mercoledì 22 nov
  • Amunì Palermo…

    Cari amici miei, so bene di scrivervi mentre siete stanchi. So che c’è chi è in ansia per il rischio di perdere il lavoro, per un figlio disoccupato, per la cattiva assistenza a un familiare ammalato, per una rata del mutuo che sta per scadere e si avvicina come un treno in corsa. So com’è. E so anche che in molti di voi cresce un senso di resa come di chi non ce la fa più perché ogni notizia, ogni tg, tolgono un pezzetto della sicurezza con la quale vorreste proteggere la vostra famiglia. So che questo vi fa insofferenti e refrattari alle “solite cose”, ai “soliti discorsi”.
    Naturalmente non posso che essere d’accordo con voi.

    Ma una città, la nostra città, non può essere presa per stanchezza. Non può precipitare nel futuro.
    Meno che mai con un passato prestigioso come il nostro, quello che, tradizionalmente, ci fa orgogliosi di essere palermitani, forse più propensi a dire Forza Palermo che Viva l’Italia.

    Ho solo 31 anni. Sono giovane, è vero. Ma proprio per questo non mi posso rassegnare e non ho perso la speranza. E in 31 anni ne ho viste di tutti i colori: impegni che mi hanno formato.
    Ho addentato le durezze della vita ma ne ho assaporato pure le dolcezze. Non mi mancano le esperienze.

    Chi prova a diventare sindaco della città deve certamente avere un programma che contenga tutte le domande e tutte le risposte. Noi l’abbiamo scritto e pubblicato e lo realizzeremo con una squadra qualificata e preparata. Ma io ho cercato di andare oltre e sottolineare le cose che solleticano maggiormente il mio impegno. Sono solo, come si suol dire, “quattro cose” che però possono essere il “motorino di avviamento” per smuoverne tante altre.

    Mi sta a cuore la sorte delle grandi periferie dove vivono decine di migliaia di palermitani e che devono diventare quartieri dove chi ci abita possa davvero sentirsi a casa e trovare quanto gli serve, dai servizi allo svago, dal verde alle occasioni di partecipazione. E soprattutto strade pulite, illuminate e sicure.
    Ho riflettuto a lungo su come noi consideriamo il mare. Penso che certe volte siamo più una città “sul” mare che una città “di” mare. Ma tutte le volte che si è fatto qualcosa per avvicinare la città al suo litorale i palermitani hanno mostrato di apprezzare. Ecco perché io penso che c’è una costa che aspetta solo di essere riqualificata e che farlo crei lavoro e ricchezza.
    La terza cosa che mi sta particolarmente a cuore è quella dei servizi che sono il vero volto di una città, attraversano la nostra vita, da prima di venire al mondo a dopo che ce ne siamo andati. E sui servizi dobbiamo essere intransigenti. Guai a pensare “poi se ne parla”.
    Sono convinto, infine (ed ecco la “quarta cosa”) che sia necessario lavorare per migliorare il rapporto tra l’amministrazione e i palermitani. È ora che gli abitanti vengano “promossi” cittadini, che sia data loro ogni occasione per partecipare, per contare e per decidere.

    Solo così avrà un senso chiedere loro di rinunciare a chiudersi nelle loro case come in un bunker assediato
    e di uscire fuori con fiducia. È quello che vi chiedo.

    Amunì, venite con me e proviamoci.

    Ospiti
  • 33 commenti a “Amunì Palermo…”

    1. manifestazione di intenti,
      mantenendosi sugli intenti e non scendendo nel particolare delle iniziative (come letto per Aricò) si corrono meno rischi di critiche puntuali.
      Si sa, gli intenti sono sempre universalmente tutti validi.

    2. si, siamo stanchi di te. sciò sciò viaaaa

    3. Che accozzaglia di parole, scritte male, pensate con poco sforzo. Grigie, quasi infelici. Mamma mia…

    4. “Ho solo 31 anni. Sono giovane, è vero. Ma proprio per questo non mi posso rassegnare e non ho perso la speranza. E in 31 anni ne ho viste di tutti i colori: impegni che mi hanno formato.
      Ho addentato le durezze della vita ma ne ho assaporato pure le dolcezze. Non mi mancano le esperienze.”

      infatti hai talmente esperienza che sei diventato in poco tempo un politico consumato, non si spiega altrimenti l’appoggio di Cracolici e Lumia (CracoLumia) con la benedizione di Don ARRAFFAELE, Ferrandè…va cuogghi luppina, sei sgamato…. e tu saresti il nuovo? sei riciclato piuttosto…ma sempre u stissu si i rintra….e i fuora!

    5. ti prego non fare perdere la speranza a noi. torna tra gli sfasciati dello zetalab che ci fai più figura

    6. e cmq 31 anni e non dimostrarli…pare me ziu

    7. tra coloro che più stanno inquinando questa città di manifesti elettorali abusivi e “santini” ovunque.
      tralasciando gli accordi sottobanco(che esistono) per me rimane tra i più invotabili. non vedo rispetto per Palermo solo tanta spacconeria.

    8. Mi pare di capire che i commenti offensivi sono ammessi…
      Tranquillo Fabrizio, quando a Rosalio conviene, il RUTTO è libero…
      Adesso vado a mettere qualche commento offensivo altrove e vediamo che succede…

    9. Certo chi offende cosi’ e’ misura della qualita’ di chi essi propinano

    10. Probabilmente sarò come si di ce OT?…Premesso che non ho ancora deciso per chi votare mi fa sorridere la frase: “tutte le volte che si è fatto qualcosa per avvicinare la città al suo litorale i palermitani hanno mostrato di apprezzare”…Sì sì… infatti il palermitano non perde occasione per sporcare ogni nuova area…vedasi foro italico. Oltre al sindaco bisogna cambiare pure la testa dei cittadini….

    11. nessuno sta offendendo. non vedo parolacce o insulti, semplicemente me ed altri stiamo dicendo quello che pensiamo, con paroli forti magari, ma certo non offendendo nessuno.
      e cmq quando rosalio vede delle violazioni lo fa presente e agisce.

    12. ahahahah Certamente COLORINA… Sogna… ahahahah

    13. @Dici1972:
      non capisco: hai appena scritto sul commento di Aricò che il padre era corrotto e con i soldi della corruzione il figlio si è pagato la campagna elettorale. Non mi pare che Rosalio ti abbia censurato, nè che qualcuno ti abbia chiesto di giustificare quanto affermavi.

    14. “So che c’è chi è in ansia per il rischio di perdere il lavoro, per un figlio disoccupato, per la cattiva assistenza a un familiare ammalato, per una rata del mutuo che sta per scadere e si avvicina come un treno in corsa. So com’è.”

      Sai com’è ???
      Ma che ne devi sapere tu di ansia da perdita del posto di lavoro? Perchè non dici a tutti che attualmente sei impiegato presso una nota banca e, nonostante tu non lavori li, continui a percepire lo stipendio rimborsato da noi cittadini??

      Che ne sai tu di un mutuo che non puoi pagare??

      VERGOGNATI!

    15. Premesso che non so davvero chi votare, ma devo constatare che l’unico che qui su Rosalio si è messo in gioco elencando qualche provvedimento concreto che intenderebbe prendere è stato Aricò, esponendo il fianco a prevedibili critiche.
      Più scafati Ferrandelli ed Orlando che hanno esposto aria fritta: come intenderebbero attuare la sequela di buone intenzioni che hanno elencato?!
      Ferrandelli scrive: “La terza cosa che mi sta particolarmente a cuore è quella dei servizi che sono il vero volto di una città, attraversano la nostra vita, da prima di venire al mondo a dopo che ce ne siamo andati. E sui servizi dobbiamo essere intransigenti. Guai a pensare “poi se ne parla”. Per carità in linea di massima condivisibilissimo, ma siccome non viviamo nel paerse dei balocchi, ma in una Palermo disastrata economicamente e finanziariamente, lui come sarà “intransigente” sui servizi???

    16. P.S.: Costa? Non pervenuto?

    17. Orlando tutta la vita!!!! ORLANDO SINDACO DI PALERMO!
      good bye Ferrendelli!

    18. spuntano puntuali come stelle cadenti, ad una manciata dal grande momento, i candidati che mai si sono degnati di interagire.
      per loro i blog sono degli spazi dove affiggere i manifesti gratis, con spegio e disprezzo di chi su questi blog commenta, pensa, li rende vivi.
      onanismi fuor di tempo massimo, un iltimo appeloo disperato, di gente fuori dal mondo, e dalla rete, escluse le proprie paginette sui social network, pieni di supporter.
      scrivo qui, ma vale per tutti, per tutti gli appelli sgrammaticati e fasulli, per tutta la vostra incosisistenza, fuori tempo massimo.

    19. e come intendi riqualificare la costa?
      per caso lasciando il traffico pesante lungo tutto il lungomare?

    20. eliminazione del traffico dalla costa. pedonalizzazione

    21. stalker
      hai esposto il nocciolo della questione.
      Candidati malamente supportati.
      Mi pare una gara tra sciancati.
      Eppure uno di loro arriverà
      ed i palermitani se lo dovranno subire.

    22. Questi post oggi (sabato pre elettorale) andrebbero sospesi, com’è infatti vero che le campagne elettorali devono per legge essere sospese il giorno prima del voto

    23. Ahimé hai fatto una pessima figura quando Costa ti incalzava sulla Gesip. Hai dato prova di conoscere molti degli argomenti… Caro Fabrizio, governare Palermo richiede capacità di ascolto, sincerità, e tanta competenza. sturìa…

    24. chiederò a Vizzini e a Ferrandelli di sporgere querela per il commento di Hidalgo, visto che Rosalio lo consente. Saluti

    25. Volevo segnalare una situazione appena notata, dopo il sabato sera tra le vie del centro. tutta la città, da periferia a periferia, INTERAMENTE ricoperta di santine .. le strade stracolme!!! e ho contato almeno 10 macchine diverse camminare a passo d’uomo, e delle manine che spuntavano dai finestrini posteriori ripiene di santine, che venivano lanciate come se fossero coriandoli. ininterrottamente, a getto continuo. ora mi chiedo io, a che ***** serve? non ha senso!!! questa è la gente che usa slogan del tipo “amo palermo”????? volete un consiglio? domani mentre andrete a votare, nel tragitto casa-seggio guardate bene per terra e sui muri.. e non votate questa specie di farabutti!!!!!

    26. Avete provato a scaricare il Programma di Ferrandelli dal suo sito? È il pdf di un pieghevole, quindi le frasi si spezzano a metà e, in generale, è illegibile… direi, come programma, piuttosto scadente. Palermo non cambierà mai e non per colpa di un sindaco o del governo. Qui non c’è rispetto, non ci sono regole e quelle che ci sono servono puramente a dimostrare virilità infrangendole. A Palermo è normale lasciare l’auto in doppia fila, buttare le sigarette a terra, pagare per prendere il turno alla Serit, pagare la Tarsu e vivere nell’immondizia, lasciare le strade sporche devastate dopo ogni mercatino, in ogni via nove cestini su dieci sono bruciati o distrutti da calci di idioti, non c’è un marciapiedi dritto, non tappano un buco d’asfalto in modo decente. Palermo è inefficiente dalla a alla z. Se volete assistere a una scena tipo, andate al Bar in via dei Leoni, di prima mattina: c’è sempre un furgone di polizia municipale in doppia fila… poverini, devono fare colazione. Ferrandelli, Orlando, Costa. Non fa differenza. A Palermo servirebbe uno stato fascista estremo, dovrebbero imporre l’ordine e il rispetto minacciando con multe salatissime a chi infrange le regole di civilità. Qui si parla tanto di onore, di parola, di rispetto ma è tutta una facciata, dietro non c’è niente. Come la gente, così i politici. Ragazzi, se siete giovani e credete nelle vostre possibilità, andate via da questa melma!!

    27. Erixon
      certo LEi incoraggia davvero le nuove generazioni.
      Complimenti.
      Riguardo al programma Ferrandelliano LEi sbaglia di certo e offre indicazioni erronee. Il programma e’ perfettamente leggibile in versione integrale DA MESI sui siti delle liste ORA PALERMO FERRANDELLI SINDACO e PALERMO PIU’ .E’ facilemnte e integralmente visibile escaricabile.

      PRobabilmente il suo computer ha qualche difetto.
      Se vuole puo’ venire a ritirare il rpogramma integrale in s egreteria o richiederlo via mail .

      POsso solo inchinarmi di fronte a un pessimismo cosmico come il suo…….spero di non incontrarla mai per strada

    28. folklorista
      pero` questo erixon dice tante cose vere sulla vita palermitana.
      In quanto ai programmi,chi vuoi che piu` creda agli
      intenti preelettorali?
      Tutti dicono,faro` questo,faro` quello…

    29. Vi invito a scaricare il pdf di Ferrandelli.
      http://www.ferrandellisindaco.it/2012-04-10-09-19-12/il-programma.html

      Se riuscite a leggere, vi prego, ditemi almeno i punti interessanti. Sicuramente, come dice il sig. Folk, il mio computer è difettato.

      Un tale amante della città di Palermo, colmo di ottimismo e grandi speranze come Mr Folk, dovrebbe sperare di incontrare una delle poche persone civili che vivono qui, uno che quando va a pescare raccoglie la sporcizia lasciata sugli scogli dagli altri, uno che attraversa sulle strisce senza guardare sperando di essere investito da uno dei mille cafoni che campeggiano in questa città, uno che sputa sulle macchine in doppia file cercando di mirare ben bene alla maniglia… questo è un po’ meno civile ma, dato che a Palermo si multano solo le auto sulle strisce blu, ho pensato che fosse necessario un sistema di punizione più naturale.

      Si lasci servire sig. Folk. Un giovane che studia a Palermo si ritrova a 32 anni con una parlata da deficiente con la patata in bocca, una laurea inutile, zero esperienze di lavoro, un auto e una moto, tre cellulari, maxi-schermo con playstation per i tornei e un sacco di amici con cui bere e mangiare. Dal più ricco al più povero. Se avessi un figlio lo manderei a lavorare d’estate a Londra già a 15 anni… altro che vacanze a Cefalù!! A Palermo non puoi aprire neanche un negozietto di piante che ti arriva la mafia, non puoi aprire un localino se non conosci qualcuno “del giro”. Ma dai?!?! Persino alla rinomata facoltà di Giurisprudenza di Palermo ci sono giri di mazzette per passare gli esami. Quando una pianta ha le radici marce, non c’è niente da fare, si deve estirpare e piantarne una nuova.

    30. Caro Erixon,
      le scrive una giovane che (per fortuna!) non parla con la patata in bocca, ha una laurea perfettamente inutile, e non possiede nè un auto, nè una moto, nè una playstation con maxi-schermo, ma di certo può godere dell’amicizia di tante persone intelligenti e sensibili con cui mangiare, bere e con cui a volte discutere dello sfacelo del proprio futuro e del proprio spazio vitale.
      Io ho avuto la fortuna di essere educata dai miei genitori al rispetto degli uomini, delle donne, degli animali e dagli spazi comuni, ma non tutti hanno avuto questa fortuna; quando dice che a Palermo il più grave problema è la mentalità delle persone, a mio avviso, lei non è molto lontano dalla verità. Ma abbandonarsi a un “pessimismo cosmico” non credo sia la chiave per risolvere la tremenda situazione della nostra città, così come non è una soluzione sputare sulle macchine parcheggiate in doppia fila… ha mai provato a chiamare il carro attrezzi? 🙂
      Dobbiamo cercare di essere i promotori di cambiamenti positivi nella nostra vita e nella vita degli altri, adattandosi alla qualità contingente dei nostri tempi.
      Si ricordi, inoltre, che lei non è solo e che ci sono centinaia di palermitani maleducati ma ce ne sono altrettanti ben educati e responsabili come e lei e forse più di lei, chi lo sa! :). Detto questo, dal punto di vista della politica cittadina non ho grandi speranze. Spero solo che finisca il continuo latrocinio delle risorse della nostra bella terra, anche solo un candidato veramente onesto mi basterebbe,perchè, a mio avviso, i programmi elettorali sono solo tanta tanta aria fritta. A questo proposito volevo segnalare ai lettori del blog questa intervista doppia a Orlando e Ferrandelli: http://www.youtube.com/watch?v=6zZWQB0phJc&feature=relmfu
      Lettori del blog, voi che ne pensate?

    31. Ciao Anna,
      provare a chiamare il carro attrezzi per far portare via una macchina della polizia municipale in doppia fila… bella impresa! Ogni batteria, per funzionare, ha bisogno di un polo positivo e uno negativo. Ogni essere vivente ha una bocca da cui trarre energia e un’altra da cui espellerla. Il Sud è storicamente il polo negativo e tale lo mantengono per diverse comodità. Guarda il Sud America. Il po-polo del Sud, intendo la maggioranza e nel mondo, è del tutto abbandonato a questo sfacelo non ha alcun potere. Non sarà un sindaco a sistemare queste cose. Se un emirato arabo si comprasse questa città, forse qualcosa cambierebbe.

    32. Penso che Erixon non ha tutti i torti. Una 10% di arroganti prepotenti violenti incivili ha sempre la meglio sul restante 90% di persone ben educate, trattasi di studiare un po’ di storia, psicologia di masse e dinamiche sociali. E di arroganti prepotenti violenti incivili etc temo che in questa città ce ne siano più del 10%. Inguaribile a meno che un emiro non decida di rinverdire i fasti di Balarmuh.

    33. In ogni caso, con l’unp o con l’altro, adesso Palermo sara’ migliore.
      Per me sara’ piu’ democratico avere Ferrandelli .
      Se Orlando ama tanto davvero questa citta’ offriamo a lui e alla sua squadra un contratto di consulenza , anzi divideremo le poltrone di assessori con loro, e Orlando fara’ il vicesindaco.Vediamo c he ne pensa

    Lascia un commento (policy dei commenti)