venerdì 24 ott
  • Ibrido accessibile e acquisto di gruppo

    «C’è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti».
    Henry Ford non immaginava certo che i nuovi pionieri del suo celebre motto sarebbero stati suoi concorrenti giapponesi..

    Tra poche settimane sarà in vendita la Toyota Yaris HSD. Promette consumi irrisori, funzionamento urbano quasi esclusivamente elettrico e prezzo competitivo.
    Inoltre se consideriamo che è una Yaris, auto tra le più apprezzate, fabbricata da Toyota leader nella tecnologia ibrida dal 1992 con la Prius, ecco che allora non c’è più alcun dubbio… È il momento di cambiare auto!!

    Soprattutto ora che:

    • il nuovo sindaco ripristinerà il blocco del traffico (le ibride non lo subiscono);
    • il costo del carburante sale sempre di più (ciclo urbano di Yaris 35km/l);
    • la tecnologia ibrida arriva su modelli popolari già apprezzati.

    Se la cosa vi stuzzica già così, ora vi stuzzicherà di più…

    Dunque, vorrei riunire un gruppo di acquirenti con il fine di risparmiare sul costo unitario, visto che comunque dovrebbe essere sempre un po’ superiore alla concorrenza.
    Inoltre un acquisto di gruppo incentiverebbe l’ingresso di ulteriori acquirenti migliorando la forza contrattuale ed anche l’impatto sull’inquinamento (le emissioni sono le più basse in assoluto, funzionando al 60% in elettrico).

    Pertanto vi invito a partecipare all’evento pubblico facebook e ad invitare tutti i vs. contatti.

    DISCLAIMER: non è stata corrisposta alcuna somma per questo post.

    Ospiti
  • 12 commenti a “Ibrido accessibile e acquisto di gruppo”

    1. Non è vero che le auto ibride non subiscono i blocchi del traffico.
      Dipende dal tipo di blocco.
      Il traffico non è dato dalla tipologia di carburante che un’auto usa o da quanto consuma, ma dal numero di automobili che passano sulla stessa strada nello stesso momento.
      Per questo in molte città ci si sposta verso la congestion tax (Londra, Milano, etc.).

    2. A Palermo probabilmente per i prossimi 20 anni continueranno a limitare il traffico solo quando i livelli di polveri sottili superano la soglia “cancro assicurato”… avete tutto il tempo di usare le auto ibride. In Medio Oriente ne circolavano parecchie e i proprietari che ho conosciuto erano tutti piuttosto contenti.

    3. Marco Lombardo ha ragione quando dice che i blocchi del traffico sono legislativi e come tale non è detto includano o meno le auto ibride.
      Nel caso di Milano (la mia città) fino a qualche anno fa infatti le ibride potevano circolare, ora già dagli ultimi sono anche loro escluse (rimangono gli elettrici).
      ma a riguardo della Congestion Charge ricordo che le ibride sono escluse dalla tassa, tanto a Milano quanto a Londra (ne ho personale e diretta esperienza).

    4. Per gli scettici dell’ibrido vi segnalo un forum dove ho appreso molto su queste auto…

      http://www.hybrid-synergy.eu/

    5. non vedo l’invito pubblico facebook …

    6. Eccolo, ma per parteciparvi devi accedere a facebook

      http://www.facebook.com/events/242181779212627/

      Se non hai facebook puoi contattarmi alla mail the.byfolk@libero.it

    7. farà più kilometri al litro in termini di benzina presa al distributore..ma vista e considerata l’altra parte del motore ibrido la maggior parte delle auto ibride consumano di più di un motore diesel..solo che ora c’è sta mafia dell’ibrido e tutti come co***** a fare salire le immatricolazioni

    8. Caro peppo, grazie per il co… e complimenti per la finezza!!
      La Yaris Hybrid consuma 1 litro in 35km fatti in città, poichè per il 60% del percorso procede in elettrico.

      Nessun Diesel fa tanto in città, e poi c’è meno manutenzione di qualsiasi altra auto tradizionale se conosci le ibride almeno un poco..

    9. Un po’ come i telefoni cellulari, non se ne parla, e non se ne deve parlare. Ma…
      Le auto ibride e le auto elettriche sono una fonte immensa di campi elettrici ed elettromagnetici che si sviluppano all’interno dell’abitacolo ed investono gli occupanti. I tentativi di installare degli schermi per queste emissioni da parte delle case automobilistiche si sono rivelati, ancorché fattibili, troppo costosi. Si è pertanto deciso di mettere a tacere la cosa.
      Sulla nocività di queste esposizioni, credo che oggi ci sia poco da aggiungere, basta googlelare e si apre un mondo.
      Fino a quando mi sarà possibile, ovvero fintantoché certe problematiche non saranno affrontate e risolte, continuerò ad andare a gasolio. In centro ci vado col tram…
      Saluti.

    10. In effetti é la prima volta che lo sento..
      Ma i cellulari hanno un rice-trasmettitore… le auto no… non so se il campo sia paragonabile… del resto siamo pieni di apparecchi elettrici…

    11. @Tesla: concordo con Andrea: questa dei campi magnetici è la prima volta che si sente!

      Hai un qualche straccio di link o testimonianza o proprio è tua invenzione di sana pianta?
      Anche perchè ovviamente le auto ibride (ma anche elettriche) lavorano con la corrente continua e non riesco dunque a capire come si possano generare campi elettromagnetici (praticamente inesistenti quando si ha a che fare con la corrente continua: basi di elettronica e radiotrasmissioni).

    12. ciao, abbiamo creato un Gruppo d’Acquisto Ibrido per la Yaris HSD a Roma.
      chiunque fosse interessato o avesse bisogno di informazioni, può contattarmi al seguente link http://www.mset.it/gruppo_acquisto_ibrido_roma_yaris_hsd.htm

      grazie
      massimo

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.