giovedì 21 set
  • Sbloccati cinque milioni di euro per la Gesip

    Il Consiglio dei Ministri di venerdì ha sbloccato la seconda tranche del contributo a valere sui fondi di Protezione Civile che consentirà una ulteriore proroga temporanea del rapporto contrattuale e quindi dei servizi e degli stipendi della Gesip.

    Il 30 agosto si svolgerà un incontro tra il ministro Fabrizio Barca e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando che incontrerà presto il presidente del Consiglio Mario Monti e i ministri Cancelleri, Passera e Grilli sul tema del futuro dei servizi e dei lavoratori della Gesip.

    Oggi alle 14:30 il sindaco incontrerà a Palazzo delle Aquile i lavoratori dell’azienda.

    Palermo
  • 5 commenti a “Sbloccati cinque milioni di euro per la Gesip”

    1. PRovvedimento gia’ concordato con la Latella.
      Sub iudice : previa ristrutturazione aziendale

    2. adesso i lavoratori della gesip devono dimostrare al nostro sindanco Orlando, che sta supportando la loro causa, e soprattutto alla cittadinanza tutta, che loro lavorano, che sono utili al miglioramento degli spazi e dei servizi alla città!

    3. Ora dovrebbero dimostrare qualcosa? Che lavorano dopo anni di assoluto abbandono di spazi e giardini da manutenere? Dopo anni di stipendi per migliaia di persone avendo prodotto poco, anzi pochissimo? Dopo che il loro voto facilmente veicolabile ha influenzato la condotta amministrativa di questa città e forse di questa regione? Dopo che anni di risorse impegnate nel loro mantenimento ha tolto molte possibilità ad altri che credono più di loro nel merito di creare nuove attività, di far crescere questo posto?

    4. Quoto PaoloS

    5. Avrei accolto con maggior favore la richiesta da parte del governo di presentazione di un dettagliato e serio progetto di ristrutturazione aziendale prima di concedere altri soldi in regalo ad una societa’ che ad oggi brucia solamente soldi su soldi. Solo dopo la valutazione di tale progetto di ristrutturazione, che dovrebbe dimostrare come questa societa’ inizi a non bruciare più’risorse, ma bensi’ a produrre reddito a sufficienza per pagare tutti i suoi costi, stipendi compresi, si poteva valutare se concedere altri soldi o meno. In questo modo ho la sgradevole senzazione e’ che saranno altri milioni di euro buttati al vento, gli ennesimi.

    Lascia un commento (policy dei commenti)