giovedì 19 ott
  • Fiaccolata dei dipendenti Gesip, “bare” a Palazzo delle Aquile

    Si è svolta ieri sera una fiaccolata di protesta dei dipendenti della Gesip insieme agli studenti. La manifestazione si è svolta in serata per non provocare disagi ai cittadini.

    Duemila dipendenti rischiano il posto.

    Al termine della manifestazione due finte bare sono state lasciate a ridosso di Palazzo delle Aquile.

    Fiaccolata della Gesip, “bare” a Palazzo delle Aquile
    (foto di Antonello Minia)

    Palermo
  • 28 commenti a “Fiaccolata dei dipendenti Gesip, “bare” a Palazzo delle Aquile”

    1. Tranquilli, che ora ci pensa Mario Monti, alla Gesip… 🙁

    2. Sarebbe bello se Monti li mandasse a lavorare nelle miniere di zolfo a sti perdigiorno… Che per giunta hanno pure la faccia di bronzo per protestare !!! Il lavoro si suda, bellezze… Lo stipendio non vi arriva per grazia ricevuta !

    3. Neanche buoni a fare le bare…

    4. “Duemila dipendenti rischiano il posto”

      Duemila dipendenti rischiano lo stipendio, dico io. Del lavoro gliene fregasse qualcosa..

    5. ma non vi vergognate? il vostro cinismo fa accapponare la pelle. si viri ca u panuzzu rintra i vostri casi ‘unn ha’ mai mancatu! vergognatevi.

    6. mi dispiace vedere quanto odio ci sia intorno a questa azienda all’interno della quale ci sono persone che non fanno il loro dovere e altre che invece svolgono il loro compito con coscienza e professionalità. Proprio per garantire il futuro lavorativo di queste ultime e delle loro famiglie credo che la Gesip dovrebbe cominciare a tagliare i rami secchi per dare alla città un segnale di serietà. Dubito fortemente, però, che chi dovrebbe avere la responsabilità di un tale atto sia capace di compierlo e allora pochi perdigiorno continueranno a ledere la dignità di chi lavora

    7. altri 2000 disperati per le strade di palermo…benvenuti all’inferno

    8. tutti a casa…ed al loro posto persone di buona volontà.

    9. si è magari come già gira la voce facciamo un nuovo bando al comune per le coop e cosi grazie a qualche politico senza scrupolo ritorniamo a 20 anni fà,veleno vendo veleno e si ricomincia.

    10. Mangiapane a tradimento.

    11. Pip , ex carcerati, neo delinquenti, Lsu, voto di scambio, stipendio per non fare nulla, lsu, pip, ex carcerati, amici degli amici… che vergogna a palermo!

    12. CHE SCHIFO.!!!! DATE I SOLDI ALLA FIAT CHE HA DIPENDENTI VERI E CON PROFESSIONALITA’ ACQUISITE DA ANNI E NON A QUEST NULLAFACENTI ( ANDATE A GUARDARE NELLE POSTAZIIONI , CIRCOSCRIZIONI , ECC) SENZA ARTE NE PARTE E NESSUNA VOGLIA I LAVORARE, MA CON IL DETTO MI DEVONO PAGARE PERCHE’ VENGO E NON PER QUELLO CHE DEVO FARE ALTRIMENTI BRUCIAMO LA CITTA’.

    13. io dipendente di gesip srl (la città dei ragazzi)dopo aver aderito ad un bando di concorso indetto dal comune di Palerm0 per laureati e diplomati,dopo essere stata selezionata e mandata a fare un corso per poter lavorare con i bambini,dopo essere stata a prendere freddo, aqua,sole,e vento….con 200 bambini al giorno,dopo essere stata assunta da questa società che è gesip servizi alla persona, ed aver passato tutte le feste di fine anno a piangere perchè ogni anno ci devono licenziare,(siamo stati assunti nel 2006)…adesso ESIGO IL MIO pOSTO DI LAVORO e NON MOLLERò FACILMENTE il MIO LAVORO…LA MIA VITA…A COSTO Di FAre una guerra…contro questo governo LADRO!!!E VOI non veniteci addosso…il futuro dei vostri figli è incerto….come lo è quello dei miei figli!Lottate per un futuro migliore…per salvare la nostra terra!non per lanciare solo brutte affermazioni sui lavoratori!

    14. solidarietà ai lavoratori della gesip, come agli operai di termini. se finalmente capissimo che il popolo siciliano deve lottare unito, avremmo già fatto un piccolo passa avanti.

    15. caro luigi io sono un dipendente della gesip o meglio sono una vittima purtroppo di questo sistema politico palermitano . come tu sai si dice il pesce puzza della testa. io in passato o lavorato duramente e oggi i dolori me li sento perche il lavoro che facevo una volta era troppo pesante quasi come (lavorare in una miniera di zolfo)e ho sempre sperato in un lavoro piu leggero come tutte le persone. ma credimi io non mi sono mai tirato indietro per il lavoro. come sono io e tanti bravi padri di famiglia che lavorano in azienda percio non fate tutta un erba un fascio non e cosi. io personalmente mi sento mortificato quando si dice 2000 persone che non fanno niente. certo il lavoro non ammazza nessuno. distinti saluti alfonso

    16. io continuo a dire che il veleno è rientrato in circolo, ai serpenti che lo sputano dico: prendete esempio dal commento che ha scritto il sig.peppino e come dice mia cugina giusi molti dei serpenti non sanno quello che c’è dietro ogni storia lavorativa di ognuno di noi, però è facile buttare sentenza su ognuno di noi per colpa di qualche elemento nocivo che sta in mezzo a noi, e che non per colpa nostra ci stà ancora, ma solo per la gestione aziendale disastrosa che si è adottata in questi anni e che non centra niente con l’epilogo di questi ultimi tempi,ma la vera colpa e solo della politica che ha saputo solo fare di questa azienda solo uno sfogo dei loro loschi intrecci infornando sempre di più e non tenendo conto che era nata all’epoca con dei costi solo per all’incirca 1480 più o meno dipendenti senza incrementare le somme spettanti per i costi aggiuntivi arrivando all’epilogo cui oggi viviamo,questa e la verita e i cittadini lo devono capire,come noi capiamo che il cittadino come lo siamo noi che pagano le tasse pretendono i servizi,ma questo è un elemento non attribuibile a noi dipendenti e che comunque ci dispiace perchè tutto il resto di positivo che in questi lunghi 10 anni non viene preso in considerazione da nessuno.

    17. ah quindi sia tu che tua cugina lavorate nella stessa azienda…c’è più nessuno?fratelli, sorelle, zii? quanti siete lì dentro?

    18. ma che cosa ti interessa che fa e tutta invidia?vedi dove i meschini come te dove vanno a cercare il pelo rileggiti il mio commento e vai a disturbare ad altri che non e proprio il momento di venire dietro a quelli come te,che non sai un ….. di me e manco di mia cugina che tra parentesi ha vinto un regolare concorso,percio aria………….

    19. parlate di concorsi dite pure selezioni perche’ non conoscete neppure la differenza se fossero stati concorsi pubblici aperti a tutti e a tutta italia ( cosi’ prevede la legge) col cacchio che molti sarebbero stati “assunti” per come detto a tgs scambio di voti a questi politici palermitani

    20. a carlo eppure mancavano le tue…… se tu e i …….. come te pensate che mi metto a rispondervi a tutte le………che sparate te lo sogni vatti anzi andatevi a fare l’antidoto per il veleno serpenti arraggiati.

    21. ma perchè non pensate pure ai dipendenti amat che hanno fatto dei concorsi interni stabilizando persone che veniva dal precariato cioè LSU,che gli ha fatto prendere la patente per portare il mezzo e dopo 10 solo 10 guide li ha messi alla guida non pensando al pericolo che potevano subire gli utenti.Questo sempre è stato fatto dal nostro comune,ma qui nessuno parla!!!!sapete solo sputare veleno su di noi che stiamo in questo contesto…Poi c’è pure l’AMIA che ha fatto le stesse cose….il comune ha fatto la stessa cosa con gli LSU che li ha stabilizzati facendoli diventare impiegati comunali a meno di 4 ore al giorno senza coprire l’orario d’ufficio,detto ciò tutto questo lo dobbiamo pagare solo noiiiiiii che siamo i precari più antichi che lavoriamo con il comune facendo i lavori più umili sotto pagati,senza buono pasto facendo più di 8 ore al giorno,ma comunque arriverando giorni migliori.

    22. Capisco il disappunto di chi si è visto regalare un lavoro del tutto indispensabile alla società, come gli incarichi svolti dai dipendenti gesip. Com’è possibile che la consuetudine di premiare chi non ha svolto nessun concorso pubblico, formazione continua, in possesso di non ben specificate professionalità, venga, dopo anni di assistenzialismo, minacciato di perdere il dono dell’impiego?????
      Una persona laureata, con esperienza all’estero, che parla più lingue e coi titoli di studio può sostituire la carta igienica, dovrebbere commettere un reato minore per sperare in un impiego nella P.A., considerando quali sono e sono stati i requisiti per accedere alle categorie quali gesip, lsu etc…

    23. Vi invito a essere rispettosi nei vostri commenti.
      Carlo ti invito a non utilizzare così il maiuscolo (equivale a urlare).
      Grazie.

    24. è vero che ci sono quelli che fanno qualcosa, che lavorano, però è altrettanto vero che ci sono i mangiapane a tradimento nella pubblica amministrazione. Gli ex detenuti che rivendicano “a mia m’hanno a dari i picciuli!” (senza fare nulla).

      che schifo i mangia pane a tradimento.

    25. va bè tra sei mesi ci sono le elezioni . consiglierei a chi si candida di non sottovalutare questo bacino di voti forza datevi da fare

    26. a tutti quelli che gufano prrrrrrrrrrrrrr scusate se è poco.

    27. Ma fatevi i cavoli vostri!E’ l’invidia che fa parlare i frustrati!Io la pagnotta me la sono sempre guadagnata xkè lavoro.Via i lagnusi,via gli imboscati,via i lecchigni,facciamo i recinti,non voglio essere classista,ma siamo messi a fritto misto(certe figure nell’espressioni!).però, Palermo senza i volenterosi Gesip muore.Forza crediamoci

    Lascia un commento (policy dei commenti)