giovedì 21 set
  • Parte la campagna “Dedicato a chi fa miracoli” per il “Festino”

    “Festino” di Santa Rosalia

    Partirà oggi la campagna Dedicato a chi fa miracoli per il 388° Festino di Santa Rosalia incentrato sulle piccole grandi storie di tanti palermitani che tutti i giorni, nella loro vita e nella loro attività quotidiana, si dedicano agli ultimi e a chi soffre.

    Saranno affissi dei manifesti che raccontano quattro storie normali come quella di Amadou, scampato ad un naufragio, Roberta, che si allena in carrozzella, don Gianni che si prende cura dei bambini che frequentano il suo oratorio e i ragazzi di Addiopizzo che si impegnano per la Legalità. Nei prossimi giorni si aggiungeranno altri soggetti.

    “Festino” di Santa Rosalia“Festino” di Santa Rosalia

    “Festino” di Santa Rosalia“Festino” di Santa Rosalia

    Palermo
  • 67 commenti a “Parte la campagna “Dedicato a chi fa miracoli” per il “Festino””

    1. Chi è l’agenzia?

    2. ..e quanto hanno speso per questa fotocopia dell’8 per mille eccelsiale?

    3. Minch.. ma voi palermitani vi lamentate sempre??L’amministrazione di qualche tempo non faceva niente e vi lamentavate (giustamente), la nuova amministrazione fa qualcosa, cerca di creare “socialità” e continuate a lamentarvi! E cazzarola,almeno datevi da fare invece di sentenziare!!

    4. costo dell’operazione: Euro 00,00

    5. Fa qualcosa ? crea socialita’ ? come ..con i cartelloni di pubblicita’ e (e’) progresso ?

      E’ d’uopo un Ghediniano :MA VA La’ !!!!

      Gentile Mamborso, non per far le pulci a chicchessia, l’informazione dovrebbe NON provenire da te ,pero’ se sei informato, come mai questo bel cartellone colorato satmpato e affisso evidentemente in citta’ e’ a costo zero ? Benefattori ?

    6. Alessandro, prima che i cartelloni abbiamo bisogno di altro a Palermo.
      Forse tu li usi per companatico ..i cartelloni ?
      🙂 🙂

    7. ..ah..scusate ..devo mettere gli occhiali. Ho compreso perche’ a costo z ero!
      BAsta guardare in basso , si intravedono alcuni loghi pubblicitari di imprese e aziende di vario genere.

      Ho capito,ed e’ ancora peggio strumentalizzare la festa di Santa Rosalia per questa forma pubblicita’subliminale INgannevole,solo dall’apparente scopo sociale.

    8. Mah…strumentalizzare cosa?? Purtroppo in questo mondo non sono tutti benefattori, e un’azienda che offre il proprio contributo a costo zero vuole un ritorno, in questo caso almeno d’immagine. Avresti preferito che il comune spendesse migliaia di euro, cosi come faceva il Tuo caro ex NON sindaco Cammarata? Poi quella di sponsorizzare una festa, con alcuni loghetti, accade in tutti i comuni d’Italia. Stai più che certo che durante la processione del 14 luglio nessuno speaker s’azzarderà a gridare “il festino di Santa Rosalia è gentilmente offerto da tizio, caio” Comunque ho capito che il tuo sport preferito è quello di criticare ogni cosa, e per di più criticare vilmente nell’anonimato di uno pseudonimo.Molti di noi spariamo cazzate ma ce ne assumiamo la responsabilità chi con un nome ed un cognome, altri con una propria foto…. Concludo posso darti un consiglio? Cambia sport non allenare solo le dita scrivendo commenti di dubbia utilità, esci, pratica MTB, corsa, nuoto…

    9. GEntile Tucci
      Lei pensi a organzizzare le Sue giornate. Grazie.
      Io penso alle mie.
      Per il resto solo babbei e cittadini ancora addormentati fanno passare certe cose ,volgari strumentalizzazioni di condizioni di disagio .

      Mi piacerebbe dagli sponsor altro tipo di sensibilita’ manifestata non guarda caso nel corso della principale festa della citta’ dove migliaia e centinaia di migliaia di persone avranno opportunita’ tra una via el’altra di sorbirsi questa pubblicita’ non richiesta e non gradita.
      Non so se non cisara’ nessuno speaker etc etc, ma poco importa enon vedo d cosa ricavi lei certa sicumera.

      Il blog consente l’eponimo o l’alias , quindi abbia pazienza e con buona pace si abitui a tenere per buono quello. Le assicuro invece , se dovesse incontrarmi in occasioni pubbliche i miei interventi dello stesso tenore e critici in ugual misura sono presentati ovviamente con mio nome e cognome abbastanza in evidenza , in genere.

    10. (ovviamente non mi riferisco ai soggetti immortalati forse anzi certamente del tutto ignari della strumentalizzazione pubblicitaria).

      ammiro la sua autocnsapevolezza “Molti di noi spariamo cazzate ” .Bravo, bene cosi’.Una voklta tanto Le do’ piena pedissequa ragione

    11. Inizio a pensare che Folklorista sia pagato dal PDL. Prima, con le sue mirabolanti esternazioni, ha fatto perdere un sacco di voti al candidato che sponsorizzava. Adesso, dopo la sconfitta, “fa opposizione” con commenti maldestri dello stesso tenore. E’ divertente leggerlo mentre si arrampica sui muri lisci. In questo post inizia chiedendo conto e ragione delle spese e mescolando tutto con un po’ di benaltrismo; quando gli spiegano che non è stato speso nulla, allora sono gli sponsors e i loro loghi che diventano inappropriati. Continua a farci sognare con i tuoi deliri 🙂

    12. Appello a tutti i lettori di Rosalio.
      Per favore, evitate di rispondere a chi fa critica sterile, inutile e qualunquista. Facciamo soltanto il suo gioco che è semplicemente quello di “infiammare”, senza riuscirci, discussioni che finirebbero in un fiat.
      A questi soggetti, non va che sia stato eletto Orlando, pertanto ogni cosa che verrà fatto dal Sindaco in carica non andrà MAI bene, ci sarà sempre un problema, una stortura, un sotterfugio.
      Lasciate annegare nel loro brodo (in realtà il liquido originale era diverso) questi soggetti che non sanno altro che criticare qualunque cosa.
      Che pena però…

    13. Gentile Ernesto
      Io spero davvero con Lei di ricredermi e vedra’ su queste stesse pagine quanto io sia una persona capace di riconoscere i meriti del ben fatto.
      Le posso dire che 10 anni fa e 5 anni fa ho votato orlando, non ce l’ho con lui per partito preso ma per come ha gestito la sua assenza da Aplermo e per come ha interpretato (da vero sciacallo) l’ultima azione elettorale. Ma io , in illo tempore , votavo per lui.aDESSO DOvra’ farmi ricredere sul suo conto. E ce ne vuole,Le assicuro.
      Gentile Ale, mi sono accorto poi da solo , a parte il suggerimento essenziale ma poco perspicuo, che questa e’ una VERA E PROPRIA campagna di marcketing commerciale con la falsa veste della partecipazione a un evento religioso ( Santa ROsalia si rivolta nella tomba)e la professata vicinanza a esperienze di dolore anche se superato e vinto con gran coraggio (onore a loro)

    14. ..beh, poi ciascuno giuduchi del proprio brodo, liquido,o semisolido intestinale di provenienza .
      LA volgarita’ e la scarsa dimestichezza al confronto , fortunatamente, sono una caratteristica di pochissimi lettori e commentatori di questo blog.
      CI sono molte altre persone tra noi molto corrette, dall’atteggiamento molto piu’ costruttivo e dialogante, meno insulse per la societa’ di oggi

    15. ..cioe’ invece che dare giustificazioni e argomentare e cercare di dimostrare che questa cartellonistica e’ PUBBLICITA’ allo stato puro, piu’ grave perche’ sfrutta e strumentalizza l’onda emtiva, questi prendono anche a offendere come se fossero loro i meglio giudici dell’universo. Riporto ancora le sagge parole del Tucci qui pubblicate e quindi messe a disposizione …..Molti di noi spariamo cazzate ma ce ne assumiamo la responsabilità chi con un nome ed un cognome, altri con una propria foto….

      Io credo di non aver mai offeso ne’ cercato di ridurre al silenzio nessuno. Quest barbara usanza e richiesta e’ appannaggio di alcuni di voi

    16. Folklorista di la verità: non hai nemmeno visitato il sito della manifestazione. Se lo avessi fatto, avresti notato che la pubblicità di cui narri rende un po piu’ noti 12 casi di “successo sociale palermitano”. Le manifestazioni sono sponsorizzate nel mondo intero, non si capisce cosa ci sia di inopportuno. Puro non sense. E’ vero che presto lascerai Palermo per Catania?

    17. Santa Rosalia e’ uguale al giro d’Italia ?

    18. ..e anche se fosse..pure a Catania …c’e’ Rosalio
      W la rete

    19. Bella campagna pubblicitaria, l’ho apprezzata sin da subito. Bello il messaggio e azzeccati i soggetti rappresentati. Se il marketing mirava a suscitare interesse nell’evento e a spingere nel parteciparvi è riuscito nell’obiettivo. Io, dopo diversi anni di assenza, ci andrò.

      Ogni altra osservazione è sterile.

    20. Nomi e cognomi, soggetti e autori:

      S1_Amadou Gindou
      Fotografia di Domenico De Lisi
      S2_Roberta Cascio
      Fotografia di Domenico Stagno
      S3_Don Gianni
      Fotografia di Luigi Lazzaro
      S4_Addiopizzo
      Fotografia di Domenico De Lisi e Domenico Stagno

      Grafica di Giovanni Zuccarello
      Docenti: Sandro Scalìa, Fausto Gristina, Renato Galasso

    21. Giusto per precisare…
      scollegandomi assolutamente da tutti i giudizi e commenti, potenzialmente tutti leciti, che è giusto e normale che accompagnino una qualsiasi cosa che si sceglie di rendere pubblica, Ma il risultato finale è il frutto della ricerca, professionalità e passione di una squadra instancabile e compatta di 11 elementi fra docenti e studenti dell’Accademia di Belle Arti di Palermo (corsi di Graphic Design e Fotografia) insieme a quella meravigliosa ed instancabile segreteria che ogni giorno ci supporta… dove ormai quasi dormiamo. Ecco svelata la misteriosa agenzia privata a costo zero: i vostri ragazzi! Grazie. 😉

    22. @Domenico Stagno:una delle più belle campagne pubblicitaria che abbia mai visto! mi piacciono i volti, le espressioni, che si sposano benissimo con lo slogan “dedicato a chi fa miracoli”. Complimenti, complimenti di vero cuore sono sicura che anche La Santuzza apprezza!

    23. Questo fulcrorista fa solo vom.itare, e non solo perché scrive da sch.ifo (e non se ne vergogna; dovrebbe vergognarsi chi scrive come lui!).
      Posso dirvi che usa gli stessi toni che erano in uso nelle pagine internet di tale ferrandella.
      Individui torpidi, malefici.
      Pensate, palermitani, a quale pericolo siete scampati.
      E’ uno dei casi in cui si dovrebbe chiedere l’intervento della polizia postale, anche se è vero che non commette reati (ma fa peggio, moralmente), ma solo per smascherarlo e ridicolizzarlo sulla piazza pubblica.
      Come? Anch’io uso un nick? Ma io sono “tracciabile”. Il Dottor Siino sa dove contattarmi, sa come e dove vedermi, come altri frequentatori.

    24. Gigi, caro Gigi
      era tanto tempo…
      LA campagna e’ bella, cioe’ i cartelloni ,e l’idea ,comunque in linea con tante altre del tipo Pubblicita’ e Progresso o Rai per il socilae (per intenderci).
      Dico bravi a chi ha realizzato,per giunta gratis.
      PEro’ ,per chi ancora non avesse inteso, la pipi’ fuori dal vaso la fanno gli sponsor che evidentemente acquistano il pacchetto “pubblicitario ” e lo diffondono , come se Santa Rosalia fosse il giro d’Italia della Gazzetta dello sport.

      Gigi : sei un esempio di livore mal diretto,come qualcuno ti ricordava. forse la rabbia con te stesso e’ riverssata sugli altri che non dicono c..te come Te.
      Ciao Caro

    25. ah dimenticavo ..il reato e il suo corpo ..anzi il tuo simil pensiero cercalo a casa tua

    26. Sei un meschino, vigliacco nascosto.
      Fai vomitare per quello che scrivi e come lo scrivi.
      Dovresti vergognarti a scrivere nel web con quella scrittura; fai cattiva pubblicità al livello di istruzione dei siciliani.
      Per la tua disperazione sono un privilegiato e me ne vanto. Altro che rabbia…
      … mostrati vigliacco.
      Ah! sono quasi certo che non paghi nemmeno tasse, disperato precario come sei, perciò non rompere le scatole, non parlare di cose che non ti riguardano.

    27. Vi invito a essere rispettosi nei confronti degli altri commentatori. Grazie.

    28. Invece che inveire senza argomenti non c’c’e stato nessuno tra voi che abbia preso sul serio l’obiezione e rispondere alal domanda: cosa c’entrano la pubblicita’ e gli sponsor con una festivita’ religiosa ?

      Almeno dicano , anche la Curia e altri, che si tratta di un Carnevale o di una manifestazione non sacra ma idolatra . E saro’ soddisfatto.

      Nulla vieta questo genere di pubblicita’e marcketing applicato ad altre manifestazioni ricreative.
      Ma applicate al sacro no. Questo e’ sfruttamento e pura strumentalizzazione..

    29. ..eppure l’elefantino di polistirolo ci mancava..

    30. fulcrorista
      5 luglio 2012 alle 16:50
      marcketing commerciale! (commerciale! vero? commerciale?)
      8 luglio 2012 alle 21:12
      marcketing!

    31. per informazione: fulcrorista è l’individuo bigotto che ci ha rotto le scatole per due mesi, a fare propaganda per la venuta a Palermo del capo della spa vaticano, esempio massimo di ipocrisia, interessi economici… e tradimento dei messaggi che dicono di rappresentare.
      Ora si vorrebbe riciclare in ingenuo integro, solo per rompere le scatole a Leoluca Orlando.

    32. ..Si . per il Papa pero’ non c’erano i manifesti con i loghi dei supermercati
      🙂 🙂 🙂

    33. ..e per cio’ che riguarda il mancia mancia di allora..vedi i giornali di adesso .
      Non i parrini ma gli assessorati regionali…
      🙂 🙂 .

    34. I loghi servono per finanziare il festino. Ben vengano se permettono alla collettività di risparmiare.
      Non capisco cosa ci sia di cosi vergognoso… era meglio che il comune mettesse l’intera somma di tasca propria.
      Ps quando è venuto il Papa è vero non c’erano manifesti sponsorizzati…ed infatti quanto è costato alla collettività questa visita lampo?? in rete ho trovato la cifra di 2.5 milioni di euro…personalmente ricordavo 1 milione di euro…soldi approntati dalla collettività e che potevano essere spesi in altro modo….
      quindi ora finiamola con questo falso perbenismo, il festino di Santa Rosalia è sponsorizzato? ben venga… cosi facendo i soldi risparmiati potranno essere dirottati verso: Messa in sicurezza edifici scolastici, manutenzione straordinaria strade ed impianti elettrici, acquisto cibo per animali all’interno del canile municipale…..etc etc etc

    35. SOTTOSCRIVO il post di Tucci, in particolar modo sulle spese per la SPA vaticano, che anche senza quelle spese straordinarie per visite EVITABILI E INUTILI costa ai cittadini miliardi di euro l’anno.
      ANZI, commercianti, aziende private, cittadini benestanti, etc. dovrebbero finanziare pure la RIVALUTAZIONE di Palermo che è una città in default (non dichiarato) perché deve campare troppa gente poco utile, sicuramente non produttiva, cioè che non produce sviluppo e ricchezza, cioè i manciafranchi, i precari, e tutti coloro che vivono dei soldi pubblici, ricavati dai cittadini che lavorano onestamente e PAGANO.
      Tra quelli campati dalla società, ne sono quasi certo, c’è pure questo individuo chiamato “fulcrorista”. Mi sembra il profilo del “campatizzo” che non lavora e non paga tasse, e se lavorasse, non lo vedo oltre il precariato.
      P.S. è intrigante come elude tutti i post dove si nota il suo pessimo “stile” ( ah ah ah ah stile!) di scrittura, o dove gli si fa notare che marketing non si scrive come lo scrive lui… non è cattiveria la mia, io sono un umile ex ragazzo di borgata palermitana, ma semplicemente uno che ce l’atturra (atturrare non è volgare, leggere il dizionario siciliano-italiano) tutto il giorno a fare il presuntuoso finto-tuttologo, con cattiveria, malafede e invidia rari, merita di essere ridicolizzato e ridimensionato al posto che gli compete, il precario disperato.
      marcketing 😀
      due volte l’ha scritto
      marcketing

    36. Le mirabolanti peripezie logiche di Folklorista… Ha iniziato con una critica benaltrista chiedendo quanti soldi il Comune avesse speso per la campagna pubblicitaria (che lui non aveva nemmeno visionato). Quando ha capito di averla clamorosamente “scafazzata”, visto che il Comune non ha pagato nulla, con un’acrobazia mentale ha iniziato a lamentarsi del contrario, ovvero del fatto che aziende private abbiano sponsorizzato l’evento. Attende adesso che qualcuno giustifichi questo suo ragionamento.

    37. … con l’aggravante che se l’avesse fatto ferrandella (che comunque non potrebbe non avendo i “contatti” giusti, ne il know how, né l’esperienza; sa solo urlare e denigrare, eventualmente farsi vedere da “populista recuperatore di disagi”)
      il nullafacente finto-tuttologo fulcrorista l’avrebbe esaltato, facendolo apparire come un grande esperto di “marcketing” (versione fulcrorista, con “ck”) oltre che ottimo amministratore che riduce i costi per gli eventi pubblici al fine di usare le (scarse)risorse per le emergenze della città.
      E’ la forma mentis dei ferrandelliani; palermitani, rendetevi conto della fortuna di essere scampati alla tragedia ferrandella and Co.

    38. Chissà perché, mi è venuto in mente “alto gradimento” (il personaggio della classifica dei babà)
      – fulcrorista : zero babà
      – ferrandella : miezz babà
      – leoluca orlande : tre babà e nu’ miezz (per ora!)

    39. 🙂 🙂 🙂
      Finalmente Gigi ha trovato il mio tallone d’Achille, i miei orrori grammaticali .Siamo tutti molto grati , cosi’ le sue smargiassate potranno ricircolare gratuitamente sul web senza contraddittorio.Mi ritiro a vita monacale. Ne avessi azzeccata una !
      Qualche giorno potrei assumerti nella mia azienda

      🙂 🙂 🙂
      Marcketing o Marketing sempre piccioli sono , di ritorno in forma di clientela.

      Gentile Tucci.
      “i loghi servono per finanziare il festino”
      dubito che alla visita di un Papa o durante una processione potranno mai esserci i loghi ,per esempio, della COCA – COLA ,oppure della Marlboro.
      Li vedo piu’ consoni a un gran premio, a una gara ciclistica, a un torneo di tennis..NON AD UNA PROCESSIONE DI FOLKLORISTI.
      Non confonda una priocessione, una festa religiosa ormai secolare con la cassetta del risparmio dell’esercito della salvezza

      E credo che Santa Rosalia tutto fosse tranne che una sfegatata cheerleader consumista

      🙂 🙂 🙂

    40. CAro Ale
      l’hai gia’ detto
      ma me ne sono accorto quasi da solo

    41. …dunque il problema esistenziale di folklo,è qualche logo appena visibile
      in basso a manifesti di buona fattura,la prova ne è, che a primo “acchitto” non ci aveva fatto neanche caso,ora ci ricama su la sua teoria di marketing sul sacro…
      se volevi una risposta ,è no,non mi scandalizza per niente,sodisfatto?
      🙂

    42. @Nissa
      si,grazie,Tu si che ..mi sai capire
      🙂

      ..ma e’ sbagliato lo stesso
      🙂

    43. Da che Festino è Festino, mai si parlò di manifestazione sacra. Questa è riservata al 15, lo sanno cani, gatti, porci e qualche cristiano pure. Non c’è dubbio che chiunque dica il contrario non sia di Palermo, oppure (tipo ddu fuaddi) fa polemica ammatula solo per il gusto di passarsi un po’ di tempo (e dire maleparole a Orlando, così tanto per).
      Ci sono i loghi, e quindi? A me non risulta che paghi la Curia, perciò sponsors are welcome, anzi, BRAVO a chi li ha trovati e ci ha fatto risparmiare.
      Saluti

    44. Dunque se io con la mia azienda volessi sponsorizzare, chessò i giochi di fuoco del 14 sera, secondo “il folklorista” dovrei dare i soldi starmi muto e non vedere nemmeno il “loghetto schifiato” della mia azienda? Mah… E perché dovrei farlo?

    45. Ce n’e’ per tutti.Ad uno ad uno ,prego.
      Fabio :allora per il prossimo anno io proporrei,visto e considerato che cosa sacra non e’,un corteo iniziale con le Playmates piu’ ..conturbanti a trainare il carro al posto dell’elefantino Dumbo in polistirolo ,e in piu’ la s cuola di smba vincitrice del prossimo Carnevle di Rio.
      Massimo : con la tua azienda puoi sponsorizzare cio’ che desideri. Ma con l’8 o il 5 per mille le opere di religione e senza pubblicita’ subliminale.
      Non sappia la tua destra cosa fa la tua sinistra (motto evangelico sulla carita’ esibita come spettacolo )

    46. La vera risposta e’ quella data da Nissa, anche se mi apetterei da tutti gli altri un po’ di coerenza . Come furono capaci di criticare l’evento di marketing mediatico della visita papale ,e vani pretesti per l’uso del prato del foro italico (ricordate) dovrebbero adesso provare un sussulto di dignita’ contro lo sfruttamento per fini mercantili di una festa che trova le sue radici nell’antica nobile storia del popolo palermitano ,tra i pochi ad avere un Senato

    47. Salve a tutti,
      ho realizzato la fotografia del manifesto di Roberta Cascio
      sul cui sfondo si estende un prato verde, espressione di speranza
      e voglia di puntare ad un futuro migliore.
      Mi unisco quindi al commento di Domenico Stagno e vi garantisco
      che solo per passione e voglia di metterci in gioco abbiamo realizzato
      la campagna pubblicitaria del 388° Festino di Santa Rosalia,
      nessuna retribuzione quindi.
      Ore ed ore di lavoro, con l’unico obiettivo di fare le cose per bene,
      sicuri del fatto che Palermo ha bisogno di iniziative realizzate
      dai suoi giovani cittadini.
      Dare un volto professionale e moderno alla campagna pubblicitaria è stato fondamentale nello sviluppo dell’iniziativa di quest’anno
      “dedicato a chi fa miracoli”. Coinvolgere persone “comuni” aggiungo splendide, che ogni giorno affrontano le difficoltà della vita con forza
      ed umiltà è stato semplicemente geniale, specie in un momento di sconforto come quello che viviamo, dove il cittadino si sente lontano dalle istituzioni
      di cui invece dovrebbe sentirsi parte.
      Pregherei quindi di non continuare con critiche stupide,
      che siano invece costruttive e non prive di contenuto.
      Riguardo agli sponsor vorrei precisare che avendo essi stessi affrontato
      le spese di stampa e affissione della campagna pubblicitaria è scontato
      che abbiano un tornaconto anche se pur un piccolo logo della loro azienda
      in vista sul manifesto.
      Concludo dicendo che cambiare si può!
      Che sia merito di tizio o caio poco importa,
      a Palermo si respira aria di nuovo…e a me questo profumo non dispiace!!! ^_^
      Approfitto di questo post per ringraziare pubblicamente l’Accademia di Belle Arti di Palermo, i suoi docenti R. Galasso, F. Gristina e S.Scalia, (coordinatori del gruppo di lavoro) e i colleghi con cui ho realizzato questo progetto.
      Gran bella esperienza!

    48. GLI ORRORI grammaticali li conosciamo da sempre, il problema è che non ti VERGOGNI.
      Chi scrive marcketing deve vergognarsi e non scrivere più, invece in questi tuoi ultimi commenti-deliri ti superi negli orrori grammaticali e nelle stron.ate, che sch…fo.
      La tua azienda? Sei solo un nullafacente, nella migliore delle ipotesi un precario disperato, o un parrino campatizzo.
      In realtà si evince che il tuo delirio suggerisce che quei soldi dovevano essere dati alla chiesa per l’8×1000; non vi bastano tutti i miliardi che scroccate agli italiani?
      Mantenuti!

    49. GEntilissima sigra Nicolina La Ciura
      riguardo alla qualita’ e alla bellezza e intensita’ del messaggio nessuno , nemmeno il sottoscritto, ha sollevato critiche.
      Se ha la cortesia di rileggere gli interventi puo’ ricavare facilmente che la c ritica e’ tutta volta proprio a cio’ che Lei stessa e sprime : …”Riguardo agli sponsor vorrei precisare che avendo essi stessi affrontato
      le spese di stampa e affissione della campagna pubblicitaria è scontato
      che abbiano un tornaconto anche se pur un piccolo logo della loro azienda
      in vista sul manifesto”….

      In religione non si fa nulla per tornaconto utilitaristico e trovo la cosa del tutto fuor di luogo per una processione che intende comunque testimoniare la devozione di Palermo alla Santuzza.

      Ribadisco che la critica non tocca affatto gli autori ideatori, che al limite ,ho gia’ detto, sono anch’essi vittime della stessa opera di strumentalizzazione. Avrei preferito che il comune pagasse direttamente Voi per una campagna a scopi sociali di alto valore.

      Distinti saluti

    50. PEr Gigi
      meglio gli orrori grammaticali piuttosto che le Tue scempiaggini
      🙂

      Saluti cari

    51. “In religione non si fa nulla per tornaconto utilitaristico”…
      Riaprite via Pindemonte!
      Un individuo presuntuoso come te che scrive in quel modo illeggibile, sgradevole, vomitevole, che scrive persino marcketing (se io non l’avessi osservato lo scriveresti all’infinito!) è da prendere a bacchettate come facevano i maestri qualche anno fa… vergognati! sei talmente “limitato” (eufemismo, per la netiquette) che non riesci nemmeno ad imparare a scrivere nel web perlomeno in modo “passabile” senza stancare e infastidire chi legge i tuoi commenti-deliri (illeggibili)… se ti “incoccio”, il giorno che smaschero la tua identità (si fa per dire identità) ti sputtano in tutta la città, e ti costringerò a lavorare, campatizzu 😀 😀
      N.B. solo un individuo fuori di testa può scrivere che la religione della spa vaticano non persegue scopi utilitaristici. E’ passato il tempo di Gesù Cristo, questi sono scrocconi; quando tornerà sarai il primo a essere preso a calci nel sedere per la tua malafede, invidia, lagnusia… sei l’individuo più falso di Palermo… e codardo, ce l’atturri da anni ma stai nascosto nelle tenebre ( 😀 )

    52. @il folklorista: con le mie aziende faccio tutto ciò che è consentito dalle leggi dello stato ove operano. la sponsorizzazione di questi eventi nel nostro Paese è legale, pertanto è il caso che ti adegui o cambi Paese. Uno dei problemi più grossi e insopportabili di noi siciliani è questa “necessità” di criticare per partito preso qualunque iniziativa perdendo tempo in sterili polemiche che non portano a nulla. aggiungo che forse siamo “troppo tolleranti” verso chi non avendo argomenti validi di critica deve necessariamente “atturrare” solo per dire “ehi ci sono anch’io”.

    53. Allora io sono ateo e della santuzza poco mi importa. Ma il festino è, comunque, la festa dei palermitani e in questo momento più che mai è giusto fare qualcosa che aiuti a sentirsi uniti, credenti e non. Una campagna pubblicitaria che porta un messaggio positivo come quella realizzata per il festino può sicuramente aiutare allo scopo. C’è un gruppo di lavoro che ha realizzato le foto gratuitamente, agenzie pubblicitarie che, mi sembra di capire, hanno sostenuto loro stesse le spese di stampa e affissione. Un bel gesto. In un momento in cui c’è bisogno di soldi, loro hanno scelto di dare il loro contributo senza spese per la comunità. Quindi qualche piccolo logo attorno al contenuto del manifesto mi sembra che lo possiamo “perdonare” abbondantemente…

    54. Fammi capire, fuaddi, per te la sfilata del carro è una festa religiosa? A cu apparteni lo sappiamo (eh, se c’era Lui**<3**, i soldi li avrebbe messi dalla sacchetta), ma quale religione frequenti e da quale parte del mondo sei giunto a noi è mistero. Però devo ammettere che fai davvero bene finta di essere una ciaca, perchè non credo che possa esistere oggi una persona talmente … sciocca: BRAVO!

    55. Gia’, Quozca con l’espressione di ” Quindi qualche piccolo logo attorno al contenuto del manifesto mi sembra che lo possiamo “perdonare” abbondantemente… ” mi da un certo che di ragione e anche cosi’ mi sta bene :la questione non mi e’ sembrata vana ne’ campata in aria.

      Con Gigi : pensa Tu se un giorno arriveremo a condividere..la stessa “cella” di via pindemonte 🙂 🙂 🙂

      Massimo : la risposta e’ in Quozca.
      Ti ho detto anch’io “Massimo : con la tua azienda puoi sponsorizzare cio’ che desideri” non saro’certo io a impedirtelo ne’ posso ne’ mi importa alcunche’
      :).

    56. ..ah dimenticavo:la Tua intolleranza verso chi atturra in cosa consisterebbe?
      Io Ti consiglierei una metodica sempre accetta : non leggermi ne’ rispondermi.
      Basta cosi’ ,non occorre sciogliere i mastini.
      MA se ti interessa argomentare e parlare allora fallo senza intolleranze.
      E’come nell’alimentazione : se uno e’ intollerante deve s semplicemete evitare.Leggere e mangiare sono un po’ la stessa cosa.

    57. GRazie Fabio per l’attnzione che riservi alle persone sciocche e ai Festini

    58. 🙂

    59. fulcroristo ha scritto:
      “… fallo senza intolleranze. E’come nell’alimentazione : se uno e’ intollerante deve s semplicemete evitare.Leggere e mangiare sono un po’ la stessa cosa”. (copia-incolla, senza correzioni, ovviamente!)
      ECCO, una cosa giusta finalmente l’hai scritta:
      leggere=mangiare-intolleranza.
      E’ quello che succede leggendo (meglio: decifrando) i tuoi commenti: “fai vieniri u’ scisuni”
      fulcloristo(marcketing) : zero babà

    60. ..Orlando batte Folklorista 3 baba’ e 3/4 a zero.

      🙂

    61. ..ma s e non si mette di buona lena a Studiare la citta’ ( non quella che lui ricorda , bensi’ quella che Palermo e’ diventata) Orlando sara’ presto soltanto un 1/2 baba’..senza nemmeno Rum ne’ limoncello.

      Palermo ha bisogno di pane e non di poesia.
      E nemmeno di soli CIRCENSES….

    62. Io sarò contento del mio sindaco quando non dovrò più attendere alla fermata l’autobus per ore, quando non rischierò più la vita andando in bicicletta, quando passeggiando per le vie della mia città non dovrò più sorbirmi tutti i miasmi provenienti da contenitori colmi di spazzatura e quando alle prime piogge non dovrò più guadare fiumi in piena di acqua fognante.
      Fino ad allora ogni sindaco sarà criticabile!

    63. Collaborare con l’organizzazione del 388° Festino quest’anno è stato:

      conoscere il cuore grande di Sandro Tranchina e tutto lo staff della segreteria (macchine da battaglia, professionali, amorevoli e disponibili come a stare in famiglia), realizzare la grande campagna di comunicazione con i nostri splendidi Fausto Gristina, Renato Galasso ma anche la mostra alla GAM e il riuscitissimo progetto “Nuovi Santi” con Sandro Scalìa che insieme ai primi oltre a donarci ogni giorno la loro professionalità e guida tengono a livelli d’avanguardia il lavoro quotidiano dell’Accademia di Belle Arti di Palermo (dove ormai vivo da un anno, mattina e sera, in ottima compagnia). Realizzare quel lavoro “miracoloso” (per i tempi di realizzazione quasi sovrumani) del video mapping ai 4 Canti con Roberto Rebaudengo e Matthias Schnabel che ci ha regalato l’ultimo colpo d’emozione nella serata di ieri davanti a quel carro meraviglioso, all’opera d’arte del maestro Rizzuti e dei ragazzi del cantiere e di scultura… sono stati i primi di una lunga serie di momenti magnifici che aspettano di essere vissuti lungo questa strada di passione lavoro amicizia e riscossa… GRAZIE.

      E ora il meritato risposo a quella splendida “stanchezza creativa” di cui non riusciamo a fare a meno…

      I NOMI:
      Sandro Tranchina e Barbara Randazzo
      (in rappresentanza della splendida macchina organizzativa)

      I professori Sandro Scalìa, Fausto Gristina, Renato Galasso

      Il team dei miei colleghi grafici e fotografi:
      Emanuele Chiaramonte, Domenico De Lisi, Domenico Stagno, Nicolina La Ciura, Luigi Lazzaro, Gianluca Perniciaro, Anita Di Domenico

      Il magico duo della grafica della campagna e dei Nuovi Santi:
      Giovanni Zuccarello e Antonino Dado

    64. bellissimo il festino con la nave-carro fluttante tra le ali dei gazebo che vendevano le mutande…. questa città è penosa e volgare in tutte le sue sfaccettature. e anche zozza

    65. sudicia suona meglio di zozza

    66. La statua sul carro del Festino non sembrava proprio quella della nostra cara Santuzza, ma quella di una modella tipo Carla Bruni. Mancavano solo la minigonna e i tacchi a spillo. Mah!!!

    67. infatti, sembra piu che altro una modella. invece avrebbe dovuto rappresentare nelle fattezze una tipica palermitana: bassa, un po’ pacchionella e con la ravazzata in mano

    Lascia un commento (policy dei commenti)