sabato 16 dic
  • Fondazione per la Sussidiarietà: “A Palermo bassa qualità della vita”

    Il sesto rapporto sulla sussidiarietà dal titolo Sussidiarietà e… città abitabile a cura della Fondazione per la Sussidiarietà e realizzato in collaborazione con il Politecnico di Milano posiziona negativamente Palermo che è risultata ultima nei trasporti e mobilità e penultima in tutti gli altri settori e nella classifica generale.

    Le città prese in esame erano Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Catania, Venezia e Verona.

    “Sussidiarietà e... città abitabile”

    Palermo
  • 2 commenti a “Fondazione per la Sussidiarietà: “A Palermo bassa qualità della vita””

    1. Non conosco i parametri. Ma é alta, perché esiste un tessuto familiare e di vicinato molto forte, che compensa l’assoluta assenza di servizi reali.
      Diciamo che nelle statistiche non abbiamo i servizi di sussidio, ma ognuno, se li crea e costruisce a livello di sottocomunità, non registrabili dalle statistiche.
      Credo che la qualità della vita a Palermo sia mediamente alta, perché esiste un grande spirito di supporto solidale fra le persone, che compensa, l’assoluta mancanza delle istituzioni dedicate.
      Se la vogliamo dire tutta, forse Palermo é più comunità solidale, di quanto non la si censisca, con i dati .

    2. Sui trasporti, dico sempre l’unica vera azione di intervento pubblico credo risalga al ventennio. E mi spiace fare le difese di un uomo condannato dalla storia per gli errori gravissimi che ha commesso, ma di cui nessuno ricorda le ottime idee programmatiche.
      L’italia é stata unita da Mussolini, mica da Cavour.
      Politiche comuni in tutti i territori senza nessuna differenza. Infatti noi abbiamo ancora le ferrovie del ventennio.
      Dopo,le logiche sono cambiate, ma non in senso nord-sud, neanche. In senso di chi usa i treni.
      Per cui carri bestiame, dal nord al Sud per i Treni iperveloci a partire da Roma in su.
      Da Roma in giù, nonostante tutta l’Italia compreso il meridione abbia contribuito, con la tassazione, a costruire le tratte iperveloci, ne siamo esclusi.
      Ed a questo punto continuo a pensare che il governo fascista aveva sicuramente un progetto per uno Stato intero, che non per porzioni od interessi particolari di pezzi di territorio, utili alle ragioni dei pochi.

    Lascia un commento (policy dei commenti)