martedì 19 set
  • Si insedia il nuovo Consiglio comunale

    Città di Palermo

    Si svolgerà alle 10:00 a Palazzo delle Aquile (piazza Pretoria, 1) la cerimonia di insediamento del nuovo Consiglio comunale di Palermo, eletto nelle elezioni del 6-7 e 20-21 maggio scorsi.

    La prima seduta sarà presieduta dal consigliere anziano per voti Giulio Tantillo e sarà dedicata all’elezione degli organismi di presidenza dello stesso e al giuramento del sindaco.

    AGGIORNAMENTO: il presidente del consiglio è Salvatore Orlando, eletto con 49 voti su 50. Il sindaco Leoluca Orlando ha giurato e si è dimesso da deputato.

    Palermo
  • 4 commenti a “Si insedia il nuovo Consiglio comunale”

    1. QUELLO CHE ORLANDO NON FARA’ MAI NE NEI 50 GIUORNI NE NEI GIORNI A VENIRE.
      AMIA. SI CONTINUANO A VEDERE I GLI IMMONDEZZAI AGLI ANGOLI DELLA CITTA’ CHE CONTINUANO A MARCIRE PER LA CALURA ESTIVA E SI COMINCIA A VEDERE COME A NAPOLI L’AFFACCIARSI DELLE BLATTE IN MOLTI QUARTIERI DELLA CITTA’ DI PALERMO DAI TOMBINI E DALLE FOGNE, MENTRE GLI OPERATORI AMIA PER LO PIU’ SI VEDONO “CAZZEGGIARE” IN GIRO INVECE DI EROGARE IL SERVIZIO PER CUI ORLANDO IN QUALITA’ DI SINDACO GLI DOVREBBE IMPORRE E NON LO FA’ , MA SI SA CON GLI EX DETENUI ANCHE IL SINDACO DEVE AVERE PAZIENZA E GRAZIA NEL SPIEGARLI QUALI SONO I LORO DOVERI.
      GESIP: IN ATTESA DI VEDERE CHE ORLANDO LICENZI COME DA LUI DICHIARATO IN CAMPAGNA ELETTORALE QUALCHE DIPENDENTE CHE NON LAVORA ,SEMPRE CHE SE LO RICORDI PERCHE LA CAMPAGNA ELETTORALE E FINITA ( MA STIA ATTENTO II SINDACO CHE POTREBBE RESTARE SENZA PERSONALE), COMPRESI I SUOI ASSESSORI , VISTO CHE PER I SOTTOPASSI DI VIA REGIONE SICILIANA IL SUO ASSESSORE AGATA BAZZI A DICHIARATO A TGS CHE A ALTRO A CUI PENSARE, SI CONTINUA HA VEDERE L’ASSENZA DEI “LAVORATORI “CHE LO STATO DEVE CONTINUARE A FORAGGIARE CON L’AIUTO DEL SINDACO CHE LI’ SPACCIA PER TALI MA CHE HANNO DI FATTO ABBANDONATO SENZA CHE NESSUNO DICA NULLA LA PULIZIA E LA CUSTODIA DEGLI STESSI.
      MA SI SA ANCHE LI’ C’E’ DA TRATTARE CON PAZIENZA , GARAZIA E TANTA CORTESIA ALTRIMENTI SONO CAVOLI PER IL SINDACO ORLANDO.
      AMIA ESSEMME: NON PARLIAMO NEPPURE DEI CESTINI PORTACARTA CHE ORMAI DI CARTA NON NE PORTANO PIU’ , IN QUANTO NESSUNO LI’ SVUOTA ( QUELLI RIMASTI INTERIS’INTENDE ) E LA CARTA PER PROTESTA HA PREFERITO STARE SULLA STRADAE SUI MARCIAPIEDI E NON PIU’ DENTRO I CESTINI E ORMAI DA TEMPO PERCHE’ LO SPAZZAMENTO NON GLI FA PIU’ PAURA VISTO CHE IN TANTI QUARTIERI DELLA CITTA’ E’ ASSENTE , PERO’ A QUESTA GENTE GLI STIPENDI ALLA FINE DEL MESE VENGONO EROGATI.
      QUESTE LE PRINCIPALI E ORMAI NOTE EMERGENZE ORMAI DIVENUTE URGENZE DI PALERMO CHE SIA IL SINDACO ORLANDO E I SUOI ASSESSORI PARREBBERO NON SAPERE COME RISOLVERE MA QUESTA E’ STORIA VECCHIA CAMBIANDO L’ORDINE DEI FATTORI IL PRODOTTO NON CAMBIA
      CARO SINDACO BUON LAVORO, SE RIUSCIRA’ A FARLO O SE PER MEGLIO DIRE GLI’ E’ LO FARANNO FARE, MA NEI PROSSIMI 50 GIORNI E PRIMA CHE SCADANO I 5 ANNI DI SINDACATURA DIMOSTRI DI ESSERE COERENTE CON LE PROMESSE E FACCIA LE SCELTE ANCHE IMPOPOLARI PER FAR VEDERE AI CITTADINI DI PALERMO CHE L’HANNO VOTATA CHE LEI NON E’ COME MUSSOLINI IN OCCASIONE DELLA VISITA DI HITLER QUANDO GLI STESSI AEREI SORVOLAVANO IN CERCHIO DIMOSTRANDO DI ESSERE UNA GRANDE FLOTTA MA DI FATTO ERANO SEMPRE QUELLI, OPPURE COME PER ALTRO LEI HA FATTO NEL PASSATO DARE DI PALERMO UN IMMAGINE ECCELLENTE MA SENZA GUARDARE CHE DIETRO LE FACCIATE BELLE DELLA CITTA’ CI SONO I RUDERI DI UN DEGRADO CHE CONTINUA E IMPERA E CHE NESSUNO VUOLE RISOLVERE.

    2. ..naturalmente faccio gli auguri al Sindaco Orlando , alla giunta, ai consiglieri , alle commissioni.
      Devo dire che sono molto perplesso dalla reazione piuttosto blanda anzi proprio nulla dei servizi municipali alla elezione di Orlando. Mi aspettavo anch’io come Carlo un colpo di frusta maggiore.Purtroppo cosi’ non e’ stato. Vedremo a desso a consiglio insediato come finira’.

      Se non dovesse andare allora saro’ confermato nelle mie impressioni: Orlando e i suoi , di fatto, non conoscono affatto Palermo nei suoi gangli vitali e non ne conoscono la vera malattia.

    3. Carlo ti invito a non utilizzare così il maiuscolo (equivale a urlare). Grazie.

    4. …e magari anche a beccare qualche “è” con l’accento!

    Lascia un commento (policy dei commenti)