venerdì 18 ago
  • Speciale “Generale dietro la collina…”

    WikiVas ha scovato su YouTube questo filmato di un paio di minuti dove il candidato sindaco di Palermo, generale Antonio Pappalardo, lamenta di essere “oscurato” dai media. Il generale si sente «avvilito», poi dice di avere «scritto una lettera molto pesante al direttore del Giornale di Sicilia»…e già qui si sorride pensando a quel che può scrivere di “pesante” un uomo dello Stato. Aggiunge «non appaiono articoli sulla mia candidatura». Generale, non ci siamo. Gli articoli sui giornali si “pubblicano”. Quelli in tv “vanno in onda”. Non “appaiono”. Non sono come la Madonna o i santi di Fantozzi.

    Poi accusa un generico «lui» di «temere i Carabinieri» e «pensare ad altri interessi». Ma lui chi? Antonio Ardizzone che è direttore del Giornale di Sicilia? O Giovanni Pepi che ne è condirettore?

    Poi inizia a gridare con stampo mussoliniano che il boicottaggio della sua lista, il Melograno, «È indegna di un paese civile e democratico». Poi minaccia: «Stiano attenti questi signori della stampa e della tv». E accusa i suoi concorrenti alla poltrona di palazzo delle Aquile di avere «una faccia da morti e da cadaveri».

    La parte preferita da WikiVas è la conclusione, dove le accusa si estendono al plurale: «Cari direttori di giornali, cari direttori di testate varie…» – e qui si ricomincia a gridare, quasi evocando toni passatisti – «state attenti perché noi stiamo venendo. E verremo anche nelle vostre redazioni…».

    Generale, WikiVas vuole darle un consiglio. Saltiamo i consigli sul look, sul fatto che dovrebbe cambiare metodi di comunicazione e magari farsi un ufficio stampa migliore. La informiamo solo che i giornali sono delle aziende private. E in quanto tali sono liberi di pubblicare o non pubblicare quello che lei dice, sostiene, propone e genericamente grida. Certi toni, certe minacce velate, certe divise ostentate, non fanno certo bene al dialogo e al rispetto nei confronti di chi mira a gestire la “cosa pubblica”.

    Generale, se vuole farsi eleggere o se vuole ottenere almeno un paio di consiglieri comunali, cosa che in molti potenziali candidati non hanno capito ancora, deve prima raggiungere il cinque per cento dei voti. Una soglia che le auguriamo di superare. Siamo certi che la sua presenza può contribuire ad arricchire e colorire le nostre giornate da giornalisti.

    Generale, un suggerimento: cancelli questo video. Ne faccia un altro. E faccia in modo che i prossimi due minuti siano «quasi giorno, quasi casa e quasi amore». (op. cit. Francesco De Gregori, detto “Il principe”).

    WikiVas
  • 32 commenti a “Speciale “Generale dietro la collina…””

    1. IRRESISTIBILE!
      Mi piacerebbe conoscere il giudizio dei CC su questo video.
      PS. Generale lo sà che con un solo nome è riuscito ad abbracciare il simbolismo ebraico, islamico, induista e anche cristiano? Complimenti per la scelta.

    2. 3 domande al Generale:

      1 chi l’autore dei suoi testi?

      2 A che c’era non poteva illustrare anche il suo programma politico?

      3 Con tutto il boicottaggio che le fanno quando le ricapiterà un occasione del genere?

      4 Se è già così avvilito “in partenza” troverà mai quel giusto equilibrio necessario per poter amministrare la nostra multiforme città?

    3. Eppure mi pare che il messaggio sia fin troppo chiaro.Qualcosa si “smuove”?

    4. Pare Grunf, chiddo di Alan Ford!

    5. complimenti Totò sei un fisionomista nato!
      http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/File:Grunf_Alan_Ford.jpg

    6. “Generale, Wikivas vuole DARGLI un consiglio”.
      Bella lezione di italiano.

    7. ..effettivamente ….la solita buccia di banana!

    8. “arricchire e colorire le nostre giornate DA giornalisti”
      “non fanno certo bene al dialogo e al rispetto nei confronti di chi mira a gestire la “cosa pubblica”
      “cosa che in molti potenziali candidati non hanno capito ancora”
      “E in quanto tali sono liberi di pubblicare o non pubblicare quello che lei dice” *
      “Generale, Wikivas vuole dargli un consiglio”
      Non si potrebbe mai pensare che colui che si esprime in modo approssimativo e poco chiaro come nelle frasi riportate sopra sia un aspirante pubblicista.
      Poi qualcuno viene a scrivere “ma perché ce l’avete con sortini?”
      Perché lo vuole lui. Il suo comportamento è irritante. Se le va a cercare. Oltre a scrivere come una gallina, oltre a esplicitare il suo pensiero (?) in modo talmente confuso che lo capisce – forse – solo lui di chi parla e di cosa parla, si permette pure di fare il correttore? E quante volte ha denigrato giornalisti che lui, sortini, considera con impertinenza colleghi?
      Ma la cosa che mi infastidisce di più è che sortini si permette di citare De Gregori. Peraltro è una citazione che arriva come il “cacio” sulla minestra. De Gregori è una persona gentile ma un po’ “speciale” e avrebbe buoni motivi per inc…zarsi.

    9. Apparire è corretto. Vuol dire cominciare a mostrarsi, e ad essere. Questo denuncia il Generale, ancora prima della “pubblicazione”, ovvero della divulgazione ( far noto a tutti o al maggior numero di persone).
      E saltiamo invece sul fatto “che dovrebbe farsi un ufficio” stampa migliore e andiamo piuttosto a farci fare l’amore dalle infermiere.

    10. No ma io non parlavo di fisiognomica ma di contenuto.

    11. Gi…e sorridi che può darsi che domani un francese ti runa un timpulune e muori 🙂

    12. pausa di riflessione please:

      COMUNICATO STAMPA
      Incontro del MELOGRANO con i Cittadini

      “Sono andato alla Kalsa. Pensate, un Carabiniere fra Palermitani con precedenti penali.
      Ho discusso con loro. Ho trovato in essi tanta di quella dignità che non hanno i ladroni di regime!
      Un tale si è presentato con un paio di corna in testa e ha urlato con tutta la sua rabbia che quelli che stanno al Comune sono cornuti!
      Una donna, presidente di un’associazione di malati terminali ha chiesto il mio aiuto, come ha fatto invano con i soliti politici, che l’hanno lasciata sola.
      Le ho risposto che non le avrei dato alcun aiuto se non avesse lavorato con me intorno al suo progetto.
      La sera era con noi, perché ha capito che con il Melograno a Palermo c’è una nuova aria.
      Un venditore ambulante abusivo ha gridato la sua disperazione. Ha denunciato: “Siamo in 300.000 abbandonati nelle strade a prendere freddo e inquinamento, per vendere qualche pezzo di pane”.
      Ho risposto che noi del Melograno realizzeremo mercatini serali, con luci e musica, in tante parti della Città di Palermo, dove potranno confluire tutti gli ambulanti abusivi. La sera anche lui era con noi!
      Ho detto ai fedeli che uscivano dalla Chiesa di non aver paura di avvicinarsi al nostro palco: siamo uomini delle forze dell’ordine, militari, che insieme ai tantissimi cittadini onesti e ai tanti che sbagliano, ma vogliono costruirsi una vita nella legalità, costruiremo una futuro per i nostri figli. Prima di tutto un lavoro sicuro!
      Un cittadino ha voluto un microfono e ha detto che ha moglie e tre figli, che non riesce a sfamare perché senza lavoro. Ha concluso: “Che debbo fare? Debbo rubare?”.
      Un altro ha gridato: “Ho detto a mio figlio di fare una rapina. Così lo arrestano e dopo, quando esce, gli danno un lavoro”.
      Noi facciamo parlare i cittadini. Loro, i politici disonesti e drogati, che con una faccia di bronzo, dopo aver distrutto la città, osano ancora presentarsi, stanno complottando per mettersi insieme per continuare a rubare.
      Il Melograno-Mediterraneo, che mette Palermo al centro di un profondo rinnovamento, che vuole far tornare la città agli splendori di Federico II, va avanti per la sua strada, da solo, senza affiancarsi ad alcun partito. Non vogliamo prendere la rogna!
      Antonio Pappalardo

      http://sicurezzaelegalita.it/

      NB. cliccare su:cs melograno 30 nov 11 leggi tutto

    13. Però…. forte l’idea di mercatini serali con luci e musica solo per abusivi!
      Di giorno gli autorizzati di sera gli abusivi. Perchè no?

    14. ………..facciamo parlare i cittadini. Loro, i politici disonesti e drogati, che con una faccia di bronzo, dopo aver distrutto la città, osano ancora presentarsi, stanno complottando per mettersi insieme per continuare a rubare……..
      NON SO CHI L’HA SCRITTA,MA
      SE LE COSE STANNO COSI’
      LA MAGISTRATURA DOVREBBE AVERE UN GRAN DA FARE.

    15. Un candidato ancora più improbabile di Raffaele Sabato(sindaco Isidoro).
      Speriamo per il suo bene che i suoi familiari lo convincano a ritirarsi.Brutta cosa la vecchiaia!

    16. CURIOSITA’:
      Chi o cosa avrà intimorito i fedeli che uscivano dalla chiesa?

    17. IL DUBBIO:
      il Generale scrive ” …politici disonesti e drogati, con una faccia di bronzo,…”

      Ma non ha detto che quelle facce sono ” di cadaveri e di morti”?

    18. Ma che c…zo di battute fai? Timpulate ! Boh !
      Se te la do io una timpulata ti rimetto il meccanismo a posto e smetti di scrivere come una gallina. Dottor Siino-Rosalio SCHERZO 😀
      E’ spassoso Sortini.
      Volevi fare ironia su un tipo pittoresco che in certi momenti è una sorta di versione wanna marchi in divisa? Bene, la fai, non è necessario metterci grande intelligenza, basta un po’ d’ironia (tra l’altro il video parla da solo)… ma per quali scherzi del tuo destino ti metti a fare il correttore di uno che parla – e probabilmente scrive – come te? Come una gallina intendo. Hai dimostrato come si sciupano le occasioni, perché l’assurdità del personaggio basta a se stessa, e avrebbe fatto ridere pure. Tu hai “costretto” il pubblico a concentrarsi sui tuoi strafalcioni, di fronte ai quali nessuna assurdità regge il confronto. Come dire: “il comico”* – inconsapevole – sei tu…
      * eufemismo (in realtà si vuole intendere: buon cliente da sfottere, con benevolenza comunque)

    19. ah, dimenticavo: grillosparlante, viri che certi giovani candidati mancu babbianu. Gente senza i requisiti richiesti che confonde la candidatura alla gestione di una città molto complessa per l’ufficio di collocamento.
      Non scrivo la lista – che ho ben chiara in testa – … anche perché ogni giorno è aggiornata, new entry non stop. Uno più “comico” dell’altro.
      Ma una cosa la dico e la chiedo: questi “signori” sono coraggiosi al limite dell’incoscienza, oppure hanno capito che ormai Palermo è un manicomio a cielo aperto e quindi loro possono spacciarsi, indisturbati, per tutto quello che la mattina al risveglio passa loro per la testa?

    20. A proposito di facce perchè quella del Generale non è stata ancora inserita nel concorso “GRANDE SINDACHELLO?
      BASTA CON IL BOICOTTAGGIO,DOVRESTE VERGOGNARVI ANCHE VOI DI ROSALIO!!

    21. @Gigi, la seconda che hai detto. La moltiplicazione di tutti questi candidati senza nessun tipo di peso politico né uno straccio di programma sta diventando boutade

    22. nessun peso politico, sorry

    23. mi dispiace ragazzi ma io non voterò né per candidati di nuova generazione e neppure per il Generale; ho già fatto la mia scelta(irrevocabile):
      http://www.youtube.com/watch?v=a5bDrbxilzE&feature=related

    24. quoto senz’altro sforza italia. voto il sintaco di paolomonto

      Vas ha sbagliato a scrivere “voglio dargli un consiglio, generale”

      Non avendo fatto il militare non sa che al generale, come a qualsiasi superiore, si dà del “lei”. Dio ce ne liberi, comunque, se il generale riuscisse anche solamente ad arrivare in consiglio comunale.

    25. Si cavalca un facile populismo, vedo nelle parole del generale dei Carabinieri (lo é davvero?, ci siamo informati? Un gnerale dei Carabinieri usa questo linguaggio e si esprime in questo modo? Inneggia alla difesa degli ambulanti e ne fà una difesa di categoria, invece di spronarli a mettersi insieme fra più persone magari, a costituire cooperative o cercare una strutturazione più stabile e meno precaria.
      Viva il Suk? Qual’é il messaggio?
      Molti nel centro storico si arrangiano a fare gli ambulanti, concetto un po’ mediterraneamente arabo, quasi del venditore porta a porta, che cerca il cliente girando per la città invece di aspettare che arrivi. Per carità, legittimo, costi 0. E progettazione del proprio lavoro quasi nulla.
      Che si esalti questa condizione tanto da farne un modello sociale, fa quasi sorridere.
      il commerciante ambulante é una forma di precariato commerciale, che viene utilizzato, perché si hanno poche risorse. Da qui a dire eligiamolo a modello commerciale, ce ne passa, secondo me, anche per quelli che lo usano, per i motivi suddetti.
      Il programma mi sembra avere una certa deriva populistica, nel non proporre reali soluzioni, ma solo proporsi come forma accattivante di facile consenso.

    26. cara Uma goditi anche quest’altro momento di puro relax:
      http://www.youtube.com/watch?v=zhU6wg6_J7k

      IRRESISTIBILE NO?

    27. SUGGERIMENTO:
      Generale, ecco il modo per sistemare quel cialtrone di motociclista smarmittato che ha disturbato il suo comizio!

      http://www.repubblica.it/esteri/2011/12/02/foto/vietnam_la_trappola_della_polizia_una_rete_da_pesca-25991212/1/?ref=HRESS-18

    28. Gentile Sortino, mi auguro che tutti i candidati abbiano eguale spazio per presentarsi. Lo stile è quello che è, diffiderei degli uffici stampa. Al generale, non me ne voglia, non do molte speranze di farcela, anche perchè la cecità della moltitudine non uscirà fuori dai soliti binari. In merito ai Giornali, voglio ricordare che sono aziende private che ogni anno si dividono 1 miliardo di euro di soldi PUBBLICI, quindi anche miei, per svolgere un lavoro immenso di paraculaggine e di servilismo assoluto, scadendo nella qualità e nel default culturale ed informativo. Così è facile fare impresa privata.

    29. Annibale…i fondi per l’editoria sono un rimborso per la carta. E il nuovo governo quest’anno non ne ha stanziati

    30. Non è vero che non ne stanzia, le cose non stanno come affermi e lo sai bene. Quando se n’è semplicemente accennato la FNAS ha annunciato crolli e licenziamenti a catena. Non è questo il punto o forse si (quanto spreco!), ormai si è perso il valore d’informare. Tu facci sapere presto altre news, almeno non costi 🙂

    31. E sto qui da dove è uscito? 🙂 troppo esilarante!

    Lascia un commento (policy dei commenti)

Speciale "Generale dietro la collina...", 1.0 out of 5 based on 1 rating