente lei non conosce la Rete e la pubblicazione online.

      Per cui, Tony, ti anticipo: non basta dire “ma lei ci stava a farsi riprendere”. Occorrerebbe tutelare la gente anche dalla propria inconsapevolezza e ingenuità. Ma questo richiederebbe una sensibilità che – alla luce di questo e altri episodi – non sento di poterti riconoscere.

    24. Oooohhhhh piccio’ ..io quando mi incazzo divento pure peggio della signora..!! Pero’ contro…a Belluscone..

    25. quoto manuela e fabio.
      black, non si tratta di chiedere censure. quello della signora non è un pensiero “scomodo”.
      qui ci si sta solo prendendo gioco di un disagio mentale, è un ridere sulle disgrazie altrui.
      che brutti tempi!

    26. Io credo che la signora dica cose sensate. È ingenua? Per questo va nascosta? È disagiata mentale? E se anche lo fosse la nascondiamo, magari in un manicomio? Secondo me i disagiati mentali siamo noi. L’ho trovata degna di nota e l’ho pubblicata.

    27. i disagiati mentali non vanno affatto nascosti, ma non vanno neanche presi per il cu*o.
      è questa la differenza, e non mi sembra un concetto tanto difficilie da capire.

    28. Stalker io non intendo affatto prendere per il *ulo la signora. Non mi sembra tanto difficile da capire.

    29. “Secondo me i disagiati mentali siamo noi”. Standing ovation.

    30. tony, e allora mi spieghi perchè hai postato questo video?
      una ragione ci dovrà pur essere. in cosa lo trovi significativo e degno di nota?
      una risposta articolata sarebbe gradita, così magari ci si capisce meglio.
      sai benissimo che su tutti i tuoi video “divertenti” non intervengo, perchè ognuno si diverte come meglio crede.
      questo video mi pare – e credo di essere in buona compagnia – tuttaltro che divertente.
      non sto polemizzando, vorrei davvero capire….

    31. Mi sembra piena di vitalità e rappresentativa della città. Mi sta simpatica!

    32. Si infatti…vorrei capire anche io! Perchè questo video è degno di nota? qual’è? la tematica di questo video? E poi una cosa: ma se la signora in questione fosse una tua parente o una persona che conosci molto bene, cosa penseresti di questo video e di chi lo ha girato?

    33. ah ecco, ti sta simpatica.
      e vabbè, ci levo mano.

    34. e comunque nella vita ci vuole un po’ di poesia, e di umanità.
      http://www.youtube.com/watch?v=xLWa0pNo4a0&feature=fvst
      ciao

    35. Manuela non so quali fossero le intenzioni e non le processo perché non mi interessano. Conosco le mie e non sono denigratorie, quindi non capisco quale sia il problema.

    36. Grazie Tony. hai dato una risposta esaustiva…a questo punto seguo anche io l’esempio di Stalker e mi ritiro in buon ordine. Ma questo post mi ha lasciato dentro molta amarezza e ha urtato la mia sensibilità.Non aggiungo altro perchè davvero poi potrei risultare polemica, ma ne direi di cose… Grazie Stalker per la bellissima canzone

    37. Non ti interessano le intenzioni con le quali è stato girato il video? Bhe…dovevano essere la base secondo me…e comunque di cose rappresentative della nostra città ce ne stanno tante.

    38. Manuela se gli aspetti molteplici della realtà danno fastidio alla vostra sensibilità me ne dolgo ma non saprei come aiutarvi. Rilevo che quando non riuscite a mettere in fuga l’autore fuggite voi. 😉

    39. Direi piuttosto confusa, mischina…

    40. L’autore veramente non si è fatto vivo…intendo l’autore del video e comunque io sto esprimendo liberamente la mia opinione in merito.Non sono gli “aspetti molteplici della realtà”(che credimi, conosco molto bene) a darmi fastidio, ma il fatto che se ne faccia un uso errato, non attenzionando l’aspetto umano. Le tue risposte non mi danno alcun stimolo a continuare tale conversazione: io resto nella mia posizione tu nella tua. Va benissimo. Non sono in fuga e non intendevo mettere in fuga te. Solo non riesco a capire il significato di questo video, non mi fa ridere, anzi mi amareggia.Auguro a tutti una buona serata.

    41. A me, semplicemente, sembra che questo video non abbia nessuna utilità se non quella di ridere alle spalle di questa persona, che abbia problemi psichici o meno. Non c’è alcun contributo utile ad alcuna discussione, solo una persona con una videocamera in mano che si è fatta quattro risate.
      Potremmo parlare anche del fatto che pubblicare un video su siti che hanno tra i loro fini anche quello del lucro senza chiedere alcuna liberatirua è inopportuno (e non so se sia più inopportuno caricarlo su youtube o ripostarlo su Rosalio).
      Non sarà una caduta di stile, ma nemmeno il post più brillante che si sia mai caricato, dai…

    42. liberatirua –> liberatoria (sorry)

    43. Hai ragione Toni, rappresenta molto la città. Anche tu la rappresenti molto decidendo di pubblicarlo e farci soldi su.
      La penso come Manuela, Stalker, Fabio e Giuseppe. Anche io mi ritiro in buon ordine non ho certo intenzione di alimentare il tuo business sfruttando le miserie altrui.

    44. Manuela tu credi che sia un uso errato: è la tua opinione. Ciao.
      Simone non sono d’accordo con la prima parte del tuo commento e il video è residente su YouTube (la liberatoria è contenuta nel video), mentre condivido l’ultima frase.

    45. Francesco io non vedo alcuna miseria nel video. C’è un essere umano come te e me. Buona fuga a tutti coloro i quali davanti a chi la pensa diversamente attaccano e se non prevalgono scappano.

    46. nessuna fuga, abbiamo fatto delle domande e ci aspettavamo risposte, non sono arrivate e ne prendiamo atto. personalmente non è vedere il dolore umano che urta la mia sensibilità, quanto l’insensibilità altrui nel giocarci a palla.

      questo sì mi fa davvero male, se non orrore.
      sbattere un microfono in bocca alla gente “simpatica” e sbatterla su you tube è troppo facile.
      buona continuazione.

    47. Non leggerò mai più Rosalio

    48. Stalker ho risposto ma non ti è piaciuta la risposta, mi sa. Manuela mi dispiace però penso che la tua posizione si basi su un fraintendimento. Ciao.

    49. [spero di rileggere ancora Manuela da queste parti]

    50. La signora è troppo simpatica. Bravo Tony. Per me non è affatto una caduta di stile, anzi…

    51. Secondo me il problema è che il tipo che ha girato il video aveva sicuramente l’idea di prenderla in giro ( si presenta come giornalista ma non lo è, evidentemente, inizia la conversazione dicendo “è vero che lei è a favore della pena di morte”…per stimolare “lo scoppio” della signora), mentre Tony ha chiaramente un altro intento. La signora è quasi un personaggio, ha un suo perchè e ci sta anche che abbia il suo “spazio”, il chiaro intento di chi ha girato il video invece mi infastidisce… e mi infastidisce anche che questo intento venga premiato con la visibilità.

    52. il clacson dell’autobus a mo di beep sulla parola culo…
      Cheapeau!!!

    53. @ Tony Non è una questione di prevalere sugli altri ma di rispondere a delle domande mirate. Non rispondendo od eludendole significa non assumersi le proprie responsabilità di editore. E a queste condizioni non c’è dialogo.
      Questa signora è brandita come carne da macello al pubblico ludibrio.
      Sbagli a puntare alla pancia della città piuttosto che al cuore o al cervello. Ma forse non sbagli perché è una tua deliberata scelta editoriale. Ad ogni modo non aiuti Palermo con questo video.
      Palermo è più sporca dentro che fuori.

    54. in fondo Rosalio é nato anni fa con delle belle premesse e tante idee originali, oggi é diventato un carrozzone che fa soldi con la pubblicità (nulla in contrario) dando al volgo le sole cose che riescano a capire, cioé le vicissitudini dei rosanero e la presa per il culo delle miserie altrui.

      in questa come in altre occasioni poi il commento degli autori é stato più o meno: oosì è se vi piace…e se non vi piace é sempre oosì!

    55. e poi non capisco il nesso tra la signora e la città di Palermo…sol perché é (palesemente) palermitana?

    56. Alice non darei per scontato l’intento dell’autore del video.
      Francesco tu non hai posto domande. Sono qua per rispondere se arriveranno.
      Davide il tuo giudizio mi sembra lacunoso e viziato perché i commentatori sono meno del 5% dei lettori, quindi se anche alla maggioranza dei commentatori non piacesse qualcosa e non venisse cambiato potrebbe starci. Ma se non vi piace perché lo leggete sempre? 🙂

    57. ho capito…a questo punto mi verrebbe da dire
      “Non ragioniam di lor, ma guarda e passa”

      buona continuazione

    58. Io mi sono allineato al pensiero delle persone che ho citato ( ma ce ne sono anche altre) nel precedente commento, notando la tua facilità nello schivare domande secche che ho fatto mie implicitamente.
      Quoto il commento di Manuela: ” Perchè questo video è degno di nota? qual’è? la tematica di questo video? E poi una cosa: ma se la signora in questione fosse una tua parente o una persona che conosci molto bene, cosa penseresti di questo video e di chi lo ha girato?”
      Ed io aggiungo: in che cosa rappresenta Palermo?

      Concludo perchè non voglio fare il tuo gioco.

    59. Francesco vado in ordine (scusandomi per la ripetizione con chi aveva letto attentamente).
      D.: Perchè questo video è degno di nota?
      R.: Mi sembra piena di vitalità e rappresentativa della città.

      D.: Se la signora in questione fosse una tua parente o una persona che conosci molto bene, cosa penseresti di questo video e di chi lo ha girato?
      R.: Manuela non so quali fossero le intenzioni e non le processo perché non mi interessano (aggiungo ma era sottinteso: quindi indifferentemente dal fatto che sia o meno mia parente o conoscente).

      D.: In che cosa rappresenta Palermo?
      R.: Nella sua estrema vitalità, nel malessere che esprime, nel vortice di espressioni sovrapposte, nel suo essere di strada, glocale e lirico al tempo stesso.

      Davide non puoi pretendendere che una minoranza detti legge. Siete tenuti in alta considerazione ma non potete decidere da soli del destino del blog.

    60. tony, parlando di questo video il discorso è complesso, non è corretto (per te principalmente) uscirtene che ti sta simpatica e che non siamo obbligati a leggere.
      c’è di mezzo una responsabilità da blogger, professionale e deontologica – oltre che umana – rispetto ai contenuti che si SCEGLIE di pubblicare.
      molti utenti ti hanno posto domande e questioni ben precise, indignati o quanto meno stupiti da questo video che non va da nessuna parte, oltre lo scimmiottare un finto giornalismo tra i più beceri.
      non credo sia onesto dire che non te ne frega niente delle intenzioni dell’autore, che le tue non sono denigratorie.
      credo che qui si stia ponendo una domanda ben più spinosa, forse proprio su quali sono le responsabilità di un blogger, su cosa veicola ogni singola scelta, e in caso difendere le proprie idee, facendo uno sforzo in più, e assumendosi tutte le responsabilità del caso.
      sono dispostissima ad accettare le tue idee, può essere anche che tu abbia ragione, perchè no? ma le ragioni vanno espresse e sostenute. ci vorrebbe più ragionamento e meno empatia.
      qui non staimo parlando di una signora esibizionista che sa di andare in rete e da il meglio o il peggio di sè, stiamo parlando se sia giusto o meno cibarsi delle macerie altrui per un attimo di notorietà e qualche clik in rete.

    61. non avevo letto il tuo ultimo commento.
      quando dici “Nella sua estrema vitalità, nel malessere che esprime, nel vortice di espressioni sovrapposte, nel suo essere di strada, glocale e lirico al tempo stesso.” non concordo*, ma almeno si comincia a delineare il perchè di questa scelta.
      *vado di fretta, in caso ci torno su

    62. Stalker ho ampiamento valutato e per me nulla osta alla pubblicazione perché ritengo che questo contenuto sia meritevole di visibilità e perfettamente presentabile e che non sia una maceria ma un contenuto degno quanto i vostri Ejzenstejn. Se la ritenete impresentabile il problema è vostro. 🙂

    63. Stalker però che ad alcuni di voi commentatori si debba spiegare tutto manco è bello, ah. Sento puzza di pregiudizio a volte.

    64. e vabbè, scema io che ci perdo tempo a tirar fuori il sangue dalle rape.
      ah tony, tanto per….per me la corazzata Potëmkin è una cagata pazzesca, quindi vacci piano con gli stereotipi! 😉

    65. “Stalker però che ad alcuni di voi commentatori si debba spiegare tutto manco è bello, ah. Sento puzza di pregiudizio a volte.”
      caro tony, non sei mica un atto di fede. tutti si devono spiegare, se vogliono essere capiti.
      vedo che cominci a fare qualche piccolo passo.
      e ora scappo, prima che arriva rosalio a dirci che questa non è una chat! 🙂

    66. Disponibilissimo a spiegare ma eviterei di dover spiegare che sono in buona fede quando mi si potrebbe dare il beneficio del dubbio prima di cafuddare a vanvera.

    67. Secondo me ha ragione Siino. Questa donna è simpatica e soprattutto è autentica e vigorosa.
      Trovo semmai insopportabili i titoli affrettati ( idee chiare, delirio…) che suggeriscono il giudizio. Sbagliato in ogni caso.
      Così come è insopportabile il “giornalista”:
      ” leipensachecivorrebbelacondanna a morte…per loro ?”
      Sta cantilena che neanche la Prestigiacomo
      “Quindileiècontro i comunisti ?”
      ” Quindivorrebbe un colloquioconBarack ? ”
      Quindi quindi quindi….

      ‘ascassariciaminchiapurutu

    68. In effetti c’è poco da spiegare. L’idea è squallida, la scarsezza dei contenuti è in linea con le scelte editoriali di questo sito, e la scelta di pubblicarlo è una bassezza che si racconta da sè.
      Ha ragione stalker, un blogger ha delle responsabilità. Un blogger, appunto.

    69. si pungola e i click aumentano…

    70. Ah, Tony, avrei un altro suggerimento: anche iniziare con Murnau e il cinema espressionista tedesco, prima di quello sovietico, non sarebbe male. Sai, un errore cronologico di tal genere, oltre che rappresentare un intollerabile caduta di stile, potrebbe urtare le qui presenti svariate sensibilità critiche ed intellettuali. Pensaci.

    71. manuelo, oltre il cinema, li fuori, c’è vita, a volte più desolante dei tuoi film.
      spesso puzza di piscio.
      e vale anche per te black.
      triste che cercando un dialogo si ricevono commenti sprezzanti. conosco murnau, ma è morto da tempo.
      mi contento di non accanirmi sui vivi.

    72. e quando posso faccio anche.
      ma non voglio scivolare in questi discorsi, continuate a guardarvi la ruota, il vostro sguardo lo immagino.

    73. mi sono saltati i nervi, lo ammetto.
      ogni giorno tornando a casa incontro una donna così, che a volte sorride tenendo al giunzaglio la sua follia, altre volte urla al mondo, e lo sa solo lei perchè.
      quando il suo cielo e nero mi fermo, e oramai in qualche modo comunichiamo. lei si tranquillizza, si distrae…a volte succede.
      potrei farle foto, ha un volto e delle rughe che sembrano raccontare la storia del mondo, e magari pubblicarle su fb, ma mai lo farei, piuttosto mi sparerei.
      il suo lirismo glielo lascio tutto
      e fancu*o ai vostri microfoni e alla vostra condivisione del nulla!

    74. Grazie per avre pubblicato il video e per avermi segnalato i commenti che ho letto velocemente…

      Cerco di rispondere sommariamente: devo pur iniziare da qualche parte…
      Vado subito al dunque, (e non prometto linearità, cominciando dal titolo:”La potenza del delirio”. Si tratta di una citazione di un corso di Deleuze a Vincennes che, alla luce dei commenti non potete immaginare quanto, adesso, mi appaia appropriata e profetica: in quell’occasione, Deleuze, spiegava infatti come la potenza del delirio decostruisca il delirio stesso: il delirio è potente nella misura in cui rende impotente colui che delira: ecco, la censura dei sanzionatori, nella fattispecie i commentatori del video su rosalio è paragonabile a quella di psichiatri anti-foucaultiani e neo-positivisti che vogliano recludere, censurare e segregare il delirante. Al pari di questi ultimi, alcuni commentatori, non stanno facendo altro che dimostrare la grandezza dell’intuizione deleuziana. Mi chiedo, inoltre, se i frequenti riferimenti alla frase cristallizzata “urta la mia sensibilità” non vogliano in fondo dire:”la signora (che non vorrei essere io, che non sono io, che non è opportuno che sia io, ecc..) , il delirio (che si oppone alla logica, ponderata, curata, forma di enunciazione che considero l’unica normale per me) urtano la nostra sensibilità (intesa come insieme di regole, atteggiamenti, ideologieche ci fanno sentire esattamente non deliranti, non-la signora e profondamente razzisti)”. Mi scandalizza inoltre come ci si permetta di sanzionare l’inopportunità che la signora esprima, (vista che ella stessa ripetutamente richiede di essere ripresa e manifesta volontà di diffusione attraverso i media) i propri pensieri. Saranno pur lontani dalla vostra idea di buongusto, dalla vostra smascherabilissima ideologia, ma per favore non ditemi che urtano la vostra sensibilità perché mi sembra un eufemismo usurato e troppo vago..
      La signora ha tutto il diritto di manifestare il suo pensiero, il suo dissenso: nasconderla significa non solo considerare inopportuno il suo discorso e la sua esistenza ma ritenere opportuno un ideale opposto della signora che coincide con un discorso e un’esistenza “opportuni” dove si annida un’ideologia che qui non voglio nemmeno cercare di ricostruire…
      Io non ritengo di avere ancora risposto, questa è una premessa… Non credo né negli inizi né nelle fini ( e nei fini) di un testo.. Sono aperto a domande e a quant’altro ..
      Luca

    75. Stalker ciò che dici è bellissimo e ti ringrazio per le tue parole e i tuoi pensiri.
      E’ bello sapere che c’è ancora gente dotata come te di una grande sensibilità, umanità e dolcezza.

    76. Secondo me, l’autore voleva lanciare un fenomeno, come quello di Roma, dove una vecchietta parla a tu per tu con i politici, in romanaccio, ma in maniera simpatica. Ma qui, si sfiora il ridicolo, la signora sicuramente non capirà bene il fatto che è su youtube, e che alcuni ci rideranno sù, per il suo modo di parlare. Caro Rosalio, se puoi, non pubblicare più, video o altro che proviene da questo ……

    77. Cioè la signora ha espresso un suo pensiero e tutti a dire che è malata??
      La Signora a mio modo di vedere oltre ad essere simpatica nel suo modo di parlare si è sfogata parecchio e penso che le abbia fatto pure bene…chi ha ripreso ha chiesto il permesso di riprendere, non vedo cosa ci sia di male…ora solo perchè una persona urla in una strada deve esser presa per squilibrata o disabile mentale??ASSURDO!

    78. Ogni giorno in talk show vari ed eventuali ed in fantomatici “programmi contenitore” assistiamo a gente più o meno autorevole che urla, si dispera e si incazza. Ogni sera, anche in programmi come Ballarò o Anno Zero, guardiamo attoniti i nostri esponenti politici che blaterano le propie posizioni in modo certo non meno sguaiato della signora e tutto ci sembra in qualche maniera disgustoso e allo stesso tempo normale. Non capisco perchè tanta indignazione di fronte a questo video, dove una signora che io definirei semplicemente un pò “confusa” e che voi avete additate come “una donna con problemi”, “che non sta bene”, “da tuteleare” sta esprimendo una sua opinione dei fatti. Per me è semplicemete una donna incazzata, magari noi avessimo la forza e il coraggio di quelli che voi additate come pazzi per indegnarci così.. e ce ne sarebbero di ragioni.. Inoltre la signora ha asserito più e più volte di voler essere ripresa e sembra ben contenta di dare visibilità mediatica ai suoi pensieri (cosa che tra l’altro sta ottenendo). Per me il documento costituisce un frammento di quella Palermo struggente, contaddittoria e irriverente che mi ha fatto innamorare di questa città. Altra cosa: perchè se Ciprì e Maresco danno rilevanza alle voci dissonanti è arte e se lo fa un povero sconosciuto è uno spietato???

    79. *indignarci
      il cane ha rosicchiato i tasti del mio pc… scusate.

    80. Penso che l’incazzatura della signora, sia soprattutto frutto del suo stato mentale. Giusto dare la parola a tutti e questo penso fosse scontato, ma bravo saresti stato, se non l’avessi resa ridicola, in strada con la gente che la guarda, sgnignazzante per il suo modo di esprimersi..

    81. un giorno era messa che urlava a dei poliziotti che gli avrebbe sparato o messo una bomba. Ha concluso il discorso mostrandogli il culo.

      con questo ho detto tutto.

    82. Manuela… Su con la vita!! Fattilli quattro risate!!

    83. ho letto il commento dell’autore del video.
      Tralasciando i “paroloni” scritti e ripetuti più volte, che a mio parere sono stati inseriti per far capire che lui è “acculturato”, credo che questo genere di delirio susciti un’infantile ilarità.

      Se l’autore avesse postato il delirio di un autistico triste anzichè di una persona disagiata e incacchiata le ragioni del pubblicarlo sarebbero state comunque quelle della forza del delirio?
      non credo.
      nel contesto di Rosalio è brutto, veramente brutto, vedere una persona con evidenti problemi mentali che viene usata come un fenomeno da baraccone.

      se il video fosse stato inserito all’interno di una mostra dedicata ai deliri allora potrebbe essere veramente rappresentativo dell’intento dell’autore.
      ma non qui su rosalio.

      e scusate, non paragoniamo la signora a ciò che si vede in tv…

    84. cetty…quattro risate me le faccio, ma quando reputo sce siano apportune e in questo contesto non mi sembra proprio.Comunque se l’usare “paroloni” e snocciolare cultura accademica fa presa…mi adatterò!

    85. Scusa Cetty, era Laura che mi invitava all’ilarità…

    86. Grazie Luca per il tuo illuminante intervento: permettimi di decostruirlo come tu hai fatto coi nostri.
      La prima parte, che alcuni potrebbero definire come una serie ininterrotta di “supercazzole” ( a volte ridondanti) è molto lineare, direi quasi Pirandelliana. Sembra che “il treno abbia fischiato” e solo tu l’abbia sentito, mentre noi ignari continuiamo a pensare che sia inopportuno perchè la signora è un soggetto vulnerabile e tu, ossia il soggetto provocatore, hai posto delle domande aperte al solo fine di attizzare carne al fuoco, AL DI LA DEL CONTENUTO DEL MESSAGGIO CHE LA SIGNORA VEICOLA, solo al fine di rendere visibili le viscere di quella persona.
      La seconda parte, quella che comincia per “Mi scandalizza..”, purtroppo per te, rivela invece il recondito obiettivo che volevi perseguire con questo video: fai 2 volte riferimento ad una presunta ideologia(?!), a quanto pare opposta a quella che la signora predilige, di cui noi commentatori saremmo alfieri. A parte che nel 2011, parlare di ideologia mi fa venire i brividi, o se preferisci mi fa “arrizzare le carni”, ho la sensazione che tu abbia voluto strafare e che non sia sincero nel tuo esperimento mediatico come invece vuoi apparire.Addirittura utilizzi l’aggettivo “smacherabilissima” e l’espressione “dove si annida un’ideologia che qui non voglio nemmeno cercare di ricostruire…”. Bene, visto che sei un grande decostruttore, e immagino un discreto ricostruttore, ti prego di illuminarmi una seconda volta definendo i contorni essenziali di siffatta ideologia (sic!).
      Ora ti faccio una confidenza: sono un appassionato di cinema ed in particolare di Von Trier ed il film “Idiots” non mi ha turbato minimamente, non ho mai pensato che fosse censurabile: riuscivo ad intravedere il principio ordinatore che stava alla base della pellicola. Nella prima parte del tuo intervento, quello delle supercazzole lineari, potevi aver ragione, ma quotando Cetty, “Se l’autore avesse postato il delirio di un autistico triste anzichè di una persona disagiata e incacchiata le ragioni del pubblicarlo sarebbero state comunque quelle della forza del delirio?non credo.”
      Per quanto riguarda Rosalio, ora capisco la malafede di Tony, che postandolo in questo contesto da “vucciria” voleva fare appunto “vucciria” utilizzando le viscere della signora, che tu sapientemente hai sollecitato e filmato da “giornalista”.
      Palermo rimane una città più sporca dentro che fuori.

    87. manuela va taliati uomini e donne

    88. Seguirò il tuo consiglio, corsaro zoppo…così dopo avremo un argomento di discussione in cui tu ti sentirai a tuo agio! Grazie 🙂

    89. Francesco io ho la coscienza a posto sulla mia buona fede. Tu continua pure a blaterare. 🙂

    90. …il video non mi piace, non lo capisco, e mi provoca tristezza nei confronti di questa persona.
      Dati tutti i commenti, forse invece di difendere a spada tratta la pubblicazione era meglio togliere e scusarsi per questa pubblicazione.
      Ma poiché leggo che Tony è convinto di essere nel giusto ed è lui che decide la linea di pubblicazione, inutile polemizzare… io studio aperto non lo guardo… cambio canale.

    91. sottoscrivo cetty e l’intervento di Francesco, che mi ha tolto le parole di bocca. aggiungo solo che delle supercazzole delle lezioni deleuziane ne avrei fatto volentieri a meno, ma forse il Cinquemani credeva di impressionarci…

    92. Trovo la delucidazione di Luca Cinquemani molto esaustiva, sia per tutti coloro che “si sentono turbati”, sia per me che mi sono trovato subito in accordo con gli intenti del video e la sua pubblicazione (su youtube e su Rosalio).
      @Francesco Carollo: se apprezzi Von Trier e ti sei appassionato in particolar modo ai suoi “Idioti” mi sa che ti è sfuggito qualcosa del messaggio che il grande Lars voleva trasmettere. E non parliamo di contestualizzare, estrapolare, manipolare. I più grandi montaggi ce li facciamo nella testa, dopo aver visto un qualsiasi prodotto, che sia visivo, uditivo, olfattivo. Ognuno si crea il suo ed è ben felice di poterne fruire. Non capisco tutti questi inviti a cancellare, modificare, in nome di una non ben precisa voglia di non-strumentalizzare. E vi chiedo: chi è contro questo video, non sta a sua volta strumentalizzando? non sta a sua volta usando le stesse armi criticando negativamente il modo di spiegare dell’altro, accusando di “trovare paroloni”, “fare gli acculturati”?
      Non trovo tutta questa gran sensibilità nelle argomentazioni di chi si reputa ‘offeso’ da un post del genere. Semplicemente per il fatto che si passa sempre da un comodo tragitto che ha per tappe 1)il vittimismo (‘non voglio offendere nessuno, me ne vado, non leggerò più questo blog, mi ritiro, vi saluto’) 2) l’aggressione (dopo un ripensamento sul tornare o no a commentare).
      Se non vi sta bene, visto che siamo in tema di inviti, vi consiglio di non avere più ripensamenti sul secondo punto. Se salutate, fatelo per davvero.
      Non sono così sensibile come voi, per cui se sono stato ‘aggressivo’ è perchè mi è piaciuto un post come questo. Andiamo di etichettature, è più comodo per tutti a quanto vedo.

    93. Ma insomma, resto convinto che Rosalio avrebbe fatto meglio a non pubblicarlo, il video. Ma non esageriamo, tra i cento post a settimana che ci sono, non mi sembra che per uno meno buono degli altri si debba “non leggere più Rosalio”. Non meno “fuori dal rinale” mi sembra l’atteggiamento di chi sfotte dando del Radical Chic a chi avrebbe preferito non vedere il video.
      Insomma, dativi na calmata, tutti quanti… 🙂

    94. @manuela…. Se mi son permessa di dire ciò, è perchè mi sembra che si stia utilizzando la parola sensibilità in maniera inappropriata! Se dobbiamo parlare di sensibilità, questa è puramente soggettiva… Quindi ritengo che sia sbagliato additare le intenzioni (che non conosciamo) dell’autore!!! Sono convinta inoltre che, prima di giudicare qualsiasi cosa, bisognerebbe conoscerla dal principio… Qualsiasi cosa anticonformista viene ritenuta inappropriata e fuori luogo! Ma il conformismo proviene dall’anticonformismo… Tutto ciò che oggi ti sembrerà insensibile ed inappropriato se lo ripeterai più volte (quindi per abitudine o cmq per l’essere caprone dell’uomo) ti sembrerà appropriato!! Purtroppo non sono una grande oratrice… Ma spero che con quattro parole spicciole sia riuscita a spiegare le mie motivazioni di tale affermazione!!!

    95. Mi sembra che per molti di voi ci sia un problema di cornice. avreste accettato un video del genere se “contestualizzato”. Qualcuno di voi dice: “se fosse stato parte di una mostra sul delirio sarebbe opportuno”, qualche altro dice ” sì, va bene, ma non su Rosalio!”. Ho la sensazione che ci sia un forte desiderio di normatività. E’ come se voi diceste:” Noi vogliamo che vedere ciò che ci aspettiuamo e che le regole di genere condivise prevedono”. Idioti di Lars von Trier non ci turba perchè c’è la cornice del cinema, il patto affettivo con il regista.” Il che equivale a dire: ” acceto il delirio nelle sue forme e nei suoi contenuti ma solo se impacchettato per bene nel prodotto di consumo e con le modalità di fruizione che sin da piccolo mi hanno abitiuato a digerire, altrimenti no, è inopportuno, offensivo”. Continuo ad avere la sensazione che molti di voi, malgrado l’intento (dichiarato) di proteggere, tutelare, moralizzare, abbiano invece un altro intento, probabilmente inconfessato, inconfessabile, ma non per questo meno pericoloso. Quante campagne anti-pedofila nascondono invece un intento repressivo sulle diversità di genere? Quante campagne sulla purezza della razza hanno giustificato violente repressioni e una graduale naturalizzazione del concetto di normalità, di razza pura e unica, di cultura monolitica? Volendo difendere il delirante in nome della sua tutela, voi, tutelatori, gli state togliendo la parola, la leggittimità di essere un enunciatore pubblico! In nome della sua protezione lo state nascondendo, rimuovendo dai vostri occhi più scandalizzati dal delirante stesso che dalla sua messa in scena! La potenza del delirio, del resto in società come le nostre, solo di nome libere, sta proprio nella capacità del delirio di farsi ridurre all’impotenza:”il deviante grazie alla sua devianza viene segregato”. Voi avete ridotto all’impotenza, al bavaglio perpetuo la signora con la scusa (buona e soffice come una torta fatta in casa)del suo bene… “Ti proteggo nascondendoti: tu protetta, fuori dalla vista, e quindi fuori dalla società, stai meglio”.. Lascio trarre a voi le conseguenze terribili di una simile posizione.

    96. Tonyyyyyy…senti che fai …: metti la canzoncina cantata dalla vecchietta di merda in dedica al dolce pedofilo Silvio , cosi’ saranno tutti piu’ felici … e nessuno si lamenterà.. 🙂

    97. fa specie però che in un sito che basa parte della propria forza sulla “moderazione” dei commenti per mantenere una qualche forma di “ordine” canonizzato, si assista alla celebrazione della potenza del delirio, sia pur deleuziano. viene però in mente che in questo caso si percepisce un semplice rumore di fondo, amplificato e “guidato” ad arte dal diligente studente delle lezioni di vincennes, che forse avrebbe bisogno di qualche ripasso sulle interferenze di emissione.
      per ora rimangono gargarismi intellettuali.

    98. Stalker stai facendo illazioni che non hanno alcun fondamento. Ti invito a rimanere in tema. Grazie.

    99. Ebbene, visto che volete ridurla all’impotenza sarete accotentati: ricordatevi che voi siete quelli che se la vedessero dal vivo, per strada, la schiverebbero, ne sarebbero turbati e profondamente offesi dalla sua presenza/esistenza.
      Nascondiamo i divesri da voi. Il mondo, l’unico, siete voi!

    100. Il film è un altro, secondo me. ” I mostri ” di Dino Risi. Più precisamente l’episodio, brevissimo, un flash, che dà il titolo al film , “Il mostro”.
      Due carabinieri, che hanno catturato un pericoloso criminale, sorridono in modo ebete al fotografo che li immortala.
      Il problema è proprio nella cornice. E’ questa la differenza[ @ Alice Sagona ]tra questo video ed uno di Ciprì e Maresco. Non una differenza da poco, è l’opposto.
      Qui c’è tutto quello che i due registi palermitani vogliono attaccare, da sempre, nel rispetto dell’Altro, nelle sue ricercate bruttezze e stravaganze. Una cornice su cui irrompere, fatta di conformità e di improbabili bellezze, come le parole dei commenti dell’autore stesso, come il suo commiato nel video.

    101. cinquemani, ma che ne sai di noi, di quello che proviamo o facciamo?
      io sono molto più offesa da chi la riprende e la mette nell’arena convinto di darle voce e sbordolando di decostruzioni e amenità varie.
      non è lei a “turbare la mia sensibilità”, se tu!
      ci vuole grande sensibilità per mostrare i deliri, è “materiale” da maneggiare con cura, se si hanno gli strumenti per farlo. da quel che ho visto, tu le hai puntato una telecamerina e le hai dato un calcio in cu*o per buttarla nella piazza di fronte agli sguardi pruriginosi, quegli stessi sguardi che si fermano agli incidenti in autostrada per taliàre la disgrazia.
      no, secondo me questo non è dar voce, ne siamo davvero lontani, questo è il risultato di anni di tivvù becera del dolore, niente di più misero.

    102. la mia impressione che la situazione sia sfuggita di mano agli autori del post….volevano divertirsi prendendo per il deretano uno dei tanti abitanti del sottobosco palermitano ma semplicemente l’hanno “scafazzata” suscitando una pletora di commenti pseudoculturali, scomodando Lars Von Trier, Ciprì e Maresco, Deleuze; penso gli fischieranno le orecchie (tranne all’ultimo)…scusate ma il video fa oggettivamente cagare e non c’è altro da dire.

    103. E’ deprimente leggere i vari commenti. Dai quali traspare l’insopportabile abitudine di rigirare qualsiasi affermazione a proprio piacimento. Ognuno pare leggere ed interpretare le cose secondo i propri parziali punti di vista e più gli uni si affanno a spiegare il proprio pensiero, più gli altri lo ribaltano e lo riconducono al proprio punto di vista.
      A volte con esiti comici, come Manuela che legge i commenti di stalker e se ne esce con “E’ bello sapere che c’è ancora gente dotata come te di una grande sensibilità, umanità e dolcezza.” Quando invece Stalker aveva appena chiuso il proprio commento con un bel vaffanc*lo!!

    104. conclusione: il video è stato rimosso dall’autore.

    105. Stalker è una forma di tirannia della minoranza. Pessima.

    106. Non esiste la verità assoluta perchè ogni punto di vista genera una propria verità………..quindi dico che dal mio modo di vedere, quel video non era da proporre ne tantomeno da girare.
      Vorrei sapere tanto per cominciare se quella signora ha firmato la liberatoria……

    107. L’avevo visto giorni fa e l’avevo paragonato a quei fenomenucci come la nonnina di faceboom (o come diceva lei) o la ragazza che balla male e canta peggio. Niente di più. Ha ragione chi dice che certi argomenti vanno saputi trattare: se ti trovi nella condizione di dover spiegare ciò che hai fatto non significa che la platea è ostile ma semplicemente che non hai fatto arrivare il tuo messaggio. Ad ogni modo se lo hai cancellato, dovresti spiegare anche il motivo per cui lo hai fatto,dopo averlo difeso scomodando nomi altisonanti.

    108. ‘spetta tony che “tirannia della minoranza” me la segno.
      mi capitasse di frequentare qualche salotto buono potrei fare la mia porca figura! 😛

    109. altri deliri, spontanei e sacrosanti, e ben più coscienti.
      http://www.youtube.com/watch?v=BqwXEjIzWFQ

    110. Patata – Solanum tuberosum L.
      Atlante delle coltivazioni erbacee – Piante da tubero e orticole

      Famiglia: Solanaceae
      Specie: Solanum tuberosum L.

      Francese: pomme de terre; Inglese: potato; Spagnolo: patata; Tedesco: Kartoffel.

      Origine e diffusione

      La Patata è originaria delle regioni andine dell’America centro-meridionale. E’ stata introdotta in Europa dopo la scoperta dell’America, prima come curiosità botanica e poi come pianta alimentare. La coltivazione in Italia è iniziata ai primi dell’Ottocento, anche se la sua vera diffusione è stata successiva (fine del secolo).
      La coltivazione della Patata è diffusa in tutto il mondo con una maggiore concentrazione di superficie in Europa (in particolare Polonia, Germania, Repubblica Ceca, Spagna e Francia), dove si raggiungono in alcuni paesi rese unitarie che sono tra le più elevate e dove rappresenta, per molte popolazioni, l’alimento base che sostituisce il pane. Interessa l’industria alimentare per la produzione di fecola, amido, destrina, glucosio oltre che la distillazione e trova impiego nella alimentazione zootecnica. Il mercato richiede anche prodotto adatto allo scatolamento e alla produzione di patate fritte (surgelate).
      Con la patata si realizzano in Italia tre tipi di coltura: quella precoce o primaticcia (concentrata in particolare al Sud), quella comune (in particolare al Nord) e quella bisestile o di secondo raccolto, che occupa una limitata superficie. L’Italia è allo stesso tempo esportatrice (prodotto precoce) e importatrice (prodotto comune e tuberi da semina).

      Fiori di Patata Fiori di Patata
      Caratteri botanici

      La Patata è una pianta a ciclo annuale provvista di radici fascicolate piuttosto superficiali, dotate di numerose diramazioni capillari. Dalla parte ipogea del fusto si dipartono gli stoloni i quali, ingrossando all’apice, danno luogo ad un tubero. La capacità di originare un diverso numero e lunghezza di stoloni varia in funzione della varietà e delle condizioni di ambiente.
      In un tubero completamente maturo l’epidermide è sostituita dal periderma (o ” buccia “) fatto di strati di cellule suberose, che protegge l’interno del tubero dall’eccessiva perdita d’acqua e dalla penetrazione di funghi e batteri. All’interno, sia la corteccia sia il midollo sia il parenchima che costituisce la maggior parte del tubero, sono divenuti sede di accumulo di grandi quantità di amido. In mezzo a questa massa di tessuti, diversi ma non più facilmente distinguibili, si notano fasci fibrovascolari diretti verso gli “occhi”. Sotto l’influenza della luce, i tessuti esterni del parenchima corticale producono clorofilla e inverdiscono.
      I tuberi possono differire per dimensione, forma, numero, colore, caratteristiche del tessuto tuberoso esterno, colore della polpa. Nel tubero si distingue un ombelico (punto di attacco dello stolone) e una testa, opposta all’ombelico, che raccoglie la maggior parte delle gemme. Se si sopprime qualche gemma, questa è rimpiazzata da altra di sostituzione. Non tutte le gemme di un tubero, quando viene interrato intero, si sviluppano dando luogo ad un fusto. Le più vigorose sono quelle sulla testa.
      La parte area della pianta è in genere costituita da due o più fusti, angolosi, fistolosi, ingrossati ai nodi, di varia lunghezza e colore, con portamento eretto o più o meno decombente.
      Le foglie sono composte da 5, 7, 9 foglioline di varia dimensione e colore (verde da chiaro a intenso), più o meno bollose e a lamina più o meno aperta. Le parti verdi – compresi i tuberi quando permangono a lungo esposti alla luce – contengono solanina, alcaloide velenoso.
      L’infiorescenza è a corimbo. Il fiore è ermafrodita, campanulato. Alcune varietà di patata, indipendentemente dall’ambiente, non fioriscono; altre invece giungono ad emettere i bocci fiorali, che però cadono prima della fioritura; altre infine fioriscono regolarmente e portano a maturazione i frutti (bacche carnose più o meno tondeggianti, verde-bruni, verde-violacei o giallastri, contenenti da 150 a 300 semi reniformi, appiattiti).

    111. Toni Siino, io sto con te. Il video era divertente, purtroppo non sono riuscito a vederlo tutto perchè qualcuno lo ha rimosso!!

      Ai tempi di Cinico TV su raitre non vedevo tutte queste levate di scudi a favore dei malati psichiatrici, eppure questo erano i protagonisti dei video di Cipri’ e Maresco, tanto osannati dai Palermitani…

      Spero tu possa ripostare il video o darmi un link per rivederlo.

    Lascia un commento (policy dei commenti)