mercoledì 23 ago
  • I primi mille ProfessionistiLiberi di LiberoFuturo al Teatro Biondo

    Alle 9:30 al Teatro Biondo (via Teatro Biondo, 11) saranno presentati i primi mille ProfessionistiLiberi firmatari di un manifesto impegnativo di lotta antimafia di LiberoFuturo.

    Coordinerà Enrico Colajanni. Interverranno Valerio D’Antoni, Alessandro Maria Calì, Ivan Lo Bello, Umberto Ambrosoli, Tano Grasso, Emanuele Nicosia e Maurizio De Lucia della Procura nazionale antimafia.

    Il manifesto contiene un decalogo che prevede non si possa prestare nessuna forma di consulenza o attività professionale a chi è già condannato o anche solo imputato per mafia.

    Lista completa dei professionisti.

    ProfessionistiLiberi

    Palermo
  • 5 commenti a “I primi mille ProfessionistiLiberi di LiberoFuturo al Teatro Biondo”

    1. … Ho partecipato all’ iniziativa di ieri.
      Non riesco a trattenere la delusione e la tristezza nel constatare un comitato nato spontaneamente dalla città, e oggi sempre più lontano da essa. Teatro molto meno pieno dell’anno scorso, sempre più “autorità” e sempre meno “città”.
      Pur condividendo le nobili battaglie mi rendo sempre più conto che mantenere coerenza e lucidità d’azione è davvero un’utopia!

    2. ti ricordo soltanto che la manifestazione di cui parli è stata 4 anni fa.
      che le istituzioni erano presenti sia allora che adesso (.. ma di più 4 anni fa.)
      che il teatro era pieno, sicuramente meno del passato ma era sabato mattina e pioveva.. cosa non da poco..poi che il comitato sia lontano dalla città ,non lo credo affatto… quanto alla coerenza e alla lucidità d’azione è un tuo modo di vedere ..mi viene il dubbio che tu NON abbai ascoltato affatto l’intervento iniziale..
      concludo:
      un altro tassello IMPORTANTEè stato aggiunto,GRAZIE a tutti coloro che hanno dato il loro IMPEGNO affinchè si raggiungesse.

    3. Simon, la festa/fiera che Addiopizzo fa ogni anno a maggio (dal 2006) la conosci, la frequenti? Ti sembra vicina alla Città?
      Cosa dovrebbe fare secondo te Addiopizzo per esser – come dici tu – più vicino alla Città?
      A partire da quando, secondo te, Addiopizzo ha perso coerenza e lucidità d’azione?
      Grazie per le risposte che vorrai dare

    4. pequod: il tono che usi mi sembra un pò avvelenato e alterato, il mio era soltanto uno sfogo e una amara condivisione, credimi che scrivere quello che penso, non è stato per fare una sterile polemica ma semplicemente una amara considerazione. Ovviamente puoi non condividerla, ma invece di trovare giustificazioni superficiali sul motivo della poca presenza della città in teatro ieri, sarebbe a mio avviso, più saggio e apprezzabile, uno sforzo nel tentativo di comprendere perchè la città non c’era e perchè un certo simon scrive che è deluso!

    5. Victor: scusate l’errore.. non era l’anno scorso ma 4 anni fa, non credo cambi qualcosa… anzi!
      Frequento la festa di addiopizzo a maggio e non si può anche lì non constatare un declino dell’azione del Comitato. Piazza Magione è stata lasciata preferendo altri posti più “comodi”… questa per me è già una sconfitta! Anche alle feste a mio avviso, cè stato un triste calo di presenze.
      Sono tra i firmatari del consumo critico.. e apparte un’attività a voi parallela “punto pizzofree” non credo che il consumo critico sia mai decollato. Le firme che responsabilizzano i cittadini-consumatori, non se ne ha più notizia.
      Vengo, e non solo io, a sapere di contributi, premi e finanziamenti dati al comitato per progetti dai giornali, e non dall’associazione stessa, che dovrebbe divulgare un bilancio trasparente… tutto ciò mi fa pensare e credere che il Comitato si sia un pò troppo “istituzionalizzato” allontanandosi dalla città.

    Lascia un commento (policy dei commenti)