mercoledì 18 ott
  • Qualità della vita: Palermo in basso e perde punti ma è prima per felicità

    Secondo la classifica sulla qualità della vita nelle grandi province italiane de Il Sole 24 ORE Palermo sarebbe centoduesima. L’anno scorso era centounesima.

    Malgrado ciò il dato rilevato da IPR Marketing sulla felicità (risposta alla domanda «Personalmente, lei è felice?») vede Palermo prima con un indice pari a 20.

    Palermo
  • 43 commenti a “Qualità della vita: Palermo in basso e perde punti ma è prima per felicità”

    1. La libertà rende felici ma ha sempre un prezzo. O l’indice di qualità della vita è insignificante, o siamo degli allocchi … ma la mia ipotesi è che siamo individui-bonsai che prosperano nella loro piccola zolla formatasi tra le pieghe delle regole civili e dei codici legali, grazie alla mancanza di controlli e di sanzioni amministrative.

    2. Provate a salire sul “101” e origliate i discorsi di chi vi sta accanto: uncinné unu ca rici chi è cuntientu!

    3. Come ho sempre sostenuto: Il palermitano nella munnizza ci sguazza, è felice!

    4. @ sforza italia
      Quando vengo a Palermo prendo spesso il 101, ma il linguaggio dei passeggeri mi è incomprensibile: il 90% è extra-comunitario. Probabilmente i palermitani felici sono quelli che girano in macchina.

    5. ma probabilmente…essendo la felicità fatta di attimi….hanno risposto che erano felici…in quel momento che li stavano intervistando!!!

    6. @zelig
      mia sorella per tornare a casa da lavoro, proprio per il problema che hai evidenziato tu,ha deciso di non usare più il 101 e di farsi a piedi dalla statua fino alla stazione centrale. Riempono il bus, salgono con tutti i carrellini e scatoli di cartone ed in più c’è forte odore di curry (quando va bene).

    7. @ Marco. Tua sorella forse preferisce i ragazzini palermitani delle scuole medie che imbrattano e non hanno la minima idea di cosa significhi essere educati o il palermitano medio che non paga il biglietto.Gli extracomunitari che utilizzano i mezzi pubblici sono per la massima parte silenziosi e rispettosi . Ma come possono esistere persone come te e tua sorella che accusano gli stranieri per l’odore di curry e non vedete che le nostre stade sono piene della monnezza che persone come voi scaricano tarnquillamente fregandosene della raccolta differenziata?

    8. Gli extracomunitari, come tutte le persone che lavorano, si portano dietro l’odore delle loro fatiche quotidiane e certo non possono profumare di chanel n°5…ma forse a qualcuno fa bene camminare un po’ a piedi…ci si tiene in forma e si ha la possibilità di guardarsi un po’attorno. Comunque il post parlava della felicità dei palermitani, non di quanto siano discriminanti, nè di chi fruisce dei mezzi pubblici.

    9. cosa vuol dire indice pari a 20?
      20% oppure al ventesimo posto?
      Certo che se si va ad intervistare Pinco Palla
      che in questa citta` fa quello che vuole,
      da incosciente ed irresponsabile,
      facile sentirsi rispondere sono felice.
      Invece Palermo e` una citta` triste,
      con una storia triste,
      con un futuro ancora piu` triste.
      Abitata da troppi Malacarne.
      Di felice ho visto solo il mio cane,
      davanti una ciotola piena o
      quando si rotolava sul tappeto.

    10. Questi indici sono utili a valutare oggettivamente le amministrazioni: qual era il posto in classifica al momento dell’insediamento? Quale alla fine del mandato? Le chiacchiere restano a zero!

    11. La gente qui è felice, perchè non ha mai visto cosa c’è fuori. Vive in una piccola bolla che gli irretisce il pensiero e tutto quello che gli crea fastidi o disagi, viene scaraventato fuori dalla stessa, prima che il pensiero ne prenda atto.

    12. @roberto
      si di gran lunga, almeno ti fai il viaggio senza doverti turare il naso.

    13. Io penso che molti dicano di essere felici perché non hanno termini di paragone. Ragazzi c’è gente di 60 anni che non è mai uscita da Palermo, spesso difficilmente escono dal loro quartiere. Hanno il loro piccolo mondo e sono convinti che quello sia il massimo, non conoscono altro… Un mio ex collega di università ha sempre vissuto in un paese della provincia. Arrivato a Palermo appena immatricolato, è rimasto scioccato da quanto era grande via Ernesto Basile… Oggi, dopo la laurea, è emigrato e si è reso conto di quanto faceva schifo il suo paese. Inviterei molte di queste persone a farsi un giro a Berlino, a Londra e in altre città civili, nella speranza che riescano a capire la differenza con Palermo.

    14. la questione secondo me è piuttosto complessa, almeno quanto costruire uno strumento per misurare la felicità umana! bisognerebbe vedere i parametri, ecc.. io vi dico semplicemente, che ho avuto la fortuna di girare in italia e in europa, e in alcuni casi mi sono fermato anche a vivere per più di sei mesi in altre città. dopo aver fatto ciò, ho deciso di vivere felicemente a palermo, e questo non significa non vedere i problemi di cui soffre la nostra città..

    15. @ marco

      purtroppo non conosco le lingue straniere… avrei certo un’opportunità di arrichimento culturale parlando con gli extracomunitari che frequentano il “101”!
      invece non posso.
      Intessere relazioni solo con il 10% dei passeggeri locali?
      magari, però questi, per tutto il tragitto, stanno soltanto a lamentarsi ripetendo ossessivamente sempre la stessa frase “minchia quanté curnutu u sindacu”
      Troppo poco per poter comunicare……

    16. quanto poi all’odore.. non si tratta di curry ma di aglio; ne fanno un gran consumo.

      Per qualcuno sarà anche sgradevole, ma il tasso di mortalità per malattie cardio-vascolari è praticamente irrilevante.

      Al contrario di chi strafoga di frittola finisce con affollare gli ospedali e costa alla sanità, e quindi ai cittadini, un occhio della testa!

    17. si puo` essere felici in una citta’ che vanta
      questi primati?:
      assassinio di Sindacalisti
      assassinio di Giornalisti
      assassinio di Liberi Professionisti
      assassinio di Imprenditori
      assassinio di Magistrati
      assassinio di Sindaci
      assassinio di Forze dell’Ordine,Graduati,Commissari
      e fin’anco Generali
      assassinio di Presidenti di Regione.
      .
      Si vede che sono stati gia’ dimenticati.
      Che felicita!

    18. Riferirsi alle amministrazioni e’ fortemente limitativo.
      Quando esco di casa ed incontro gente sporca,egoista,maleducata,scortese
      non c’entrano le amministrazioni,che pero` meritano un approfondimento a parte.

    19. Be diciamo che non è ben chiaro il dato riportato in questo blog. Comunque come sempre sono i paesi più poveri ad essere i più felici. Come capita nella classifica delle Nazioni più ricche e quelle più felici. Comunque il Palermitano medio è sempre felice, non paga tasse,lavora in nero, dice di guadagnare 100 invece ne guadagna 10000, sporca e non viene punito, esce nonostante la crisi, vota e gli danno 50 euro..be dico…più felici di cosi di muore!

    20. L’odore di umanità del 101 non mi da alcun fastidio. Durante il viaggio mi diverte vedere tanti imbecilli ingolfati nel traffico mentre il bus scorre veloce nella sua corsia privilegiata.

    21. “Chi si accontenta gode” sarà questa la felicità? Mah!!!

    22. “il bus corre veloce”? a Palermo?

    23. @ zelig

      beato te! io purtroppo non mi godo la vista perchè preferisco tenere gli occhi sul portafoglio.
      il 10% di locali è già indice di alta probabilità di borseggio.

    24. io non vivo piu’ a Palermo, ma quando ci vivevo, sebbene non mi mancasse nulla di vitale, lo stress della vita palermitana mi stava davvero facendo ammalare d’ansia e non avrei potuto dire di essere felice.
      Da quando vivo all’estero sono molto serena, ma mi manca Palermo…
      mi sa che sono destinata all’infelicita’…o comunque all’incompletezza…chissa’!

    25. volete rodervi il fegato?
      Andate in un ufficio postale ,a Palermo.

    26. Se l’80% dei palermitani avesse senso civico, educazione, rispetto allora saremmo i primi in tutte le classifiche.
      Temo che questo non succederà mai, non riusciremo mai ad educare centinaia di migliaia di persone, a modificare il loro dna culturale, le loro radicate abitudini.
      Quando si fa notare a qualcuno che non è corretto buttare la spazzatura per strada o passare con il rosso tra l’altro si rischia l’aggressione fisica.
      Non sono fascista ma penso che il livello di degrado civile è tale che la situazione potrebbe ormai essere corretta solo con milizie armate per le strade pronte a picchiare oltre che multare l’autore di ogni minima inciviltà.
      Io penso che il palermitano è felice perchè o non si rende conto di questo perchè fa parte dell’80% oppure lo accetta rassegnato, ed è il restante 20%.

    27. @mel
      anch’io ho lavorato e vissuto all’estero , ma pensavo sempre a Palermo, che nonostante tremila difetti amo da impazzire..destinato all’infelicita’. Paragoni con altre capitali europee??? discorsi da provinciali , sempre a lodare lo straniero, chi nn vuole restare e ha abbastanza p…si accomodi, direzione Punta Raisi, auguri e buona fortuna a tutti

    28. il problema e` noto da tanto tempo.
      Da troppo tempo Palermo sta negli ultimi posti di classifica per qualita` di vita.
      Sempre intorno al centesimo posto.
      E mai nessuno e` riuscito a fare qualcosa.
      E se tenti di modificare le cose,in via diretta,ti guardano brutto.ma brutto veramente,…

    29. Ontario???…per caso sei il Gen. Pappalardo sotto mentite spoglie?
      (scherzavo)

    30. riusciamo ad organizzare una DONAZIONE
      per il piccolo Samuele ricoverato
      all`OSPEDALE Di Cristina di Palermo?
      Potremmo comprare dei regali di Natale per lui o i suoi fratelli oppure
      metterli in un conto per quando sara’ piu’ grande?
      Mi pare un recupero di QUALITA`

    31. @jamel71
      e gia’…

    32. iniziativa lodevolissima, xyz, ma poco efficace; a quell’età si ha solo bisogno dell’amore dei genitori, ma questo purtroppo non lo si può regalare!
      Se può consolarti considera che quel bimbo, al momento, ha tutte le attenzioni che merita: quel che verrà dopo, però, sarà sempre e solo questione di fortuna.

    33. Piu’che felicità noto in molte persone una certa cattiveria mai visto prima.

    34. quella famiglia vive in condizioni di massimo degrado sociale ed etico,e
      va aiutata.
      So poco di quella famiglia,ma provo ad immaginare
      i motivi per cui una ragazza sui vent`anni si ritrova con 3 figli,se non erro di padri diversi,
      tossicodipendente,e finisce sulle TV nazionali
      per un bambino di solo 18 mesi ,in fin di vita
      intossicato da droghe e con segni di violenze
      in tutto il corpo.
      Ora,questo e` successo a Palermo.
      Ed e` una cosa che non doveva e non dovrebbe succedere nel 2011.
      E` un’occasione per dimostrare che Palermo ed i suoi abitanti hanno una capacita` di capire
      quello che succede,e di sapere intervenire,
      non solo con parole di circostanza,ma anche con fatti concreti.

    35. dichiarare di volersi occupare di un problema solo perchè se ne è appresa notizia dai giornali è già di per se un fatto di circostanza; tanto più se quel problema non costituisce un episodio isolato ma è manifestazione di un degrado sociale che non ha mai avuto confini.
      Solo l’agire ogni giorno con il convincimento che siamo tutti membri di una stessa famiglia e che i problemi del mondo sono sempre stati affari interni è sintomo evidente della più nobile capacità di essere uomini!

    36. che paroloni,essere uomini.
      Se ti guardi intorno,nel tuo condominio,puo’ essere che riesci ad individuare chi potrebbe avere bisogno.Se non ti guardi intorno,potrebbe arrivare una mattina in cui scopri una tragedia
      per poi dire,”chi l`avrebbe mai immaginato!”
      Ma in pratica,sei disponibile a dare un contributo,
      oppure stai cercando argomenti per defilarti?

    37. A Palermo è impossibile defilarsi.
      Non ci riusciuscirei comunque, neppure fossi un campione di slalom!

    38. ancora oggi una importante rete TV nazionale
      ha ripreso la notizia profondendosi in doviziosi particolari:
      abitano in un magazzino………..
      ci sono fili scoperti………….
      rubano la corrente elettrica……
      ci sono escrementi di topi……..
      c’era una busta di cocaina sul tavolo……
      ha altri 2 figli di padri diversi……….
      …………………………………….
      intanto riempiono mezz’ora di trasmissione,
      speculano su una situazione disgraziata,
      fra poco rivedremo la cosa in approfondimento
      con gente indignata(che prende lauti gettoni),
      ma ,
      fin’ora nessuno ha speso una parola di solidarieta`
      su
      come cercare di aiutare una famiglia
      in gravi difficolta`.

    39. per ontario : hai tristemente ragione, pero quando andiamo al nord siamo il popolo piu’ civile del mondo saluti

    40. XYZ, ci sono tutte le istituzioni che possono provvedere al caso del bambino di 18 mesi gia cocainomane. Non serve che facciamo ad ogni occasione di questo tipo una campagna di sottoscrizione.
      Sulla madre, che campagna di sottoscrixzione vuoi fare? Va accompagnata in una struttura di disintossicazione od in una comunità, vista che sua madre l’ha ripudiata.
      Ci sono le strutture di assistenza, il che significa che ognuno di noi le consideri utili a fare quello che siano deputati a fare.
      Tutti paghiamo per avere l’opportunità che esistano. XYZ, credi che non servano a niente?
      Io credo che servano.

    41. diciamo che ho fatto una proposta
      che non andava fatta?Ti va bene?
      Pero` non credo che a Palermo non ci siano persone tanto ricche da non sapere cosa farsene dei soldi.
      Invito queste persone a fare pervenire il loro aiuto in forma riservata,a quei bambini.
      Ricordatevi che prima o poi si muore,ed in un istante cessa ogni rapporto con i beni materiali.
      Fare del bene,fa sentire bene.

    42. Ma felici di che?! Non ne va bene una!

    Lascia un commento (policy dei commenti)