mercoledì 13 dic
  • Presentato V.I.V.A., il programma di Massimo Costa

    Massimo Costa

    Il candidato a sindaco Massimo Costa (Il Popolo della Libertà, Grande Sud e Unione di Centro) ha presentato ieri nella sua sede elettorale di piazza Sturzo il suo programma elettorale organizzato secondo le quattro lettere dell’acronimo V.I.V.A. per indicare una Palermo Volenterosa, Ingegnosa, Vivibile e Attraente.

    Speciale elezioni sindaco di Palermo.

    Palermo
  • 4 commenti a “Presentato V.I.V.A., il programma di Massimo Costa”

    1. Sembra il programma del Movimento 5 Stelle: il punto è che non basta lanciare delle buone idee, bisogna avere la credibilità per portarle avanti. I rappresentanti eletti. El M5S si sono tagliati sí lo stipendio di amministratori pubblici, ma hanno abbattuto anche i costi della politica e delle campagne elettorali mentre Costa usa tutti i mezzi offerti ai partiti cheo sostengono dai rimborsi elettorali rifiutati dal M5S. Cosi si rischia di fare solo demagogia e poi questo dovrebbe essere il programma appoggiato dai vari Tantillo & C.?

    2. Ma perché date tutti per scontato che Massimo Costa stia attingendo ai contributi per le campagne elettorali?
      Mentre si dà per assodato che il Movimento 5Stelle sia formato da “santarellini” che vivono nella miseria e che elemosinano la pubblicità dagli altri candidati (con certe uscite nei vari siti per esempio) e quindi tutti gli altri non hanno la possibilità di farsi la campagna elettorale con i propri sponsor privati, solo perché il Movimento 5 Stelle non può!?!?!?
      E poi finiamola con tutti i soliti luoghi comuni…dei vari Tantillo & C….avete idea di quanti (del PDL) veramente alla fine sosterranno Massimo Costa alle amministrative???? Ve lo dico io…meno della metà!!! Perché non gli conviene.
      Massimo Costa ha la sua lista civica, così come ce l’ha Riccardo Nuti…se poi ci sono convergenze dietro sono fatti di chi converge.
      Anzi state pure certi che se il M5S prendesse il 60% della giunta comunale, probabilmente avremmo una governabilità migliore sia che salga Massimo Costa o che salga Riccardo Nuti.
      Però diciamocelo…siamo a Palermo! Quindi non prendiamoci per fessi ed apriamo gli occhi, cominciando col dire la VERITA’ invece di spargere fango a destra e sinistra (e pure centro)!

    3. non ho tempo di visionare i Video.
      Pero` ho tempo per scrivere che la
      Rinascita Palermitana
      deve iniziare dalla rivoluzione informatica.
      Basta con le cartacce che vanno a corredare le pratiche.
      Basta con i pellegrinaggi della cittadinanza da un ufficio all’altro,con enorme perdita di tempo,intasamento del traffico,ed
      il carburante a 2 euro per litro.
      C’e` da revisionare gli Iter Buocratici e snellire al massimo le Procedure,tagliando inutili passaggi
      e rendendo piu` facile la vita alle persone.
      Un altro punto e` dislocare gli Uffici dove non si riesce ad eliminare il contatto col pubblico,
      in aree dotate di ampi Parcheggi.
      Basta con gli Uffici che sono stati concepiti ai tempi di Garibaldi e li` sono rimasti nonostante
      l’espansione della Citta`in ben altri luoghi.

    4. questo costa mi sembra la versione aggiornata e corretta di cammarata. mi fa paura!

    Lascia un commento (policy dei commenti)