mercoledì 23 ago
  • Aperto il negozio Prada di Palermo in via Libertà

    Ha aperto ieri in via Libertà, 1, nei locali che ospitarono Napoleon e poi Benetton, il negozio Prada di Palermo. La superficie del negozio è di circa seicento metri quadrati.

    Giovedì a partire dalle 19:00 si svolgerà il cocktail di apertura su invito. Secondo le indiscrezioni potrebbe essere presente Miuccia Prada.

    DISCLAIMER: non è stata corrisposta alcuna somma per questo post.

    Prada

    Palermo
  • 42 commenti a “Aperto il negozio Prada di Palermo in via Libertà”

    1. e poi c’è la crisi….

    2. il segmento lusso non conosce crisi.
      La crisi e’ per i poveracci.

    3. Ieri sera a cena abbiamo preso con alcuni amici lo stesso argomento.
      In fila per entrare da Prada non c’erano nè precari, nè cassaintegrati, nessun pensionato.
      Io ero a casa e alcuni commensali anche; altri erano in fila…
      Buon per loro.

    4. Mi stupisco ogni anno quando sotto le feste vedo alcuni lussuosissimi negozi lungo Via Libertà pieni “bella gente” che acquista…quoto XYZ che dice che crisi è per i poveracci.

    5. Insomma… Quando ci sono stati gli sconti da Versace la gente si è piazzata lì alle 3 di notte a fare la fila… Se ci fosse vera crisi non ti passerebbe neanche per l’anticamera del cervello di comprarti le cose Versace, manco a un decimo del prezzo.

    6. infatti…
      quoto quozca.
      inoltre i veri ricchi non comprano coi saldi.
      intendo dire proprio quelli veri, non i pirocchi arrinisciuti…

    7. vedo che ti rifiuti di capire.
      U saziu nun criri u riunu.
      .
      La crisi c’e`,
      e` globalizzata,
      e` nata dalla bolla immobiliare
      USA del 2008 che ha scombussalato il sistema bancario,
      da noi e` stata ignorata dal precedente Governo(per non perdere elettorato)
      lasciando
      che il Debito Pubblico arrivasse dove e` arrivato.
      .
      Adesso c’e` una Manovra correttiva,
      sotto la spinta della speculazione finanziaria,
      manovra che solo il nuovo Governo sta attuando,pero` sotto ricatto quotidiano di chi la vuole cotta e chi la vuole cruda.
      .
      E se nel 2012 c’e` recessione,il peggio e` da venire.Altro che aumento di posti di lavoro.
      Tante persone perderanno il posto di lavoro.
      .
      A fronte di una bassissima percentuale di veri Clienti Prada,ci sono vari strati sociali,
      da quelli che non possono permettersi di acquistare nemmeno un fazzoletto,a quelli che aspettano la stagione dei saldi per poi cercare di figurare e vendere fumo.

    8. I veri ricchi ci dovrebbero spiegare dove ,come e quando hanno fatto i soldi.
      Su quale modello industriale si sono basati?

    9. @xyz…ma non credere che tutti quelli ricchi sono delinquenti e/o “ammafiati”.
      I ricchi onesti a Palermo? PUUUUU!
      Me ne vengono 3 o 4 adesso in mente.
      Un notaio figlio di notaio, un paio di medici specialistici e un commercialisti.
      Tutti onestissimi (li conosco bene) e tutti ricchissimi.

    10. ora il problema evidenziato ha serie ricadute
      sociali.Se una sciacquetta punta a sistemarsi per la vita e si lascia indirizzare dai simboli,dalle griffes,ai tempi d’oggi corre rischi seri.
      Invece di accasarsi con un buon partito,
      si potrebbe ritrovare a fare da schiavetta
      a qualche str… che si alzava alle 3 di notte
      a caccia di saldi.
      Che tempi!

    11. Arrivo tardi, no, anzi, è il Dr Rosalio che è sempre “sul pezzo”.
      Perché avrei voluto sottoporre alcuni dati – che prendono spunto dall’apertura di questo nuovo negozio Prada – all’attenzione di Giuliano Didonna noto consulente finanziario, e uomo marketing nonché investitore lui stesso nel settore della GDO.
      Ho letto in un giornale : “Paolo Cortese, responsabile degli osservatori economici dell’Istituto Tagliacarne che ha studiato il mercato del capoluogo siciliano per la Camera di Commercio afferma che il 18,4% del volume dei consumi pro capite è destinato ad articoli di lusso”.
      Si legge pure – nello stesso articolo – che che la Coop vuole cedere tredici supermercati a causa dei conti in rosso e della troppa concorrenza. Infatti, hanno perso 200 mila euro al mese nel 2010 e il trend di perdite sta continuando anche quest’anno.
      164 dipendenti della Coop saranno messi in mobilità.
      Forse quando si pubblicizzano i benefici in fatto di creazione di posti di lavoro da parte della GDO si dovrebbero analizzare tutti i movimenti di tutto il mercato dei consumi cittadino.

    12. qualche anno fa in una puntata di REPORT su raitre spiegavano che prada produce borse di plastica a napoli pagandole 13 euro a pezzo, per rivenderle a 500.
      ecco l’interessantissimo servizio: http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-132f40c7-4377-4f83-a37f-78106ecb6dcc.html

      il lusso ‘con sostanza’ dietro va bene, ma questo non lo è.

    13. questo post si collega perfettamente a quello di maria sulla “bella gente”, avete visto e sentito le persone arrestate ultimamente? tutte ben vestite, rolex, bmw serie 6 cabrio, prada a profusione etc etc.. ma li avete visti in faccia o sentiti parlare? Peccato non abbiano intervistato la gente in fila da prada, sarebbe stato divertente…

    14. Io ci savò domani seva al cocktail di Pvada, ho vicevuto l’invito pevsonalmente da Miuccia. Savò vestito Pvada dalla testa ai piedi e mi mescolevò alla Palevmo che conta, la Palevmo spendacciona e modaiola, alla faccia dei povevacci e dei movti di fame. Ma mi sovge un dubbio: ma Pvada, è pizzo fvee? Boh!

    15. Una manovra iniqua? La guardia di Finanza cominci semplicemente a verificare le dichiarazioni dei redditi di chi sarà presente Giovedì sera…
      Io mi stupisco che queste misure non vengano prese veramente se si vuole dare la caccia agli evasori fiscali o poi qualcuno si lamenterebbe di esere caduti in uno stato di polizia?

    16. Mortacci…! Alla faccia della crisi!

    17. la crisi di cui tanto oggi si parla non esiste. e’ solo furbata politica mossa verso il solito fine..il guadagno dei pochi.

      CRISI significa che una intera società, in un dato momento storico, passa da un diffuso stato di benessere ad una evidente sofferenza economica.

      Questo oggi non si vede: ci sono solo poveri più povero di prima. Gente che sta benino ma si compra ol BMW, nuovi riccho e soliti ricchi.

      Ma vedete quanto lusso c’è in giro? e dov’è la “crisi”??

      NON E’ EMBLEMATICO CHE al posto della Benetton (negozio per tutti per antonomasia) apra Prada?

    18. Guardate cosa ho trovato sul wew:
      .
      LE FABBRICHE DI PRADA
      Volete sapere dove la famosa azienda Prada fabbrica le sue scarpe e le sue borse? (le borse prada sono tra le più famose e costose del mondo!)
      .
      Ecco svelato il mistero.
      .
      I miltari della Guardia di Finanza hanno ultimamente accertato che le scarpe Prada e le borse Prada vengono realizzati in fatiscienti laboratori della zona di Napoli, da lavoratori in nero e sottopagati.
      Tutto cio’ avviene sotto il diretto controllo degli Ispettori Prada, come e’ stato documentato in questo video, andato in onda sulla RAI nella trasmissione Report.
      Una borsa di Prada, in vendita circa euro 500,00, nella boutique Prada di Milano, costa appena 26 euro.
      Si, esatto: 26 euro
      Non ci credete vero? Guardate il video e leggete i commenti dei clienti e le segnalazioni che ci pervengono ogni giorno…

      http://pradaonline.wordpress.com/

    19. Corro!

      (dalla parte opposta…)

    20. Napoli e` nota per le contraffazioni.
      Tutti gli stilisti vanno incontro a costi altissimi,manifestazioni,locali,promozioni su carta e TV,testimanial,etc.,
      e,
      senza delocalizzare,avrebbero chiuso i battenti.
      Ma non e` a Napoli che si delocalizza la produzione.

    21. skaiwoka, io mi stupisco di chi compri borse vuitton, Fendi, Prada, et similia, perché la qualità é bassissima. Il design mika tanto innovativativamente impressionante. Non mi sono mai spiegata perché avere mai un borsellino, zaino, borsa, Viutton pagati a prezzi così astronomici, per design modesto, qualità modesta della materia prima.
      Fatico a capire come persone, o anche consumatori, che dovrebbero avere un’intelligenza media, possano convincersi a comprare robaccia, prodotta in Cina, con materiali scadenti, e con design del tutto modesto, a prezzi incomprensibili.

    22. Ovviamente continuo a stupirmi, come in un posto sottosviluppato, a detta di tutti i dati economici, come la Sicilia, continuinino ad parirsi negozi di Lusso.
      Stupisce come la Procura, solo per questa strana discrasia di dati, non accerti qualcosa.
      Stupisce Come mai la cosa continui ad esistere, nonostante la presunta impossibilità materiale, a mettere negozi di extralusso, in una regione o città, a detta di tutte le statistiche, al limite della soglia di povertà nazionale.

    23. Il sottosviluppo riguarda tanti, ma non tutti: in una città come Palermo ci sono almeno 2.500 persone ad lato reddito e a questi si aggiungono i turisti di una certa fascia.

    24. Premesso che non compro merce Prada, mi stupisco ogni volta che apre un negozio di un certo livello che si innescano un sacco di polemiche, anche superflue.
      Ma che cosa c’è di strano se apre un negozio Prada a Palermo?

    25. Favolosoooii

    26. Caro Cadio,

      non so in quale universo tu viva ma affermare che la crisi non esista mi pare un pò forte. Te la spiego da trapiantato al nord, quello che produce, le aziende licenziano, le famiglie “strincinu”.
      Da Roma in giù, dove si campa di impieghi statali e regionali, dove le pensioni diciamo che vengono concesse con molta più facilità… ecco, in quei posti la crisi non si è ancora manifestata nella sua totalità.

      Questo post lo dedico agli imprenditori veneti che non riescono ad andare avanti stretti da banche e tasse e decidono di farla finita…

    27. Ma se voi/noi siamo/siete “scunocchiati” perchè “arraggiate” se “pincopalla” entra da Hermes e compra un foulard 590E?…Tutti li subito a farfugliare – riciclaggio è!. Mafia fu!. Ma come campa chissu!.

    28. quoto stupidocane. L’invidia: brutta bestia è!

    29. Io sono un impiegato (quindi pago e dichiaro fino all’ultimo centesimo!!) con uno stipendio un po’ sopra la media, oltre i 2000, e, senza bisogno di riciclare, spacciare, rubare potrei permettermi di entrare da Prada o Vuitton, comprare qualcosa e non andare in rosso. Poi magari faccio le mie scelte se comprare o meno, ma vorrei far capire che in giro ci sono anche i benestanti oltre ai ricchi ed ai poveri.

    30. rob lo snob, dove abito io la maggior parte dell’anno con i tuoi 2000 eutri ti ci puoi pagare l’affitto (suppongo che non puoi comprare un bivani di 40 m2 400 000 €) e il mangiare. Stop.
      Prada, Vuitton e simili dove abito io la maggior parte dell’anno non impressionano nessuno e nemmeno suscitano altrettanta animosità e lotta di classe.
      Eutri non è un refuso.

    31. Non pago casa perchè è di mia proprietà (ed ogni anno dichiaro tutto essendo stipendiato). Dico solo che in giro non ci sono solo gli impiegati da 900,00 Euro al mese o i ricconi, ci sono anche le vie di mezzo.

    32. Evidentemente quando scrivo “suppongo che non puoi comprare un bivani di 4Om2 al prezzo di 400 000 €” non mi riferisco a Palermo ma alla città dove abito io la maggior parte dell’anno. Per capirci meglio, se vendi il tuo appartamento a Palermo qui ti ci compri une “chambre de bonne”.
      http://it.wikipedia.org/wiki/Chambre_de_bonne
      sto pvovando a divti che, velativizzando, per fare lo snob in certi post… insomma con la tua V agnelliana ti riderebbero in faccia…

    33. Che ricordi….Chambre di 10 m² dalle parti de la gran bibliotheque…
      Era poco più di una tenda canadese! E costava mese quanto un 7 vani in via val di mazzara…
      W la france!

    34. Gigi, mi sorprendi. Pensavo avessi capito che facevo il birignao, anzi il bivignao!

    35. OGGI SARO’ ALL’INAUGURAZIONE DI PRADA
      SOLO PERCHE’ NON SO SE POTRO’ ENTRARCI NUOVAMENTE NEL PROSSIMO FUTURO ….A MENO CHE L’ECONOMIA E LE POLITICHE DEL NOSTRO PAESE CAMBIERANNO DAVVERO….MA HO MOLTI DUBBI!!!!!

    36. @Rossella, speri che “L’ECONOMIA E LE POLITICHE DEL NOSTRO PAESE CAMBIERANNO DAVVERO” in modo che tu possa acquistare da Prada?
      Ullapeppa…..

    37. Vob lo snob, io schevzavo.
      Pevo’ tu lo fai bene lo snob e anche il camuvvuso quando fai il covvettove di post su Vosalio.
      No, non avevo capito… ! 😀

    38. tra qualche giorno il negozio HOGAN di via libertà inizierà gli sconti…poca cosa per inciso.
      Verrà assoldato il solito buttaFUORI a 50 E die, con l’ingrato compito di regolare l’accesso al locale.
      La fila sarà lunga…tanto lunga che il mio amico J.L.H di N.Y. tutte le volte che bivacca a casa mia, si ferma per fare uno scatto veloce al serpentone e sempre mi chiede: perchè”?”?
      J.L.H potrebbe, se solo volesse, comprare taaaanta roba in questi exclusives stores…(si scrive così?)…ma la cosa è trooooppo lonatona dalla sua forma mentis, meglio un salto a BALLARO’ mi dice….quell’odore..
      Ma non è feto? dico io…no no no

    39. Ma se apre un negozio Prada a Milano i milanesi si mettono a strillare così…..?????
      Poi ci lamentiamo che siamo provinciali…..beh….e che volete……

    40. Non sono un abitue’dei blog,sono soltanto un operaio che ha lavorato alla realizzazione del prada store,solo alcuni dati….1 decina di imprese…1 centinaio fra progettisti,operai specializzati e non,lavori eseguiti a regola d’arte (con decine di certificazioni)controlli fiscali e amministrativi frequenti,e cosa molto importante incidenti sul lavoro 0!!!!.

    41. Vi invito a rimanere in tema e vi ricordo che questa non è una chat. Grazie.

    42. io so solo che ci lavora una ragazza che è una meraviglia….

      una meraviglia!!!!!!

    Lascia un commento (policy dei commenti)