sabato 25 nov
  • Massimo Costa ha indicato quattro assessori in pectore

    Massimo Costa ha indicato quattro assessori in pectore

    Il candidato a sindaco Massimo Costa (Il Popolo della Libertà, Grande Sud e Unione di Centro) ha presentato ieri nella sua sede elettorale di piazza Sturzo quattro degli assessori che devono essere obbligatoriamente indicati alla presentazione delle liste. Si tratta di Patrizia Livreri, docente universitario nella Facoltà di Ingegneria, Luigi Palizzolo, ingegnere e docente universitario nella Facoltà di Architettura, Caterina Ventimiglia, avvocato e docente universitario nella Facoltà di Giurisprudenza, e Rajendra Bitrayya, mauriziano, mediatore interculturale.

    AGGIORNAMENTO: il quinto assessore designato è l’avvocato Massimo Petrucci.

    Speciale elezioni sindaco di Palermo.

    Palermo
  • 17 commenti a “Massimo Costa ha indicato quattro assessori in pectore”

    1. Hahahahahaha Palizzolo!!!
      ahahahahah non è cambiato niente ahahahah. Io farei assessore all’urbanistica Milone ahahahah

    2. Non c’è che dire… l’incompetenza la fa da padrone.

    3. Mi associo al commento di Antonio, conosco una delle persone di questo team e so quanto sottile sia il suo spessore scientifico e umano…

    4. @Antonio e @Fabio avete letto i curricula?

    5. Sempre meglio dei cv di Ferrandelli & C.

    6. Venerdì 20 Aprile, alle ore 18.30, incontro con il Candidato al Consiglio Comunale di Palermo Momo Landino, in via Marchese Ugo, n.56. Interverranno lo scrittore Enzo Randazzo, l’on. Michele Cimino ed il Candidato Sindaco Massimo Costa.

    7. ahahah la ventimiglia che ci fa la! io l’ho avuta come prof all’unipa ed è fra le persone più incopetenti che ci siano!!!

    8. ..intanto sembra.. bonazza.

      Siamo alle Olgettine ?

    9. bonazza?
      Pure cieco sei !

    10. e Giampiero Finocchiaro?
      Costa, è la mossa vincente.
      Sarai più credibile.

    11. questo e` uno dei commenti (sul precedente link)che potrebbe costituire
      base di ragionamento.
      ………..
      1) la politica non è un mestiere ma un “servizio”
      2) dopo max 2 legislature a casa
      3) 300 deputatì e 150 senatori
      (bastano e avanzano)
      ” € 5000 mensili a tutti”
      4) diaria controllabile con giustificativi
      5) abolizione del finanaziamento pubblico
      ( come vuole il popolo )
      6) comitati di controllo di cittadini a rotazione con accesso a tutto
      7) bilancio spese “on-line” come in inghilterra
      8) auto blu solo a primo ministro e ministri
      9) aboilizione totale dei privileg ia fine mandato
      10 capo dello stato eletto dal popolo
      11) anche la casta in pensione a 67 anni
      12) legge elettorale maggioritaria
      ………………….

    12. @Federico

      Non ho bisogno di leggere dei curricula se conosco le persone… e due di queste sono chiaramente incompetenti nella loro professione, figuriamoci a gestire qualcosa di cui non hanno mai avuto esperienza diretta…

    13. No vi prego Massimo Petrucci no…..

    14. Simona ma perché? Se gli danno la delega al Festino è perfetto: lui di festini ne sa! 😀

    15. Illustrissimi sconosciuti.

    16. “Molti di loro li ho conosciuti appena due o tre settimane fa. Conoscevo i loro percorsi professionali e le loro competenze e quando li ho incontrati mi è bastato guardarli negli occhi per decidere che avrebbero fatto parte della mia squadra”. Roba da far drizzare i capelli! Scegliere le persone soltanto guardandole negli occhi in barba a tutti i CV!!

    Lascia un commento (policy dei commenti)