martedì 21 nov
  • Stop ai treni diretti per Milano, Venezia e Torino

    Oggi entra in vigore l’orario invernale di Trenitalia e vengono sopressi diversi treni tra cui i treni notturni in partenza dalla Sicilia utili per raggiungere Milano, Venezia e Torino che comportano da oggi un cambio a Roma.

    Sono confermati i cinque collegamenti giornalieri tra Palermo e Roma.

    Trenitalia

    Palermo
  • 16 commenti a “Stop ai treni diretti per Milano, Venezia e Torino”

    1. W il progresso.

    2. Era meglio Mussolini, aveva infrastrutturato equamente l’Italia. Dagli anni ’60 in poi, con la prepotenza FIAT, e la scelta di preferire il gommato ai treni, per vendere auto, siamo agli anni ’30, per le ferrovie nel meridione. La solita Italia che fa scelte di nazione a favore dei pochi, non dei molti e non di tutti i cittadini italiani. Sono schifata.

    3. @uma “era meglio mussolini”.
      sei ironica vero?
      parli di quel mussolini che i treni arrivavano in orario e la gente andava in vacanza a ponza, lipari e santo stefano?
      dimmi che sei ironica e poi si torna a parlare seriamente.

    4. Stalker, onestamente non sono ironica. Guardo alle cose compiute dal ventennio (lasciando da parte i giudizi morali ovviamente condivisi sull’alleanza con la Germania e sull’istiutuzione delle Leggi razziali del ’39).
      E vedo che la maggior parte delle strutture che abbiamo sono state costruite in quegli anni (scuole, tribunali, etc..). Che l’istituzione del CNR, centro Nazionale delle Ricerche venne fatta durante il ventennio. Che ci fu un’infrastrutturazione dei treni in tutto il paese (e non solo da una parte del paese), che si fecero le bonifiche delle aree malsane, si tentò un ripopolamento delle campagne con i borghi rurali. C’erano idee, iniziative, realizzazioni.
      Scusami, sì, rileggendo a posteriori, mi sembra decisamente meglio il ventennio.

    5. in verita` quello che servirebbe all’Italia di oggi non e` “un” governo,ma un insieme di governi.
      In una situazione come quella palermitana o siciliana ci starebbe bene un periodo di pugno forte,che tradotto significa ci vorrebbe un uomo forte.Questo nostro e` un popolo non maturo per la democrazia.Qui c’e` gente che fa abuso della democrazia. In altre aree Italiane ci sono situazioni diverse, coscienze civiche differenti.
      Intanto nel 2012 si dice che alcuni treni si potrebbero fermare per fare economie,
      altro che fare nuove ferrovie!

    6. meglio il ventennio,che poi finiu a schifiu?

    7. Non credo ne sentiremo la mancanza.

    8. uma, a quanto ho capito insegni. mi resta da sperare che insegni educazione fisica (ti concederei anche qualche salto nei cerchi di fuoco per nostalgico vigore) piuttosto che storia: questi poveri ragazzi sono già abbastanza svantagiati in partenza.

    9. non avete capito nulla: i treni li hanno soppressi perché non servono più, non c’è più disoccupazione, non c’è più emigrazione dal Sud verso il Nord.

    10. No,ci sono i voli Low Cost.
      .
      Se ci rifletti,da tempo non ci sono piu` i transatlantici ,che portavano gli emigrati nelle americhe o in australia.

    11. stalker insegno restauro, e dico a chi insegno siate militanti della conservazione!
      Ti stupirà visto che tu sembra abbia una visione molto ristretta delle cose, capire che per me il senso etico della responsabilità personale, collettiva e sociale sia prioritario su tutte le vuote ed inutili parole, che spesso si sprecano qui, a parlare di cose davvero poco sostanziali stalker, come le piste ciclabili. Quando abbiamo un centro storico ancora con le macerie del dopoguerra!
      Scusami se te lo dico.

    12. Stalker, non hai idea quante persone non orientate politicamente facciano revisionismo critico sul ventennio in Sicilia. Mi spiace dirtelo. Io non nessun pregiudizio, la mia famiglia ha una tradizione Liberale, nel senso reale dell’ellora partito liberale. Non abbiamo mai votato democrazia cristina, che abbiano sempre considerato la forma peggiore di politica e l’inizio di tutti i compromessi politici.
      Purtroppo il partito liberale autentico in Italia é durato troppo poco, sopraffatto dai partiti del compromesso. Questa é la vera storia italiana.
      Non si é mai riusciti ad avere un vero bipolarismo dialetticamente produttivo, solo inciuci, ed accordi sottobanco.
      La questione ventennio? vado in giro, tutti dicono era molto meglio. Sono state fatte tante cose, ai tempi c’era una vera tensione alla modernizzazione del paese, e furono realizzate molte cose in tempi molto brevi.
      Stalker, che dirti? Io parlo con le persone, registro umori e sensazioni. Non so tu su che basi argomenti le tue.

    13. uma, sono sconcertata.
      felice solo di non aver trovato insegnanti come te nel mio periodo formativo, ma di aver incontrato insegnanti che invece di andare in giro a “registrare umori e sensazioni”, si accontentavano di insegnarla, la storia, avendola prima STUDIATA.
      aggiungere altro mi sembra inutile.

    14. poi per il resturo conservativo sono d’accordo, solo che quando studiavo io il restauro revisionista non era nei piani di studio…..

    15. Uma e stalker vi invito a rimanere in tema e vi ricordo che questa non è una chat. Grazie.

    16. certo,benedetta la II guerra mondiale,
      che di roba da restaurare ne ha lasciata
      parecchia,in giro!

    Lascia un commento (policy dei commenti)